Regolamento per IL conferimento di incarichi di progettazione, direzione lavori, collaudi ed altri incarichi tecnici



Scaricare 116.38 Kb.
Pagina1/5
23.05.2018
Dimensione del file116.38 Kb.
  1   2   3   4   5

REGOLAMENTO PER L’AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI

(PROGETTAZIONE, INCARICHI TECNICI,



CONSULENZE ED ALTRI INCARICHI)
Adottato con DCC n. 6 in data 22 febbraio 2007

INDICE



TITOLO I

NORME GENERALI
Art. 1 Definizione d’incarico e finalità del Regolamento
Art. 2 – Presupposti per il ricorso ad incarichi esterni
Art. 3 – Competenza - Programmazione



TITOLO II


INCARICHI PROFESSIONALI PER OPERE E LAVORI PUBBLICI

Art. 4 – Attività e soggetti interessati

Art. 5 – Raggruppamenti temporanei tra professionisti

Art. 6 – Limiti d’importo e relative procedure

Art. 7 – Espletamento della gara ufficiosa

Art. 8 – Istruttoria e affidamento dell’incarico

Art. 9 – Incarichi d’importo pari o superiore a 100.000 Euro

Art. 10 – Appalti di servizi tecnici sopra soglia comunitaria

Art. 11 – Gli incarichi per collaudi specialistici e per la verifica dei progetti

Art. 12 – Gli incarichi di consulenza tecnico-progettuale

Art. 13 – Affidamenti in economia

Art. 14 – Concorsi di progettazione

Art. 15 – Concorsi di idee

Art. 16 – Concorsi per l’esecuzione di opere d’arte

TITOLO III


CONFERIMENTO DI ALTRI INCARICHI PROFESSIONALI

E DISPOSIZIONI VARIE
Art. 17 – Principi - limiti di importo e relative procedure

Art. 18 – I criteri di offerta per la selezione

Art. 19 – Gli incarichi di carattere urbanistico

Art. 20 – Gli incarichi per attività socio-culturali, educative e affini

Art. 21 Accesso agli atti di gara


Art. 22 – Adempimenti per la Funzione Pubblica

Art. 23 – Ulteriori disposizioni

TITOLO I

NORME GENERALI




Art. 1

Definizione di incarico e finalità del Regolamento





  1. Si ha contratto di incarico professionale quando un soggetto singolo o associato professionalmente o in altra forma giuridicamente ammessa, assume l’obbligo di compiere una prestazione con lavoro prevalentemente proprio e senza vincolo di subordinazione nei confronti del committente a fronte di un corrispettivo con assunzione di responsabilità professionale personale.

  2. Gli incarichi attinenti all’architettura e all’ingegneria, anche integrata, quelli attinenti all’urbanistica e alla paesaggistica, quelli affini di consulenza scientifica e tecnica e gli incarichi di sperimentazione tecnica e di analisi, di cui all’allegato IIA al D.Lgs. 163/2006, quando siano di importo pari o superiore alla soglia comunitaria, sono considerati appalti pubblici di servizi.

  3. Anche nel caso in cui l’incarico venga assunto da una società, o da Raggruppamento temporaneo comprendente una o più società, deve essere reso noto il nominativo delle persone fisiche che svolgeranno materialmente ed effettivamente la prestazione, iscritti all’Albo del proprio Ordine o Collegio, nei casi in cui ciò è stabilito dalla Legge, i quali provvederanno all’apposizione della firma e del timbro per la produzione di atti ascrivibili responsabilmente all’incaricato.

  4. Gli incarichi di collaborazione coordinata e continuativa si distinguono dagli incarichi professionali, in quanto non comprendenti prestazioni di lavoro autonomo rientranti nell’oggetto proprio della professione esercitata dal soggetto incaricato, e si caratterizzano per il rapporto di collaborazione e di coordinamento con il committente per lo svolgimento dell’attività finalizzata al raggiungimento dell’obiettivo finale e per il carattere continuativo della prestazione in relazione alla durata prefissata, senza impiego di mezzi organizzati e con retribuzione periodica prestabilita.

  5. E’ prevista la possibilità di conferimento di prestazioni temporanee di lavoro rese occasionalmente per attività effettuabili anche da parte di soggetti non in possesso di partita IVA.

  6. Il presente Regolamento disciplina, nell’ambito della legge e nel rispetto dei principi definiti dal Regolamento per la disciplina dei contratti del Comune di Casalnoceto, le modalità di affidamento degli incarichi esterni. Il presente Regolamento integra il Regolamento per la disciplina dei contratti del Comune di Casalnoceto.

  7. Tutti gli incarichi del presente regolamento devono essere stipulati in forma scritta mediante stipulazione di apposito atto in forma pubblico-amministrativa, nel caso di esperimento di procedure aperte o ristrette, ovvero mediante scrittura privata negli altri casi, sulla base di uno schema di disciplinare di incarico da approvare con la determinazione a contrattare assunta ai sensi dell’art. 192 Dlgs. 267/2000.

Art. 2

Presupposti per il ricorso ad incarichi esterni





  1. Il Comune può ricorrere all’affidamento di incarichi esterni per obiettivi determinati e con rapporti a prestazione e a termine o perché non in possesso della professionalità specifica richiesta, o perché la propria struttura è totalmente assorbita dall’attività che le compete o è insufficiente organicamente per rispondere agli obiettivi qualitativi o quantitativi programmati o perché non ritenga opportuno istituire stabilmente, per una determinata professionalità, alcun posto in organico, trattandosi di prestazioni che per la loro intrinseca peculiarità e/o per la loro eccezionalità non si prestano ad essere svolte permanentemente dal Comune.

  2. L’avvio della procedura per il conferimento di ogni incarico esterno deve essere preceduto da attestazione espressa dal Responsabile del servizio competente, in merito alla sussistenza dei seguenti presupposti obbligatori per il ricorso a professionalità esterne:

  1. per quanto concerne gli incarichi tecnici connessi alla realizzazione di opere pubbliche, uno o più dei seguenti casi:

  1. carenza di organico

  2. difficoltà di rispettare i tempi della programmazione dei lavori

  3. difficoltà di svolgere le funzioni di istituto

  4. lavori di speciale complessità

  5. lavori di rilevanza architettonica o ambientale

  6. lavori richiedenti la necessità di predisporre progetti integrali

  1. per quanto concerne gli altri incarichi professionali:

  1. carenza in organico di figure con la specializzazione necessaria per il conseguimento del risultato da raggiungere

  2. carenza in organico di figure in numero adeguato per l’attuazione delle attività programmate.

  1. L’avvio della procedura per il conferimento di ogni incarico esterno deve essere anche preceduto dalla decisione di indirizzo a ricorrere a risorse esterne, fatta eccezione per gli incarichi contenuti nell’importo di 20.000,00 Euro affidabili nel limite del budget assegnato al responsabile del servizio per acquisizione di prestazioni e servizi finalizzati alla realizzazione degli obiettivi, oppure, sempre entro il limite di 20.000,00 Euro, compresi nell’ambito delle somme a disposizione per spese tecniche previste nei quadri economici degli interventi di realizzazione di opere pubbliche, e ferma restando la competenza del Responsabile unico del procedimento di cui all’art. 10 del Dlgs. 163/2006 e s.m.i. per l’individuazione dell’affidatario degli incarichi tecnici attinenti alla realizzazione di opere pubbliche.

  2. Il suddetto indirizzo sarà espresso in documenti programmatici, nel piano esecutivo di gestione o potrà essere formulato per lo specifico intervento.




  1   2   3   4   5


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale