Regione puglia assessorato sviluppo economico settore industria-industria energetica



Scaricare 230.5 Kb.
01.06.2018
Dimensione del file230.5 Kb.



APQ Ricerca Scientifica
Avviso pubblico

Invito alla presentazione di proposte progettuali relative alla costituzione di reti di laboratori pubblici di ricerca.
Allegato B

Scheda Progetto


REGIONE PUGLIA

ASSESSORATO SVILUPPO ECONOMICO

SETTORE INDUSTRIA-INDUSTRIA ENERGETICA

APQ RICERCA
Avviso pubblico

per l’acquisizione di proposte di piani relativi alle reti di laboratori pubblici di ricerca



NOME PROGETTO:_____________________________
ENTE CAPOFILA:_______________________________
ENTE/I PARTNER:_______________________________

Settore tecnologico

(Barrare un unico settore)

  • Aeronautico, spaziale ed avionico

  • Agroalimentare

  • Biotecnologie per la salute dell’uomo

  • Energia

  • Meccatronica

  • Nuovi materiali e nuove tecnologie per i sistemi produttivi






allegato b

Scheda Progetto

(Riservato alla Regione)

N. di registrazione      

Data di trasmissione:      

Data di ricevimento:      

Copia elettronica:      

SINTESI DELLE INFORMAZIONI


Titolo e acronimo del Progetto






Durata:      

Costo totale:      

Contributo richiesto:      

Sede operativa del laboratorio:      





Soggetto proponente:      
Ente responsabile dell’attuazione:      

Indirizzo:      

Tel.:      

Fax:      

e-mail:      
Legale Rappresentante (Nome e Cognome):      

Indirizzo:      

Tel.:      

Fax:      

e-mail:      

C.F. :      


Persona di contatto (Nome e Cognome):      

Tel.:      

Fax:      

e-mail:      






Sintesi del progetto (max 2 pag)




1. La Proposta progettuale




A. La visione, le strategie e gli obiettivi da perseguire (max 2 pagine)







B. I fabbisogni da soddisfare (max 2 pagine)






C. Le soluzioni tecnologiche e metodologiche proposte (max 2 pagine)






D. Valutazione di impatto riferita ai benefici attesi (max 2 pagine)






E. Produzione scientifica e industriale del gruppo di ricerca (max 2 pagine)







F. Inserimento del centro/laboratorio all’interno di reti di ricerca (max 1 pagina)






G. Capacità di intercettare la domanda di innovazione esistente o potenziale, in funzione dei settori strategici, presente nel territorio regionale. (max 2 pagine)






H. Livello di coordinamento con i distretti tecnologici esistenti. (max 1 pagina)





I. Identificazione delle questioni aperte e definizione delle variabili da testare nel corso del progetto (max 1 pagina)



2. Proponente





L. Il coordinatore scientifico del progetto (max 2 pagine, inclusa la tabella seguente)


Il Coordinatore scientifico del progetto

(Nome, Cognome, Titolo, Ruolo, Ente di Appartenenza)


Competenze specifiche del Coordinatore scientifico del progetto

M. Eccellenza e la complementarietà scientifica del proponente (max 2 pagine)
Tabella team di ricerca

Partner

(Nome, Cognome, Titolo, Ruolo, Ente di Appartenenza)

Competenze specifiche





















......















Partner

(Cognome/Ente)


Tipologia attività prevista


Ruolo nel progetto

































......





















N. Comprovate esperienze del team proponente in progetti di ricerca industriale e sviluppo precompetitivo (max 2 pagine)







Titolo del progetto

Durata

dal … al…..

Costo totale (K€)

Partner Industriale


Sintesi attività svolte

1
















2
















3
















4
























































O. Preesistenza di strutture logistiche, ambientali e di attrezzature scientifiche (max 2 pagine)







P. Esperienza internazionale maturata nei singoli contesti tecnico scientifici di riferimento del progetto in ordine temporale decrescente (max 2 pagine)

(partecipazione a reti europee di eccellenza, accordi di cooperazione scientifica e industriale sottoscritti con gruppi di ricerca stranieri, brevetti internazionali realizzati etc)






3. Piano di Lavoro


Q. Il piano economico e finanziario (max 2 pagine)

Descrivere il Piano di Lavoro attraverso la definizione di Attività suddivise in 2 Fasi:




FASE 1

relativa all’acquisizione della strumentazione e delle attrezzature che si conclude con la presentazione della rendicontazione finale delle spese sostenute, nel loro collaudo tecnico e nella omologazione delle spese nei termini stabiliti nel provvedimento di concessione definitiva del contributo.

ATTIVITA’

DESCRIZIONE

Attività 1.1





Attività 1.2










……
















Attività 1.N...









FASE 2

relativa ad un arco temporale di almeno cinque anni dalla data di presentazione della rendicontazione finale, in cui sono richiesti elementi di valutazione del programma di ricerca industriale e sviluppo sperimentale che il proponente intende realizzare con l’utilizzo della strumentazione e delle attrezzature finanziate.



DESCRIZIONE


Per ogni Attività della Fase 1:

Titolo:

Num:

Avvio: mese n. Durata: mesi




Obiettivi:


Collegamenti con altre attività del progetto:…………


Partner coinvolti


Ruolo del partner

Costi previsti (K€):













































4. Riepilogativo dei Costi della Fase 1


R. Tabella delle voci di costo:

Voci di costo

k€

%

  1. Costo strumentazione e/o attrezzature










  1. Costo personale










  1. Costi per servizi di consulenza










  1. Spese generali










I costi alle voci 2,3,4 devono essere il 18% massimo del costo totale








COSTO TOTALE DEL PROGETTO




100%

Contributo richiesto (FESR):       % Contributo richiesto sul costo totale      

Contributo proprio:       % Contributo proprio sul costo totale      







5. Cronogramma (Fase 1 E Fase 2)

(utilizzare un diagramma che evidenzi le attività, la durata, ed i costi, es. Gantt)







6.1 PROSPETTO RIEPILOGATIVO DEI COSTI PER VOCE DI SPESA E ATTIVITA’

FASE 1

ATTIVITA’

VOCI DI COSTOi


(K€)




STRUMENTAZIONE

ATTREZZATURE



PERSONALE

CONSULENZE

SPESE

GENERALI


TOTALE

Attività n.1
















Attività n.2




















































Attività n.



















































TOTALE

















% SUL TOTALE













100%






6.2 PROSPETTO RIEPILOGATIVO DEI COSTI PER VOCE DI SPESA PER PARTNER




Voci di costo

(K€)


PARTNER

STRUMENTAZIONE

ATTREZZATURE

PERSONALE

CONSULENZE

SPESE

GENERALI

TOTALE

Partner n.1
















Partner n.2
















……
















Partner n….















TOTALE

















% SUL TOTALE













100%

La presente proposta progettuale è composta di n. …….pagine, numerate da pagina …….. a pagina……., tutte siglate.


………………………….

(data)

………………………………………………………………………………….
(Firma del responsabile del soggetto proponente)
N.B. Allegare fotocopia di un documento di riconoscimento in corso di validità controfirmato per esteso in originale




i Spese Ammissibili


Ai fini dell’ammissibilità, le spese riconoscibili a finanziamento dovranno:



  • essere effettivamente sostenute per la realizzazione del progetto entro il periodo di ammissibilità previsto;

  • derivare da atti giuridicamente vincolanti (ordini, contratti, lettere d'incarico, ecc.) da cui risulti chiaramente l'oggetto dell’acquisto, il suo importo ed i termini di consegna;

  • essere dimostrate attraverso idonei giustificativi bancari che attestino in maniera inequivocabile l’avvenuto pagamento.

Tutta la documentazione attinente alla realizzazione dei servizi oggetto del contratto deve essere conservata, in originale, e tenuta a disposizione della Regione Puglia, dello Stato Italiano e dell'Unione Europea per cinque anni dalla scadenza del progetto.

Inoltre, la documentazione pertinente alla rendicontazione dei servizi erogati dovrà essere organizzata, conservata ed esibita in base al principio della "contabilità separata".

A tal proposito, si ribadisce che tutti i giustificativi comprovanti la spesa effettivamente sostenuta devono:


  • essere disponibili in originale;

  • provare in modo chiaro ed inequivocabile l'avvenuta liquidazione della prestazione cui sono riferite e la relativa data;

  • riferirsi a titolo definitivo alla prestazione liquidata (non saranno valide prestazioni liquidate sulla base di fatture proforma o titoli di spesa non validi ai fini fiscali);

  • essere annullati con apposita timbratura recante la dicitura “Intervento cofinanziato dalla Regione Puglia nell’ambito dell’APQ Ricerca”.

Strumentazione e Attrezzature


E’ ammesso l’acquisto di strumentazione di laboratorio, beni e attrezzature (licenze software, attrezzature informatiche, e così via), nuovi di fabbrica. Gli acquisti diretti dovranno essere effettuati attraverso il ricorso a fornitori esterni allo stesso soggetto aggiudicatario, attivando una relativa procedura di selezione in conformità con le prescrizioni della normativa vigente e, comunque, sempre con un minimo di procedura negoziata.

In caso di acquisto diretto, il soggetto aggiudicatario è obbligato, inoltre, a garantire che i beni o attrezzature acquistati siano destinati esclusivamente alle attività previste dal progetto e siano localizzati presso la sede fisica del laboratorio di ricerca ammesso a beneficio.


Costi del personale


I costi del personale interno del soggetto aggiudicatario saranno riconosciuti per:

  • Personale dipendente: personale in organico e quello con contratto a tempo determinato, direttamente impegnato nell’esecuzione del progetto, così come inseriti nella progettazione esecutiva della singola iniziativa da realizzare, sottoposta all’approvazione della Regione Puglia.

La voce comprende il personale in organico del soggetto aggiudicatario con mansioni coerenti con le tipologie di attività previste dal progetto. Non comprende il personale che svolge attività di “funzionalità organizzativa” (es. commessi, ecc.).

Il costo relativo sarà determinato in base alla percentuale delle giornate lavorative dedicate alla realizzazione del progetto esecutivo approvato, rispetto al costo effettivo annuo lordo (retribuzione annua lorda, comprensiva dei contributi di legge o contrattuali e degli oneri differiti, esclusi il lavoro straordinario, i premi produzione, gli assegni familiari ed eventuali emolumenti per arretrati ed altri elementi mobili della retribuzione). Il costo giornaliero va quindi calcolato dividendo il costo effettivo annuo per le giornate lavorative contrattuali annue. Il numero di giornate impegnate sul progetto deve risultare da un’apposita modulistica (fogli di presenza), sottoscritta dal dipendente e dal legale rappresentante del soggetto aggiudicatario, tenuta a disposizione per i controlli in loco.

Il personale potrà essere adibito alle attività connesse con la realizzazione dei servizi, oggetto del progetto, a tempo pieno e/o a tempo parziale sulla base delle specifiche necessità individuate. Nel caso in cui il personale sia adibito a tempo pieno alle attività di realizzazione dell’incarico, lo stesso non potrà essere utilizzato dal soggetto aggiudicatario per attività diverse.

In ogni caso, le giornate attribuibili alle attività per la realizzazione dei servizi previsti non potranno superare quelle massime consentite dal CCNL di riferimento.

La documentazione giustificativa di spesa consiste in:


  • Libro matricola (da cui si evince il vincolo di subordinazione);

  • Cedolini paga per la determinazione del costo;

  • Cartellini orari/ fogli di presenza relativi ai dipendenti impiegati ed al periodo di riferimento;

Documentazione attestante l’avvenuto pagamento delle retribuzioni in questione (ordine di accredito, fotocopia degli assegni con evidenza degli addebiti su estratto conto bancario) e del versamento di ritenute e contributi (modelli DM 10, quietanze di versamento).

  • Personale non dipendente: personale utilizzato con contratto di collaborazione a progetto a condizione che svolga la propria attività presso le strutture del capogruppo o dei partner del progetto.

La voce comprende i costi relativi a risorse umane esterne al soggetto aggiudicatario ed impegnate, con contratti di lavoro così come previsti e disciplinati dalla vigente normativa, in particolare il lavoro a progetto di cui al D. Lgs. 10 settembre 2003 n. 276, in attività analoghe a quelle del personale dipendente. I relativi costi non potranno quindi superare, in relazione alle qualifiche professionali richieste, quelli corrispondenti ai livelli retributivi del personale dipendente di pari grado.

Il rapporto di lavoro deve essere regolato attraverso una lettera di incarico o contratto di collaborazione a progetto, sottoscritto dalle parti interessate, contenente precise indicazioni in merito a:



  • l’indicazione del titolo del progetto;

  • l’oggetto dell’incarico;

  • la durata dell’incarico;

  • la remunerazione;

  • le attività da svolgere;

  • le modalità di esecuzione;

  • l’impegno alla prestazione dell’attività presso una delle strutture preposte del soggetto aggiudicatario e/o presso la sede in cui saranno realizzate le attività poste a base di gara.

La documentazione giustificativa di spesa consiste in:

  • Copia della lettera d’incarico o contratto di collaborazione a progetto contenente le suddette indicazioni;

  • Documentazione attestante l’esecuzione della prestazione (rapporti attività, relazioni, verbali, ecc.);

  • Cedolini paga per la determinazione del costo;

Documentazione attestante l’avvenuto pagamento delle retribuzioni in questione (ordine di accredito, fotocopia degli assegni con evidenza degli addebiti su estratto conto bancario) ed il versamento di ritenute e contributi (modelli DM 10, quietanze di versamento).

Consulenze specialistiche


Potranno essere riconosciuti i costi connessi con la realizzazione di servizi specialistici il cui contenuto richieda il ricorso ad esperti titolari di partita IVA (persone fisiche o dipendenti di società di consulenza), esterni al soggetto aggiudicatario, dotati di dimostrata professionalità nel campo, per prestazioni che esulano dalle specifiche competenze in seno all’organizzazione del soggetto destinatario del beneficio.

In questo caso, il corrispettivo per le consulenze e le prestazioni rese, non potrà superare le tariffe giornaliere di seguito riportate, onnicomprensivo degli oneri tributari e previdenziali (per giornata uomo, si intende una giornata lavorativa di 8 ore).

LivelloEsperienza maturata

nel settore specificoTariffa massima

giornaliera

(Euro)I°Oltre15 anni450II°10-15 anni400III°5-10 anni200IV°2-5 anni150

Il rapporto di consulenza deve essere regolato attraverso una lettera di incarico, sottoscritto dalle parti interessate, contenente una dettagliata descrizione della prestazione professionale prevista, con precise indicazioni in merito a:


  • l’indicazione del titolo del progetto;

  • l’oggetto dell’incarico;

  • la durata dell’incarico;

  • il numero di giornate uomo previste;

  • il compenso (determinato dal prodotto tra il numero di giornate uomo e la tariffa giornaliera pattuita, entro i limiti della precedente tabella).

La documentazione giustificativa di spesa consiste in:

  • Copia della lettera d’incarico con le suddette indicazioni;

  • Documentazione attestante l’esecuzione della prestazione (rapporti attività, relazioni, verbali, ecc.);

  • Fattura del consulente riportante:

    • l’indicazione del titolo del progetto;

    • l’oggetto dell’incarico ed eventuale output realizzato;

    • il numero di giornate uomo impegnato ed il relativo compenso.

  • Documentazione attestante la registrazione della fattura, a carico del consulente secondo quanto gli adempienti previsti da proprio regime contabile, ai sensi della normativa fiscale vigente;

  • Documentazione attestante l’avvenuto pagamento per mezzo bancario (è esclusa qualsiasi altra forma di pagamento);

Ricevute di versamento delle ritenute d’acconto (se previste).

Spese generali


L'importo della voce in oggetto si intenderà riferito ai seguenti costi necessari per l’attività prevista dal progetto di strutturazione del Laboratorio di ricerca:

  • personale indiretto (fattorini, magazzinieri, segretarie, ecc.);

  • funzionalità ambientale (vigilanza, pulizia, riscaldamento, energia, illuminazione, acqua, lubrificanti, gas vari, ecc.);

  • funzionalità operativa (posta, telefono, telex, telegrafo, cancelleria, fotoriproduzioni, abbonamenti, materiali minuti, biblioteca, assicurazioni dei cespiti di ricerca, ecc.);

  • assistenza al personale (infermeria, mensa, trasporti, previdenze interne, antinfortunistica, copertura assicurativa, ecc.);

  • funzionalità organizzativa (attività di presidenza, direzione generale e consiglio di amministrazione; contabilità generale e industriale; acquisti; ecc.);

  • spese per trasporto, vitto, alloggio, diarie del personale in missione;

  • corsi, congressi, mostre, fiere (costo del personale partecipante, costi per iscrizione e partecipazione, materiale didattico, ecc.);

  • spese generali inerenti agli immobili ed impianti generali del Laboratorio (ammortamenti, manutenzione ordinaria e straordinaria assicurazioni, ecc…);.

Resta inteso che, non essendo ammissibili costi rendicontati in maniera forfetaria, in sede di rendiconto dei costi occorrerà predisporre per tale voce una apposita documentazione rendicontativa.


Resta altresì inteso che non sono ammissibili, nè a forfait nè come imputazione diretta, i costi per quote di spese generali di funzionamento.


IVA


L’ IVA può costituire una spesa ammissibile solo se essa è realmente e definitivamente sostenuta dal soggetto aggiudicatario. L’IVA che può essere in qualche modo recuperata, non può essere considerata ammissibile anche se essa non è effettivamente recuperata dal beneficiario finale.








Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale