Schema di Convenzione/Atto Unilatera d’Obbligo – Permesso di Costruire (P. C. C.) Revisione n 1/a Settore Edilizia Privata / Urbanistica Comune di Pianiga Schema Convenzione/Atto Unilaterale d’Obbligo



Scaricare 125.16 Kb.
04.01.2018
Dimensione del file125.16 Kb.

Comune di Pianiga (VE) – Settore Edilizia Privata / Urbanistica


– Proposta Schema di Convenzione/Atto Unilatera d’Obbligo – Permesso di Costruire (P.C.C.)

Revisione n 1/a





logo carta

Settore Edilizia Privata / Urbanistica logo_it_patto%20dei%20sindaci

Comune di Pianiga



Schema Convenzione/Atto Unilaterale d’Obbligo

versione n° 1/a

2015

-PERMESSO di COSTRUIRE CONVENZIONATO- P.C.C. (N.T.A. art. 9)-




Spazio riservato all’Ufficio Protocollo








-CONVENZIONE URBANISTICA-

(Schema da modificare ed integrare in relazione alle peculiarità dell’intervento)


COMMITTENTE: ………………………………..

…………………………………………………………….
…………………………………………………………….

PROGGETTISTA : ……………………………..


…………………………………………………………..


…………………………………………………………………………………………………………..



(firma)
…………………………………………………………………………………………………………..

(firma)

…………………………………………………………………………………………………………..



(firma)

…………………………………………………………………………………………………………….



(timbro e firma)




Schema Convenzione / Atto Unilaterale d’Obbligo

da verificare con schema contenuto come allegato nelle Norme Tecniche Operative (N.T.O.) della Variante al Piano degli Interventi in relazione al tipo d’intervento
Attenzione si riferisce a Permesso di Costruire Convenzionato per P.U.A. vedi altro modello nel sito.
SCHEMA DI CONVENZIONE ATTUATIVA

PERMESSO DI COSTRUIRE CONVENZIONATO

Ambito di trasformazione: _________

 

Denominato………….

 

regolante i rapporti tra Comune e soggetto attuatore per l'esecuzione di un Permesso di Costruire Convenzionato, di seguito denominato P.C.C.

 

 



Il giorno _______ del mese di ________ dell'anno _______ in Pianiga (Venezia)

 

tra



 

  •                                    , nella persona del legale rappresentante                       , con sede in Via                   n.     a                           , cod. fisc./partita iva ………………, proprietaria/o dell’area censita al Catasto Terreni di Pianiga al foglio       mappale               di ha.           ;

 

  •                                    , nella persona del legale rappresentante                       , con sede in Via                   n.     a                       , cod. fisc./partita iva ………………, proprietaria/o dell’area censita al Catasto Terreni di Pianiga al foglio           mappale               di ha.           ;

 

  •                                    , nella persona del legale rappresentante                       , con sede in Via                  n.     a                       , cod. fisc./partita iva ………………, proprietaria/o dell’area censita al Catasto Terreni di Pianiga al foglio           mappale               di ha.           ;

 

 

 



di seguito definiti come Concessionari/soggetti attuatori;

 

e



__________________________________________________________ il/la quale interviene nella sua qualità di Responsabile del Settore ____________________________del Comune di Pianiga, in conformità all’art. 107 e 109 del d. lgs n. 267/18.8.2000 e dello Statuto del Comune di Pianiga;

 

 



Richiamato

 

…………………………………………………………………………………………………………………………..



Premesso

 

-          che i concessionari sono proprietari dell'area posta nel Comune di Pianiga, censita al N.C.T. Sezione di ________ del Comune di Pianiga al foglio n. _______, mappali ________, che si estende per complessivi mq. ________ di superficie rilevata e verificata (come da Tav ________ di rilievo) ;



-          (eventuale) che il concessionario ha titolo ad intervenire sull’area individuata come Sub Ambito (sigla identificativa) in virtù di procura speciale a magistero notaio _______ del _________ Rep. _________ - esecutiva di contratto preliminare di vendita del _________ Rep. _______Racc. _______ - a magistero notaio _________in _______ ovvero di altro idoneo titolo giuridicamente valido;

-          che detta area, risulta destinata dal P.I. vigente, approvato con delibera del C.C. n._____ del _________, come Area di Trasformazione - Scheda Tecnico-Normativa - altro “(sigla identificativa e denominazione)”, disciplinata dalle Norme Tecniche di Attuazione del P.I. vigente (artt. ……….), da attuarsi previa approvazione del Permesso di Costruire Convenzionato;



-          (eventuale) che all’interno del comparto sono presenti anche aree demaniali/aree appartenenti al patrimonio indisponibile del Comune o di altri Enti territoriali e precisamente censite al fg. _______ mapp. _______ per una sup. complessiva di circa mq. _______ per le quali è stato acquisito un nulla osta sul progetto tecnico;

-          (eventuale) che all’interno del comparto è presente un’area costituita da opere di urbanizzazione già realizzate ed appartenente al patrimonio indisponibile del Comune di Pianiga, censita al C.T. del Comune, sezione di         , foglio , mappale/i    , per una superficie complessiva di circa mq.      , per la quale, l’Amministrazione Comunale non partecipa all’attuazione dell’intervento;

-          che in forza dei disposti di legge ed in particolare dell’art. 17 comma 1 della legge 164/2014 “Sblocca Cantieri” che modificata l’art.28 bis del Dpr 380/2001, dell’art. 9 del POC l'attuazione dell'intervento è subordinata alla stipula di una convenzione atta a disciplinare i rapporti tra Comune e concessionario-soggetto attuatore.

 

-          Visti:



  

-          la deliberazione del Consiglio Comunale n. XXXX del XXXXX, esecutiva ai sensi di legge, ad oggetto: "Aggiornamento delle tabelle parametriche di definizione degli oneri di urbanizzazione di cui agli artt. 5 e 10 della L. 10/77 - XXXXXXXXXXXXXXX", con la quale sono stati determinati gli oneri di urbanizzazione ed i criteri per la loro applicazione, da porsi a carico dei concessionari di edilizia abitativa, industriale, artigianale, commerciale, direzionale.

 

   


-          il progetto di Permesso di Costruire Convenzionato costituito dagli elaborati a seguito elencati, nella loro versione definitiva, e che si intendono automaticamente aggiornati a seguito dell’approvazione di successive varianti approvate dall’Amministrazione Comunale anche quando non venga variata la presente convenzione, nel caso in cui non siano modificati né la zonizzazione né i parametri urbanistici ed edilizi:

 


  1.        relazione tecnica (prot. n. _____________ del _____________);

  2.        relazione interpretativa dei concetti regolativi per la qualità urbana (prot. n. _____________ del _____________);

  3.        scheda dati (prot. n. _____________ del _____________);

  4.        schema di convenzione(prot. n. _____________ del _____________);

  5.        stralcio di P.A.T., stralcio P.I. con relative norme e estratto Scheda Tecnica normativa/scheda norma (prot. n. _____________ del _____________);

  6.        documentazione catastale (estratto di mappa e visure complete dei terreni oggetto di intervento - prot. n. _____________ del _____________);

  7.        titolo di proprietà o dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (prot. n. _____________ del _____________);

  8.        Tavola di rilievo planimetrico fatto con metodo celerimetrico, riferito a punti fissi, preferibilmente spigoli di fabbricati vicini all’area di rilievo, restituito in coordinate cartesiane, con ricostruzione, nello stesso sistema di riferimento, dei confini di proprietà e del perimetro dell’area di intervento con indicazione della superficie per la verifica o l’eventuale modifica del dato della st (prot. n. _____________ del _____________);

  9.        Tavola di individuazione, mediante coordinate cartesiane, delle aree di cessione per uso pubblico, rappresentate nello stesso sistema di riferimento utilizzato per il rilievo planimetrico (prot. n. _____________ del _____________);

       Nella tavola 9.. viene richiesto di evidenziare eventuali vincoli che possano incidere   nell’istruttoria del P.A.T. e P.I. (prot. n. _____________ del _____________);

  1.    documentazione fotografica (prot. n. _____________ del _____________) ;

  2.    planimetria di progetto con inquadramento territoriale di contorno (scala 1:1000-2000) (prot. n. _____________ del _____________);

  3.    planimetria di progetto con destinazione delle aree (scala 1:500) (prot. n. _____________ del _____________) ;

  4.    planimetria di progetto con numerazione dei lotti (scala 1:500) (prot. n. _____________ del _____________) e dati parametrici attribuiti ai singoli lotti;

  5.    planimetria di progetto con sistemazione degli spazi aperti (scala 1:500) (prot. n. _____________ del _____________);

  6.    relazione interpretativa dei concetti regolativi per la qualità urbana (prot. n. _____________ del _____________);

  7.    planimetria di progetto con individuazione dei parcheggi privati (scala 1:500) (prot. n. _____________ del _____________);

  8.    planimetria di progetto con individuazione delle aree di cessione (scala 1:500) (prot. n. _____________ del _____________);

  9.    sezioni e profili (scala 1:500) (prot. n. _____________ del _____________);

  10.    schemi tipologici (scala 1:200) (prot. n. _____________ del _____________);

  11.    schema degli impianti tecnici: acquedotto e gas (scala 1:500) (prot. n. _____________ del _____________);

  12.    schema degli impianti tecnici: fognatura e depurazione (scala 1:500) (prot. n. _____________ del _____________) ;

  13.    rete degli impianti tecnici: rete elettrica e telefonica (scala 1:500) (prot. n. _____________ del _____________);

  14.    rete degli impianti tecnici: eventuali altre reti (scala 1:500) (prot. n. _____________ del _____________);

  15.    progetto di massima dell’impianto di illuminazione pubblica (scala 1:500) (prot. n. _____________ del _____________) ;

  16.    previsione di spesa e computo metrico estimativo asseverato delle opere di urbanizzazione;

  17.    relazione geologica/geotecnica (redatta ai sensi dell’O.P.C.M. 3274/2003 – solo nel caso di realizzazione di edifici) (prot. n. _____________ del _____________);

  18.    relazione idraulica (prot. n. _____________ del _____________);

  19.    valutazione di impatto/clima acustico (prot. n. _____________ del _____________) ;

  20.    _______________________________________________

  21.    _______________________________________________

 

 

Tutto ciò premesso

 

i concessionari si obbligano espressamente, per sé medesimi e per i propri aventi causa a qualsiasi titolo ad assumere gli obblighi in ordine all'attuazione del permesso di costruire convenzionato di cui in premessa, meglio precisati negli articoli di seguito elencati, che vengono dagli stessi accettati senza alcuna riserva.



 

Art. 1 - Oggetto dell'intervento

Costituisce oggetto della presente convenzione l'intervento denominato ___________ – Via__________ ” da realizzare sull'area estesa per complessivi mq ___________ , e destinata dal P.I. vigente nel Comune a "xxxxxxxxxxxxxxx" disciplinata dagli art. XXXXXXXXXX delle N.T.A. del P.I., dalle prescrizioni contenute nella specifica Scheda xxxxxxxxx di P.I, nonché dalle disposizioni edilizie vigente da attuarsi previo rilascio di Permesso di Costruire Convenzionato che la zonizzazione interna proposta dal progetto di PCC suddivide nel seguente modo:

 

1)   mq ______ per urbanizzazioni primarie di cui:



a)    mq       ______per urbanizzazioni generali e viabilità;

b)    mq       ______per parcheggi pubblici (standard);

(eventuale) di cui mq _______ di parcheggi a raso e mq ________ di parcheggio su pluripiano, corrispondente ad una superficie complessiva virtuale di standard pari a mq ______ ;

2) mq ______    per urbanizzazioni secondarie (standard);

3) mq ______    di Sf per interventi privati;

 

L'attuazione degli interventi sulla superficie fondiaria di cui al precedente punto 3) tiene conto dell'esigenza del reperimento, nell'ambito del lotto, delle superfici idonee all'individuazione e realizzazione degli spazi di sosta e parcheggio di cui all'art. 2, secondo comma della Legge 24/03/1989 n° 122, nonché, di quanto prescritto per le singole funzioni, del R.E. vigente, dalle norme tecniche attuative della scheda del PCC, nonché da normative specifiche di settore per gli usi commerciali.



  

Gli abitanti insediabili nell'ambito degli edifici residenziali ammontano a ______ computati in base al parametro di n. 1 abitante ogni xxxxxxxx; gli addetti insediabili nell'ambito delle destinazioni d'uso diverse da quella residenziale sono stimati in _________.

 

Si stabilisce fin d’ora che qualora fosse necessario prevedere l’insediabilità di funzioni ammesse dalla scheda Tecnico-Normativa, nei lotti appositamente individuati dal presente PCC ad oggi destinati alla sola funzione caratterizzante, che comportano un maggior carico urbanistico, l’ulteriore dotazione di standard pubblici potrà essere individuata:



  •          internamente al comparto - in tal caso sarà necessario apportare variante al presente PCC e apportare le modifiche alla presente convenzione;

  •          ovvero ne potrà essere consentita la monetizzazione - in tal caso non sarà necessario apportare variante al presente PCC ma corrispondere il relativo indennizzo in sede di rilascio dello specifico titolo edilizio;

 

Per la descrizione delle caratteristiche tipologico/costruttive e di finitura degli edifici, è fatto specifico riferimento, oltre a quanto indicato nella presente convenzione, agli elaborati di progetto.

 

Art. 2 - Cessione delle aree per opere di urbanizzazione

In osservanza ai disposti della legge 17.8.1942 n. 1150 e successive modifiche ed integrazioni, della legge 28.1.1977 n. 10, del D.P.R. 6.6.2001 n. 380, i concessionari si obbligano a cedere al Comune di Pianiga le aree per opere di urbanizzazione primaria e secondaria risultanti dal citato progetto di Permesso di Costruire Convenzionato nelle quantità non inferiori a quelle riportate ai punti 1 e 2 del precedente art. 1, per un ammontare complessivo minimo di mq. _________ così come riportato nella tav. n._________.

 

(eventuale) Considerato che il soggetto attuatore risulta proprietario di aree esterne al comparto necessarie a garantire la piena funzionalità del progetto di PCC in oggetto, i concessionari si obbligano a cedere al Comune di Pianiga tali aree per una superficie pari a circa mq. _______ e precisamente identificate nel Comune di Pianiga, Sezione di ______ al foglio ___ mappale ____.



Le aree di cui sopra:

-          saranno trasferite al Comune contestualmente alla stipula della presente convenzione, ovvero prima del rilascio del titolo oggetto di convenzione, previo picchettamento delle stesse;

-          verranno acquisite dal Comune al proprio patrimonio indisponibile; tuttavia per la realizzazione delle opere di urbanizzazione di cui al successivo art. 3 e 3bis, le sopramenzionate aree saranno temporaneamente disponibili senza onere alcuno, per il concessionario, per tutto il tempo stabilito per la realizzazione delle stesse e comunque non oltre il conseguimento del certificato di collaudo definitivo.

-          Sono a carico del titolare del PdC i costi presunti che potessero derivare da indagini archeologiche ovvero ritrovamenti di reperti archeologici nelle aree a destinazione pubblica nonchè di quelli derivanti dalla rimozione di eventuali vizi occulti o bonifiche dei suoli evidenziabili nelle fasi di scavo. In tal caso dovrà essere adeguato il computo metrico e la relativa fideiussione.

 

In ogni caso, qualora insorgano esigenze di accesso e transito pedonale e/o carrabile da parte di terzi nelle aree sopracitate, i concessionari si impegnano a garantirne, a proprie spese e nel rispetto delle normative di sicurezza vigenti, la transitabilità, senza che ciò arrechi pregiudizio alla realizzazione delle opere di urbanizzazione e/o di costruzione degli edifici.



   

Si stabilisce fin d’ora che, qualora ricorra la necessità di apportare variante al PCC, potranno essere permutate le aree eventualmente già trasferite per le urbanizzazioni e non più interessate dalle stesse, previa presentazione e rilascio di PCC in variante e sottoscrizione di nuova convenzione, con le diverse aree, previste dall’eventuale variante. Tale permuta potrà avvenire alle seguenti condizioni:

 


  1.        le aree da trasferirsi in permuta al Comune dovranno essere di estensione pari o superiore a quelle che il Comune trasferirà in permuta agli attuatori;

  2.        nessun conguaglio sarà dovuto;

  3.        tutti gli oneri, anche fiscali, della permuta dovranno gravare sull’attuatore.

 

 

Art. 3 - Realizzazione delle opere di urbanizzazione

il concessionario si obbliga a far realizzare a propria cura e spese le seguenti opere di urbanizzazione:


  1.       strade pedonali, strade ciclabili se ed in quanto previste nel piano;

  2.        aree sistemate per la sosta e il parcheggio pubblico al diretto servizio dell’insediamento compresa la messa a dimora delle alberature e del relativo impianto di irrigazione;

  3.        reti tecnologiche di impianti:

a)       di distribuzione dell'acqua potabile;

b)       dell’energia elettrica;

c)       del gas;

d)       di telefonia e di trasmissione dati;

e)       di fognatura, di raccolta e di trattamento locale dei rifiuti liquidi e solidi;

f)        altro …….



  1.        impianti di pubblica illuminazione;

  2.        impianti antincendio;

  3.        sistemazioni a verde ricreativo.

Per le opere inerenti la messa a dimora di alberature, ove progettualmente previsto, sia a corredo di parcheggi e strade, sia funzionali alla sistemazione delle aree destinate a verde ricreativo e verde di mitigazione, dovrà essere prevista la dotazione di apposito impianto di irrigazione goccia a goccia.

(eventuale) Il concessionario si obbliga altresì, nel rispetto della disciplina succitata, a far realizzare a propria cura e spese le opere di urbanizzazione insistenti su aree di proprietà dell’Amministrazione Comunale (ovvero degli altri Enti Territoriali) previa acquisizione di specifico assenso qualora necessario, costituenti il completamento funzionale delle nuove opere di urbanizzazione.

Non è consentita la realizzazione su aree pubbliche di cessione di reti di impianti tecnologici privati diversi da quelle relative alle opere di urbanizzazione primaria sopra elencate (esempio TV via cavo, teleriscaldamento ecc.).

  

(eventuale) Sulla base di quanto valutato dal Servizio Ambiente, sarà consentita la realizzazione di coperture fotovoltaiche su parte dei parcheggi pubblici al fine di mettere in atto le misure di risparmio energetico previste dal progetto di PCC di cui alla scheda tecnico normativa; a tal proposito, le parti si impegnano a sottoscrivere, entro la data di approvazione del collaudo di dette opere, un apposito disciplinare che regolamenti gli aspetti specifici legati alla gestione e manutenzione delle stesse, così come definito al successivo art. 8.

Il costo di massima per la realizzazione delle opere sopradescritte, quantificato in applicazione dei prezzi unitari riportati nel prezziario della C.C.I.A.A., comprensivo dell’IVA di legge, delle spese tecniche di progettazione, degli oneri per la sicurezza e per eventuali imprevisti, è stimato in €. _______________ (__________________________ euro).

 

(eventuale) Il concessionario si impegna fin da ora, a fronte di una formale richiesta da parte dell’A.C – da formalizzare entro i termini di validità del titolo edilizio concernente le opere di urbanizzazione - sulla base di diversi indirizzi dalla stessa assunti, a prevedere una diversa localizzazione dell’impianto, ovvero la monetizzazione dell’importo, fermo restando l’impegno economico garantito nei termini stabiliti. In questo specifico caso, dovrà essere rilasciata variante al titolo edilizio, ma non sarà necessaria la sottoscrizione di una nuova convenzione

 

L’attuatore resta comunque obbligato nei confronti del Comune di Pianiga a farsi carico, ovvero corrispondere, gli eventuali maggiori costi che dovessero sopravvenire in fase esecutiva.



 

Art. 3.bis – (eventuale) Opere di urbanizzazione fuori comparto

Per la realizzazione dell'intervento complessivamente previsto dal Permesso di Costruire Convenzionato di che trattasi, è richiesta la realizzazione di opere di urbanizzazione generale al di fuori del comparto – scheda .. delimitato alla tav. ________. del P.I , anche in tempi e con procedure diverse rispetto alle opere interne al comparto, e in particolare il soggetto attuatore si impegna a far realizzare, le opere a seguito elencate:

1)     ________________________________

2)     ________________________________

3)     ________________________________

 

(alternativa 1) Le opere sopra descritte verranno realizzate su aree di proprietà comunale e/o dei Concessionari e pertanto non necessitano di procedure di esproprio. Nel caso in cui, in fase di realizzazione delle stesse si rendesse necessario interessare anche aree di proprietà di soggetti terzi, i Concessionari si dovranno far carico di tutti gli oneri derivanti dalla occupazione ed acquisizione di tali aree. In relazione alle suddette opere i concessionari si assumono l'impegno di provvedere, oltre alla realizzazione delle opere, alla redazione del progetto esecutivo che verrà ceduto gratuitamente al Comune; il progettista dovrà ottemperare alle direttive impartite dai competenti uffici comunali e dovrà fornire al Comune di Pianiga tutte le garanzie previste dalla vigente legislazione in materia di opere pubbliche relativamente ai danni derivanti da errori di progettazione.



 

(alternativa 2) In relazione alle suddette opere, stante la non disponibilità di tutte le aree da parte né dei soggetti attuatori né del Comune di Pianiga, sarà necessaria, fatta comunque salva eventuale possibilità di acquisizione diretta da parte degli attuatori e successiva cessione gratuita al Comune di Pianiga, l’attivazione di procedura espropriativa da parte dell’A.C., per la quale gli attuatori si assumono l’impegno e l’onere economico:



  1.        di predisporre il piano particellare di esproprio, redatto sulla base del rilievo celerimetrico dell’area interessata dagli interventi, avente caratteristiche di redazione di bozza di frazionamento catastale, completo di planimetria di progetto, planimetria catastale, tabella delle indennità ed elenco delle ditte, comprensivo dei recapiti per invio atti di notifica;

  2.        di predisporre tutti gli elaborati tecnici richiesti per poter consentire all’A.C. di approvare il progetto definitivo dell’opera pubblica; tali elaborati sono sinteticamente costituiti da disegni grafici di progetto, computo metrico estimativo, capitolato speciale e generale di appalto, relazione tecnica e quant’altro fosse richiesto;

  3.        di predisporre i frazionamenti preordinati alla fase di acquisizione delle aree necessarie alla realizzazione dell’opera pubblica;;

  4.        di corrispondere la totalità dei costi di esproprio dell’area; tale importo sarà garantito mediante presentazione, al momento della sottoscrizione della presente convenzione, di polizza fidejussoria, con le caratteristiche specificate al successivo art. 11; tale importo ha, in questa fase, valore provvisorio e andrà integrato, a semplice richiesta dell’Amministrazione Comunale, qualora si accertassero maggiori oneri derivanti dalla conclusione, anche in sede contenziosa, della procedura espropriativa;

  5.        di provvedere alla redazione del progetto esecutivo, e alla sua presentazione una volta acquisite le aree da parte dell’A.C. e da questa rese temporaneamente disponibili per l’attuatore per il periodo necessario alla completa realizzazione dell’opera; il progettista deve ottemperare alle direttive impartite dai competenti uffici comunali fornendo al Comune di Pianiga tutte le garanzie previste dalla vigente legislazione in materia di opere pubbliche relativamente ai danni derivanti da errori di progettazione.

 

Il costo di massima per la realizzazione delle opere sopra elencate, quantificato in applicazione dei prezzi unitari riportati nel prezziario della C.C.I.A.A., comprensivo dell’IVA di legge, delle spese tecniche di progettazione, degli oneri per la sicurezza e per eventuali imprevisti, è stimato in €. ___________________ (____________________________) e viene garantito dalle polizze di cui al successivo art. 10.

Il costo di massima relativo alla stima delle indennità di esproprio è stimato in €.___________________ (____________________________) e viene garantito dalle polizze di cui al successivo art. 10.

 

L’attuatore resta comunque obbligato nei confronti del Comune di Pianiga a farsi carico, ovvero corrispondere, gli eventuali maggiori costi dovessero sopravvenire in fase esecutiva.



 

La realizzazione delle sole opere di urbanizzazione fuori comparto potrà avvenire solo successivamente all’avvenuta acquisizione delle aree necessarie all’esecuzione delle stesse, a seguito della conclusione dell’eventuale procedimento espropriativo relativo ai terreni non di proprietà dei concessionari o di enti pubblici.

 

(eventuale) Stante la possibilità di realizzare le opere di urbanizzazione esterne al comparto, di cui al presente articolo, in tempi e modi distinti rispetto alla realizzazione delle opere interne, si prescrive che la realizzazione e collaudabilità delle opere infrastrutturali esterne sia completata entro _______anni dal rilascio del titolo.

 

Art. 3.ter (eventuale, vedi anche art.12 N.T.A.) - Obbligazioni derivanti dall’Accordo con i privati in ordine al contributo perequativo e al concorso alla città pubblica.

Il soggetto attuatore, ai fini dell’attuazione dell’intervento di che trattasi ed in ottemperanza a quanto previsto dall’Accordo con i privati sottoscritto in data ________, le cui obbligazioni si devono qui intendere integralmente richiamate, e si obbliga:

-      ………………………………………….

-      ………………………………………….

-      ………………………………………….

-      ………………………………………….

-      ………………………………………….



Art. 4 – Controllo in corso d’opera e collaudo delle opere di urbanizzazione

Il controllo della realizzazione delle opere di urbanizzazione è effettuato mediante:

-          sorveglianza in corso d'opera;

-          verifica delle opere per un periodo di 12 mesi a decorrere dalla data di presa in carico delle opere di urbanizzazione da parte dell’amministrazione, diretta ad accertarne il soddisfacente funzionamento.

A tal fine le opere di urbanizzazione da realizzare sono soggette a collaudo tecnico-amministrativo in corso d’opera; il concessionario dichiara di avere affidato l’incarico di collaudo in corso di opera e definitivo dei lavori di cui ai precedenti articoli all’Ingegnere/Architetto _____________ iscritto all’Albo degli Ingegneri/Architetti di _____________ al n. _____________.

In caso di modifica del collaudatore, il concessionario dovrà comunicarlo tempestivamente al competente settore: ________________________________________________.

 

Il certificato di collaudo definitivo dovrà comunque essere emesso entro 30 giorni dalla comunicazione di fine lavori e sarà subordinato all’avvenuto pagamento della quota residua degli oneri, sottoscritto in data ___________ di cui al precedente art. 3ter.



Le opere elencate all’art. 3 (e qualora ricorra il caso, 3bis) potranno essere dichiarate funzionali e collaudabili, nei modi e nei termini previsti dal successivo art. 5, al solo fine di poter inoltrare la richiesta di certificato di conformità edilizia ed agibilità per singoli lotti e/o edifici.

 

I Concessionari sono tenuti, a favore del Comune, per le opere e i manufatti di cui sopra, alla garanzia ed agli obblighi disciplinati dagli artt. 1667, 1668 e 1669 del Codice Civile, entro i limiti ivi contenuti.



All'emissione del certificato di collaudo totale le opere ed i manufatti di urbanizzazione sopra elencati, saranno assunti in carico dal Comune ovvero trasferiti agli Enti istituzionalmente preposti alla loro gestione, ai sensi delle vigenti leggi e della presente convenzione, i quali ne assumeranno immediatamente la gestione e la manutenzione.

Sono a carico dei Concessionari gli oneri relativi:

-          all’esecuzione di prove in laboratorio, in sito, di carico e quant’altro previsto nei capitolati o richiesto dal collaudatore;

-          agli onorari professionali del collaudatore / Rup;

-          all’esecuzione di verifiche tecniche e di funzionalità eseguite dagli enti gestori dei servizi di interesse pubblico;

-          alla progettazione, direzione lavori e collaudo delle opere in cemento armato e metalliche;

-          in generale, tutte le spese ed oneri necessari per realizzare ad opera d’arte e rendere funzionali e collaudabili le opere di urbanizzazione.

Gli oneri di cui sopra sono quantificati presuntivamente in €. ____________ (euro ____________) e vengono garantiti come specificato al successivo art. 10.



Art. 5 – Condizioni per l’ottenimento dei titoli abilitativi edilizi

Il rilascio del permesso di costruire relativo alle opere di urbanizzazione è subordinato:

-          alla presentazione della garanzia fidejussoria;

-          alla cessione delle aree di cui al precedente art. 2;

-          all'eventuale integrazione della garanzia fidejussoria qualora, a seguito di varianti alla realizzazione delle opere di urbanizzazione, se ne determinasse un maggior costo.

-          al rispetto della normativa prevista dal regolamento del verde e all’eventuale integrazione della garanzia fideiussoria concernente l’abbattimento dell’alberatura.

Resta inteso che nel rispetto di quanto previsto, sarà possibile chiedere ed ottenere il Certificato di Conformità Edilizia ed Agibilità per singoli lotti e/o singoli edifici, a condizione che venga certificata, da parte del Collaudatore, la funzionalità e la collaudabilità delle opere di urbanizzazione elencate all’art. 3, punti 1), 2), 3), 4), 5) e 6) e gli allacciamenti all’impianto di teleriscaldamento, se previsto. La funzionalità e la collaudabilità potranno essere dichiarate anche in carenza della realizzazione del tappeto d’usura per strade e parcheggi.

La certificazione di funzionalità e collaudabilità delle opere di urbanizzazione dovrà contenere:

-          una planimetria con evidenziati sia i lotti e/o gli edifici compresi nello stralcio funzionale che le aree di urbanizzazione oggetto della certificazione stessa. Dovranno essere via via indicati ed evidenziati eventuali stralci oggetto di precedenti analoghe certificazioni;

-          l’esplicita dichiarazione di conformità delle opere realizzate al progetto delle opere di urbanizzazione approvato;

-          la valutazione tecnico-amministrativa delle opere già eseguite e di quelle ancora da realizzare.

 

Art. 6 - Oneri di urbanizzazione e costi di costruzione

I concessionari corrisponderanno al Comune di Pianiga, in sede di rilascio dei permessi di costruire per gli edifici previsti dal PCC, i residui oneri afferenti il rilascio dei medesimi titoli abilitativi alla costruzione, nonché il costo di costruzione di cui all’ art. 16 del DPR 6.6.2001 n. 380, XXX; in particolare, per quanto riguarda gli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria, i concessionari rimangono obbligati, nei confronti del Comune di Pianiga, nel seguente modo:

1)         qualora la previsione di spesa per la realizzazione delle opere di urbanizzazione primaria di cui ai numeri 1), 2), 3), 4),5) e 6) del precedente art. 3 e art. 3bis, risulti pari o superiore ai quantitativi tabellari (c.d. tabelle parametriche) vigenti al momento del rilascio dei permessi di costruire, nulla sarà dovuto al Comune e viceversa fermo restando, in tal caso, l'obbligo del concessionario a completare le opere suddette;

2)         qualora detta previsione di spesa risultasse inferiore ai predetti quantitativi tabellari, sarà dovuta al Comune di PIaniga la differenza;

3)         sarà comunque dovuto al Comune l’intero ammontare relativo agli oneri di urbanizzazione secondaria;

4)         sarà altresì dovuto al Comune l’ammontare relativo al costo di costruzione di cui all’ art. 16 del DPR 6.6.2001 n. 380 e artt. 29 (oppure 32);

La spesa per la realizzazione delle opere di cui sopra sarà stimata sulla base del relativo progetto esecutivo, applicando i prezzi unitari riportati nel prezziario della C.C.I.A.A.

 

Art. 7 - Modalità attuative e varianti

I lotti di intervento saranno sempre tra loro aggregabili parzialmente o totalmente a condizione che ciò non modifichi l’assetto della struttura viaria e degli spazi pubblici.

E’ consentita la rimodulazione della superficie attribuita ai singoli lotti previa presentazione della nuova planimetria di progetto e nulla osta dell’amministrazione.

E’ altresì consentito il cambio d’uso delle funzioni insediabili nei singoli lotti di progetto alle condizioni e nei limiti stabiliti al precedente art. 1

 

Art. 8 - Manutenzione delle opere di urbanizzazione

Il concessionario si impegna alla manutenzione degli spazi verdi, degli elementi vegetazionali e del relativo impianto di irrigazione insistenti anche su aree destinate a viabilità e parcheggio per almeno 3 anni dall’avvenuto collaudo delle stesse.



(eventuale) Stante la stretta connessione tra gli spazi pubblici e gli spazi privati, il Concessionario ed i sui aventi causa si obbligano a provvedere alla manutenzione (ordinaria e straordinaria) delle stesse, ferma restando la piena proprietà da parte del Comune di Pianiga.

A tale proposito le parti si impegnano a sottoscrivere, entro la data di approvazione del collaudo di dette opere, un apposito disciplinare che regolamenti i requisiti prestazionali che la suddetta manutenzione dovrà garantire nonché le eventuali ed ulteriori pattuizioni legate alla gestione e fruibilità delle aree stesse.



(eventuale) Per quanto riguarda le aree che il PCC individua come standard di cessione ascrivibili all’insediamento commerciale si applica il disposto per cui si prevede che la gestione delle opere di ordinaria manutenzione relative a verde e a parcheggi pubblici sia affidata al gestore della struttura commerciale stessa, ferma restando la piena proprietà del Comune di Pianiga.

 

Art. 9 - Termini per la realizzazione delle opere di urbanizzazione e attuazione del PCC

Tutte le opere di urbanizzazione (ed eventualmente edilizie qualora ricorra il caso ) del presente comparto, come descritte nell’articolo 3 e 3bis, devono essere ultimate entro tre anni dalla data di rilascio indicata nel relativo titolo abilitativo.

Il suddetto termine può essere prorogato, con richiesta motivata, per fatti estranei alla volontà del titolare del permesso.

 

Art. 10 – Garanzie

I concessionari:



  •          a garanzia della corretta realizzazione delle opere di urbanizzazione di cui all’articolo 3 e art. 3bis;

  •          a garanzia della corresponsione delle somme di cui al precedente articolo 4;

documentano, all’atto della stipula della presente convenzione, l'avvenuta costituzione, a favore del Comune di Pianiga, di una fideiussione bancaria o polizza assicurativa (in tal caso contratta con compagnie in possesso dei requisiti di cui alla legge 10 giugno 1982 n. 348, previsti per la costituzione di cauzioni a garanzia di obbligazioni verso lo Stato ed altri enti pubblici, ed in particolare iscritte nell’elenco speciale di cui all’art. 107 del testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia di cui al d.lgs. 385/1993) di importo pari al valore presunto delle opere risultante dal computo metrico:

-          delle opere di urbanizzazione interne al comparto come preventivamente quantificato nelle schede di PCC, in applicazione dei prezzi unitari desunti dal prezziario della C.C.I.A.A., comprensivo dell’IVA, degli oneri per la sicurezza, degli eventuali imprevisti e delle spese tecniche e generali, e quindi per €. _______________ (euro____________________);

-          delle opere di urbanizzazione esterne al comparto come preventivamente quantificato nelle schede di PCC, in applicazione dei prezzi unitari desunti dal prezziario della C.C.I.A.A., comprensivo dell’IVA, degli oneri per la sicurezza, degli eventuali imprevisti e delle spese tecniche e generali, e quindi per €.________________(euro_____________);

 

-          (eventuale) delle indennità di esproprio relative all’acquisizione delle aree non disponibili interessate dalla realizzazione di opere pubbliche e/o di urbanizzazione, come presuntivamente determinate, e quindi per €.____________________ (euro_____________);



-          degli onorari previsti per l'effettuazione del collaudo tecnico-amministrativo e per effettuare le verifiche tecniche di cui all’art. 4 quindi per €.       (euro. ……………………….);

L’ammontare complessivo della fidejussione risulta così determinato in complessivi €._______________ (euro_____________________________).

 

Tali garanzie devono prevedere anche la possibilità di parziale escussione da parte del Comune, in proporzione all’entità delle inadempienze verificatesi.



Dette garanzie dovranno soddisfare l'obbligazione assunta a semplice richiesta da parte del Comune con rinuncia di ogni eventuale eccezione, con esclusione del beneficio di cui al 2° comma dell'articolo 1944 Codice Civile e con rinuncia di avvalersi del termine di cui al comma 1° dell'art. 1157 Codice Civile.

 

Lo svincolo della fideiussione avverrà:



-          per la quota corrispondente alla realizzazione delle opere di urbanizzazione, dopo 12 mesi dalla presa in carico da parte dell’Amministrazione Comunale.

 

E' facoltà del Comune di Pianiga , previa verifica tecnica da parte dei propri uffici di procedere a riduzione dell’entità della medesima a seguito della presentazione della certificazione di funzionalità e di collaudabilità delle opere di urbanizzazione, redatta nei modi e nei termini di cui all’art. 4. Detta riduzione potrà avvenire entro il limite massimo dell'80% dell'ammontare della garanzia fideiussoria iniziale.



 

Art. 10 bis – (eventuale) Ulteriori Obbligazioni

 

L’amministrazione si riserva di richiedere entro la fine dei lavori, se previsto dagli appositi regolamenti comunali, l’incentivo stabilito dall’art. 92 D.Lgs. n. 163/2006, calcolato sulla base della parcella professionale pari ad euro _________



 

Art. 11 – Sanzioni e penali

Senza pregiudizio di ogni maggiore ragione, azione o diritto che possa competere al Comune anche per il risarcimento danni, in ogni caso di inottemperanza, senza giustificato motivo, il Comune provvederà all'escussione della fideiussione nel caso di:

a)       mancata ultimazione delle opere di urbanizzazione entro i tempi stabiliti; in tal caso la fideiussione verrà escussa per la quota parte corrispondente al costo delle opere non realizzate, come determinato dal collaudatore in corso d’opera sulla base dei prezzi unitari desunti dal prezziario della C.C.I.A.A.;

b)       non collaudabilità delle opere di urbanizzazione realizzate; in tal caso la fidejussione verrà escussa, a seguito di inottemperanza da parte dell'attuatore rispetto alle richieste e ai tempi stabiliti dal tecnico collaudatore, per la quota parte corrispondente al costo delle opere non collaudate, quantificato secondo le modalità di cui al precedente punto a);

c)       mancato attecchimento del verde; in tal caso non verrà svincolata la parte di fideiussione relativa;

Nei suddetti casi di inottemperanza i concessionari dovranno corrispondere al Comune una pena pari all’1 per mille del valore delle opere non collaudabili per ogni giorno di ritardo nella corretta e completa realizzazione delle opere di urbanizzazione da calcolarsi a partire dalla scadenza stabilita all’art. 9 sino al giorno del totale e corretto completamento delle opere da parte del concessionario ovvero sino al giorno dell’escussione della cauzione, nell’ipotesi di accertata inottemperanza e subentro d’ufficio.

Devono inoltre ritenersi qui richiamate le ulteriori sanzioni derivanti dalle inadempienze relative alla corretta realizzazione delle opere di urbanizzazione.

 

Art. 12 - Alienazione, trasferimenti, registrazione e trascrizione



I concessionari dovranno trasferire, negli atti di compravendita delle aree o degli immobili oggetto del PCC o di loro stralci funzionali autorizzati, i patti qui sotto descritti. In ogni caso per eventuali inadempienze sulle opere di urbanizzazione sottoposte alla diretta esecuzione dei concessionari e quindi ai relativi patti, le imprese stesse verranno ritenute responsabili a tutti gli effetti nei confronti del Comune di Pianiga.

Gli onorari notarili, le spese di registrazione e trascrizione conseguenti al presente atto e ad eventuali ulteriori atti da effettuarsi a richiesta del Comune e a cura del medesimo, vengono assunte dai concessionari, che invocano tutti i benefici e le agevolazioni fiscali previste dalle leggi vigenti.

I concessionari autorizzano la trascrizione del presente atto nei registri immobiliari, con esonero del Conservatore da ogni responsabilità.

 

Art. 13 - Definizione delle controversie

Per quanto non contemplato nella presente convenzione, è fatto specifico riferimento alle disposizioni di legge e provvedimenti già citati in premessa, nonché al PI e al Regolamento Edilizio vigenti nel Comune di Pianiga.

Per qualsiasi controversia relativa all’interpretazione e/o esecuzione del presente contratto è competente esclusivo il Foro di Venezia.

Agli effetti della presente convenzione le parti eleggono domicilio presso il Comune di Pianiga.

NOTE INFORMATIVE



Informativa ai sensi della L. 241/90 - Capo II
Ufficio responsabile del procedimento: Settore Edilizia Privata / Urbanistica

c/o Casa Comunale

P.zza San Martino,1 – 30030 Pianiga (VE)

Tel. 0415196287




Modalità di presentazione dell’istanza


  • Presso l’ufficio Protocollo




  • per posta




  • via PEC, all’indirizzo:

segreteria@comune.pianiga.ve.legalmail.it



Orario di apertura al pubblico ufficio Pianificazione strategica e operativa

Mart. e Ven.: dalle 10:30 alle 13:00

Giovedi: solo per tecnici su appuntamento con Dirigente



Orario di apertura al pubblico ufficio Protocollo

Dal Lun. al Ven.: dalle 9:00 alle 12:30

Giov.: dalle 15:00 alle 18:00




Istruttore tecnico referente:

Geom. Damiano Rossato (tel. 0415196252)

Geom. Luigi D’Ambrosio (tel. 0415196251)
Istruttore amministrativo referente:
Sig.ra Raffaella Colcera (tel. 041/55196248)



Dirigente del Settore:

Arch. Alberto Nardo



Responsabile del procedimento:

Arch. Alberto Nardo







Informativa ai sensi dell’art. 13 del Codice della Privacy (D.Lgs. 30/06/2003 n. 196)
La informiamo che i dati personali e sensibili da lei forniti e quelli che eventualmente fornirà anche successivamente formeranno oggetto di trattamento nel rispetto della normativa sopra richiamata.
Per trattamento si intende la raccolta, registrazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione, distribuzione dei dati personali, ovvero la combinazione di due o più di tali operazioni.
Tali dati verranno trattati per finalità di rilevante interesse pubblico (ai sensi dell'art. 73 comma 2 lett. b del Codice Privacy) connesse e strumentali esclusivamente all’attività relativa al presente procedimento utilizzando strumenti idonei a garantirne la sicurezza e la riservatezza.
La informiamo, inoltre, che i suoi dati potranno essere trattati anche da Enti pubblici e privati eventualmente coinvolti e sempre ed esclusivamente per esigenze legate al presente procedimento.

La informiamo sulla natura obbligatoria del conferimento dei dati e anche sulla inevitabile impossibilità da parte nostra di erogare i servizi e adempiere agli obblighi nei suoi confronti conseguente al suo eventuale rifiuto di conferire i dati e di autorizzarne la comunicazione alle suddette categorie di soggetti.


La informiamo altresì che, in relazione ai predetti trattamenti, potrà esercitare i diritti di cui all’art. 7 del Codice della Privacy sotto riportato.

Titolare del trattamento dei dati: Comune di Pianiga - Piazza San Martino 1.




©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale