Rousseau (Contratto sociale) Prof. Michele de Pasquale



Scaricare 127.5 Kb.
26.01.2018
Dimensione del file127.5 Kb.


ROUSSEAU (Contratto sociale)


l'esigenza di salvaguardare la spontaneità e l'autonomia dei singoli soggetti permea il Contratto sociale, l'opera in cui Rousseau polemizza fortemente contro la struttura politica dello stato autoritario

  • l'esigenza di salvaguardare la spontaneità e l'autonomia dei singoli soggetti permea il Contratto sociale, l'opera in cui Rousseau polemizza fortemente contro la struttura politica dello stato autoritario

  • gli uomini allo stato di natura, contrariamente a quanto sostenuto da Hobbes, sono liberi e buoni, e se rinunciano a questa loro condizione e danno vita ad un organismo politico qual è lo stato, non rinunciano automaticamente alla loro libertà



la decisione di dar vita ad una società nasce quando gli uomini avvertono la necessità che le forze di ognuno di loro nello stato di natura non sono piú sufficienti ad abbattere tutti gli ostacoli che mettono in pericolo la loro sopravvivenza

  • la decisione di dar vita ad una società nasce quando gli uomini avvertono la necessità che le forze di ognuno di loro nello stato di natura non sono piú sufficienti ad abbattere tutti gli ostacoli che mettono in pericolo la loro sopravvivenza

  • decidono allora di stipulare tra loro un contratto sociale, di trovare una forma di associazione che difenda e protegga con tutta la forza comune la persona e i beni di ogni associato, e per la quale ciascuno, unendosi a tutti gli altri, non obbedisca che a se stesso e resti libero come prima



l’ordine sociale è un ordine convenzionale, non naturale

  • l’ordine sociale è un ordine convenzionale, non naturale

  • “ L'uomo è nato libero, ma in ogni luogo egli è in catene. Anche chi si crede padrone degli altri, non cessa tuttavia d'essere più schiavo di loro. Come mai è avvenuto questo cambiamento? Lo ignoro. Che cosa può renderlo legittimo? Credo di poter risolvere questo problema. (...)

  • La società più antica di tutte e l'unica naturale è quella della famiglia: tuttavia i figli non restano legati al padre se non fino a quando ne hanno bisogno per la loro conservazione. Non appena tale bisogno cessa, il legame naturale si scioglie. I figli sono liberati dall'obbedienza che dovevano al padre, il padre è sciolto dalle cure che doveva ai figli; tutti rientrano a parità di condizioni nell'indipendenza. Se costoro continuano a restare uniti, non si tratta più di un'unione naturale, ma di un'unione volontaria; dal che si ricava che la famiglia stessa non si conserva che in base a un accordo. Questa comune libertà è una conseguenza della natura dell'uomo. La sua prima legge è quella di curare la propria conservazione, le prime cure sono quelle dovute a se stesso; non appena tale uomo arriva all'età della ragione, essendo egli solo il giudice dei mezzi adatti alla propria conservazione, diventa perciò signore di se stesso. %



La famiglia è dunque, se si vuole, il primo modello delle società politiche: in queste il capo riproduce l'immagine del padre, il popolo quella dei figli, e tutti, essendo nati uguali e liberi, non cedono la loro libertà se non per la loro utilità. La differenza fondamentale consiste nel fatto che, nella famiglia, l'affetto che il padre porta ai suoi figli ricompensa costui delle cure che egli si prende di loro, mentre, nello stato, il piacere del comando supplisce a questo amore che il capo non ha per i suoi popoli. (...)

  • La famiglia è dunque, se si vuole, il primo modello delle società politiche: in queste il capo riproduce l'immagine del padre, il popolo quella dei figli, e tutti, essendo nati uguali e liberi, non cedono la loro libertà se non per la loro utilità. La differenza fondamentale consiste nel fatto che, nella famiglia, l'affetto che il padre porta ai suoi figli ricompensa costui delle cure che egli si prende di loro, mentre, nello stato, il piacere del comando supplisce a questo amore che il capo non ha per i suoi popoli. (...)

  • (...) Nel caso in cui degli uomini sparsi vengano successivamente asserviti a uno solo, qualunque possa essere il loro numero, io non vedo che un padrone e degli schiavi, non vedo per nulla un popolo e un capo: si tratta, se volete, di un'aggregazione, non di una associazione: non vi è né bene pubblico, né corpo politico. Se un tal uomo avesse sottomesso anche la metà del mondo, egli resterebbe sempre un privato, il suo interesse, separato da quello degli altri, è soltanto un interesse privato. Se questo uomo viene a morire, il suo impero, dopo di lui, finisce in frantumi e senza legami, così come una quercia si dissolve e cade in un mucchio di cenere, distrutta dal fuoco che l' ha consumata. (...)”

  • (Rousseau, Contratto sociale,libro I capp. 1,2,5)



bisogna trovare una forma di associazione che difenda la persona ma lo lasci libero:

  • bisogna trovare una forma di associazione che difenda la persona ma lo lasci libero:

  • con il patto si realizza un’alienazione totale a tutta la comunità

  • il soggetto diventa membro di un io comune, non si sottomette ad una volontà estranea ma ad una volontà comune che riconosce come propria



"Trovare una forma di associazione che difenda e protegga le persone e i beni degli associati sfruttando al massimo la forza comune, associazione nella quale ogni uomo, pur unendosi a tutti gli altri, non obbedisca che a se stesso e resti libero come prima". Questo è il problema fondamentale di cui il contratto sociale offre la soluzione. Le clausole di questo contratto sono talmente determinate dalla natura dell'atto, che la minima modificazione le renderebbe vane e di nessun effetto, sicché, anche se tali clausole non fossero mai state formalmente enunciate, esse sono dovunque le stesse, dovunque tacitamente ammesse e riconosciute, fino a quando - nel caso che il patto sociale venisse violato - ciascuno rientri nei suoi diritti originari e riprenda la propria libertà naturale, perdendo quella libertà contrattuale per la quale aveva rinunciato alla prima. Queste clausole, ben interpretate, si riducono tutte ad una sola, e cioè alla cessione totale di ogni associato con tutti i suoi diritti alla comunità tutta; poiché ciascuno dona l'intero se stesso, la condizione essendo uguale per tutti, nessuno ha interesse di renderla più pesante per gli altri. Essendo inoltre tale cessione fatta senza riserve, l'unione che ne risulta è la più perfetta possibile e nessun associato ha alcunché da reclamare, infatti, se restasse qualche diritto ai singoli, dato che non vi è nessun superiore comune che possa decidere tra costoro e la collettività, ciascun uomo, potendo essere in qualche caso il suo stesso giudice, pretenderebbe di esserlo per ogni fattispecie che lo riguardasse; in tal caso lo stato di natura sussisterebbe e l'associazione diverrebbe di necessità o tirannica o inutile. %

  • "Trovare una forma di associazione che difenda e protegga le persone e i beni degli associati sfruttando al massimo la forza comune, associazione nella quale ogni uomo, pur unendosi a tutti gli altri, non obbedisca che a se stesso e resti libero come prima". Questo è il problema fondamentale di cui il contratto sociale offre la soluzione. Le clausole di questo contratto sono talmente determinate dalla natura dell'atto, che la minima modificazione le renderebbe vane e di nessun effetto, sicché, anche se tali clausole non fossero mai state formalmente enunciate, esse sono dovunque le stesse, dovunque tacitamente ammesse e riconosciute, fino a quando - nel caso che il patto sociale venisse violato - ciascuno rientri nei suoi diritti originari e riprenda la propria libertà naturale, perdendo quella libertà contrattuale per la quale aveva rinunciato alla prima. Queste clausole, ben interpretate, si riducono tutte ad una sola, e cioè alla cessione totale di ogni associato con tutti i suoi diritti alla comunità tutta; poiché ciascuno dona l'intero se stesso, la condizione essendo uguale per tutti, nessuno ha interesse di renderla più pesante per gli altri. Essendo inoltre tale cessione fatta senza riserve, l'unione che ne risulta è la più perfetta possibile e nessun associato ha alcunché da reclamare, infatti, se restasse qualche diritto ai singoli, dato che non vi è nessun superiore comune che possa decidere tra costoro e la collettività, ciascun uomo, potendo essere in qualche caso il suo stesso giudice, pretenderebbe di esserlo per ogni fattispecie che lo riguardasse; in tal caso lo stato di natura sussisterebbe e l'associazione diverrebbe di necessità o tirannica o inutile. %



(...) Infine, poiché ciascuno si dà a tutti, non si dà a nessuno in modo particolare, e, poiché non vi è un associato sul quale ciascuno non acquisti lo stesso diritto che egli gli cede, si guadagna sempre l'equivalente di ciò che si perde e in più un aumento di forza per conservare quello che si ha. Se dunque si leva al patto sociale ciò che non gli è essenziale, si troverà che lo si può ridurre ai seguenti termini: "Ciascuno di noi mette in comune la propria persona e ogni potere sotto la suprema direzione della volontà generale; e noi riceviamo ogni membro come parte indivisibile del tutto". Immediatamente in luogo della persona singola di ciascun contraente, questo atto di associazione produce un corpo morale collettivo, composto di tanti membri quanti sono gli aventi diritto al voto dell'assemblea, il quale proprio attraverso questo atto riceve la sua unità, il suo "io" comune, la sua vita e la sua volontà. Questa persona pubblica che si forma attraverso l'unione di tutte le altre si chiamava una volta città e ora si chiama repubblica o corpo politico; questo a sua volta vien detto dai suoi membri stato quando è passivo, sovrano quando è attivo, potenza nei rapporti coi suoi simili. Per quanto riguarda gli associati essi collettivamente prendono il nome di popolo, mentre singolarmente si dicono cittadini in quanto partecipi della autorità sovrana e sudditi in quanto soggetti alle leggi dello stato. Ma questi termini si confondono spesso e si prendono l'uno per l'altro: basta saper distinguerli quando sono impiegati in tutta la loro precisione.” (Rousseau, Contratto sociale libro I cap. 6)

  • (...) Infine, poiché ciascuno si dà a tutti, non si dà a nessuno in modo particolare, e, poiché non vi è un associato sul quale ciascuno non acquisti lo stesso diritto che egli gli cede, si guadagna sempre l'equivalente di ciò che si perde e in più un aumento di forza per conservare quello che si ha. Se dunque si leva al patto sociale ciò che non gli è essenziale, si troverà che lo si può ridurre ai seguenti termini: "Ciascuno di noi mette in comune la propria persona e ogni potere sotto la suprema direzione della volontà generale; e noi riceviamo ogni membro come parte indivisibile del tutto". Immediatamente in luogo della persona singola di ciascun contraente, questo atto di associazione produce un corpo morale collettivo, composto di tanti membri quanti sono gli aventi diritto al voto dell'assemblea, il quale proprio attraverso questo atto riceve la sua unità, il suo "io" comune, la sua vita e la sua volontà. Questa persona pubblica che si forma attraverso l'unione di tutte le altre si chiamava una volta città e ora si chiama repubblica o corpo politico; questo a sua volta vien detto dai suoi membri stato quando è passivo, sovrano quando è attivo, potenza nei rapporti coi suoi simili. Per quanto riguarda gli associati essi collettivamente prendono il nome di popolo, mentre singolarmente si dicono cittadini in quanto partecipi della autorità sovrana e sudditi in quanto soggetti alle leggi dello stato. Ma questi termini si confondono spesso e si prendono l'uno per l'altro: basta saper distinguerli quando sono impiegati in tutta la loro precisione.” (Rousseau, Contratto sociale libro I cap. 6)



lo scopo del patto è salvaguardare la sicurezza, la libertà e l’uguaglianza

  • lo scopo del patto è salvaguardare la sicurezza, la libertà e l’uguaglianza

  • “ (...) Da quanto qui esposto si deve capire che ciò che generalizza la volontà, più che il numero dei voti, è l'interesse comune che li unisce; infatti, in questo ordinamento, ciascuno per necessità si sottomette alle condizioni che impone agli altri; questo è un accordo ammirevole dell'interesse e della giustizia, accordo che dà alle deliberazioni comuni un'impronta di equità, che si vede invece svanire nelle discussioni di qualunque questione particolare, per mancanza di un interesse comune che unisca e identifichi la norma del giudice con quella della parte. Da qualunque lato si tenti risalire ai principi si arriva sempre alla stessa conclusione e cioè a constatare che il patto sociale determina tra i cittadini una tale uguaglianza, per cui tutti si obbligano alle stesse condizioni e devono godere degli stessi diritti. In tal guisa, per la natura del patto, ogni atto di sovranità, cioè ogni autentico atto della volontà generale, obbliga o favorisce ugualmente tutti i cittadini, di modo che il corpo sovrano conosce solo l'insieme della nazione e non distingue nessuno di coloro che la compongono. Ma che cos'è veramente un atto di sovranità? Non è un accordo del superiore con l'inferiore, ma un accordo del corpo intero con ciascuno dei suoi membri: accordo legittimo perché ha per base il contratto sociale, equo perché comune a tutti, utile perché non può avere altro oggetto che il bene generale, solido perché ha, a garanzia, la forza pubblica e il potere supremo. Fino a quando i sudditi non sono sottoposti che a simili accordi, non obbediscono a nessuno, ma soltanto alla loro volontà: chiedere poi fino a qual punto rispettivamente si estendano i diritti del corpo sovrano e quelli dei cittadini, vorrebbe dire chiedere fino a qual punto costoro possono obbligarsi verso se stessi, ciascuno verso tutti e tutti verso ciascuno.(...)”

  • (Rousseau, Contratto sociale,libro II cap. 4)



la sovranità risiede nel popolo:

  • la sovranità risiede nel popolo:

  • la volontà del corpo politico è la volontà generale che è diversa dalla somma delle volontà particolari



“ Da quanto si è detto qui sopra deriva che la volontà generale è sempre retta e tende sempre all'utilità pubblica, ma non ne consegue che le deliberazioni del popolo siano sempre fornite della stessa rettitudine. Si vuole sempre il proprio bene, ma non sempre, lo si vede; non è mai possibile corrompere un popolo, ma spesso lo si inganna, ed è soltanto allora che sembra che egli voglia il male. Vi è di sovente molta differenza tra la volontà di tutti e la volontà generale: questa riguarda solo l'interesse comune, l'altra l'interesse privato e non è che una somma di particolari volontà; ma se si toglie da queste volontà stesse quelle che con le loro richieste in più o in meno si eliminano tra loro, resterà come risultato della somma delle differenze la volontà generale. Se, quando il popolo sufficientemente informato delibera, non vi fosse alcuna comunicazione tra i cittadini, dal gran numero delle piccole differenze balzerebbe sempre fuori la volontà generale e la deliberazione sarebbe sempre buona. Ma quando si creano delle fazioni, delle associazioni particolari a spese del tutto, la volontà di ciascuna di queste associazioni diventa generale in rapporto ai suoi membri e particolare in rapporto allo stato: si può dire allora che non vi sono più tante volontà quanti sono gli uomini, ma soltanto quante sono le associazioni; le differenze diventano meno numerose e danno quindi un risultato meno generale. Infine, quando una di queste associazioni è così grande da prevalere su tutte le altre, non avrete più per risultato una somma di piccole differenze, ma una differenza unica: allora non vi è più volontà generale ed il parere che predomina soltanto un parere particolare. È dunque necessario, perché si abbia chiaramente l'espressione della volontà generale, che non vi siano società particolari nello stato e che ogni cittadino non ragioni che con la sua testa. (...)”

  • “ Da quanto si è detto qui sopra deriva che la volontà generale è sempre retta e tende sempre all'utilità pubblica, ma non ne consegue che le deliberazioni del popolo siano sempre fornite della stessa rettitudine. Si vuole sempre il proprio bene, ma non sempre, lo si vede; non è mai possibile corrompere un popolo, ma spesso lo si inganna, ed è soltanto allora che sembra che egli voglia il male. Vi è di sovente molta differenza tra la volontà di tutti e la volontà generale: questa riguarda solo l'interesse comune, l'altra l'interesse privato e non è che una somma di particolari volontà; ma se si toglie da queste volontà stesse quelle che con le loro richieste in più o in meno si eliminano tra loro, resterà come risultato della somma delle differenze la volontà generale. Se, quando il popolo sufficientemente informato delibera, non vi fosse alcuna comunicazione tra i cittadini, dal gran numero delle piccole differenze balzerebbe sempre fuori la volontà generale e la deliberazione sarebbe sempre buona. Ma quando si creano delle fazioni, delle associazioni particolari a spese del tutto, la volontà di ciascuna di queste associazioni diventa generale in rapporto ai suoi membri e particolare in rapporto allo stato: si può dire allora che non vi sono più tante volontà quanti sono gli uomini, ma soltanto quante sono le associazioni; le differenze diventano meno numerose e danno quindi un risultato meno generale. Infine, quando una di queste associazioni è così grande da prevalere su tutte le altre, non avrete più per risultato una somma di piccole differenze, ma una differenza unica: allora non vi è più volontà generale ed il parere che predomina soltanto un parere particolare. È dunque necessario, perché si abbia chiaramente l'espressione della volontà generale, che non vi siano società particolari nello stato e che ogni cittadino non ragioni che con la sua testa. (...)”

  • (Rousseau, Contratto sociale,libro II cap. 3)



la volontà generale è retta, infallibile, giusta, indistruttibile

  • la volontà generale è retta, infallibile, giusta, indistruttibile

  • “In base al patto sociale noi abbiamo dato esistenza e vita al corpo politico; bisogna ora dargli movimento e volontà con la legislazione, poiché l'atto originario con cui questo corpo si forma e si unisce non stabilisce ancora nulla di ciò che deve fare per conservarsi. (...) Ho già detto che non vi può essere volontà generale sopra un oggetto particolare. Nella realtà tale oggetto particolare o è nello Stato o è fuori dallo Stato: se è fuori, una volontà che gli è estranea non è affatto generale riguardo a esso, se è nello Stato ne fa parte; allora si forma tra il tutto e la sua parte un rapporto che ne fa due esseri separati, di cui uno è la parte e l'altro è il tutto meno quella stessa parte. Ma il tutto meno una parte non è più il tutto e finché permane questa situazione di rapporto non vi è più un tutto, ma due parti disuguali: da ciò consegue che la volontà di una parte non è assolutamente generale rispetto all'altra. Ma quando tutto il popolo decide su tutto il popolo, non considera allora che se stesso, e se si forma un rapporto, questo si stabilisce tra l'oggetto intero osservato da un punto di vista con l'oggetto intero osservato da un altro punto di vista, senza alcuna divisione del tutto. In questo caso la materia su cui si decide è generale, come la volontà stessa che decide. E' questo l'atto che io chiamo legge. Quando dico che l'oggetto delle leggi è sempre generale, intendo dire che la legge considera i sudditi come un corpo solo e le azioni come astratte, mai un uomo in quanto un individuo, né una particolare azione in se stessa. %



In tal modo la legge può certamente stabilire che vi saranno dei privilegi, ma non ne può conferire a una determinata persona, la legge può fissare parecchie classi di cittadini stabilire anche i requisiti che permetteranno l'accesso a queste classi, ma non può indicare determinati individui perché vi siano ammessi: può stabilire un governo regio e il principio della successione ereditaria, ma non può eleggere un re, né nominare una famiglia reale: in una parola ogni funzione che abbia riferimento a un oggetto particolare non appartiene al potere legislativo. Date queste premesse, si vede subito che non è più necessario chiedere a chi spetti fare le leggi dato che esse sono atti della volontà generale come non è più necessario chiedere se il principe sia superiore alle leggi, poiché anch'egli è un membro dello stato, o se la legge possa essere ingiusta poiché nessuno è ingiusto verso se stesso, o come mai si possa essere liberi e contemporaneamente sottomessi alle leggi, poiché le leggi non sono che il concretarsi delle nostre volontà. Si vede anche come, dovendo la legge riassumere in sé l'universalità della volontà e quella dell'oggetto, non possa essere legge ciò che un uomo, chiunque esso sia, comanda di testa propria: ciò che anche il corpo sovrano dispone su di un punto particolare, non è una legge, ma un decreto, non un atto del potere sovrano, ma della magistratura. Io chiamo dunque repubblica qualunque stato retto dalle leggi, sotto qualunque forma di amministrazione possa presentarsi, poiché solo in questo caso l'interesse pubblico governa e la cosa pubblica ha un suo peso ogni governo legittimo repubblicano. ”

  • In tal modo la legge può certamente stabilire che vi saranno dei privilegi, ma non ne può conferire a una determinata persona, la legge può fissare parecchie classi di cittadini stabilire anche i requisiti che permetteranno l'accesso a queste classi, ma non può indicare determinati individui perché vi siano ammessi: può stabilire un governo regio e il principio della successione ereditaria, ma non può eleggere un re, né nominare una famiglia reale: in una parola ogni funzione che abbia riferimento a un oggetto particolare non appartiene al potere legislativo. Date queste premesse, si vede subito che non è più necessario chiedere a chi spetti fare le leggi dato che esse sono atti della volontà generale come non è più necessario chiedere se il principe sia superiore alle leggi, poiché anch'egli è un membro dello stato, o se la legge possa essere ingiusta poiché nessuno è ingiusto verso se stesso, o come mai si possa essere liberi e contemporaneamente sottomessi alle leggi, poiché le leggi non sono che il concretarsi delle nostre volontà. Si vede anche come, dovendo la legge riassumere in sé l'universalità della volontà e quella dell'oggetto, non possa essere legge ciò che un uomo, chiunque esso sia, comanda di testa propria: ciò che anche il corpo sovrano dispone su di un punto particolare, non è una legge, ma un decreto, non un atto del potere sovrano, ma della magistratura. Io chiamo dunque repubblica qualunque stato retto dalle leggi, sotto qualunque forma di amministrazione possa presentarsi, poiché solo in questo caso l'interesse pubblico governa e la cosa pubblica ha un suo peso ogni governo legittimo repubblicano. ”

  • (Rousseau, Contratto socialelibro II cap. 6)



l’esercizio della volontà generale risiede nella sovranità del popolo che è assoluta, inalienabile, indivisibile

  • l’esercizio della volontà generale risiede nella sovranità del popolo che è assoluta, inalienabile, indivisibile

  • “ La prima e più importante conseguenza derivante dai principi qui sopra stabiliti è che la volontà generale può dirigere le forze dello stato solo secondo i fini che le sono propri e che si identificano col bene comune: infatti se l'urto degli interessi particolari ha reso necessario il formarsi delle società è l'accordo di questi stessi interessi che lo ha reso possibile. Il vincolo sociale è formato da ciò che vi è di comune in questi doverosi interessi e se non vi fosse qualche punto in cui gli interessi concordano, non sarebbe possibile l'esistenza di nessuna società. Orbene, è unicamente in base a questo interesse comune che la società deve essere governata. Io dico dunque che la sovranità, altro non essendo che l'esercizio della volontà generale, non può mai essere alienata e che il corpo sovrano, il quale è solo un corpo collettivo, non può essere rappresentato che da se stesso: il potere si può trasmettere ma non di certo la volontà. %



Infatti, se non è impossibile che una volontà particolare si accordi, su qualche punto, con la volontà generale, è per lo meno impossibile che questo accordo sia durevole e costante, perché la volontà particolare tende di sua natura alle preferenze e la volontà generale all'uguaglianza. È ancora più impossibile che vi sia un garante di tale accordo e, per quanto esso dovrebbe sempre esistere, sarebbe più un risultato ottenuto per caso che ad arte. Il corpo sovrano può senza dubbio dire: "Io voglio attualmente ciò che vuole quel tale uomo o, quanto meno, ciò che dice di volere", ma non può dire: "Ciò che quell'uomo vorrà domani, io pure lo vorrò ancora", perché è assurdo che la volontà si dia delle catene per l'avvenire e perché non dipende da alcuna volontà il consentire a nulla che sia in contrasto col bene dell'essere che vuole. Se dunque il popolo promette semplicemente di obbedire, egli si dissolve per questo stesso atto, perdendo la sua qualità di popolo: dal momento che egli ha un padrone non vi è più corpo sovrano ed allora il corpo politico è distrutto. Questo non vuol dire che gli ordini dei capi non possano figurare per volontà generale, finché il corpo sovrano, libero di opporsi, non lo fa: in simili casi, in base al silenzio universale si deve presumere il consenso del popolo. Ma ciò sarà spiegato più lungamente. …

  • Infatti, se non è impossibile che una volontà particolare si accordi, su qualche punto, con la volontà generale, è per lo meno impossibile che questo accordo sia durevole e costante, perché la volontà particolare tende di sua natura alle preferenze e la volontà generale all'uguaglianza. È ancora più impossibile che vi sia un garante di tale accordo e, per quanto esso dovrebbe sempre esistere, sarebbe più un risultato ottenuto per caso che ad arte. Il corpo sovrano può senza dubbio dire: "Io voglio attualmente ciò che vuole quel tale uomo o, quanto meno, ciò che dice di volere", ma non può dire: "Ciò che quell'uomo vorrà domani, io pure lo vorrò ancora", perché è assurdo che la volontà si dia delle catene per l'avvenire e perché non dipende da alcuna volontà il consentire a nulla che sia in contrasto col bene dell'essere che vuole. Se dunque il popolo promette semplicemente di obbedire, egli si dissolve per questo stesso atto, perdendo la sua qualità di popolo: dal momento che egli ha un padrone non vi è più corpo sovrano ed allora il corpo politico è distrutto. Questo non vuol dire che gli ordini dei capi non possano figurare per volontà generale, finché il corpo sovrano, libero di opporsi, non lo fa: in simili casi, in base al silenzio universale si deve presumere il consenso del popolo. Ma ciò sarà spiegato più lungamente. …

  • Per gli stessi motivi per cui la sovranità è inalienabile, essa è anche indivisibile, infatti o la volontà è generale o non esiste: essa è quella del corpo del popolo o solamente una parte. Nel primo caso questa volontà dichiarata è un vero e proprio atto di sovranità e fa legge, nel secondo è soltanto una volontà particolare o un atto della magistratura; tutt'al più può essere un decreto. %



Ma i nostri autori politici, non potendo dividere la sovranità nel suo principio, la dividono nel suo oggetto; la dividono in forza e in volontà, in potere legislativo e in potere esecutivo, in diritti di imposta, di giustizia e di guerra, in amministrazione interna e in potere di trattare con lo straniero: talvolta confondono tutte queste parti, talvolta le separano; come se componessero l'uomo di parecchi corpi, di cui l'uno abbia gli occhi, l'altro le braccia, l'altro i piedi e niente altro. Si dice che i ciarlatani del Giappone tagliano a pezzi un fanciullo sotto gli occhi degli spettatori, poi, gettando in aria tutte le sue membra, una dopo l'altra, lo fanno ricadere vivo e tutto intero. Tali sono all'incirca i giochi di bussolotti dei nostri politici: dopo aver smembrato il corpo sociale con un gioco di prestigio da fiera ne riuniscono i pezzi non si sa come. Questo errore deriva dal non essersi fatta una chiara idea circa la sovranità e per avere preso per parti di questa autorità quelle che ne erano solo emanazioni: così, per esempio, sono visti come atti di sovranità quello di dichiarare la guerra e quello di fare la pace, il che non corrisponde alla realtà delle cose, poiché ciascuno di questi atti non è una legge, ma soltanto un'applicazione della legge, un atto particolare che determina un caso previsto dalla legge, come si vedrà chiaramente quando sarà determinato il concetto connesso al termine legge. Osservando ugualmente le altre divisioni, si constaterebbe che tutte le volte in cui si crede di vedere divisa la sovranità, ci si inganna; si constaterebbe che i diritti che si prendono per parti della sovranità sono in realtà subordinati a questa e presuppongono sempre delle supreme volontà, di cui questi diritti non fanno che procedere all'esecuzione.”

  • Ma i nostri autori politici, non potendo dividere la sovranità nel suo principio, la dividono nel suo oggetto; la dividono in forza e in volontà, in potere legislativo e in potere esecutivo, in diritti di imposta, di giustizia e di guerra, in amministrazione interna e in potere di trattare con lo straniero: talvolta confondono tutte queste parti, talvolta le separano; come se componessero l'uomo di parecchi corpi, di cui l'uno abbia gli occhi, l'altro le braccia, l'altro i piedi e niente altro. Si dice che i ciarlatani del Giappone tagliano a pezzi un fanciullo sotto gli occhi degli spettatori, poi, gettando in aria tutte le sue membra, una dopo l'altra, lo fanno ricadere vivo e tutto intero. Tali sono all'incirca i giochi di bussolotti dei nostri politici: dopo aver smembrato il corpo sociale con un gioco di prestigio da fiera ne riuniscono i pezzi non si sa come. Questo errore deriva dal non essersi fatta una chiara idea circa la sovranità e per avere preso per parti di questa autorità quelle che ne erano solo emanazioni: così, per esempio, sono visti come atti di sovranità quello di dichiarare la guerra e quello di fare la pace, il che non corrisponde alla realtà delle cose, poiché ciascuno di questi atti non è una legge, ma soltanto un'applicazione della legge, un atto particolare che determina un caso previsto dalla legge, come si vedrà chiaramente quando sarà determinato il concetto connesso al termine legge. Osservando ugualmente le altre divisioni, si constaterebbe che tutte le volte in cui si crede di vedere divisa la sovranità, ci si inganna; si constaterebbe che i diritti che si prendono per parti della sovranità sono in realtà subordinati a questa e presuppongono sempre delle supreme volontà, di cui questi diritti non fanno che procedere all'esecuzione.”

  • (Rousseau, Contratto sociale,libro II capp 1,2)



deve esserci una netta distinzione tra sovranità (potere legislativo) e governo (potere esecutivo): i depositari del potere esecutivo non sono i padroni del popolo ma i suoi funzionari

  • deve esserci una netta distinzione tra sovranità (potere legislativo) e governo (potere esecutivo): i depositari del potere esecutivo non sono i padroni del popolo ma i suoi funzionari

  • la funzione legislativa è tutt’uno con la sovranità e non può essere delegata:

  • alla democrazia rappresentativa oppone la democrazia diretta

  • non esiste una forma di governo buona in assoluto:

  • il governo democratico conviene ai piccoli stati, l’aristocratico ai medi, il monarchico ai grandi

  • Rousseau predilige l’aristocrazia elettiva (il governo dei più saggi); è scettico nei riguardi della democrazia in senso stretto



“ Colui che fa la legge sa meglio di tutti come deve essere posta in esecuzione e interpretata. Parrebbe dunque che non sarebbe possibile avere una costituzione migliore di quella in cui il potere esecutivo fosse unito a quello legislativo; ma è proprio questo che rende tale governo insufficiente sotto certi aspetti, perché le cose che devono essere distinte non lo sono, in quanto, essendo il principe e il corpo sovrano una sola persona, essi non formano, per così dire, che un governo senza governo. Non è bene che chi fa le leggi le applichi, né che il corpo del popolo distolga la propria attenzione dai problemi di carattere generale per portarla sugli oggetti particolari. Nulla è più pericoloso che l'influenza degli interessi privati negli affari pubblici e l'abuso, delle leggi da parte del governo è un male minore che la corruzione del legislatore, conseguenza inevitabile delle vedute particolari. A questo punto, lo Stato essendo alterato nella sua sostanza, ogni riforma diventa impossibile. Un popolo che non abusasse mai del governo, non abuserebbe neppure della sua indipendenza; un popolo che governasse sempre bene, non avrebbe neppure bisogno di essere governato. Prendendo il termine nel rigore della sua accezione, non è mai esistita una vera democrazia e non ne esisterà mai. È contro l'ordine naturale che il gran numero governi e che il piccolo numero sia governato. Non si può immaginare che il popolo resti riunito senza posa per occuparsi dei pubblici affari e si comprende, d'altra parte come non potrebbe stabilire per tale attività delle commissioni, senza che la forma di amministrazione cambi. In realtà credo di poter stabilire il principio che quando le funzioni dei governo sono divise tra parecchi tribunali, quelli meno numerosi acquistano presto o tardi la maggiore autorità, se non altro per la loro facilità di sbrigare gli affari di cui devono naturalmente occuparsi.%

  • “ Colui che fa la legge sa meglio di tutti come deve essere posta in esecuzione e interpretata. Parrebbe dunque che non sarebbe possibile avere una costituzione migliore di quella in cui il potere esecutivo fosse unito a quello legislativo; ma è proprio questo che rende tale governo insufficiente sotto certi aspetti, perché le cose che devono essere distinte non lo sono, in quanto, essendo il principe e il corpo sovrano una sola persona, essi non formano, per così dire, che un governo senza governo. Non è bene che chi fa le leggi le applichi, né che il corpo del popolo distolga la propria attenzione dai problemi di carattere generale per portarla sugli oggetti particolari. Nulla è più pericoloso che l'influenza degli interessi privati negli affari pubblici e l'abuso, delle leggi da parte del governo è un male minore che la corruzione del legislatore, conseguenza inevitabile delle vedute particolari. A questo punto, lo Stato essendo alterato nella sua sostanza, ogni riforma diventa impossibile. Un popolo che non abusasse mai del governo, non abuserebbe neppure della sua indipendenza; un popolo che governasse sempre bene, non avrebbe neppure bisogno di essere governato. Prendendo il termine nel rigore della sua accezione, non è mai esistita una vera democrazia e non ne esisterà mai. È contro l'ordine naturale che il gran numero governi e che il piccolo numero sia governato. Non si può immaginare che il popolo resti riunito senza posa per occuparsi dei pubblici affari e si comprende, d'altra parte come non potrebbe stabilire per tale attività delle commissioni, senza che la forma di amministrazione cambi. In realtà credo di poter stabilire il principio che quando le funzioni dei governo sono divise tra parecchi tribunali, quelli meno numerosi acquistano presto o tardi la maggiore autorità, se non altro per la loro facilità di sbrigare gli affari di cui devono naturalmente occuparsi.%



D'altra parte, quante mai cose difficili da riunire insieme non suppone questo tipo di governo! In primo luogo uno stato assai piccolo dove sia facile riunire il popolo e dove ciascun cittadino possa facilmente conoscere tutti gli altri; in secondo luogo una grande semplicità di costumi, che prevenga la sovrabbondanza di problemi e le discussioni spinose; poi molta uguaglianza nei gradi e nelle ricchezze, senza di che l'uguaglianza non potrebbe durare lungamente nei diritti e nell'autorità; infine poco o niente lusso, perché, o il lusso è effetto delle ricchezze o le rende necessarie. Esso corrompe il ricco e il povero, l'uno col possesso, l'altro con lo smodato desiderio; esso vende la patria alla mollezza e alla vanità; toglie allo stato tutti i cittadini per renderli servi gli uni degli altri e tutti dell'opinione. Ecco perché un celebre autore ha indicato la virtù come base della repubblica: infatti tutte quelle condizioni non potrebbero esistere senza la virtù; ma, non avendo poste le distinzioni necessarie, quel bel genio ha mancato spesso di esattezza, qualche volta di chiarezza e non ha visto che, poiché l'autorità sovrana è dovunque la stessa, lo stesso principio deve aver vigore in ogni stato ben costituito, più o meno, è vero, secondo la forma del governo. Aggiungiamo che non esiste governo così soggetto alle guerre civili e alle agitazioni intestine come quello democratico, perché non ve n'é alcun con continuità a cambiar di forma, né alcun altro che tenda così fortemente e che richieda più vigilanza e coraggio per essere mantenuto nella sua. E soprattutto in questa forma di costituzione che il cittadino deve armarsi di forza e costanza e ripetere ogni giorno della sua vita dal fondo del suo cuore ciò che diceva un virtuoso palatino alla dieta di Polonia: "Malo periculosam libertatem quam quietum servitium". Se esistesse un popolo di dèi, si governerebbe democraticamente. Un governo così perfetto non conviene agli uomini.” (Rousseau, Contratto sociale libro III cap. 4)

  • D'altra parte, quante mai cose difficili da riunire insieme non suppone questo tipo di governo! In primo luogo uno stato assai piccolo dove sia facile riunire il popolo e dove ciascun cittadino possa facilmente conoscere tutti gli altri; in secondo luogo una grande semplicità di costumi, che prevenga la sovrabbondanza di problemi e le discussioni spinose; poi molta uguaglianza nei gradi e nelle ricchezze, senza di che l'uguaglianza non potrebbe durare lungamente nei diritti e nell'autorità; infine poco o niente lusso, perché, o il lusso è effetto delle ricchezze o le rende necessarie. Esso corrompe il ricco e il povero, l'uno col possesso, l'altro con lo smodato desiderio; esso vende la patria alla mollezza e alla vanità; toglie allo stato tutti i cittadini per renderli servi gli uni degli altri e tutti dell'opinione. Ecco perché un celebre autore ha indicato la virtù come base della repubblica: infatti tutte quelle condizioni non potrebbero esistere senza la virtù; ma, non avendo poste le distinzioni necessarie, quel bel genio ha mancato spesso di esattezza, qualche volta di chiarezza e non ha visto che, poiché l'autorità sovrana è dovunque la stessa, lo stesso principio deve aver vigore in ogni stato ben costituito, più o meno, è vero, secondo la forma del governo. Aggiungiamo che non esiste governo così soggetto alle guerre civili e alle agitazioni intestine come quello democratico, perché non ve n'é alcun con continuità a cambiar di forma, né alcun altro che tenda così fortemente e che richieda più vigilanza e coraggio per essere mantenuto nella sua. E soprattutto in questa forma di costituzione che il cittadino deve armarsi di forza e costanza e ripetere ogni giorno della sua vita dal fondo del suo cuore ciò che diceva un virtuoso palatino alla dieta di Polonia: "Malo periculosam libertatem quam quietum servitium". Se esistesse un popolo di dèi, si governerebbe democraticamente. Un governo così perfetto non conviene agli uomini.” (Rousseau, Contratto sociale libro III cap. 4)





Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale