Scheda realizzata da Barbara Bertolini e Rita Frattolillo



Scaricare 7.09 Kb.
05.12.2017
Dimensione del file7.09 Kb.

Scheda realizzata da Barbara Bertolini e Rita Frattolillo

Alfredo PIZZANELLI

Nasce a Baranello nel 1911. Fotografo per professione, si dedica alla pittura quasi per caso, durante la seconda guerra mondiale, quando si invaghisce di una pittrice russa capitata nel suo paese. Comincia così un percorso artistico che continuerà senza interruzione fino alla morte, e che gli varrà premi e medaglie. Già nel 1954, per gli alti meriti nell'arte pittorica, è nominato membro della Columbian Academy di S. Louis (Missouri, Usa). Gli inizi sono figurativi, ed è con un'opera di questo genere che P. partecipa, nel 1956, alla VIII Quadriennale romana e alla VII Quadriennale nazionale di Termoli; poi, egli ricerca un linguaggio che vada al di là del visibile, provvisto di una forza e di una capacità particolari: approda così all'astratto. In questo periodo partecipa al premio Bergamo con L'Arlecchino. Dopo una parentesi figurativa che lo vede impegnato in una serie di collages i cui soggetti si possono considerare neocubisti, aderisce (nel '60) all'informale. È questa la fase dei materiali più diversi, come la sabbia, il brecciolino, il collante vinavilico, che, mescolati col colore, vogliono evocare le lacerazioni atomiche o le orbite spaziali. La sua arte "povera", che rimanda principalmente a Burri, si concreta ancor più verso la metà degli anni sessanta, quando egli utilizza il polistirolo, che tratta con il fuoco per ottenere risultati di grande impatto emotivo. Accanto a questi "bassorilievi", produce dei robot scolpiti e nell'ultimo periodo una certa visione apocalittica forse sempre latente, ma via via più scoperta, si manifesta attraverso grandi insetti spaventosi emergenti da fondi neri, eco di un mondo interiore ricco e sensibile, sicuramente singolare, espressione del disagio dell'uomo moderno. Altre collettive: III Biennale d'arte a L'Aquila, Mostra nazionale di Torino, Mostra di New York (1962). Sue opere si trovano negli Usa e in Germania. Della sua arte si è occupato soprattutto G. M. Massarelli. Muore nel suo paese nel 1981.



Opere di Alfredo PIZZANELLI – in preparazione -

Bibliografia su Alfredo PIZZANELLI – in preparazione -




2005 Barbara Bertolini, Rita Frattolillo. Tutti i diritti riservati. E’ vietata qualsiasi riproduzione, anche parziale, non autorizzata dalle autrici nonché la traduzione delle schede





©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale