Relazione Scientifica Short-Term mobility 2008



Scaricare 1.24 Mb.
Pagina5/6
14.02.2020
Dimensione del file1.24 Mb.
1   2   3   4   5   6
Conclusioni
Tutte le metodiche utilizzate, ad eccezione della purificazione in PVP seguita dalla concentrazione, sono risultate efficaci per la rivelazione di bande proteiche in SDS-PAGE. Il trattamento fisico non ha determinato miglioramenti da un punto di vista qualitativo o quantitativo nella purificazione delle proteine e quindi, anche a causa della metodica molto lunga, sarà escluso dai successivi studi. La purificazione con PVP ha reso l’estratto molto più chiaro e le bande in SDS-PAGE più nitide, ma ha determinato anche la perdita di parte delle proteine estratte. La precipitazione delle proteine mediante DOC/TCA ha determinato il recupero di un maggior quantitativo di proteine rispetto alla semplice concentrazione, consentendo di ottenere chiare bande con il blu di coomassie che potranno essere quindi sequenziate mediante HPLC-ESI-MS/MS. D’altro canto sul campione sottoposto alla sola concentrazione sarà possibile effettuare la Native Page e test enzimatici sulle bande isolate per cercare di identificare le proteine.



Condividi con i tuoi amici:
1   2   3   4   5   6


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale