Schede e appunti



Scaricare 106.6 Kb.
21.12.2017
Dimensione del file106.6 Kb.

Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale

ISTITUTO SUPERIORE DI SCIENZE RELIGIOSE

Mons. A. Pecci”

GUIDA PER I LAUREANDI

con indicazioni metodologiche

ANNO ACCADEMICO 2012-2013

Alcuni consigli pratici
Cos’è una tesi di laurea e a che cosa serve.

Per conseguire il titolo accademico lo studente è chiamato a redigere una tesi di compilazione e non di ricerca, in cui dimostra semplicemente di aver preso criticamente visione della maggior parte della letteratura esistente (cioè degli scritti pubblicati su quell’argomento) e di essere stato capace di esporla in modo chiaro, cercando di collegare i vari punti di vista, offrendo così un’intelligente panoramica.



In che modo si fa una tesi.

Fare un tesi significa: individuare un argomento preciso; raccogliere documenti su quell’argomento; mettere in ordine questi documenti; riesaminare di prima mano l’argomento alla luce dei documenti raccolti; dare una forma organica a tutte le riflessioni precedenti; fare in modo che chi legge capisca cosa si voleva dire e sia in grado, all’occorrenza, di risalire agli stessi documenti per riprendere l’argomento per conto suo.

Fare una tesi significa quindi imparare a mettere ordine nelle proprie idee e ordinare dei dati: è una esperienza di lavoro metodico.

Scelta dell’argomento.

Le regole per la scelta dell’argomento sono quattro:



  1. Che l’argomento risponda agli interessi del candidato (sia collegato al tipo di esami dati, alle sue letture);

  2. Che le fonti a cui ricorrere siano reperibili, vale a dire a portata materiale del candidato;

  3. Che le fonti a cui ricorrere siano maneggiabili, vale a dire a portata culturale del candidato;

  4. Che il quadro metodologico della ricerca sia alla portata dell’esperienza del candidato.

  5. Che il professore sia quello giusto, scelto non per simpatie personali, ma per competenza sull’argomento da trattare.

Il candidato deve scegliere un argomento che sia in grado di fare, cercando di stringere il campo di ricerca (tesi monografica), piuttosto che realizzare una tesi panoramica che rischierebbe di contenere numerose lacune. Altro errore da evitare è la scelta di una tesi teorica che si propone di affrontare un problema astratto (es. natura della volontà umana, il concetto di libertà, l’esistenza di Dio) con il rischio di non trattare del tutto l’argomento scelto. E’ consigliabile fare una tesi che leghi l’argomento “astratto” a una situazione storica (es. la nozione di libertà in Kant).

È necessario conoscere le lingue straniere?

Il problema principale è che bisogna scegliere una tesi che non implichi la conoscenza di lingue che non so o non sono disposto a imparare.

Comunque non è possibile:


  1. fare una tesi su un autore straniero se questo autore non viene letto in originale per due ragioni: anzitutto non sempre di quell’autore sono tradotte tutte le opere e talora anche l’ignoranza di uno scritto minore può compromettere la comprensione del suo pensiero o della sua formazione intellettuale; in secondo luogo, dato un autore, la maggior parte della letteratura su di esso è di solito nella lingua in cui egli ha scritto, e se l’autore è tradotto non sempre lo sono i suoi interpreti; infine non sempre le traduzioni rendono giustizia al pensiero di un autore, mentre fare una tesi significa proprio riscoprire il suo pensiero originale proprio là dove è stato falsato da traduzioni o divulgazioni di vario genere.

  2. fare una tesi su un argomento se le opere più importanti su di esso sono scritte in una lingua che non conosciamo;

  3. fare una tesi su un autore o su un argomento leggendo solo le opere scritte nelle lingue che conosciamo. Probabilmente l’opera decisiva potrebbe essere stata scritta nell’unica lingua che non conosciamo.

Quindi prima di stabilire l’argomento di una tesi bisogna avere l’accortezza di dare una prima occhiata alla bibliografia esistente per sincerarsi che non ci siano notevoli difficoltà linguistiche.

Quando una tesi può considerarsi scientifica?

Una ricerca è scientifica quando risponde ai seguenti requisiti:



  1. La ricerca verte su di un oggetto riconoscibile e definitivo in modo tale che sia riconoscibile anche dagli altri.

  2. La ricerca deve dire su questo oggetto cose che non sono già state dette oppure rivedere con un’ottica diversa le cose che sono già state dette. Anche una tesi di compilazione può essere scientificamente utile perché il compilatore ha messo insieme e collegato in modo organico le opinioni già espresse da altri sullo stesso argomento.

  3. La ricerca deve essere utile agli altri. Un lavoro è scientifico se aggiunge qualcosa a quello che la comunità sapeva già e se tutti i lavori futuri sullo stesso argomento dovranno, almeno in teoria, tenerne conto.

  4. La ricerca deve fornire gli elementi per la verifica e per la falsifica delle ipotesi che presenta, e pertanto deve fornire gli elementi per una sua continuazione pubblica.

LA RICERCA DEL MATERIALE


La reperibilità delle fonti.

Quali sono le fonti di un lavoro scientifico.

Una tesi studia un oggetto avvalendosi di determinati strumenti. Molte volte l’oggetto è un libro e gli strumenti sono altri libri. E’ il caso di una tesi, supponiamo, su Il pensiero teologico di Tommaso d’Aquino, in cui l’oggetto è costituito dai libri di Tommaso d’Aquino, mentre gli strumenti sono altri libri su Tommaso d’Aquino. Diremo allora che in tal caso gli scritti di Tommaso d’Aquino costituiscono le fonti primarie e i libri su Tommaso d’Aquino costituiscono le fonti secondarie o la letteratura critica.

In certi caso invece l’oggetto è un fenomeno reale: sono i casi di tesi sul comportamento dei fedeli, sulle opinioni dei sacerdoti di una diocesi rispetto al piano pastorale del proprio vescovo. In questo caso le fonti non esistono ancora sotto forma di testi scritti ma devono diventare i testi che voi inserite nella tesi come documenti: saranno dati statistici, trascrizioni di interviste, talora fotografie o documentazioni audiovisive. Quanto alla letteratura critica, invece, se non saranno libri e articoli di rivista saranno articoli di giornale o documenti di vario genere.

La distinzione tra le fonti e la letteratura critica va ben tenuta presente. E’ molto importante definire subito l’oggetto vero della tesi perché dovrete porvi sin dall’inizio il problema della reperibilità delle fonti.

Di solito si accetta l’argomento se si sa che si è in grado di accedere alle fonti, e si deve sapere dove sono reperibili, se sono facilmente accessibili, se io sono in grado di maneggiarle.

Da questi problemi non si esce decidendo di lavorare solo su quel che si ha, perché della letteratura critica si deve leggere, se non tutto, almeno tutto ciò che conta e le fonti bisogna avvicinarle direttamente.



Fonti di prima e di seconda mano.

Quando si lavora sui libri, una fonte di prima mano è una edizione originale o una edizione critica dell’opera in questione.

Una traduzione non è una fonte, ma uno strumento per avvicinarmi ad essa in modo parziale.

Una antologia non è una fonte perché mi dà solo quello che altri hanno colto.

I resoconti fatti da altri autori, sia pure integrati da ampissime citazioni, non sono una fonte: sono al massimo fonti di seconda mano.

Nei limiti fissati dall’oggetto della mia ricerca, le fonti devono essere sempre di prima mano. L’unica cosa che non posso fare è citare il mio autore attraverso la citazione fatta da un altro. Un lavoro scientifico non dovrebbe mai citare da una citazione.

Lo stesso problema si pone anche per le citazioni bibliografiche. Dovendo terminare la tesi in fretta si rischia di decidere di mettere in bibliografia anche cose che non si è letto, o addirittura di parlare di queste opere in note a piè di pagina rifacendosi a notizie raccolte altrove.
La ricerca bibliografica.

Come usare la biblioteca.

Come si fa una ricerca preliminare in biblioteca ? Se si ha già a disposizione una bibliografia sicura, ovviamente si va al catalogo per autori e si vede cosa la biblioteca in questione ci sa fornire. Poi si passa ad un’altra biblioteca e così via. Ma questo metodo presuppone una bibliografia già fatta. Spesso si va in biblioteca non con la bibliografia ma per farsi una bibliografia.

Farsi una bibliografia significa cercare quello di cui non si conosce ancora l’esistenza. Il buon ricercatore è colui che è capace di entrare in una biblioteca senza avere la minima idea su di un argomento e uscirne sapendone un po’ di più.

Il catalogo – Per cercare quel di cui ancora si ignora l’esistenza, la biblioteca ci offre alcune facilitazioni. La prima è naturalmente il catalogo per soggetti. Il catalogo alfabetico per autori serve a chi sa già cosa vuole. Per chi non lo sa ancora c’è il catalogo per soggetti. E’ lì che una buona biblioteca mi dice tutto quello che posso trovare nelle sue sale, poniamo, sulla caduta dell’impero romano d’occidente.

Ma il catalogo per soggetti vuole saper essere interrogato. E’ chiaro che non avrà una voce “caduta dell’impero romano” sotto la C. Bisognerà cercare sotto “Impero romano”, e poi sotto “Roma” e poi sotto “storia romana”.



I repertori bibliografici – Sono i più sicuri per chi ha già idee chiare sul proprio argomento. Per certe discipline esistono manuali celebri su cui troviamo tutte le informazioni bibliografiche necessarie. Per altre si ha la pubblicazione continuamente aggiornata di repertori o addirittura di riviste dedicate solo alla bibliografia di quella materia.

Il bibliotecario – L’assistenza del bibliotecario è importante, anche se non bisogna fidarsi ciecamente di lui. Occorre ascoltare i suoi consigli, ma poi cercare ancora altre cose da soli. Il bibliotecario non è un esperto universale e inoltre non sa quale taglio particolare si vuole dare alla ricerca. Magari giudica fondamentale un’opera che servirà pochissimo e non ne considera un’altra che sarà invece utilissima.

Consultazione interbiblioteca, cataloghi computerizzati e prestito da altre biblioteche – Molte biblioteche pubblicano dei repertori aggiornati delle loro acquisizioni: pertanto in certe biblioteche e per certe discipline è possibile consultare cataloghi che informano su ciò che si trova in altre biblioteche italiane e straniere. Ci sono certe biblioteche specializzate collegate via computer a delle memorie centrali, che possono dirvi in pochi secondi se un libro si trova da qualche parte e dove.

Come affrontare la bibliografia: lo schedario.

Abbiamo due tipi di scheda: Lo schedario di lettura che comprende schede, di ampio formato, dedicate ai libri che avete letto: su queste schede riporterete sunti, giudizi, citazioni, tutto ciò che vi potrà servire a utilizzare il libro letto nel momento della stesura della tesi (quando magari non l’avrete più a disposizione) e per la redazione della bibliografia finale. Vi è anche lo schedario bibliografico che deve registrare tutti i libri da cercare, non solo quelli che avrete trovato e letto. Le sue schede registrano solo i dati essenziali del libro in questione e le sue collocazioni nelle biblioteche che avrete esplorato. Spesso lo schedario bibliografico iniziale può costituire la base per la redazione della bibliografia finale.

Esempio di Scheda Bibliografica:

Biblioteca della Curia Arcivescovile di Matera

n. 53/B (indicazione dove trovare il testo)
AUTORE, TITOLO DELL’OPERA, EDITRICE, LUOGO E ANNO.
Esempio di Scheda di Lettura:

Biblioteca della Curia Arcivescovile di Matera

n. 53/B (indicazione dove trovare il testo)
AUTORE, TITOLO DELL’OPERA, EDITRICE, LUOGO E ANNO
Breve riassunto del testo indicando le pagine di riferimento, i commenti personali e i collegamenti con i capitoli della tesi.
NORME PER LA COMPILAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

N.B.: tali indicazioni valgono anche per la compilazione di tesine e seminari


Le norme seguenti valgono per la scheda bibliografica; la scheda di lettura; la citazione dei libri a piè di pagina; la redazione della bibliografia finale. Ci sono vari criteri per citare un libro, l’importante è seguire una metodologia unica e sempre coerente. Per i lavori degli studenti e le pubblicazioni dell’Istituto le norme scelte sono le seguenti.

In una citazione ci devono essere alcuni elementi fondamentali come l’autore del libro, il titolo, la casa editrice, il luogo di edizione e l’anno. A questi elementi se ne aggiungono altri in base al tipo di citazione.

Occorre stare attenti a mettere sempre il luogo di edizione, non il luogo di stampa, che si trova nel copyright del libro. Lì si trova il luogo reale dell’edizione, la data e il numero dell’edizione.

La citazione può essere distinta in “diretta” o “indiretta”. È diretta quando nel proprio lavoro si riporta tra virgolette la frase di un autore. È indiretta quando si riporta l’idea di un autore usando espressioni personali; in tal caso, in nota, si deve inserire prima della citazione la dicitura Cfr. (confronta).


MAIUSCOLE E MINUSCOLE
Tutti i nomi propri (paesi, persone, istituzioni, città ecc.) vanno in maiuscola.
Anche:

  • Vescovo

  • Arcivescovo

  • Papa

  • Santa Sede

  • Chiesa (quando si intenda l’istituzione e non l’edificio)

  • Lui, Suo, Egli, ecc. quando riferito a Dio

CORSIVI



  • Vanno in corsivo le parole in lingua straniera, fatta eccezione per quei termini che ormai sono in uso comune in Italia, i quali sono assimilati alla nostra lingua (es. computer).

  • le parole e le frasi latine

  • i titoli di libri o riviste (nel testo) o film

  • i titoli di documenti di magistero o di congressi, conferenze, ecc.

  • trattati internazionali, convenzioni e simili

  • i titoli di discorsi di autorità di vario tipo (es. Discorso di Giovanni Paolo II all’Assemblea dell’ONU).

VIRGOLETTE




  • Le citazioni dirette vanno introdotte dalle virgolette a sergente («»), ma tonde.

  • Tra le virgolette ad apice (“”) vanno le citazioni che ricorrono all’interno di citazioni tra virgolette a sergente.

NOTE
Gli elementi principali del riferimento bibliografico, che vanno inclusi sempre, sono sette, gli altri sono facoltativi: Autore, Titolo (e tomo e volume se ce ne sono), Sottotitolo, Casa Editrice, Città, Anno e Pagine.




  • Il nome dell’autore/i si scrive in maiuscolo

  • Le opere vanno in corsivo

  • L’editore, la città in cui è stata pubblicata l’opera e l’anno vanno tondi

  • Se la citazione si riferisce ad un testo da inserire in bibliografia, si mette prima il cognome e poi il nome e si omettono le pagine citate

  • Se la citazione si riferisce ad un testo da inserire a piè di pagina (nota), si mette prima il nome puntato e poi il cognome e le pagine citate.


Esempio: J. RATZINGER, Fede, Verità, Tolleranza. Il cristianesimo e le altre religioni, Ed. Cantagalli, Siena 2003, p. 31. Se sono citate più pagine intervallate: pp. 1, 3, 10. Se sono più pagine di seguito: pp. 1-10. Il sottotitolo segue il titolo, separato da un punto, e va in corsivo.
Se un’opera è stata citata nella nota immediatamente precedente (nota 1) e viene citata nella nota immediatamente seguente (nota 2), si usa:


  • ibidem con il numero della pagina (es. Ibidem, p. 45 o la forma abbreviata: ibid., p. 45), se si tratta dello stesso autore e della stessa opera con numero di pagina diverso.

  • Idem, se si tratta dello stesso autore, della stessa opera e della stessa pagina.

  • IDEM, se si tratta dello stesso autore ma di un’opera diversa di cui si riportano il titolo e gli altri riferimenti bibliografici (es. IDEM, Cielo e terra. Riflessioni su politica e fede, Piemme, Casale Monferrato 1997, pp. 15-22 o la forma abbreviata: ID.).

Se invece viene citata una sola opera di un autore più volte nel volume, dopo la prima citazione per esteso mettere op. cit. (es. J. RATZINGER, op. cit., p. 53). L’abbreviazione op. cit. va in corsivo.


Se di un autore sono citate più opere, mettere cit. dopo aver citato almeno una parte del titolo (es. J. RATZINGER, Cielo e terra, cit., pp. 23-35). L’abbreviazione cit. va tondo.

Tomo e volume

Immediatamente dopo il titolo, preceduto da una virgola, si mette il numero del tomo in numeri romani. Quando i tomi sono divisi in volumi pubblicati separatamente, questi ultimi si mettono subito dopo il tomo, preceduti da una sbarra e in cifre arabiche, e di seguito, se esistesse, il sottotitolo separato da due punti.


Esempio: H. DE LUBAC, Agostinismo e teologia moderna, Opera omnia IV/12: Soprannaturale, tr. it., Jaca Book, Milano 1979.

Opera collettiva

Se ci sono vari autori (2 o 3) i nomi sono riportati separati da un trattino -, se dovessero essere più numerosi, allora si cita con AA.VV.; se ci fosse anche un curatore dell’opera collettiva si mette a cura di con il nome puntato e il cognome non tutto maiuscolo.


Esempio: L. MELINA-J. NORIEGA- J.J. PÉREZ-SOBA, Camminare nella luce dell'amore. I fondamenti della morale cristiana, Cantagalli, Siena 2008.

AA.VV., Famiglia, diventa ciò che sei! Matrimonio e famiglia nel Magistero di Giovanni Paolo II, a cura di M. A. Crapulli, Ed. Cantagalli, Siena 2007.

Se si deve citare un articolo contenuto in un’opera collettiva, si indica il nome e cognome dell’autore, il titolo dell’articolo in corsivo seguito dalla preposizione “in” e da AA.VV., e a seguire gli altri elementi bibliografici.
Esempio: S. GRYGIEL, Persona, Matrimonio, Famiglia, Patria eventi della libertà, in AA.VV., Famiglia, diventa ciò che sei! Matrimonio e famiglia nel Magistero di Giovanni Paolo II, a cura di M. A. Crapulli, Ed. Cantagalli, Siena 2007, pp. 71-90.

Dizionari

Nel caso di dizionari, si annota l’autore, il titolo della voce, seguito da “in”, il nome del dizionario in corsivo, la pagina o la colonna.


Esempio: F. D’AGOSTINO, Assoluto, in Nuovo Dizionario di Spiritualità, a cura di S. De Flores e T. Goffi, Edizioni Paoline, Roma 1982, pp. 85-98.

Articoli di periodici

Se in nota si cita un periodico (quotidiano, settimanale, mensile, rivista, ecc.), mettere il nome dell’autore maiuscolo, il titolo dell’articolo in corsivo, tra virgolette a sergente il nome del periodico (tondo), il numero con l’anno tra parentesi tonde, le pagine.


Esempio: R. DIGILIO, La persona umana tra immanenza e trascendenza, in «Studium Personae» 1 (2010), pp. 32-55.

E. GALLI DELLA LOGGIA, Il Cristianesimo in Europa, in «Corriere della Sera», 10 novembre 2004, p. 12.



Volume di opera generale

Quando si deve citare un testo inserito in un volume dal titolo distinto da quello dell’opera generale di cui fa parte, si annota l’autore, il titolo del testo, seguito dalla preposizione “in”, da AA.VV. col titolo del volume, il curatore, il titolo dell’opera generale seguito dagli altri elementi bibliografici.


Esempio: J. Danièlou, Dalle origini alla fine del terzo secolo, in AA.VV., Dalle origini a S. Gregorio Magno, vol. I, ed. it. a cura di G.D. Gordini, Nuova Storia della Chiesa, Marietti, Genova 1976, pp. 35-266.

Capitolo o paragrafo

Per riferirsi a un capitolo o paragrafo di un’opera con più autori, si nomina l’autore, quindi il titolo del capitolo o del paragrafo e di seguito il titolo dell’opera con gli altri elementi bibliografici.


Esempio: L. BOUYER, La vita mistica, in Introduzione alla vita spirituale, Borla, Torino 1965, pp. 337-360.

Opera classica

Le opere classiche si citano riportando l’autore, il titolo dell’opera, le diverse divisioni e suddivisioni, l’edizione.


Esempio: ARISTOTELE, Etica Nicomachea, X, 1, 1172a, Editori Laterza, Roma-Bari 1983.

Padri della Chiesa

Per i Padri della Chiesa e gli scrittori ecclesiastici si riportano l’autore, il titolo dell’opera, le diverse divisioni e suddivisioni, la raccolta in cui si trova.


Esempio: S. AGOSTINO, Sermones, 8, 12 (PL 38, 72 B). L’abbreviazione PL è di Patrologiae cursus completus. Series Latina, ed. J.P. MIGNE, 221 voll. (Paris 1844-1865).

S. AMBROGIO, Expositio in Lucam, 1, 49 (CSEL 32, 41-42). L’abbreviazione CSEL è di Corpus Scriptorum Ecclesiasticorum Latinorum (Wein 1866 ss.).


San Tommaso d’Aquino

Le opere di San Tommaso si citano nel modo seguente: nome, titolo abbreviato dell’opera, le diverse divisioni con le indicazioni “q.” (quaestio), “a.” (articulus) “d.” (distinctĭo). La Summa Theologiae, la sua opera più conosciuta, può essere indicata con la sola abbreviazione: S.Th. I, q.6, a.5, ad 1.



Magistero della Chiesa

I documenti del Magistero si citano indicando il nome dell’autore (Papa, Concilio, Sacra Congregazione, ecc.), seguito dal tipo di documento (Cost. ap., Lett. enc., Es. ap., ecc.), titolo del documento e fonte preceduta dalla preposizione “in”.


Esempio: BENEDETTO XVI, Omelia nella solennità dell’Epifania, 6 gennaio 2009, in «La Traccia» 1 (2009), pp. 13-16.

Sacra Scrittura

Nel citare testi biblici si riportano il nome del libro abbreviato, in corsivo, senza adoperare il punto, il capitolo e il versetto in cifre arabiche, di cui la prima cifra indica il capitolo e la seconda il versetto separati mediante una virgola e uno spazio.


Esempio: 1Cor 7, 12; Gv 10, 1-3.
Se i versetti citati non sono di seguito, si riportano, dopo il capitolo, separati fra di loro da un punto, senza lasciare uno spazio
Esempio: Mt 5, 4.7.11.
Quando ci sono vari capitoli e versetti si procede alla separazione con punto e virgola. Lo stesso quando ci sono vari libri.
Esempio: Os 2, 1-3; 4, 1; 6, 3-5.

2Cor 4, 1-2; 6, 2-3; Gal 1, 2-3; 2, 5-6.
Se la citazione è in corsivo allora mettere 1Cor 7, 12.

Autori anonimi e pseudonimi

In caso di autore anonimo, al posto del nome si mette la dicitura “Anonimo”. Nel caso di pseudonimo, si fa seguire allo pseudonimo, tra parentesi o separato da trattino, il nome vero.


Esempio: A. JAWIEŃ-K. WOJTYŁA, La bottega dell’orefice, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 1983.

Opere inedite e documenti privati

Nel citare una tesi non pubblicata o un documento privato si riportano l’autore, il titolo, il tipo di documento con luogo e data.


Esempio: M. BIANCHI, Lettere pastorali dell’Arcivescovo Salvatore Ligorio, Tesi discussa all’ISSR di Matera, A.A. 2009-2010.

A. CILIBERTI, Celebriamo i misteri della fede, Lett. past. Pasqua 2002, BMG, Matera 2002.
L’uso di citazioni in formato elettronico sia limitato a citazioni di testi scientifici e solo se non è possibile risalire alle fonti scritte: http://www.bibbiainrete.org/esegesi.htm.

ALTRE



  • Cfr. – puntati

  • Evitare E’ – versione giusta è.

  • Nel testo la punteggiatura va dopo il numero della nota.



MODELLO DI INDICE
TITOLO DELLA TESI
Introduzione p. 3

1. TITOLO PRIMO CAPITOLO p. 7

1.1. Titolo paragrafo p. 8

1.2. Titolo paragrafo p. 20

1.3 Titolo paragrafo p. 30

2. TITOLO SECONDO CAPITOLO p. 45

2.1. Titolo paragrafo p. 46

2.1.1. Titolo sottoparagrafo p. 48

2.1.2. Titolo sottoparagrafo p. 54

2.2 Titolo paragrafo p. 60

2.3 Titolo paragrafo p. 75

3. TITOLO TERZO CAPITOLO p. 80

3.1.Titolo paragrafo p. 81

3.2 Titolo paragrafo p. 95

Conclusioni p. 120

Appendice: Documento p. 124

Bibliografia p. 130

E’ possibile inserire anche il glossario e le sigle e abbreviazioni.

MODELLO DI BIBLIOGRAFIA (da riportare in ordine alfabetico):

MAGISTERO DELLA CHIESA

FONTI INEDITE (documenti presenti in archivio)

FONTI EDITE (documenti d’archivio pubblicati)

LETTERATURA da dividere in:

Convegni sull’argomento trattato;

Studi (libri pubblicati e citati nella tesi);

Riviste e quotidiani.

Sitografia.


PONTIFICIA FACOLTà TEOLOGICA DELL’ITALIA MERIDIONALE

ISTITUTO SUPERIORE DI SCIENZE RELIGIOSE

MONS. A. PECCI” - MATERA



__________________________________________________________________


TESI DI LAUREA IN SCIENZE RELIGIOSE

(TESI DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE RELIGIOSE)
TITOLO TESI

Relatore: Candidato:

Ch.mo Prof. _______________ ___________________

ANNO ACCADEMICO _____________



IMPOSTAZIONE TESI
Programma di scrittura: WORD

Carattere: TIMES NEW ROMAN

Dimensione: Tra 12 e 14

Paragrafo: Interlinea -1,5 oppure doppia

Prima riga - 1 cm

Allineamento - Giustificato


Imposta pagina: Superiore ………. 3,5 cm

Inferiore ………... 3,5 cm

Sinistro ………… 3,5 cm

Destro …………. 3,5 cm

Rilegatura ……… 1,5 cm

Posizione rilegatura …. Margine sinistro

INDICAZIONI TECNICHE
Vengono di seguito riportati alcuni articoli del regolamento dell’ISSR che riguardano la seduta di tesi.

 

Art. 5

Decadenza dagli studi

 

Trascorsi sei anni dall'ultima iscrizione al triennio per la Laurea in Scienze Religiose, e quattro anni dall’ultima iscrizione al biennio per la Laurea magistrale in Scienze Religiose, si decade dagli studi, essendo scaduto il periodo di validità degli esami sostenuti.



Diritti amministrativi
Per ogni anno fuori corso € 200,00

Per esame finale di conseguimento laurea € 150,00

Per pergamena € 85,00

Art. 8

Conseguimento dei Gradi Accademici e relativo punteggio


1. Per conseguire i Gradi Accademici conferiti per mezzo dell'ISSR dalla PFTIM, occorre essere studenti ordinari e aver superato le prove previste dal piano di studi. Per la Laurea in Scienze Religiose (Baccalaureato in Scienze Religiose) e la Laurea magistrale in Scienze Religiose (Licenza in Scienze Religiose) il curricolo si conclude con un esame finale comprendente la discussione e difesa di una dissertazione scritta (tesi). Per la sola Laurea in Scienze Religiose è previsto un colloquio interdisciplinare su un apposito tesario davanti a una commissione di tre docenti che avrà luogo contestualmente alla discussione della tesi.
2. Per la Laurea in Scienze Religiose il punteggio si struttura come segue:

  1. media dei voti ottenuti negli esami di profitto, seminari, esercitazioni, incidente per 80 punti su 110.

  2. media dei voti espressi sulla dissertazione scritta dal relatore e dal correlatore, incidente per 10 punti su 110.

  3. media dei voti espressi dai membri della commissione per la prova finale (comprensiva di discussione della dissertazione e colloquio interdisciplinare finale), incidente per 20 punti su 110.

  4. a integrazione del voto finale, il Preside (o il suo delegato), sentita la Commissione, può attribuire a sua discrezione un massimo di tre punti aggiuntivi per particolari meriti dello studente.

3. Per la Laurea magistrale in Scienze Religiose il punteggio si struttura come segue:



  1. media dei voti ottenuti negli esami di profitto, seminari, esercitazioni, laboratori, tirocini, incidente per 80 punti su 110.

  2. media dei voti espressi sulla dissertazione scritta dal relatore e dal correlatore, incidente per 10 punti su 110.

  3. media dei voti espressi dai membri della commissione sulla difesa e discussione della dissertazione scritta, incidente per 20 punti su 110.

  4. a integrazione del voto finale, il Preside (o il suo delegato), sentita la Commissione, può attribuire a sua discrezione un massimo di tre punti aggiuntivi per particolari meriti dello studente.



Art. 9

Elaborato finale (tesi)


1. A decorrere dal II semestre del secondo anno di studi, per la Laurea in Scienze Religiose e dal II semestre del primo anno del biennio specialistico per la Laurea magistrale in Scienze Religiose, lo studente può concordare con un Docente dell'ISSR le linee essenziali ed il titolo del lavoro di tesi.

2. Il titolo e le linee principali della ricerca vengono concordati con un Docente dell'Istituto e depositato in Segreteria mediante il modulo prestampato firmato dallo studente e controfirmato dal Docente Relatore per approvazione. Il titolo non può essere cambiato se non per gravi motivi da sottoporre al Direttore dell'Istituto attraverso specifica domanda e rimane riservato per due anni solari dalla data della consegna.

3. La discussione della tesi non può aver luogo prima dei sei mesi decorrenti dalla data di presentazione della domanda all'Ufficio di Segreteria.

4. La domanda di discussione e difesa della tesi va presentata dallo studente dopo aver ottenuto l'approvazione scritta del Docente Relatore.

5. Per essere ammesso alla discussione e difesa della tesi lo Studente deve:


  1. presentare in Segreteria, entro il 15 dicembre (per la seduta invernale) e il 15 maggio (per la seduta estiva), tre copie della tesi, firmate dal relatore e dal candidato;

  2. assicurare che la tesi per la Laurea in Scienze Religiose sia di almeno 60 pagine dattiloscritte a spazio due con ventidue righi di sessanta battute per pagina (minimo di 79.200 battute); che la tesi per la Laurea magistrale in Scienze Religiose sia di almeno 100 pagine con le medesime caratteristiche tecniche di cui sopra (per un minimo di 132.000 battute).

6. Per ognuna delle tesi depositate il Direttore nomina un Docente Correlatore.
Art. 10

Esame comprensivo finale


1. L'esame finale per il conseguimento della Laurea in Scienze Religiose si svolge in un'unica seduta alla presenza di una Commissione presieduta dal Preside della PFTIM o un suo delegato, dal Direttore o un suo delegato, da almeno tre Docenti dell'Istituto. Ogni candidato ha a disposizione un tempo massimo di 50 minuti. La seduta comprende due momenti di almeno 25 minuti ciascuno:

  1. Presentazione e discussione della Tesi: Lo studente, dopo aver firmato l'apposita camicia, presenta nelle linee essenziali i contenuti e il metodo di lavoro. Relatore e Correlatore, leggono e depositano agli atti il proprio giudizio scritto sul lavoro. Infine lo studente risponde ai quesiti posti dalla Commissione in riferimento alla tesi.

  2. Colloquio interdisciplinare finale: il candidato presenta alla commissione tre tesi scelte nell'ambito del "Tesario per il colloquio interdisciplinare finale" predisposto dal Consiglio di Istituto, approvato dalla Facoltà, e pubblicato all'inizio dell'anno accademico conclusivo del curricolo. Il "Tesario" presenta trenta tesi raccolte per aree tematiche; le tre tesi scelte dal candidato dovranno riguardare tre diverse aree.

2. L’esame finale per il conseguimento della Laurea magistrale in Scienze Religiose si svolge in un'unica seduta alla presenza di una Commissione presieduta dal Preside della PFTIM o un suo delegato, dal Direttore o un suo delegato, da almeno tre Docenti dell'Istituto. Ogni candidato ha a disposizione un tempo massimo di 40 minuti. La seduta comprende due momenti di almeno 20 minuti ciascuno:

  1. Presentazione e discussione della Tesi: Lo studente, dopo aver firmato l'apposita camicia, presenta nelle linee essenziali i contenuti e il metodo di lavoro. Relatore e Correlatore, leggono e depositano agli atti il proprio giudizio scritto sul lavoro.

  2. lo studente risponde ai quesiti posti dalla Commissione in riferimento alla tesi.



TESARIO
AREA DOGMATICA

1. Il Cristianesimo come religione di Rivelazione a partire dall'analisi delle Costituzioni dogmatiche Dei Filius e Dei Verbum.

Bibliografia: S. PlÈ-NlNOT, La Teologia Fondamentale, Queriniana Brescia, 2002, p. 223-258.



2. La Testimonianza: segno di credibilità nella vita e missione della Chiesa.

Bibliografia: Dizionario di Teologia Fondamentale, Testimonianza, a cura di r.latourelle, pp.1312-1331.



3. Dal Gesù storico al Cristo della fede: genesi e sviluppo della cristologia neotestamentaria; le prime "esposizioni" della fede cristologica della Chiesa nella continuità tra il fondamento biblico e l'approfondimento dogmatico: Nicea, Efeso e Calcedonia.

Bibliografia: A. AMATO, Gesù il Signore, EDB, BOLOGNA 20036, pp. 229-310.



4. La Grazia compimento della persona: radice della figura cristiana del discepolo.

Bibliografia: G. COLZANI, Antropologia Teologica. L’uomo paradosso e mistero, EDB, bologna, pp. 311-338.



5. Definizione della categoria teologica di sacramento: prospettiva antropologica e fondazione biblica. La centralità dell'Eucarestia nell'articolazione del settenario sacramentale.

Bibliografia: SCHNEIDER Theodor, Segni della vicinanza di Dio. Compendio di teologia dei sacramenti, Queriniana, Brescia 31989, pp. 7-54. 130-190; oppure dispense del docente La Chiesa celebra il Signore nei segni sacramentali, pp. 4. 14. 18-30. 39-67.



6. Maria figura e modello della Chiesa.

Bibliografia: concilio VATICANO II, Lumen Gentium, cap. 8, DE FIORES, Maria nel mistero di Cristo e della Chiesa.Commento teologico-pastorale al cap. VIII della costituzione Lumen Gentium, Centro Monfortano, roma 1995.



7. La Chiesa mistero di comunione.

Bibliografia: G. PHILIPS, La Chiesa e il suo mistero, Milano 1993, pp. 119-196.



8. Chiesa per il popolo o Chiesa del popolo (alcune posizioni delle recenti visioni ecclesiologiche).

Bibliografia: R. BATTOCCHIO- S. NOCETI (a cura di), Chiesa e sinodalità. Coscienza, forme, processi, Milano 2007, un capitolo a scelta.



9. Trinità e Mistero Pasquale: l'amore trinitario di Dio.

Bibliografia: P. CODA, II Dio uno e trino, Paoline 2000, pp. 107-120.



10. "Solamente nel mistero del verbo incarnato trova piena luce il mistero dell'uomo" (GS 22). Orientamenti nella teologia contemporanea.

Bibliografia: Dispense del docente.


AREA BIBLICA


  1. Conoscenza di insieme della Costituzione Dogmatica Dei Verbum con particolare attenzione ai temi dell'ispirazione, del canone e della verità biblica.

Mannucci V., Bibbia come parola di Dio. Introduzione generale alla sacra Scrittura, Queriniana 199514 pp. 23-54. 127-163; 197-225. 245-269.


  1. Esegesi ed Ermeneutica. Approcci e metodi di esegesi.

Fabris R. e Collaboratori, Introduzione generale alla Bibbia, Logos, ElleDiCi 1994, pp. 457-527; Pontificia Commissione Biblica, L’interpretazione della Bibbia nella Chiesa, 15.4.1993.


  1. Teoria delle fonti J E D P. Principali criteri di identificazione ed ipotesi di collocazione storica per ogni fonte. Le grandi sezioni e argomenti del Pentateuco. I tre grandi codici legislativi del Pentateuco (codice dell'alleanza, legge di santità, codice deuteronomico). Dove si trovano? Quali sono le caratteristiche principali di ciascuno? I problemi dell'utilizzazione dell'Antico Testamento come fonte per lo studio della storia d'Israele. L'AT è o non è un libro di "storia" o "storiografia" nel senso moderno della parola? Perché?

Mannucci V., Bibbia come parola di Dio. Introduzione generale alla sacra Scrittura, Queriniana 199514 pp. 59-74.


  1. Profeti pre-esilici: Amos, Osca, Isaia, Geremia. Conoscenza generale del quadro storico della loro predicazione. Le grandi sezioni e temi dei libri a loro attribuiti.

Römer, T. - Macchi, J.N. - Nihan, C. (ed.), Guida di lettura dell’Antico Testamento, Bologna: EDB 2007, pp. 371-379. 349-359. 301-313. 315-325.

Marconcini, B. (a cura di), Profeti e apocalittici. 2ª Edizione rinnovata, Logos 3, Leumann (Torino): ELLE DI CI 20072, pp. 85-88. 89-98. 99-108. 109-122. 131-134. 143-155.

I profeti esilici e post-esilici: Ezechiele, Isaia 40-66, Gioele, Zaccaria. Conoscenza generale del quadro storico della loro predicazione. Le grandi linee del contenuto dei libri a loro attribuiti.

Römer, T. - Macchi, J.N. - Nihan, C. (ed.), Guida di lettura dell’Antico Testamento, Bologna: EDB 2007, pp. 301-313. 327-333. 337-343. 365-369. 423-435.

Marconcini, B. (a cura di), Profeti e apocalittici. 2ª Edizione rinnovata, Logos 3, Leumann (Torino): ELLE DI CI 20072, pp. 157-169. 171-180. 183-186. 192-197. 199-203. 219-222. 236-240. 246-251.


  1. I libri sapienziali. Quali sono? Quali sono le domande e le preoccupazioni fondamentali di questi libri?

Cappelletto, G. – Milani, M., In ascolto dei profeti e dei sapienti. Introduzione all’Antico Testamento II, Padova: Messaggero 20013, pp. 195-212. 214-219. 220-242. 243-268. 269-280. 290-298. 317-363.


  1. Storia di Israele e della Chiesa primitiva.

Fabris R. e Collaboratori, Introduzione generale alla Bibbia, Logos, ElleDiCi 1994, pp. 39-143.

Rendtorff R., Introduzione all’Antico Testamento, Claudiana, pp. 9-100.

Albert Soggin J., Storia d’Israele, Paideia Editrice Brescia, pp. 149-493.

Conzelmann H. – Lindemann A., Guida allo studio del Nuovo Testamento, Marietti 1820, pp. 391-434.


  1. Che significa la questione sinottica? Quali sono le principali soluzioni proposte? Cosa si intende per "teoria delle due fonti"? Elencare alcuni dei principali tratti letterari (strutture) e teologici (cristologia, ecclesiologia, escatologia e morale) dei Sinottici. Scopo e messaggio del libro degli Atti.

Laconi M. e collaboratori, Vangeli sinottici e Atti degli Apostoli, Elledici 1999, pp. 84-101; 139-196; 565-579


  1. Destinatari, struttura, aspetti letterari e linee teologiche fondamentali di 1 Tes, 1 Cor, 2 Cor, Gal, Rom e Fil, Col e Ef, Saggi di esegesi.

Sacchi A. e collaboratori, Lettere Paoline e altre lettere, N. 6, Elledici, 2006.


  1. Il racconto della passione in Giovanni.

De La Potterie I., La passione di Gesù secondo il vangelo di Giovanni. Testo e spirito. Paoline 1999


  1. Divisione, autore e datazione del Quarto Vangelo. Relazione con gli altri Vangeli. Principali tratti teologici. Cosa significa e designa la parola "apocalisse"? Datazione e situazione ecclesiale dell'Apocalisse di Giovanni

Ghiberti G. e collaboratori, Opera giovannea, Elledici 2003, pp.33-62; 80-91; 133-155.

AREA MORALE
I - Questioni preliminari


  1. La Teologia morale tra storia e tradizione

L. MELINA-J. NORIEGA-J.J. PÉREZ-SOBA, Camminare nella luce dell’amore. I Fondamenti della morale cristiana, Cantagalli, Siena 2008, pp. 25-80.




  1. Fonti e metodo della Teologia morale

Ibidem, pp. 81-97.
II – Il Padre, l’amore e la vita buona


  1. Esperienza morale, ricerca di senso e ideale della vita buona

Ibidem, pp. 101-179.


  1. Il peccato, rifiuto dell’amore e perdita della libertà

Ibidem, pp. 181-211; pp. 435-477.


  1. Legge naturale tra creazione e redenzione

Ibidem, pp. 213-235.
III – Il Figlio, la vocazione e la sequela


  1. L’incontro con Cristo: chiamata e conversione

Ibidem, pp. 239-265.


  1. Virtù teologali e virtù morali

Ibidem, pp. 267-378.


  1. Legge morale e legge civile

Ibidem, pp. 401-434.
IV – Lo Spirito Santo, dono e comunione


  1. Dono, azione e comunione

Ibidem, pp. 481-517.


  1. Grazia e libertà: doni dello Spirito Santo e vita morale

Ibidem, pp.561-596.


  1. Coscienza morale e formazione cristiana

Ibidem, pp. 597-628.
V – Fondamento personalistico della Dottrina Sociale della Chiesa
1. Sussidiarietà, solidarietà e bene comune

PONTIFICIO CONSIGLIO DELLA GIUSTIZIA E DELLA PACE, Compendio della dottrina sociale della Chiesa, LEV, Città del Vaticano 2004, nn. 105-208.




  1. Il lavoro umano tra diritti e doveri

PONTIFICIO CONSIGLIO DELLA GIUSTIZIA E DELLA PACE, Compendio della dottrina sociale della Chiesa, nn. 255-322.
VI – Famiglia, sessualità e procreazione


  1. Famiglia, matrimonio e unioni di fatto

PONTIFICIO CONSIGLIO PER LA FAMIGLIA, a cura di, Lexicon. Termini ambigui e discussi su famiglia, vita e questioni etiche, Edizioni Dehoniane, Bologna 2003, pp. 387-410; 587-598; 835-851.

PONTIFICIO CONSIGLIO DELLA GIUSTIZIA E DELLA PACE, Compendio della dottrina sociale della Chiesa, nn. 209-237.


2. Etica della sessualità e procreazione responsabile

C. CAFFARRA, Etica generale della sessualità, Ares, Milano 1992, pp. 9-78.




  1. Identità di genere, omosessualità e omofobia

PONTIFICIO CONSIGLIO PER LA FAMIGLIA, a cura di, Lexicon. Termini ambigui e discussi su famiglia, vita e questioni etiche, pp. 421-429; 447-470; 685-697.
VII – Dignità della persona umana e bioetica


  1. Cultura della vita e tutela della persona umana. Diritto alla vita, aborto, fecondazione artificiale

PONTIFICIO CONSIGLIO PER LA FAMIGLIA, a cura di, Lexicon. Termini ambigui e discussi su famiglia, vita e questioni etiche, Edizioni Dehoniane, Bologna 2003, pp. 127-152; 185-190; 239-247; 503-522; 737-743.


  1. Eutanasia, accanimento terapeutico e suicidio assistito

AA.VV., Né eutanasia né accanimento terapeutico, « I Quaderni di Scienza & Vita», n. 1.
VIII – L’uomo e l’ambiente


  1. Salvaguardia dell’ambiente ed ecologia umana

PONTIFICIO CONSIGLIO DELLA GIUSTIZIA E DELLA PACE, Compendio della dottrina sociale della Chiesa, nn. 451-487.
IX – L’uomo e la pace
1. Promozione della pace e giustizia

PONTIFICIO CONSIGLIO DELLA GIUSTIZIA E DELLA PACE, Compendio della dottrina sociale della Chiesa, nn. 488-520.










©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale