Repertorio P/P



Scaricare 2.18 Mb.
Pagina25/47
29.03.2019
Dimensione del file2.18 Mb.
1   ...   21   22   23   24   25   26   27   28   ...   47
8.

Modalità di aggiornamento




II livello

10.

Processo di attuazione, modalità di verifica del P/P;

4. Modalità di riorientamento delle misure;

E’ previsto un controllo dell’attuazione del piano ed un monitoraggio degli effetti, sulla base di indicatori strategici

A seguito dell'attività di monitoraggio e controllo è prevista la elaborazione periodica di valutazioni degli effetti prodotti dalle azioni di Piano, attraverso cui proporre azioni correttive.

Vedere fase 4 Monitoraggio del Paragrafo VAS.


11.

Misure per l’attuazione degli obiettivi e modalità di riorientamento delle misure stesse


Le specifiche Misure per il raggiungimento degli obiettivi assegnati alla Variante sono elencate nell’allegato N5 delle Norme di Piano. Il Piano prevede che tali misure sono da realizzare prioritariamente nell’ambito degli strumenti di pianificazione e di attuazione territoriali ed urbanistici.

Le Misure obbligatorie (PTA) sono:

- rispetto del MDV, attraverso l’adeguamento delle derivazioni da acque superficiali, in modo da garantire la componente idrologica del DMV

- adeguato programma di interventi sul sistema fognario e depurativo che preveda l’applicazione di sistemi depurativi più spinti per l’abbattimento di fosforo e azoto ed un controllo delle acque di prima pioggia

- azioni per la prevenzione e la riduzione dell’inquinamento nelle zone vulnerabili da nitrati di origine agricola e per la salvaguardia delle acque superficiali e sotterranee destinate al consumo umano

- progressivo riuso a fini irrigui delle acque reflue derivanti dagli impianti di trattamento delle acque reflue urbane

- applicazione delle migliori tecniche per la riduzione degli inquinanti provenienti da insediamenti produttivi

- adozione di azioni di risparmio e razionalizzazione dei prelievi da acque superficiali e sotterranee nei comparti civile, industriale e agricolo

- realizzazione di idonei bacini di accumulo per l’utilizzo delle acque a fini irrigui e per il mantenimento del MDV

La modellizzazione applicata (ARPA) per simulare l’evoluzione dei carichi inquinanti ha indotto a ritenere che l’affettiva applicazione delle misure obbligatorie possa produrre il conseguimento degli obiettivi di qualità nei tempi fissati dal Piano, pur senza l’applicazione di misure supplementari.

Comunque per quanto attiene il perseguimento del risparmio idrico nella fase di adduzione e distribuzione il Piano fa riferimento al Piano di conservazione della risorsa predisposto da ATO per una corretta gestione del ciclo idrico integrato.

Integra e fa proprio lo “Studio del bacino idrografico del F. Trebbia per la gestione sostenibile delle risorse idriche” condotto, su richiesta provinciale, da Regione, ARPA Consorzio Bonifica Bacini Tidone e Trebbia, ATO, Associazioni Agricoltori, Legambiente, e finalizzato alla determinazione del deficit idrico nell’areale sotteso alla grande derivazione ed alla individuazione delle misure necessarie al recupero ed allo stoccaggio della risorsa idrica nonchè alla individuazione di misure di risparmio e di razionalizzazione dell’uso per fronteggiare la siccità estiva.

Dispone inoltre il “Piano degli interventi per fronteggiare la crisi idrica” – invasi ad uso plurimo a basso impatto ambientale integrato con ulteriori previsioni.

Prevede altresì:

- la realizzazione di eventuali invasi in area montana per l’uso plurimo della risorsa: produzione di energia elettrica, disponibilità idropotabile, valorizzazione ambientale a fini turistici

- la riduzione delle perdite dei canali irrigui e la realizzazione di impianti pluriirrigui in pressione.

Persegue la realizzazione da parte degli agricoltori di laghetti aziendali o interaziendali (a compensazione con gli introiti derivanti dal materiale risultante).


12.

Misure adottate in materia di informazione


Pubblicazione / Deposito / Incontri

Misure adottate in materia di partecipazione e consultazione durante l’iter procedurale di adozione-approvazione



Comparazione con il Progetto di Piano di Gestione

14.

Cfr criteri per la definizione degli obiettivi




15.

Cfr obiettivi generali e specifici




16.

Confronto sulle misure e Qualificazione in relazione al livello di coerenza




17.

……………………..




18.

…………………………







elenco: download
download -> “L’arte degna di questo nome non rende il visibile : ma dissuggella gli occhi sull’invisibile” P
download -> Lineamenti di Storia della Scultura del Novecento 20 Astrattismo. Pevsner, Naum Gabo, Tatlin, Rodcenko, Vantongerloo, e altri comprimari. Wassily Kandinsky Primo acquerello astratto, 1910, Coll. Priv
download -> Ci hai fatti per Te e inquieto è IL nostro cuore finché non riposa in te
download -> Concesio, venerdì 24 settembre 2010 – XI colloquio internazionale di Studio dell’Istituto Paolo VI saluto del Vescovo mons. Luciano Monari
download -> La Preistoria La nostra Terra si è formata 5 miliardi di anni fa. Pian piano sulla Terra sono nate le prime forme di vita: all’inizio si trattava solo di organismi monocellulari
download -> Excursus sulla sociologia dei sensi
download -> Sören kierkegaard
download -> Dei bambini (0-6 anni) Pastorale battesimale. Schede operative a cura degli Uffici Pastorali Brescia 2014 Introduzione
download -> La gerusalemme liberata


Condividi con i tuoi amici:
1   ...   21   22   23   24   25   26   27   28   ...   47


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale