Questo progetto editoriale è nato in seno alla scena "rancido"



Scaricare 10.15 Mb.
Pagina3/5
24.01.2018
Dimensione del file10.15 Mb.
1   2   3   4   5

Silenzio


D.C.: “ poi per fortuna arrivò altra gente sentimmo le loro voci che si avvicinavano richiamati anch’essi dall’urlo che aveva richiamato me.”

J.F. “e…”

D.C.: “ e lei mi sorrise e scappò via”

J.F.: “ Beh. almeno sappiamo che è parzialmente umana, almeno una faccia c’è l’ha…”

D.C. “ non è un blob assassino e informe se è questo che intendi…ma c’è un altro problema Jimmy”

J.F.: “ quale?”

D.C.: “ penso di essere stato seguito.”

3

rumori di vetri infranti, urlo soffocato, mobili che cadono, urlo più forte, silenzio, rumore di passi.



D.C.: “ Jimmy! Dove?”

“ maledizione…no! Non lui!”



rumore di passi in corsa.

4

uomo che corre, ansimare.



D.C.:“ le tracce sembrano ancora fresche…piedi nudi…solo lei…probabilmente lo sta trasportando sulle spalle.”
  • Corre


D.C.:“ per fortuna che c’è la luna o non vedrei niente in mezzo a tutti questi alberi. Maledizione proprio nel parco più grande della città doveva rintanarsi”

corre, ansima.

D.C.:“ forse…merda!”

fruscio di frasche spostate

D.C.:“nooooo” urlato

sparo

silenzio

Lei:“ mancata Detective Carter. Voi umani siete così lenti…sarà un piacere gustare il tuo cuore e la cosina che hai in mezzo alle gambe..ometto”

D.C.: “ Jimmy dove?”

Lei: “ il tuo amico Jimmy…ma non lo vedi? Ops..dimentico sempre che voi umani avete una vista limitata. La riesci a scorgere quella massa scura vicino a quel cespuglio, e lui il tuo caro Jimmy ..purtroppo non ho avuto il tempo di accoppiarmi con lui prima di strappargli i come li chiamate voi i gioielli di famiglia”

D.C.: “ No…non è possibile”

Lei: “ come non è possibile? La morte è parte di voi della vostra specie. Siete così patetici non avete neanche il tempo di venire alla luce che già siete con un piede nella fossa”

D.C: “ perché tu non puoi morire?”

Lei: “ oh! Si se mi scarichi l’intero caricatore addosso forse potrei morire…ma dubito che mi colpiresti. Sono troppo veloce…”

D.C.: “ perché fai questo?”

Lei :“ che domanda banale detective…secondo te io quanti anni ho?”

D.C.: “ venti…ventitrè”

Lei : “ ne ho duemila e sono una delle più giovani della mia stirpe…”

D.C. :“ non è possibile non sei sola…”

Risata Lei: “ no, non sono sola ma e come se lo fossi… siamo rimasti così pochi….io vi odio. Odio voi umani come vi odiano i miei fratelli e sorelle. Noi siamo su questa terra dall’inizio dei tempi, eravamo fieri, feroci, tanti. Voi non eravate che larve di scimmia, noi eravamo molti allora nascevano molti bambini eravamo una specie in espansione…ma poi”

D.C.: “poi?”

Lei: “ poi le nascite diminuirono…prima fu solo una sensazione…poi un dubbio infine divenne certezza. Stavamo diventando una razza sterile..”

D.C. : “ Non è colpa nostra, cosa c’entriamo noi?”

Lei irata: “ cosa…come ti permetti!”

  • Schiaffo


Lei : “ Cosa c’entrate voi? Piccolo uomo…lombrico tra i molti lombrichi che infestano questa terra…voi parassiti, conigli…come credi che ci sentissimo quando i bambini non nacquerò più e quando i più vecchi di noi cominciarono a morire…”

D.C.: “ allora potete morire di vecchiaia”

Lei: “ non era vecchiaia era morta la linfa vitale…la speranza …di continuare…di crescere …la necessità del nuovo. E mentre noi morivamo di dolore…voi! Piccoli conigli ! prolificavate come batteri di muffa…migliaia…milioni …miliardi. E’ per questo vi odio…odio il tuo organo sessuale…il tuo biglietto da visita per una vita eterna trasmessa da padre in figlio.”

D.C.: “ ma come fanno a non esserci tracce della vostra esistenza? Il primo omicidio commesso secondo il vostro rituale è quello di Manhattan . Ho spulciato tutti i vecchi giornali ma non ho trovato nulla.”

Lei: “ oh! In questo mi considero un innovatrice della mia razza. Sai quante persone scompaiono senza lasciare traccia all’anno nel mondo”

D.C.: “…Non so…un bel po’”

Lei risata: “ Già un bel po’…alcune migliaia…e tra queste alcune migliaia qualcuno ha avuto la sventura di incontrare alcuni di noi invece di iniziare una nuova vita negli stati del sud.”

D.C.: “ quindi di solito occultate i cadaveri”

Lei: “ Si e nella maniera più semplice” pausa “ li mangiamo”

Silenzio

Risata di lei

Lei: “ Dopo l’omicidio di Mahnattan mi sono chiesta perché continuare a nasconderci? In fondo siamo più forti, intelligenti, nettamente superiori. Perché nascondere quello che facevamo? Alla fine in ogni caso saremmo condannati all’oblio. Perché non lasciare un ricordo nella storia della vostra razza, un bel filo rosso sangue che percorre il mondo con un unico rituale…”


  • Sospiro di agonia


Lei: “ Chi? Oh…il tuo piccolo amico Jimmy è ancora vivo…povero Jimmy penso che gli darò il colpo di grazia.”

Fruscio

Sparo

D.C.: “ noooo”

Lei : “ non mi hai preso neanche stavolta povero detective e ora ho qui tra le mie braccia agonizzante il tuo fedele amichetto”

D.C.: “ lascialo puttana!”

Lei: “ Si è vero sono una puttana…senti l’odore del suo sangue e della sua pipì…gustoso, ma è molto meglio il sapore del suo cuore.”

Scratch!

Sparo

D.C. : “ Noooo”

Passi di corsa ansimare.

D.C.: “ Jimmy…”


  • Rumore di voci che sopraggiungono…


Lei: “ sono certa che ci rivedremo ancora Sam…magari in un altro continente, che ne dici della vecchia Europa avrei molto plaisir di rincontrarti ..ma non ora. sta venendo della gente…adieu …odio la folla”
  • Singhiozzi


D.C.: “ Jimmy…mio povero Jimmy…”

4

cigolio di una porta che si apre. Rumore di passi su pavimento di legno

primo avventore: “ Luisa dammi un’ombra di rosso”

Luisa : “ subito. Come va?”

Antonio: “ Insomma questa città è sempre più umida e affollata. Maledetti turisti”

Secondo avventore : “ il tuo problema è che ti lamenti troppo”

Antonio: “ senti chi parla …se non passa giorno che maledici la santa donna di tua moglie”

Secondo avventore: “sarà anche santa quella..”

D.C. con voce stentorea e sbiascicante: “ quanti soldi le devo….?”

Luisa: “55 euro”

D.C. : “ ecco tenga ..e mi dia anche una bottiglia di wisky…solita marca”

Luisa: “ ecco la bottiglia”

D.C.: “ ed ecco i suoi soldi, arrivederci”

Rumore di passi, cigolio di porta.

Antonio: “ chi è quell’uomo? mi sembra di averlo già visto”

Luisa: “ oh bazzica per le osterie dei dintorni. Qui è già la terza volta che viene. E’ un americano. Un americano che beve pesantemente”

Antonio: “ quanto pesantemente?”

Luisa: “ arriva la mattina e va avanti fino a sera. Penso sia alcolizzato….ha una faccia talmente triste.. poveretto. Forse avrà perso la sua donna”

Antonio: “ Luisa inguaribile romantica..”

Secondo avventore: “ Secondo me ha ragione la nostra barista. C’è sempre una donna di mezzo.”

5

sciabordio d’acqua

canzone in lontananza di gondoliere veneziano che si spegne lentamente. Silenzio. Sospiro rumore di bevuta.

D.C.: “ alla tua salute Jimmy”

Si sente un urlo in lontananza. Rumore di bottiglia in frantumi.rumore di passi in corsa.

D.C.: “ Stai lontana da quell’uomo!”

Lei: “ sei ancora tu? Ma anche stavolta sei arrivata troppo tardi. Eccoti il suo cuore”

D.C.: “ Porc?”


1   2   3   4   5


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale