“S-cambiando s’impara“ Esperienze, ricerche e strumenti per una scuola inclusiva



Scaricare 9.53 Kb.
02.02.2018
Dimensione del file9.53 Kb.

“S-cambiando s’impara“ - Esperienze, ricerche e strumenti per una scuola inclusiva

Cremona, 10 aprile 2014

Tecnica creativa e Intercultura

Riflessioni sul concetto di metodo nella didattica orchestrale

prof. Tatiana Caselli

Quando oggi si parla di metodo spesso si immagina una serie di pubblicazioni di esercizi o studi composti da qualche didatta; più raramente si pensa al termine metodo nel suo originario significato: ‘via (hodós) che conduce oltre (metá)’. Il nodo principale, però, che simili scelte didattiche non sciolgono, consiste nella tendenza generale a far accostare i bambini alla musica già in veste di esecutori. Quando un bambino legge ed esegue un brano scritto, pur semplice che sia, è già un esecutore.

A differenza di quello che avviene, ad esempio, per il linguaggio dove si comincia a scrivere e a leggere quando la lingua è, nel complesso, interiorizzata e quindi si fa un lavoro di riconoscimento, nel metodo 'tradizionale' di insegnamento della musica (che è un linguaggio anch’essa) si rovescia spesso questo sistema, ponendo di fronte all’allievo, da subito, delle note. Il messaggio che viene inevitabilmente percepito è che la la musica è nei segni, non oltre i segni.

Saltando il procedimento principale di interiorizzazione dell’elemento sonoro (suono interiore o immagine interiore del suono) e i suoi 'tratti esteriori caratterizzanti' (ritmo, altezza, durata, timbro, intensità…) l’attività dell’allievo si riduce, fin da subito, ad un procedimento razionale e meccanico di esecuzione; frequente e spesso inevitabile, se l’attività di apprendimento non è affiancata da un continuo lavoro di imitazione del gesto del docente e di integrazione con un linguaggio ricco di immagini, è l’immagine del bambino la cui fisicità nell’atto del suonare richiama quella di una ‘marionetta’.


La Tecnica creativa è un metodo didattico fondato su una peculiare considerazione di suono, segno e gesto: il suono, da elemento astratto e lontano da sé, diviene concreta immagine e personale e, unendosi ad una qualità, si definisce come sonorità; il segno (la nota sul pentagramma) da elemento 'da razionalizzare', diviene espressivo della qualità acquisita dal suono in una scrittura figurativa; il gesto diviene tale: l'azione che manifesta il contenuto interiorizzato del suono di cui il movimento è il mezzo.
Il laboratorio tratterà principalmente della Tecnica creativa per strumenti ad arco; tuttavia le riflessioni sul concetto di metodo e le peculiarità tecniche-strumentali attualmente sperimentate dall'insegnante non vogliono presentarsi come collezione di soluzioni immobili ma, principalmente, stimolo per la ricerca di soluzioni in fieri; l'ascoltatore -che non osserva solo con occhio tecnico-strumentale- potrà pertanto intuire il risvolto dei contenuti esposti in relazione a qualsiasi strumento musicale.
Durante il laboratorio verranno mostrati alcuni video inerenti al metodo di lavoro che l'insegnante adotta con l'orchestra giovanile Archistorti di Reggio Emilia (orchestra de Il Sistema – cori e orchestre giovanili e infantili) dove la lezione collettiva e le peculiarità della Tecnica creativa rappresentano principalmente il mezzo per il conseguimento di obiettivi comuni in un contesto multiculturale.

Tatiana Caselli
Ha conseguito con Lode il Diploma Accademico di II livello presso l'Istituto Musicale Mascagni di Livorno esibendosi in una performance col M° Angelo Bartoletti e discutendo la Tesi GESTO didattica e interpretazione, antroposofia della Tecnica creativa. In tale tesi espone il metodo che adotta da qualche anno nell'insegnamento della pratica propedeutica strumentale e orchestrale - che prende il nome di Tecnica creativa dall'originario metodo didattico del suo principale Maestro di viola Claudio Valenti - e si mettono in luce le analogie con molti aspetti della pedagogia e della concezione dell'Arte espresse dall'antroposofia di Rudolf Steiner.
Ha svolto attività di insegnamento presso numerose Istituzioni Musicali tra cui gli Istituti Musicali Boccherini di Lucca, Mascagni di Livorno, Peri di Reggio Emilia come docente di Propedeutica di viola e di violino.

Attualmente è docente e responsabile artistico de Gli Archistorti, orchestra giovanile che fa parte del progetto nazionale IL SISTEMA-cori e orchestre giovanili e infantili e della Children Orchestra, orchestra giovanile dell'Istituto Musicale Boccherini di Lucca dove svolge anche l'attività di insegnamento di Propedeutica di viola.


Affianca all'attività di insegnamento la composizione musicale e l'elaborazione di performance scenico-musicali.



©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale