Repertorio P/P



Scaricare 2.18 Mb.
Pagina13/47
29.03.2019
Dimensione del file2.18 Mb.
1   ...   9   10   11   12   13   14   15   16   ...   47
Criteri di analisi




1.

Contesto geografico del Piano/ Programma; estratto di cartografia

Localizzazione: Estensione territoriale ed inquadramento

Territorio della Provincia di Modena


Date di elaborazione/adozione

Con D.C.P. n. 40 del 12/03/2008:

- Approvazione del Piano

Con D.C.P. n.110/07 è stato approvato anche il programma attuativo della Variante:

-Programma per la disciplina degli scarichi, attuativo delle misure per la tutela qualitativa della risorsa idrica;

Con D.C.P. n. 40/08 é stata approvata anche: - "Carta delle Aree idonee all'utilizzazione degli effluenti zootecnici e dei fanghi di depurazione" e relative norme tecniche di riferimento

Con D.C.P. n. 55 del 25/03/2009 è stato approvato anche:

- "Piano di Indirizzo per il contenimento della acque di prima pioggia"


Estratto di cartografia:


2.

Tipologia di Piano (1) - soggetti istituzionali(2) – aspetti generali del Piano (3)

(1) Il Piano costituisce variante del PTCP e quindi ai sensi della LR 20/2000 si configura come strumento di pianificazione territoriale ed urbanistica volto a tutelare il territorio ovvero a regolarne l’uso ed i processi di trasformazione, perfezionando i dispositivi del PTA
(2): Soggetto istituzionale:

Provincia di Modena


(3): Il Piano si compone di:

Relazione Generale, comprensiva delle parti:

Quadro Conoscitivo;

− Obiettivi e misure;

− Allegati:

1. Carta di inquadramento degli elementi idrografici e dei punti di captazione delle acque

destinate al consumo umano;

2. Carta delle rocce magazzino;

3. Carta dei fattori di pressione da attività antropica;

4. Approfondimento delle “Zone di Protezione delle acque sotterranee: aree di ricarica”, nel territorio di pedecollina-pianura della provincia di Modena;

b) Valsat, comprensiva di:

− Allegati:

1. Valutazione di scenari alternativi;

2. Studio di incidenza ai fini della valutazione di incidenza ambientale per SIC e ZPS;

3. Valutazione di incidenza ambientale per SIC e ZPS;

c) Elaborati cartografici:

- 11 tavole contrassegnate dal numero 1, che indicano e/o delimitano sistemi, zone ed elementi specificamente considerati dal Piano

- 2 tavole contrassegnate dal numero 7: “Carta della vulnerabilità all’inquinamento dell’acquifero principale”;

- 8 tavole contrassegnate dal numero 8: “Carta delle zone di protezione delle acque superficiali e sotterranee destinate al consumo umano”;

- 2 tavole contrassegnate dal numero 14 “Carta delle zone vulnerabili da nitrati di origine agricola ed assimilate”;

g) Norme:

− Disposizioni Generali (Artt. 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7);

− Artt. 28, 28A, 28B, 28C, 42A, 42B, 42C;

− Allegati:

1. Elenco dei corpi idrici significativi, d’interesse e rilevanti, e relativi obiettivi di qualità

ambientale; classificazione (stato ambientale) dei corpi idrici significativi e d’interesse

(relativa all’anno 2005);

2. Corpi idrici a specifica destinazione funzionale: acque dolci superficiali destinate alla

produzione di acqua potabile; acque dolci che richiedono protezione e miglioramento per

essere idonee alla vita dei pesci;

3. Valori di riferimento della componente idrologica del DMV su 19 sezioni della provincia di

Modena;

4. Misure per la prevenzione, la messa in sicurezza o riduzione del rischio relative ai centri di

pericolo, di cui all’art. 45 comma 2, lettera a2) delle norme del PTA;

5. Classificazione quantitativa delle acque sotterranee (relativa all’anno 2005);

6. Carta delle curve di uguale velocità di abbassamento del suolo nel periodo 2002-2006


3.

Approccio della VAS (interazione con il processo decisionale e operativo del piano, Tecniche di valutazione, Tipologie di indicatori -quantitativi, qualitativi, di settore, integrati- Struttura del monitoraggio).


Valutazioni qualitative effettuate con l’ausilio di matrici in relazione a:

- potenziali effetti sull’ambiente da parte delle misure del P/P;

- incidenza delle aree di intervento in relazione agli scenari alternativi;

- processo di partecipazione e informazione;

Analisi di coerenza interna …………. ed esterna …………… prodotte all’interno del RA.
L’elaborazione della Valsat (la Provincia ha svolto la VALSAT secondo previgente disciplina) si è svolta secondo le seguenti fasi:

1. Valutazione dello stato di fatto:

Acquisizione dello stato, delle tendenze evolutive, nonché degli elementi di forza e debolezza dei sistemi naturali e antropici del territorio modenese, individuando e presentando le informazioni sullo stato dell’ambiente e del territorio in riferimento al Piano con le interazioni positive o negative tra i principali sistemi dello sviluppoe utilizzando indicatori idonei a descrivere sinteticamente le pressioni esercitate dalle attività antropiche e gli effetti di queste sull'ambiente ed il territorio, suddivisi in aspetti quantitativi e aspetti qualitativi.



elenco: download
download -> “L’arte degna di questo nome non rende il visibile : ma dissuggella gli occhi sull’invisibile” P
download -> Lineamenti di Storia della Scultura del Novecento 20 Astrattismo. Pevsner, Naum Gabo, Tatlin, Rodcenko, Vantongerloo, e altri comprimari. Wassily Kandinsky Primo acquerello astratto, 1910, Coll. Priv
download -> Ci hai fatti per Te e inquieto è IL nostro cuore finché non riposa in te
download -> Concesio, venerdì 24 settembre 2010 – XI colloquio internazionale di Studio dell’Istituto Paolo VI saluto del Vescovo mons. Luciano Monari
download -> La Preistoria La nostra Terra si è formata 5 miliardi di anni fa. Pian piano sulla Terra sono nate le prime forme di vita: all’inizio si trattava solo di organismi monocellulari
download -> Excursus sulla sociologia dei sensi
download -> Sören kierkegaard
download -> Dei bambini (0-6 anni) Pastorale battesimale. Schede operative a cura degli Uffici Pastorali Brescia 2014 Introduzione
download -> La gerusalemme liberata


Condividi con i tuoi amici:
1   ...   9   10   11   12   13   14   15   16   ...   47


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale