Romanticismo e Idealismo



Scaricare 85 Kb.
24.01.2018
Dimensione del file85 Kb.

Romanticismo e Idealismo


Kantismo e idealismo

L’idealismo si oppone radicalmente alla gnoseologia kantiana e propone una visione della realtà completamente alternativa. L’idealismo ha comunque in comune col pensiero di Kant l’interesse per il problema conoscitivo, l’attenzione al rapporto soggetto-oggetto, la volontà di individuare, a partire dalla propria interpretazione della realtà, il ruolo dell’uomo nel mondo.




L’importanza di Kant

Il punto di partenza dell’analisi idealistica sono dunque i concetti e le categorie kantiane, che vengono interpretate e, in parte, stravolte. Non è un caso che tutti i filosofi idealisti siano attenti conoscitori ed estimatori di Kant e che Fichte, in particolare, abbia, in giovane età, scritto un libello (Ricerca di una critica di ogni rivelazione) che i contemporanei ritenevano fosse opera dello stesso Kant.




Studiare l’idealismo

Non è possibile, quindi, padroneggiare adeguatamente la filosofia idealistica senza conoscere in maniera approfondita il pensiero kantiano. Poiché gli idealisti ricavano le loro principali categorie da un confronto col kantismo, è necessario ricordarne i concetti e le problematiche principali, per comprendere le riserve che ciascuno filosofo idealista mantiene verso la filosofia critica.




I punti deboli del kantismo

Prima ancora che Fichte inaugurasse l’idealismo, il pensiero di Kant era stato oggetto di acute analisi che ne mettevano in luce alcuni aspetti problematici. In particolare furono i lavori di tre accademici del tempo (Reinhold, Schulze, Mainon) che suggerirono ai futuri filosofi idealisti possibilità di approfondimento e, successivamente, di superamento, di particolari tematiche kantiane.




I concetti problematici della filosofia di Kant

I concetti kantiani che creavano maggiore incertezza fra gli studiosi erano quelli di noumeno e di Io-penso. Il primo poneva dei limiti invalicabili alla conoscenza umana e, soprattutto, insinuava il dubbio che la conoscenza umana non corrispondesse alla realtà nella sua effettiva costituzione. Per quanto concerne l’Io-penso, Kant stesso, nel suo modificare le proprie posizioni dalla prima alla seconda edizione della Critica della ragion pura [cfr. cap. 1., p.17], aveva generato diversi dubbi: come poteva l’Io-penso essere una pura funzione logica e, nello stesso tempo, fondare il senso d’identità del soggetto?




Illuminism e romanticismo

Tali difficoltà acquistarono maggiore rilevanza con il diffondersi della cultura romantica, che si contrapponeva alla precedente cultura illuministica, di cui Kant era stato il massimo rappresentante. Il romanticismo, nella sua religiosa tensione verso l’assoluto, rifiutava il concetto di limite conoscitivo e diffidava dell’approccio analitico della ragione.


Conviene, prima di proseguire, sintetizzare alcuni aspetti particolari della filosofia del romanticismo, per evidenziare, successivamente, i condizionamenti esercitati sull’idealismo.



LA FILOSOFIA ROMANTICA


Le ragioni filosofiche del romanticismo

Bisogna innanzitutto sfatare il luogo comune che interpreta il romanticismo come una reazione di carattere irrazionalistico-religioso all’esigenza di ordine intellettuale avanzata dall’illuminismo. La filosofia romantica, invece, intende affrontare in maniera altrettanto rigorosa il problema della realtà e della verità e, dal suo punto di vista, ha delle ragionevoli obiezioni da opporre al kantismo. In questa sede è per noi opportuno chiarire proprio i motivi di tale critica, che si ritroveranno quasi immutati nelle filosofie idealistiche.




Il kantismo e la verità

Il concetto di noumeno, nella filosofia di Kant, pone in serio dubbio la possibilità dell’uomo di cogliere con verità il reale. La conoscenza intellettuale, infatti, ottenuta attraverso l’applicazione delle categorie al molteplice sensibile, pur se esatta e coerente, non corrisponde necessariamente alla realtà nella sua vera essenza. La nostra conoscenza, infatti, è solo il risultato di un’interpretazione effettuata dalle categorie sul fenomeno; se tale risultato corrisponda al dato reale, è questione che l’intelletto umano, secondo Kant, non può risolvere.




Esito scettico del kantismo
Si ricordi lo schema proposto nel capitolo dedicato a Kant:

-_

S--------------------_O O



-
Come si ricorderà, la conoscenza della realtà in sé è negata all’uomo in quanto, per possederla, egli dovrebbe conoscere senza le categorie, il che è impossibile. La realtà noumenica rappresenta, allora, il limite di qualsiasi conoscenza umana. D’altra parte, però, ciò che l’uomo conosce nei limiti che la natura ha stabilito, non è detto sia la verità, perché il noumeno -la cosa in sé- potrebbe non corrispondere alla fenomeno. Il kantismo ha dunque un esito scettico, in quanto non è in grado di stabilire se ciò che dichiara conoscibile sia poi corrispondente alla realtà.


La risposta dei romantici

La filosofia romantica ha dunque, dal suo punto di vista, ragione ad affermare che il kantismo non risolve affatto il problema della verità: difatti la ragione, che dovrebbe, in limiti stabiliti, offrirci una conoscenza certa, in effetti non può confermarci la verità della sua interpretazione del reale.




I limiti della ragione illuministica

I romantici manifestano dubbi sulla validità della ragione, quale teorizzata dalla cultura illuministica. La ragione, infatti, è per sua stessa natura portata a dividere, sezionare, analizzare nei dettagli, mentre la realtà è sempre un’unità di relazioni, una somma di parti. Di conseguenza, la ragione può essere un utile strumento pratico ma non può pretendere di cogliere la vera realtà poiché, per farlo, è necessario uno sguardo sintetico e non analitico.




Una nuova forma di conoscenza

La ragione dunque è ingannevole, poiché altera la realtà e non coglie la sua essenza; bisogna allora trovare un nuovo modo di conoscere e di individuare la verità. Si dissolve così lo scetticismo kantiano, che ritiene impossibile comprendere la cosa in sé poiché bisogna conoscerla al di fuori delle categorie:

il problema non esiste più, in quanto non è più la ragione deputata a comprendere la verità.

Riprendendo lo schema di prima, potremmo così sintetizzare:


_-

S----------------------O

-_




Il sentimento e l’arte

Il sentimento rappresenta l’esperienza spirituale capace di intuire la verità universale, di cogliere l’unità spirituale del mondo evitando l’artificiale frazionamento della realtà prodotto dalla ragione. Il sentimento si esplica in particolare nell’esperienza estetica, in cui il fenomeno non viene esaminato secondo una logica scientifica, ma colto nella sua unità spirituale e nella sua relazione con il resto dell’universo.




L’arte e la scienza

L’esperienza estetica si contrappone dunque a quella scientifica e -contrariamente al nostro senso comune- si dimostra in grado di cogliere la verità, al contrario della scienza, la cui immagine del mondo è falsa, in quanto frutto di una separazione artificiale tra i fenomeni a scapito di una loro comprensione universale. La scienza è così dequalificata a strumento puramente pratico, mentre l’arte è la più alta forma di conoscenza umana.




La posizione del romanticismo

Questa superiorità gnoseologica dell’arte sulla scienza può sorprenderci, abituati a considerare l’ambito artistico proprio della creatività e della fantasia e quello scientifico oggettivo e corrispondente ai dati di fatto. La posizione dei romantici sembra certamente singolare ma è importante capire come la loro intenzione non era quella di rifugiarsi nell’arte e nella fantasia, una volta falliti i programmi conoscitivi della ragione; bensì quella di proporre una convinzione gnoseologica alternativa e risolvere quel problema della verità che il kantismo aveva lasciato in sospeso.




Il sentimento non si manifesta in tutti gli uomini

Il sentimento, quale facoltà privilegiata dell’uomo in grado di accedere alla verità, ha caratteristiche affatto diverse dall’intelletto kantiano; questo era comune a tutti gli uomini e anche l’individuo meno dotato lo applicava per poter conoscere il mondo. Il sentimento, invece, è la capacità di cogliere l’unità spirituale della realtà al di là delle apparenze sensibili e, di conseguenza, non tutti gli uomini sono in grado di esercitarlo.




Il genio

Solamente un individuo di straordinaria sensibilità, superiore a quella della gente comune, è in grado di andare al di là del mero dato sensibile per cogliere l’universalità, lo spirito unitario che comprende in sé tutti i fenomeni. Tale individuo è il genio.




L’infinito

La centralità del concetto di infinito nella cultura romantica è una conseguenza del rifiuto dei limiti della ragione: la possibilità di penetrare, attraverso il sentimento, la realtà in sé permette all’uomo di cogliere l’universalità del reale, senza tener conto dell’ordine e della misura.




Il finito e l’infinito

L’intero pensiero romantico è caratterizzato da una tensione continua tra la dimensione del finito e quella dell’infinito: il singolo soggetto cerca di rapportarsi e penetrare nell’infinità, superando i suoi limiti naturali ma, a volte, sperimenta la propria inadeguatezza. Concetti tipici della cultura romantica, quali l’individualismo, il titanismo, una visione sia pessimistica sia ottimistica della vita, si motivano proprio sulla base di questa continuo tentativo di

risolvere il proprio sé finito nell’infinità della natura.


Romanticismo e idealismo

Questa tensione tra finito e infinito è, probabilmente, il carattere della cultura romantica che, in maniera più visibile, è stato ripreso dalla filosofia idealistica.




La natura e il panteismo

Coerentemente a quanto esposto, i romantici considerano la natura come un’unità organica e evitano l’approccio analitico della scienza. Quando non rifiutano pregiudizialmente la scienza, prediligono le discipline di carattere qualitativo (la chimica, il magnetismo) piuttosto che quantitativo.

La natura è spesso divinizzata, proprio perché è colta come unità spirituale; questa concezione panteistica sarà ripresa dalla filosofia idealistica.


Contributi del romanticismo alla storia della scienza

Con la cultura romantica la fiducia nel progresso scientifico sembra entrare in crisi, almeno rispetto all’epoca illuministica. Eppure il romanticismo ha il merito di avere interrotto quella fiducia ingenua nel progresso tecnologico e di avere individuato ambiti dell’esperienza umana inaccessibili all’approccio quantitativo. Questa posizione, piuttosto che portare a un cedimento della ricerca scientifica, ha favorito l’esplorazione di altre metodologie di ricerca (in particolare in ambito psicologico). La predilezione dei romantici per le discipline di tipo qualitativo, ha contribuito alla crisi del meccanicismo e della fisica classica e ha favorito uno straordinario progresso nel campo della ricerca fisica.




La storia

Il romanticismo propone anche una particolare concezione della storia, che condizionerà fortemente il pensiero idealistico. Poiché i romantici intendono evitare una visione frammentaria del reale, anche in ambito storico cercano una dimensione universalistica: nella storia si manifesta, così, una spiritualità universale, che guida i singoli popoli a realizzare determinati valori spirituali.




L’IDEALISMO


Caratteri generali dell’idealismo

Prima di affrontare in modo specifico il pensiero di Fichte, conviene precisare alcune caratteristiche generali della filosofia idealistica, proprie anche degli autori che si studieranno successivamente. Questo permetterà di comprendere meglio le singole riflessioni dei diversi filosofi.




Critica a Kant

Il punto di partenza dell’idealismo è il radicale rifiuto della gnoseologia kantiana. Seguendo i primi critici di Kant e influenzati dalla cultura romantica, i filosofi idealisti individuano nel noumeno il fallimento del tentativo kantiano di risolvere il problema della conoscenza. Ritengono sia totalmente da respingere

una facoltà conoscitiva con così grandi limiti e incapace, fra l’altro, di garantire la verità.


Rifiuto del dualismo kantiano

Per superare però la difficoltà rappresentata dal noumeno, è necessario rifiutare il “dualismo kantiano”, ossia la considerazione separata di soggetto e oggetto. Secondo Kant, infatti, la realtà del soggetto e quella dell’oggetto sono separate e diverse fra loro; entrano in comunicazione attraverso la sensazione, i cui dati sono interpretati dalle categorie dell’intelletto.




Unità della rappresentazione

Al dualismo kantiano i filosofi idealisti contrappongono l’idea che, nell’esperienza della rappresentazione, il soggetto e l’oggetto non siano fra loro separati, ma costituiscano anzi un’unità inscindibile. Non vi è nulla di ciò che consideriamo reale che non comporti l’unità di soggetto e oggetto: nessun soggetto può infatti concepirsi se non in rapporto a un oggetto da lui percepito; un oggetto si può dire reale solamente perché conosciuto da un soggetto. La natura propria dell’oggetto, infatti, è quella di poter essere percepito da un soggetto.




Unità di soggetto-oggetto

La vera realtà non è dunque costituita da due entità separate che si incontrano in determinate circostanze, ma è la loro unità inscindibile. Soggetto e oggetto è come se fossero due poli di un unico essere. Modificando lo schema che abbiamo già illustrato nel capitolo su Kant, la visione idealistica potrebbe essere così sintetizzata.




L’idea

Quest’unica realtà, di cui soggetto e oggetto non sono che delle parti, è la totalità del mondo, l’universalità in cui è compreso tutto l’essere. Qualsiasi realtà particolare non può che esistere al suo interno. La totalità non può però essere una realtà materiale ma, invece, spirituale (l’idea), in quanto la materia è divisa e frammentata al suo interno e non può riassumere in sé tutte le determinazioni particolari.




Definizione di idealismo

L’idealismo è dunque quella corrente filosofica che concepisce la realtà come una totalità spirituale (idea), che comprende tutte le determinazioni particolari. La realizzazione dell’idea rappresenta, di conseguenza, lo scopo dell’agire di tutti gli essere determinati.




Differenze fra gli idealisti

Quanto abbiamo detto è comune ai diversi pensieri dell’idealismo. Le differenze fra i diversi filosofi che si studieranno si manifestano nella particolare concezione dell’idea e, soprattutto, del modo in cui le determinazioni finite si rapportano a tale infinito.




L’idealismo e la religione

La filosofia idealistica mantiene un rapporto molto ambiguo con la cultura religiosa. Da una parte, criticando la cultura illuministica e ponendo a fondamento del mondo una realtà spirituale, è in un primo momento salutata con favore dagli intellettuali religiosi. Nello stesso tempo, però, l’idea, poiché è elaborata concettualmente, si identifica fatalmente con il ruolo assegnato alla divinità e costituisce, per la cultura religiosa, una pericolosa laicizzazione di un

principio sacro.


Licenziamento di Fiche

Non è un caso che Fichte sarà allontanato dall’insegnamento universitario con l’accusa di ateismo e che Fichte e Schelling, nella seconda fase della loro attività, avvertiranno l’esigenza di interpretare secondo criteri più religiosi i loro principi filosofici. Vedremo che proprio il conflitto fra idealismo e religione

condurrà al superamento di questa corrente filosofica.


Difficoltà dell’idealismo

L’idealismo è una filosofia particolarmente complessa, in quanto afferma l’esistenza di un principio astratto di cui ogni cosa farebbe parte. La realtà più autentica sarebbe quindi per noi inconoscibile, mentre la nostra stessa realtà, che ci sembra così evidente, sarebbe relativa all’esistenza di tale idea. Questa valutazione sembra contraddire il nostro senso comune, insieme al principio che

è la realtà spirituale a generare quella materiale.


E’ il pensiero a produrre la materia

In effetti, secondo gli idealisti, non è la materia a precedere la dimensione dello spirituale, ma è il pensiero a dare origine agli esseri materiali. Di conseguenza, la filosofia idealistica assume un carattere fortemente concettuale e astratto che risulta, a una prima lettura, di difficile comprensione; molto spesso gli studenti cercano di comprendere, dal punto di vista fattuale, la possibilità di questa produzione dallo psichico al materiale e, non riuscendovi, si dichiarano incapaci

a comprendere questa filosofia.


Come studiare l’idealismo

Il nostro consiglio è quello di non sforzarsi a comprendere l’idea come se fosse una realtà concreta in quanto, anche se gli idealisti la considerano reale, rimane comunque un concetto. Conviene accettare passivamente, e in forma un po’ dogmatica, questa convinzione della superiorità dell’idea infinità sulle realtà finite e del pensiero sulla materia. Accettando come dati di fatto queste conclusioni e lavorando con i concetti che ne derivano, si inizierà a comprendere ciò che si è accettato passivamente. Non per questo si condividerà la filosofia idealistica, ma se ne capiranno i fondamenti filosofici.




Citazioni di autori romantici commentati in classe
“Il pensiero è soltanto un sogno del sentimento.” (Novalis)
“Quando in cotesto sentire ti senti veramente felice,

chiamalo pure allora come vuoi:

chiamalo felicità, cuore, amore, Dio.

Per questo io non ho nome alcuno.

Sentimento è tutto!

La parola è soltanto suono e fumo…”


“Soltanto un artista può indovinare il senso della vita” (Novalis)
“Il poeta comprende la natura meglio che lo scienziato” (Novalis)
“Il filosofo poeta, il poeta filosofo, è un profeta” (Schlegel)
“Il senso per la poesia ha molto in comune con il senso per il misticismo…Rappresenta

l’ irrappresentabile, vede l’ invisibile, sente il non sensibile” (Novalis)


“La poesia romantica è ancora in divenire…essa sola è infinita, come essa sola è libera, e riconosce come sua legge prima questa: che l’ arbitrio del poeta non soffre legge alcuna” (Schlegel)
“La musica mi appare come l’ araba fenice, che, leggera e ardita, s’innalza a volo…e con lo slancio delle ali rallegra gli dei e gli uomini…ora l’ arte dei suoni è per me proprio come il simbolo della nostra vita: una commovente breve gioia, che s’ alza e s’ inabissa, non si sa perché; un’ isola piccola, lieta, verde, con splendore di sole, con canti e suoni…”
“La musica è la più romantica di tutte le arti, il suo tema è l’ infinito, essa è il misterioso sanscrito della natura espresso in suoni, che riempie di infinito desiderio il petto dell’ uomo, il quale solo in essa intende il sublime canto degli alberi, dei fiori, degli animali, delle pietre, delle acque!” (E.T.A. Hoffmann)
“La musica è la più romantica di tutte le arti, si potrebbe quasi dire che essa sola è romantica, poiché solo l’ infinito è il suo tema” (E.T.A. Hoffmann)
“La musica di Beethoven…risveglia quel desiderio infinito che è l’ assenza del romanticismo” (E.T.A. Hoffmann)
“O voi che cercate il sommo bene nella profondità della scienza, nel tumulto dell’ azione,

nell’ oscurità del passato, nel labirinto del futuro, nelle fosse e sopra le stelle, sapete voi il suo nome? Il suo nome è bellezza!”


“Vita e amore significano la stessa cosa…C’è tutto nell’ amore: amicizia, cordialità, sensualità e anche passione…e l’un elemento lenisce e rinforza, anima ed accresce l’ altro, viviamo ed amiamo fino all’ annientamento. Soltanto l’ amore ci rende uomini veri e perfetti, esso solo è la vita della vita” (Schlegel)
“La vera vita è amore: come amore ha e possiede la cosa che ama, l’ abbraccia, la penetra, è unita e fusa in essa” (Fitche)
“Per noi, o Amore, tu sei l’ alfa e l’ omega” (Schleiermacher)
“ Dobbiamo immaginarci l’ età dell’ oro come quella in cui amore e genio erano universalmente diffusi” (Schlegel)
“L’ amore è lo scopo finale della storia del mondo, l’ amen dell’ universo” (Novalis, frammenti)

“Natura! -esclama il poeta. -Noi siamo da essa circondati e avvinti, senza poter da essa uscire

e senza poter entrare in essa più profondamente. Non invitati e non avvertiti, essa ci prende nel giro della sua danza e ci attrae nel vortice, finché, stanchi, cadiamo nelle sue braccia. -Essa crea eternamente nuove forze: ciò ch'è ora non era ancora, ciò che era non torna; tutto è nuovo, e

nondimeno è sempre antico. -Noi viviamo nel mezzo di essa, e le siamo estranei. Essa parla

incessantemente con noi, e non ci palesa il suo segreto. Noi operiamo costantemente su di essa, e tuttavia non abbiamo su di essa nessun potere. -Pare che la natura tutto abbia indirizzato verso l'individualità, eppure non sa che farsene degl'individui, Artista incomparabile, senza apparenza di sforzo passa dalle opere più grandi alle minuzie più esatte. E ognuna delle sue opere ha una propria esistenza, ognuna delle sue manifestazioni un proprio concetto; ma nel tempo stesso tutto è uno. -

V'è una vita eterna, un divenire e un moto incessante in essa, ma nel suo complesso non si espande. -Anche l'innaturale è natura: chi non la vede dovunque, non la vede veramente in nessuna parte. O , -Essa si compiace dell'illusione, e punisce come un tiranno chi la distrugge in sé e negli altri, mentre stringe come un figlio al suo cuore chi l’ asseconda. – I suoi figli sono innumerevoli. Verso nessuno è avara, ma ha i suoi preferiti, ai quali prodiga molto e molto sacrifica. – Essa fa uscire le sue creature dal nulla, e non dice loro donde vengono e dove vanno: esse debbono soltanto camminare; lei sola sa la via. – Il suo teatro è sempre nuovo, perché essa crea sempre nuovi spettatori. La vita è la sua più bella invenzione, e la morte è il suo artifizio per avere più vita. – Essa dà bisogni, perché ama il movimento, ed è mirabile vedere con che scarsi mezzi riesca ad ottenere tanto moto. -Essa non ha lingua né parla, ma crea lingue e cuori, mediante i quali parla e sente, La sua corona è l'amore: e solo con questo ci si avvicina ad essa, - È intera, e nondimeno è sempre incompiuta. Non conosce passato e futuro; il presente è la sua eternità».


Ma tu ancora risplendi o sole del cielo e tu ancora sei verde o santa terra; ancora scorrono i fiumi verso il mare e nel meriggio frusciano gli alberi ombrosi.

Il canto voluttuoso della primavera invita al sonno i miei pensieri mortali. La pienezza del mondo vibrante di vita nutre e sazia di ebbrezza il mio povero essere.

O natura santa! lo non so cosa mi avvenga quando alzo i miei occhi dinnanzi alla tua bellezza, ma tutta la gioia del cielo è nelle lacrime che piango innanzi a te, come l'amante alla presenza

dell' amata.

Tutto il mio essere ammutolisce e si tende, quando il soffio delicato dell'aria gioca sul mio petto. Perduto nell'azzurro sconfinato, io volgo spesso il mio sguardo in alto, verso l'etere e in basso nel sacro mare ed è come se uno spirito affine mi aprisse le braccia, come se il dolore della solitudine si dissolvesse nella vita degli dei.

Essere uno col tutto, questa è la vita degli dei, questo è il cielo dell’ uomo.

Essere uno con tutto ciò che ha vita, fare ritorno, in una beata dimenticanza di sé, nel tutto della

natura: ecco il vertice dei pensieri e delle gioie, la sacra vetta del monte, il luogo della quiete perenne, dove il meriggio perde la calura e il tuono perde la sua voce; dove il mare ribollente somiglia all'ondeggiare di un campo di spighe.



Citazioni di autori romantici non commentati in classe da rielaborare autonomamente
“Tutta la storia della poesia moderna è un continuo commento al breve testo della filosofia… poesia e filosofia debbono essere unite” (Schlegel)
da Goethe, Faust (parte prima, vv. 3453 – 3457):

Quando in cotesto sentire ti senti veramente felice,



chiamalo pure allora come vuoi:

chiamalo felicità, cuore, amore. Dio.

Per questo io non ho nome alcuno.

Sentimento è tutto!

La parola è soltanto suono e fumo….”
citazioni di Novalis:

“Soltanto un artista può indovinare il senso della vita”

“Il filosofo poeta, il poeta filosofo, è un profeta”

Il senso della poesia ha molto in comune col senso per il misticismo…. Rapprsenta l’irrappresentabile, vede l’invisibile, sente il non sensibile”


“Oh, questo interminabile monotono giro di giorni e di notti…. tutta la vita dell’uomo, tutta la vita dell’intero universo, non è altro che un interminabile giuoco di scacchi su due campi: bianco e nero; giuoco nel quale nessuno vince se non l’infausta morte… tutto questo potrebbe in certe ore far perdere la testa! E invece ci si deve sostenere con braccia coraggiose in mezzo al caos delle rovine, nel quale la nostra vita e sminuzzata, e attaccarci fortemente all’arte, alla grande, alla duratura arte, che, al di sopra di ogni caos, attinge l’eternità – l’arte che dal cielo ci porge una mano luminosa, così che noi stiamo sospesi in ardita posizione, sopra un abisso deserto, fra cielo e terra.” (Wackenroder)
da Holderlin, Hyperion:

“ voi che cercate il sommo bene nella profondità della scienza, nel tumulto dell’azione, nell’oscurità del passato, nel labiritno del futuro, nelle fosse e sopra le stelle, sapete voi il suo nome? il suo nome è bellezza!”

“Ma tu ancora risplendo o sole del cielo e tu ancora sei verde o santa terra; ancora scorrono i fiumi verso il mare e nel meriggio frusciano gli alberi ombrosi.



Il canto voluttuoso della primavera invita al sonno i miei pensieri mortali. La pienezza del mondo vibrante di vita nutre e sazia di ebbrezza il mio povero essere.

O natura santa! Io non so cosa mi avvenga quando alzo i miei occhi dinnanzi alla tua bellezza, ma tutta la gioia del cielo è nelle lacrime che piango innanzi a te, come l’amante alla presenza dell’amata.



Tutto il mio essere ammutolisce e si tende, quando il soffio delicato dell’aria gioca sul mio petto. Perduto nell’azzurro sconfinato, io volgo spesso il mio sguardo in alto, verso l’etere e in basso nel sacro mare e d è come se uno spirito affine mi aprisse le braccia, come se il dolore della solitudine si dissolvesse nella vita degli dei.

Essere uno col tutto, questa è la vita degli dei, questo è il cielo dell’uomo.

Essere uno con tutto ciò che ha vita, fare ritorno, in una beata dimenticanza di sé, nel tutto della natura: ecco il vertice dei pensieri e delle gioie, la sacra vetta del monte, il luogo della quiete perenne, dove il meriggio perde la calura e il tuono perde la sua voce; dove il mare ribollente somiglia all’ondeggiare di un campo di spighe.”
“Sicuri, come il fiore vive di luce, così vivono della bella immagine, paghi, sognando e felici, e di null’altro ricchi, i poeti” (Holderlin)
“Il poeta o è natura o la cercherà” (Schiller)
Copri il tuo cielo, Giove,

col vapor delle nubi!

E la tua forza esercita,

come il fanciullo che svetta i cardi,

sulle querce e sui monti!

Ché nulla puoi tu

contro la mia terra,

contro questa capanna,

che non costruisti,

contro il mio focolare,

per la cui fiamma tu

mi porti invidia.
Io non conosco al mondo

nulla di più meschino di voi, o dei.

Miseramente nutrite

d’oboli e preci

le vostre maestà

ed a stento vivreste,

se bimbi e mendichi

non fossero pieni

di stolta sapienza.
Quando ero fanciullo

e mi sentivo perduto,

volgevo al sole gli occhi smarriti,

quasi vi fosse lassù

un orecchio che udisse il mio pianto,

un cuore come il mio

che avesse pietà dell’oppresso.
Chi mi aiutò

contro la tracotanza dei Titani?

Chi mi salvò da morte,

da schiavitù?

Non ha tutto compiuto tu,

sacro cuore ardente?

E giovane e buono, ingannato,

il tuo fervore di gratitudine rivolgevi

a colui che dormiva lassù?
Io renderti onore? E perché?

Hai mai lenito i dolori

di me ch’ero afflitto?

Hai mai calmato le lacrime

di me ch’ero in angoscia?
Non mi fecero uomo

il tempo onnipotente

e l’eterno destino,

i miei e i tuoi padroni?
Credevi tu forse

che avrei odiato la vita,
che sarei fuggito nei deserti

perché non tutti i sogni

fiorirono della mia infanzia?
Io sto qui e creo uomini

a mia immagine e somiglianza

una stirpe simile a me,

fatta per soffrire e per piangere,

per godere e gioire

e non curarsi di te,

come me”.

[da Goethe, Prometeo]


“Tutto ciò che è in me e fuori di me è soltanto il geroglifico di una forza che mi è affine. Le leggi della natura sono i segni cifrati che l’Essere pensante ha combinato allo scopo di rendersi comprensibile all’essere pensante.

Se vuoi convincertene, cerca all’indietro. A ogni stato dell’anima umana corrisponde una qualche immagine della creazione fisica, immagine con cui esso viene designato; e ad attingere da questo ben fornito deposito sono stati anche i pensatori più astratti, non soltanto gli artisti e i poeti. Un’attività piena di animazione viene da noi detta fuoco; il tempo è una corrente che trascina con sé; l’eternità è un circolo; un segreto si nasconde nel buio di mezzanotte, e la verità ha sede nel sole. Anzi, io comincio a credere che perfino il destino futuro dello spirito umano sia preannunciato nell’oscuro oracolo della creazione corporea. L’avvento di ogni primavera, che fa uscire dal grembo della terra i germogli delle piante, mi dà elementi per interpretare quell’imbarazzante enigma che è la morte, e confuta l’incubo angoscioso che è per me il sonno eterno. La rondine che d’inverno troviamo intirizzita, e che in marzo vediamo rianimarsi, il morto bruco che, rinato, torna a levarsi nell’aria come farfalla, ci offrono una pertinente allegoria della nostra immortalità….”






Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale