Repertorio P/P



Scaricare 2.18 Mb.
Pagina6/47
29.03.2019
Dimensione del file2.18 Mb.
1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   47
Criteri di analisi




1.

Contesto geografico del Piano/ Programma; estratto di cartografia

Localizzazione: Regione Emilia-Romagna.

Estensione territoriale ed inquadramento

Il territorio della Regione Emilia-Romagna



Date di elaborazione/adozione

Il Programma di Azione per le zone vulnerabili ai nitrati da fonte agricola è stato adottato dalla Regione Emilia-Romagna con Delibera dell´Assemblea Legislativa n. 96/07.

Nel corso del 2008, con Determinazione del DG Ambiente e difesa del suolo e della costa n. 2184 è stata emessa una Circolare esplicativa relativa all’attuazione del suddetto Programma..

Infine, sempre nel 2008 con Deliberazione della Giunta Regionale n. 2203 sono state approvate alcune misure di semplificazione inerenti la “comunicazione” dell’utilizzazione agronomica degli effluenti.



Estratto di cartografia:

2.

Tipologia di Piano (1) - soggetti istituzionali(2) – aspetti generali del Piano (3)

(1) Programma riportante i criteri e le norme tecniche per la disciplina regionale dell’utilizzazione agronomica degli effluenti di allevamento………………

(2): Soggetto istituzionale: …I soggetti istituzionali coinvolti sono la Regione Emilia-Romagna e le Province

(3): La Direttiva 91/676/CEE, nota come "direttiva Nitrati", è parte della strategia europea per la salvaguardia delle risorse idriche, e individua le sostanze azotate di provenienza agricola tra le cause d’inquinamento da fonti diffuse.

La Direttiva promuove la razionalizzazione dell´uso in agricoltura dei composti azotati per prevenirne l’accumulo nel terreno. Le norme prevedono che i fertilizzanti distribuiti non eccedano i fabbisogni delle colture, sia per i concimi di sintesi che in caso di utilizzo di matrici organiche, quali i reflui zootecnici, sottratte ai vincoli della normativa sui rifiuti.

Nel 2006 la legislazione nazionale ha dettato regole comuni alle regioni per il recepimento della Direttiva e l’Emilia-Romagna, in coerenza con il Piano di Tutela Acque (PTA) emanato nel 2005, ha rivisto la propria normativa approvando la nuova legge regionale di riferimento (L.R. n. 4 del 6 marzo 2007), che sostituisce la precedente L.R. 50 del 1995.

Il Programma d’azione (Del. Assemblea Legislativa 96/2007), prevede tra le altre cose:



  • la disciplina della distribuzione dei fertilizzanti nelle ZVN è stata estesa a tutte le forme di sostanze azotate, sia di natura organica che di sintesi;

  • sono stati adeguati i parametri per il calcolo dell’azoto escreto dalle specie zootecniche, in particolare per quanto riguarda bovini e avicoli;

  • nuove aree e periodi di divieto, con modifiche alle capacità di stoccaggio minime;

  • prescrizioni per l’utilizzazione dei liquami sui terreni in pendenza;

  • semplificazione delle procedure amministrative (comunicazione alle Province e non più autorizzazione).

3.

Approccio della VAS (interazione con il processo decisionale e operativo del piano, Tecniche di valutazione, Tipologie di indicatori -quantitativi, qualitativi, di settore, integrati- Struttura del monitoraggio).

Valutazioni qualitative effettuate con l’ausilio di matrici in relazione a:

- potenziali effetti sull’ambiente da parte delle misure del P/P;

- incidenza delle aree di intervento in relazione agli scenari alternativi;

- processo di partecipazione e informazione;

Analisi di coerenza interna …………. ed esterna …………… prodotte all’interno del RA.



4.

Tipologie di indicatori (quantitativi, qualitativi, di settore, integrati)

…………………………………………………………………………………………..

5.

Procedura di approvazione del Piano con particolare riferimento alle modalità e forme della partecipazione




6.

Modalità e forme di partecipazione nella procedura di formazione, adozione e approvazione del P/P e nella gestione dello stesso




7.

Definizione degli obiettivi generali e livello di integrazione con gli obiettivi esterni al P/P

Il Programma d’Azione Nitrati promuove la razionalizzazione dell´uso in agricoltura dei composti azotati per prevenirne l’accumulo nel terreno. Le norme prevedono che i fertilizzanti distribuiti non eccedano i fabbisogni delle colture, sia per i concimi di sintesi che in caso di utilizzo di matrici organiche, quali i reflui zootecnici, sottratte ai vincoli della normativa sui rifiuti.

Obiettivo principale è la tutela della qualità delle acque superficiali e sotterranee.



8.

Modalità di aggiornamento

Il Programma d’Azione ha validità quadriennale

II livello

10.

Processo di attuazione, modalità di verifica del P/P;

4. Modalità di riorientamento delle misure;



Il Programma d’Azione prevede all’art.33 la definizione di opportuni sistemi di controllo e vernicia sulle modalità di utilizzazione agronomica degli effluenti d’allevamento secondo i criteri stabiliti dall’art. 30 del DM 7 Aprile 2006.

Lo stesso Programma d’Azione è soggetto a verifica d’efficacia ai sensi del Dm 7 Aprile 2006.



11.

Misure per l’attuazione degli obiettivi e modalità di riorientamento delle misure stesse





12.

Misure adottate in materia di informazione





Comparazione con il Progetto di Piano di Gestione (Autorità Bacino Po)

14.

Cfr criteri per la definizione degli obiettivi




15.

Cfr obiettivi generali e specifici




16.

Confronto sulle misure e Qualificazione in relazione al livello di coerenza




17.

……………………..




18.

…………………………




elenco: download
download -> “L’arte degna di questo nome non rende il visibile : ma dissuggella gli occhi sull’invisibile” P
download -> Lineamenti di Storia della Scultura del Novecento 20 Astrattismo. Pevsner, Naum Gabo, Tatlin, Rodcenko, Vantongerloo, e altri comprimari. Wassily Kandinsky Primo acquerello astratto, 1910, Coll. Priv
download -> Ci hai fatti per Te e inquieto è IL nostro cuore finché non riposa in te
download -> Concesio, venerdì 24 settembre 2010 – XI colloquio internazionale di Studio dell’Istituto Paolo VI saluto del Vescovo mons. Luciano Monari
download -> La Preistoria La nostra Terra si è formata 5 miliardi di anni fa. Pian piano sulla Terra sono nate le prime forme di vita: all’inizio si trattava solo di organismi monocellulari
download -> Excursus sulla sociologia dei sensi
download -> Sören kierkegaard
download -> Dei bambini (0-6 anni) Pastorale battesimale. Schede operative a cura degli Uffici Pastorali Brescia 2014 Introduzione
download -> La gerusalemme liberata


Condividi con i tuoi amici:
1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   47


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale