Questo termine, così come I suoi sinonimi manuale, compendio, ecc



Scaricare 328.35 Kb.
Pagina1/5
01.06.2018
Dimensione del file328.35 Kb.
  1   2   3   4   5





Prefazione
Nel rivedere contenuti e veste editoriale della Guida amministrativa per i circoli e le associazioni del CSI – giunta ormai alla sua quarta edizione – mi sono ripetutamente chiesto se fosse opportuno definirla una “guida”.
Questo termine, così come i suoi sinonimi (manuale, compendio, ecc.) appaiono, oggi, obsoleti, superati: non solo alla luce della gran quantità di informazioni che ciascuno di noi può reperire autonomamente sulla rete ma anche del fatto che, in materia fiscale ed amministrativa, risulta pressoché impossibile sintetizzare in poche pagine l’impressionante mole di casi, situazioni, fattispecie che si susseguono ed evolvono continuamente.
Si scrive “guida” dunque ma si deve leggere “percorso ragionato”: uno strumento dinamico e di facile consultazione per affrontare la complessa burocrazia degli enti non profit. Completano l’offerta il taglio pratico e l’impostazione “friendly” del documento, senza concessioni alle tentazioni accademiche.
Come nel mito di Arianna e Perseo ho immaginato di percorrere il dedalo che conduce dalla costituzione di una associazione sportiva all’inevitabile momento del suo scioglimento, passando per i vari momenti della sua esistenza: gestione dell’attività sportiva, funzionamento degli organi sociali, reperimento delle risorse liquidazione e pagamento delle imposte, rapporto con dipendenti e collaboratori.
Ogni cosa a suo tempo e per ogni cosa le informazioni essenziali: i numerosi link alle circolari Fiscalnews, alle pubblicazioni Csi e ai “kit amministrativi” consentiranno, a chi lo desidera, l’approfondimento delle varie problematiche.
Doveroso, infine, ringraziare tutti gli amici e colleghi dell’associazione che mi hanno stimolato e aiutato, ponendomi casi e quesiti concreti. Questo “filo di Arianna” che un po’ impropriamente chiamiamo guida, esiste anche grazie al loro contributo
Francesco Tramaglino

Vers. 1.0




COSTITUIRSI

come nasce un’associazione sportiva
Un consulente ecclesiastico del CSI mi disse, in occasione di un incontro sul territorio, che tutte le volte in cui due o più persone condividono un’idea, una finalità, in qual momento è già nata un’associazione.
Al di là di ogni rappresentazione romantica, quanto descritto dal consulente è anche una indiscutibile verità giuridica, perché è un diritto dell’uomo quello di organizzarsi e riunirsi liberamente per perseguire scopi leciti di interesse comune. La Costituzione garantisce questa libertà ai cittadini senza necessità di preventive autorizzazioni (art. 18 Cost.)
Ma già qualche minuto dopo il manifestarsi di questa intenzione comune, accade che i presenti iniziano a discorrere della natura dell’associazione e delle sue forme: costituzione di fatto o statuto registrato? associazione sportiva o circolo culturale?

Questi dilemmi sono tutt’altro che banali in quanto l’esperienza insegna che le scelte iniziali condizionano poi la vita futura del sodalizio: in altri termini imboccata una via è difficile, poi, cambiare rotta, quantomeno senza subire oneri e costi di trasformazione.


Proviamo quindi a ragionarci un po’ su, immaginando di dover scegliere quale tra le differenti modalità è forme di costituzione fa più al nostro caso
Gruppo spontaneo o statuto registrato?

E’ un dato di fatto che la maggior parte delle associazioni che popolano il circuito “ciesseino” siano associazioni di fatto: ossia gruppi di sportivi che si organizzano senza particolari formalità per partecipare ad attività organizzate dal CSI come campionati, manifestazioni ecc.


Non v’è nulla di male in questo, anzi tutt’altro: in un paese civile deve essere possibile partecipare ad attività ludiche ed amatoriali senza sostenere i costi e lo stress degli adempimenti burocratici.
La domanda che ci poniamo è dunque: quando conviene restare associazione di fatto e quando, al contrario, sarebbe opportuno procedere alla formale costituzione? Quali i “pro” e quali i “contro” delle due opzioni, visto che abbiamo facoltà di scelta?
Se scelgo il modello dell’associazione di fatto posso limitarmi ad adottare uno statuto in forma non registrata risparmiando così i costi di registrazione. Ma la natura dell’associazione, le sue regole, le sue finalità, ecc. tutto ciò che di norma finisce dentro uno statuto, avrà validità solo tra me e gli altri soci fondatori. Per il resto del mondo l’associazione sarà un rebus: una realtà di fatto della quale risulta impossibile stabilire in anticipo le caratteristiche perché nessun “pezzo di carta” ce le indica con certezza.
Ecco perché, di norma i gruppi spontanei hanno difficoltà a ottenere contributi pubblici e privati, ad aprire un conto corrente, ecc. Sul piano fiscale essi possono solo ripartire equamente tra i soci le spese vive della gestione sportiva istituzionale: qualsiasi altra fonte di entrata associativa viene tassata secondo le modalità previste per le imprese.

Le associazioni costituite senza formalità, dunque, sono utili solo per la partecipazione ad attività di gioco, campionati e tornei: non appena il sodalizio comincia ad animarsi di vita propria, intravedendo la possibilità di gestire attività a pagamento con i propri iscritti (scuole calcio o altre

discipline, gestione piscina, palestra, sponsorizzazioni, ecc.) la mancanza dello statuto registrato diventa una palla al piede perché comporta l’imponibilità fiscale di ogni entrata e l’impossibilità di accedere alle agevolazioni fiscali previste per il mondo sportivo.


Dal canto suo la formale costituzione della associazione, che prevede anche la registrazione del relativo statuto e atto costitutivo, è un primo passo verso il conseguimento di uno status giuridicamente e fiscalmente privilegiato. Essa prevede i costi di registrazione, lo svolgimento di adempimenti formali e il rispetto di termini a pena di sanzioni. Però spalanca le porte alla possibilità di gestire importanti fonti di entrata finanziaria in regime di esenzione fiscale o di agevolazione.

Inoltre un’associazione registrata ha una sua soggettività giuridica anche se non perfetta: il sodalizio assume una denominazione, una sede, un codice fiscale, un organo direttivo e un legale rappresentante. Ciò tutela i soci da molti rischi e contestazioni in quanto le responsabilità verranno assunte dl Presidente e dagli altri dirigenti.


Associazione sportiva dilettantistica o circolo sportivo e culturale?
Altro grande busillis è quello relativo al tipo di associazione che “conviene” costituire: meglio una ASD o un circolo sportivo e culturale?

Debbo dire da subito che un certo equivoco sulla questione è stato alimentato, sebbene con le migliori intenzioni, proprio dalla tradizione “ciesseina” che distingue tra i due schemi associativi come se fossero istituti giuridicamente differenti.


Non è così: tanto le ASD quanto i circoli sono associazioni senza scopo di lucro e il termine “circolo” è un sinonimo di associazione. La differenza tra le due realtà, sul piano operativo, riguarda, invece, la tipologia di attività istituzionale svolta dal sodalizio: per le ASD essa è principalmente lo sport dilettantistico; per i circoli è, invece, l’attività ricreativa e culturale. Inoltre, come dicevo, nel CSI il termine circolo è invalso anche ad identificare una particolare categoria di associazioni destinatarie di sconti e facilitazioni sul piano del tesseramento. Sono i circoli sportivi in parrocchia, la maggior parte dei quali sono vere e proprie ASD che gestiscono gli impianti parrocchiali.

Fatte le debite premesse terminologiche, proviamo a capirci qualcosa:

se debbo gestire un impianto sportivo, un campetto, una palestra o realtà similari conviene certamente costituire una ASD con tutte le formalità del caso, così potrò sfruttare a pieno le agevolazioni fiscali previste per lo sport. Inoltre come ASD posso anche gestire il baretto associativo con ingresso limitato ai soli tesserati CSI e nulla vieta lo svolgimento di attività a carattere culturale come cinema, teatro, laboratori vari. Infine, una ASD costituita in parrocchia può optare benissimo per l’affiliazione al CSI come circolo sportivo parrocchiale fruendo così della gratuità delle prime 100 tessere;
se, al contrario, non ho alcuna attività sportiva da gestire allora non potrei costituire una ASD, neppure volendolo. Debbo ripiegare verso una associazione culturale o di altro genere: questo tipo di associazioni hanno come finalità la promozione di attività e di eventi (musica, cinema, teatri, giochi, ecc.) che nel nostro ordinamento sono ritenuti meritevoli di tutela ma con un grado di agevolazione assai minore rispetto allo sport che è certamente l’attività più agevolata.

Associazione sportiva dilettantistica o di promozione sociale?
Altro dilemma amletico: e se invece di una ASD costituissimo una APS? L’acronimo sta per associazione di promozione sociale, ma come dimostrerò, non si tratta di una particolare tipologia di associazioni ma solo di uno status privilegiato che tutte le associazioni possono acquisire a condizione di averne i requisiti.
In soldoni si può essere ASD (o circolo ricreativo) e, contemporaneamente, APS. Il vantaggio sta nel fatto che le APS possono contare su buone fonti di finanziamento (cinque per mille, fondi per le APS comunali, regionali e statali) e ulteriori benefici fiscali e normativi; lo svantaggio sta nel fatto che la APS è un po’ come la ONLUS: deve dimostrare di svolgere attività di utilità sociale.
Non vi è dubbio alcuno che lo sport dilettantistico possa rientrare a pieno tra le attività di una APS. Tramite lo sport sosteniamo campagne educative per i giovani, reintegriamo le devianze e le emarginazioni che

affliggono le periferie, consentiamo la svolgimento dell'attività fisica ai diversamente abili, allunghiamo la vita e la sua qualità agli anziani.


Eppure anche in un caso di eclatante rilievo sociale, come lo sport dilettantistico, occorre dire che non tutte le modalità in cui lo sport viene organizzato ed offerto sono compatibili con il modello legislativo delle APS.
Se per un verso tutto lo sport, comunque organizzato, contribuisce al benessere di chi lo esercita, va detto, tuttavia, che le modalità esclusivamente o prevalentemente individuali di fruizione – tipiche del modello dei club e dei fitness center - non possono in nessun caso essere confuse con lo schema di sussidiarietà tipico dell'associazionismo di promozione sociale.
Si tratta – e giova ripeterlo – del taglio che si dà all'organizzazione sportiva: nel primo caso si privilegia l'obiettivo del benessere individuale, del miglioramento dei fondamentali fisici e psichici del socio partecipante in un'ottica del tutto isolata dal contesto di appartenenza.
Nel secondo i soci si sostengono l'un l'altro ed insieme collaborano e sostengono i terzi: lo sport è posto al servizio del miglioramento collettivo, perchè la crescita dell'uno costituisce un fattore di progresso anche per l'altro.
L’iter per costituire una associazione sportiva dilettantistica
Repetita iuvant: per coloro che non adottano uno statuto a norma e/o che non lo registrano, la vita associativa deve essere improntata al puro gioco. Infatti, ogni qual volta le associazioni spontanee si avventurano in operazioni a carattere finanziario (gestione impianti, sponsorizzazioni, scuole sportive, raccolte fondi private, contributi dai comuni, ecc.) si applica loro la legislazione fiscale delle imprese e quella giuridica delle società di fatto. E’ bene da subito avvertire che sconfinare in un simile inquadramento genera molte più complicazioni di quante non ne vengan fuori costituendo una regolare ASD.
Invece, se volete che la vostra associazione possa godere dei benefici prima indicati.. bè allora munitevi di un po’ di pazienza e seguite bene le regole di costituzione e gestione delle ASD.

L’assemblea dei soci fondatori e l’adozione dello statuto
Per costituire una ASD o un circolo dovete essere almeno in due e dovete riunirvi, ossia organizzare un’assemblea.

Non serve affittare un teatro, a meno che non siate in molti, ma un luogo di incontro è necessario perché nelle associazioni le persone si incontrano realmente, fisicamente e anche se io sono un fautore della tecnologia debbo dirvi che il Legislatore la pensa un po’ all’antica su queste cose: non sono ammesse assemblee a distanza, ossia mediate da strumenti come webcam, teleconferenze, ecc. in quanto il voto deve essere esercitato dal socio direttamente e personalmente.


Nel giorno in cui avete deciso di riunirvi per fondare la vostra associazione sportiva dilettantistica dovete anche adottare atto costitutivo e statuto e decidere alcune cose fondamentali:

  1. quale finalità intendete perseguire tramite l’associazione: promozione dello sport dilettantistico? musica, arte, cultura, ecc.? Sbizzarritevi pure tenendo a mente che la finalità deve avere carattere ideale, essere lecita e senza scopo di lucro. Se infatti avete in mente di metter su una fabbrica di petardi per alzare un po’ di soldi temo che questa guida non può essere di aiuto!!!!



  1. dovete eleggere tra voi, almeno tre persone nel consiglio direttivo di cui un presidente con funzioni di legale rappresentante, un vicepresidente e un segretario/amministratore;

  2. dovete stabilire una sede e l’ente del CONI/Federazione cui affiliarvi

  3. nella rete sono presenti molti facsimili di statuto e l’associazione può anche scriverne uno suo di sana pianta. Tuttavia se intendete avvalervi delle agevolazioni fiscali riservate al settore sportivo dilettantistico abbiate cura di verificare la presenza delle seguenti clausole:

REGOLE STATUTARIE DI UNA ASD/CIRCOLO SPORTIVO




  1. oppure potete usare i facsimili di statuto e atto costitutivo proposti dal CSI, completandoli con i dati necessari ma avendo cura di non alterare la clausole di legge

FACSIMILE STATUTO DI ASD
FACSIMILE ATTO COSTITUTIVO
FACSIMILE STATUTO CIRCOLO PARROCCHIALE

La registrazione dello statuto
La registrazione dell'atto costitutivo e dello statuto vanno effettuate entro venti giorni dalla sottoscrizione a pena di sanzioni.
Si rammenta che il costo della registrazione comprende l'imposta di registro in tariffa fissa (attualmente 168 euro) da pagare usando il modello f23
ESEMPIO COMPILAZIONE F23
e le marche da bollo (attualmente 16 euro) , una ogni 4 pagine o ogni 100 righi, da disporre sulle due copie originali da portare alla registrazione.
Le due copie (ciascuna delle quali è formata da atto costitutivo + statuto) debbono essere firmate in originale da tutti i soci fondatori, oltre che dal presidente e dal segretario dell'ASD.
Il deposito è effettuato a cura del legale rappresentante o da un suo fiduciario munito di apposita delega (delega scritta + documento di identità del presidente).

Contestualmente alla registrazione dello statuto e atto costitutivo l’associazione potrà procedere alla richiesta del codice fiscale utilizzando il modello AA5/6 del quale si fornisce un esempio di compilazione

COME RICHIEDERE IL CODICE FISCALE

RIUNIRSI

Far funzionare gli organi associativi

Se avete dato un’occhiata alle clausole obbligatorie che devono essere riportate negli statuti delle ASD, avrete notato che una particolare importanza viene riservata all’assenza di fine di lucro e alla democraticità della struttura associativa.

I due aspetti vanno visti come le due facce di una stessa medaglia: se c’è poca democraticità vuol dire che l’associazione è dominata da una o più figure imprenditoriali e se un organismo non profit è condotto con logica imprenditoriale è lecito sospettare che vi sia uno scopo di lucro.

Il primo parametro, l’assenza di fini speculativi, lo affronteremo diffusamente nei prossimi capitoli: il secondo, la democraticità, ci impegnerà nel capitolo presente.



La gestione del rapporto associativo
Se la corretta gestione del rapporto associativo – ciò che abbiamo definito “democraticità” - è la principale garanzia di una buona amministrazione dell’associazione - anche ai fini fiscali - perché allora dedichiamo ad essa così poca importanza?
Questa contraddizione è evidente in tutti gli aspetti: dai soci che non partecipano alle riunioni, passando per i dirigenti che non le convocano (sempre) correttamente, fino agli stessi amministratori e consulenti che preferiscono concentrare i loro sforzi su aspetti più tecnici della gestione come il calcolo delle imposte o la redazione dei dichiarativi fiscali, dedicando poca attenzione alla documentazione sociale.
Eppure la stragrande maggioranza dei contenziosi fiscali e previdenziali gira intorno proprio alla presunta assenza di un autentico rapporto

associativo: non soci, dunque, ma clienti. Non associazione, quindi, ma impresa commerciale!



La domanda di affiliazione
Per capire come comportarci con i soci, ricordiamoci di avere uno statuto e andiamo a leggere gli articoli dedicati all’argomento.
Di norma è previsto che chi intende associarsi deve:

  • prendere buona nota dello statuto e condividere ideali e finalità del sodalizio. Dunque è essenziale appendere in bella vista, nei locali associativi, lo statuto vigente onde consentire ai candidati soci la visione del documento. Poiché viviamo in un mondo multimediale, se l’associazione è in possesso di un sito internet, non sarà poi male anche pubblicarlo anche su tale piattaforma;

  • il candidato socio dovrà poi formulare una domanda, quasi sempre indirizzata al Consiglio Direttivo, con cui chiede di essere ammesso alla qualità di socio, impegnandosi al rispetto dello statuto, al tesseramento e al pagamento della quota sociale

DOMANDA DI AMMISSIONE SOCIO


Quest’ultima domanda dovrà essere accettata dall’organo statutariamente competente, di norma è il Consiglio Direttivo. Quest’ultimo può, però. delegare un dirigente a questa funzione, così da facilitare l’operazione, riducendone i tempi morti.


  • Infine l’associazione dovrà, tempestivamente, procedere al tesseramento presso il CSI del socio e alla sua iscrizione nel registro dei soci


Il registro dei soci
Adempimento sovente trascurato, la compilazione del registro dei soci riveste, invece, una importanza cruciale per la corretta gestione dell’associazione: nei contenziosi con fisco e previdenza si fa spesso riferimento a questo libro sociale per individuare le persone alle quali si applica la detassazione delle quote e degli abbonamenti.
Contrariamente a quanto si ritiene non è obbligatorio, però, tenere un libro soci, ma se si intende fruire delle agevolazioni fiscali, in pratica non se ne può fare a meno: meglio ancora sarebbe redigerne uno su fogli preventivamente vidimati e bollati, onde garantirne la piena producibilità in giudizio.
Nella compilazione del libro soci servono pochi dati, essenzialmente quelli anagrafici e il codice fiscale. Rammentate però di iscrivere sia la data in cui il socio si affilia, sia quella in cui viene meno il rapporto associativo e di scrivere le ragioni per cui il medesimo ha abbandonato il sodalizio (recesso del socio) oppure è stato radiato (morosità oppure cattivo comportamento)
FACSIMILE LIBRO SOCI

Le convocazioni assembleari
La normativa fiscale sul non profit fa coincidere, sostanzialmente, il principio di democraticità dell’associazione con quello della sovranità dell’Assemblea dei Soci: ecco che debolezze ed insufficienze del meccanismo associativo, scarsa o nulla partecipazione dei medesimi alla vita decisionale e resistenze al buon funzionamento delle assemblee, rischiano di compromettere la democraticità del sodalizio e con essa il diritto ai benefici fiscali e normativi.
I dirigenti dovranno, pertanto, preoccuparsi di favorire la partecipazione dei soci in tutti i modi: soprattutto attraverso una corretta convocazione delle riunioni assembleari
FACSIMILE CONVOCAZIONE ASSEMBLEA
e rimettendo sempre alla volontà assembleare le decisioni basilari del sodalizio quali: l’elezione democratica dei dirigenti e del presidente, l’ approvazione del bilancio annuale, le modifiche statutarie e approvazione dei regolamenti associativi, lo scioglimento o la trasformazione dell’associazione

BOZZA VERBALE ASSEMBLEA


I verbali dell’Assemblea dei soci debbono essere conservati in sequenza cronologica: i più recenti dopo quelli più vecchi. Meglio sarebbe numerarli progressivamente. Non è obbligatoria la stampa su un registro vidimato, ma ricordate che la produzione delle scritture sociali su registri vidimati fa prova di vero fino a querela di falso: in altri termini sono più incisivi in un eventuale giudizio o contenzioso.



RESPONSABILIZZARSI

come gestire i rischi dell’attività sportiva

Solo nel CSI, ogni anno, migliaia di persone si accostano alla pratica sportiva di base, con grande entusiasmo: e questa è una cosa bellissima.

Con la stessa frequenza, tuttavia, altrettante persone si accorgono che l’organizzazione dello sport dilettantistico è un’attività che comporta responsabilità e rischi. Lo stress che accompagna questa scoperta è una cosa un po’ meno bella!

La migliore notizia è, però, che tramite un’adeguata informazione, conoscenza e adottando buone pratiche amministrative possiamo tenere sotto controllo questi rischi

Vediamo come.

Associazioni riconosciute e non riconosciute

Parliamo di riconoscimento “giuridico” e di personalità giuridica

L’associazione riconosciuta è quella che ha ottenuto la personalità giuridica, ossia è divenuta (similmente a quanto accade per le SRL e le SPA nel settore profit) una persona separata e distaccata da quella dei soci e dei dirigenti .

Quando l’associazione è riconosciuta, solo essa risponde di fronte ai terzi per gli obblighi e gli impegni assunti, mentre soci e dirigenti sono – nei limiti della buona fede e della scrupolosa diligenza – esonerati da ogni responsabilità

Al contrario l’associazione non riconosciuta è priva della personalità giuridica. A prescindere dalla buona fede o dalla corretta gestione, i terzi potranno pretendere i pagamento di quanto dovutogli sia dall’associazione che dai dirigenti che in concreto la gestiscono (art. 38 del codice civile).

Si avete capito bene! I terzi, siano essi fornitori, Pubblica Amministrazione, atleti, ecc possono esigere direttamente il pagamento di quanto dovutogli dai dirigenti dell’associazione. E’ questa una regola molto dura e spietata che impone certamente saggezza nella gestione economica e finanziaria ed una certa sensibilità fiscale ed amministrativa. Soprattutto se si resta in regime di associazione non riconosciuta.

D’altro conto per acquisire la personalità giuridica e limitare dunque la responsabilità dei dirigenti, è necessario costituire un capitale sociale la cui consistenza varia da Regione a Regione ( il riconoscimento di una ASD è quasi sempre di competenza della Giunta Regionale ove ha sde il sodalizio) ed assoggettarla a forme di controllo amministrativo e contabile ben più ingerenti di quanto sia previsto nello schema delle associazioni non riconosciute.

Inoltre, a scanso di equivoci, occorre sottolineare che la personalità giuridica non protegge il patrimonio dei dirigenti dalle pretese dei terzi, in tutti i casi di mala gestio a questi ultimi imputabile, ovvero nei casi di ammanco, distrazione di beni associativi o altri reati similari.

Invocare lo scudo della responsabilità limitata, per proteggersi, ad esempio, da un eventuale accusa di bancarotta, chiaramente serve a poco.

La legge 383 del 2000
Le nostre associazioni possono trovare però un significativo sostegno nella legge 383 del 2000 che istituisce le associazioni di promozione sociale (APS): una normativa a cui possono accedere affiliandosi al CSI e attivando la procedura di riconoscimento automatico

procedura riconoscimento APS CSI

Questa legislazione consente di godere di una moderata compressione della responsabilità dei dirigenti.

Essa prevede, infatti, che i creditori debbano esercitare obbligatoriamente le proprie pretese nei confronti dell’associazione e solo quando ogni azione (ivi compresa quella legale) dovesse risultare infruttuosa potranno rivalersi nei confronti dei dirigenti.

Sembra poco ma non lo è: la necessità di rivolgersi in primis all’ASD consente, infatti, di evitare che i creditori aggrediscano il patrimonio del malcapitato dirigente scelto, neanche troppo a caso, tra quelli che dispongono dei beni sufficienti a soddisfare la pretesa. Si ha così il tempo, in seno all’associazione, di organizzare una adeguata difesa nelle competenti sedi giurisdizionali, senza abbandonare la persona del dirigente alla sofferenza di una battaglia legale personale.



Chi sbaglia paga
Finanziarsi con le attività commerciali



Condividi con i tuoi amici:
  1   2   3   4   5


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale