Science and Technology in Italy for the upgraded alma observatory ialma



Scaricare 0.54 Mb.
Pagina2/19
14.11.2018
Dimensione del file0.54 Mb.
1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   19

Partecipanti esterni


Universita’ degli Studi di Bologna

L’Universita’ degli Studi di Bologna partecipa al progetto con contributi importanti nei WP1 Science Working Group e WP2 Advanced Training. La coordinazione di quest’ultimo e’ affidata alla Prof. L. Gregorini.

L’Alma Mater Studiorum Universita’ di Bologna (UNIBO), fondata nel 1088, e’ l’universita’ piu’ antica in Europa ed e’ stata sede di studi astronomici fin dalla fine del tredicesimo secolo, ma importanti osservazioni del cielo vi iniziarono nel 1700 ad opera di Luigi Ferdinando Marsili. UNIBO investe competenze e risorse nella dimensione internazionale e multiculturale della formazione; e’ fra l’altro sede dell’Istituto Confucio ed e’ stata scelta dal Governo brasiliano come referente nazionale del Progetto Scienza senza Frontiere. La qualita’ della sua ricerca, nella quale eccelle l’astrofisica, e’ riconosciuta nel contesto internazionale con piu’ di 1200 partnership con istituzioni di ogni continente. Oggi UNIBO e’ il primo ateneo italiano per capacita’ di attrazione di finanziamenti europei per la ricerca ed e’ 270 nella classifica europea. In UNIBO e’ stato creato nel 1997 l’Osservatorio della Ricerca con il compito di valutare annualmente i risultati della ricerca. UNIBO conta oltre 87.000 studenti iscritti ai corsi di laurea e post lauream; oltre il 42% provengono da fuori regione e oltre 5900 sono studenti internazionali. Fra gli studenti che frequentano i corsi post lauream 1700 sono iscritti ai 53 corsi di dottorato. UNIBO ha un’ampia e diversificata offerta didattica con 212 corsi di studio, di cui 40 internazionali. In Ateneo sono presenti circa 2880 docenti e 3000 fra tecnici e amministrativi. Recentemente UNIBO si e’ riorganizzata in 11 Scuole e 33 Dipartimenti, fra cui il Dipartimento di Fisica e Astronomia (DIFA). Il DIFA offre i tre livelli di formazione in Astronomia con la laurea triennale in Astronomia, la laurea magistrale in Astrofisica e Cosmologia, e il dottorato di ricerca in Astronomia. La Laurea Magistrale e il Dottorato di Ricerca si avvalgono della stretta collaborazione con i tre Istituti dell’INAF, presenti sul territorio: l’istituto di Radioastronomia, l’Istituto di Astrofisica Spaziale e l’Osservatorio Astronomico. Alcuni ricercatori dell’INAF hanno contratti per svolgere corsi di insegnamento nella Laurea Magistrale, sono co-relatori di tesi di Laurea Magistrale e supervisori di tesi di dottorato.
LORETTA GREGORINI, laureata in Fisica presso l’Universita’ di Bologna, vi e’ ora Professore Ordinario di Astronomia e Astrofisica. E’ stata presidente dei corsi di Laurea Astronomici e direttore del Dipartimento di Astronomia. Ora e’ membro del Senato Accademico. E’ stata titolare di diversi insegnamenti e ora tiene il corso di Fisica Generale 2 della Laurea Triennale e di Radioastronomia della Laurea Magistrale. Relatore di oltre 45 tesi di laurea e di circa 15 tesi di dottorato. E’ stata membro di network europei ed e’ valutatore per la Comunita’ Europea (FP6 e FP7). L’attivita’ di ricerca di LG e’ svolta nell’ambito dell’astrofisica e della cosmologia osservativa con particolare riguardo alla radioastronomia. I piu’ importanti argomenti della sua attivita’ sono: studi multi-frequenza di nuclei galattici attivi; formazione stellare in galassie spirali; evoluzione cosmologica di galassie usando “survey” nel visibile e nel radio e studio della composizione e delle proprieta’ della popolazione radio debole; proprieta’ della popolazione radio selezionata ad alta frequenza; relazioni fra le proprieta’ del gas molecolre e il processo di formazione stellare negli starburst galattici ed extragalattici. E’ co-autore di oltre 100 articoli su riviste internazionali con referee e di oltre 90 presentazioni a congressi nazionali ed internazionali.
La lista delle principali pubblicazioni sceintifiche negli ultimi 3 anni e’ riportata nella sezione 11.




Universita’ degli Studi di Firenze

L’Universita’ degli Studi di Firenze partecipa al progetto con contributi importanti nei WP1 Science Working Group e WP2 Advanced Training.

L'universita’ degli studi di Firenze (UNIFI) e’ una delle piu’ grandi organizzazioni per la ricerca e la formazione superiore in Italia, con circa 2.000 docenti e ricercatori strutturati, circa 1.600 tecnici e amministrativi, e circa 1.900 dottorandi e assegnisti. UNIFI ha una offerta didattica molto vasta che si estende a tutte le aree disciplinari con dodici facolta’, 139 corsi di laurea (di primo e secondo livello), una popolazione complessiva di circa cinquantaquattromila iscritti, un quarto dei quali proviene da fuori regione. UNIFI si e’ recentemente ristrutturata in 24 dipartimenti, tra cui il Dipartimento di Fisica e Astronomia che offre i tre livelli di formazione in Astronomia con la laurea triennale in Fisica e Astronomia, la laurea magistrale in Scienze Fisiche e Astrofisiche (con il curriculum in Astrofisica), ed il dottorato di ricerca in Fisica e Astronomia (con l'indirizzo in Astronomia). Mediamente ogni anno ci sono tra 5 e 10 laureati magistrali nell'indirizzo astrofisico e 2-3 dottorandi nell'indirizzo di Astronomia. Sia la laurea magistrale che il dottorato di ricerca si avvalgono di una stretta collaborazione con gli astronomi dell'Osservatorio Astrofisico di Arcetri dell'INAF, a cui sono ufficialmente assegnati diversi corsi semestrali, e che fanno parte del collegio dei docenti del dottorato. Il Dipartimento di Fisica e Astronomia e’ inoltre strettamente legato al LENS, il Laboratorio Europeo di Spettroscopia Non-Lineare, centro di eccellenza di UNIFI.
Il Prof. Marconi tiene il corso di "Introduzione all'Astrofisica" al terzo anno della laurea triennale (obbligatorio per tutti gli studenti), il corso di "Cosmologia" (al primo anno della Magistrale, obbligatorio per tutti gli studenti del curriculum astrofisico) ed il corso di "Fisica delle Galassie" (al secondo anno della magistrale, libero). E' membro del collegio dei docenti del dottorato e responsabile per l'indirizzo di Astronomia.
ALESSANDRO MARCONI (AM) si e’ laureato in Fisica nel 1993 presso l'Universita’ di Firenze. Dal 1996 al 1997 e’ stato anche assistente di ricerca allo Space Telescope Science Institute. Ha ottenuto il titolo di Dottore di Ricerca a Firenze nel Maggio 1998 e la sua tesi di dottorato e’ stata premiata con il premio Livio Gratton nel 1999. Dall'ottobre 1997 all'ottobre 2006 e’ stato ricercatore presso l'Osservatorio Astrofisico di Arcetri (INAF). Dal novembre 2006 e’ professore associato di astronomia e astrofisica presso il Dipartimento di Fisica e Astronomia dell'Universita’ di Firenze. L'attivita’ di ricerca di AM e’ basata su spettroscopia e fotometria in ottico e infrarosso, principalmente con Hubble Space Telescope e con i telescopi dell'European Southern Observatory (ESO). Negli ultimi anni si e’ occupato di interferometria ottica con l'interferometro del VLT (VLTI). Gli argomenti della sua attivita’ di ricerca sono: buchi neri supermassivi nei nuclei galattici (BH; misure di massa, relazioni con galassia ospite e con attivita’ AGN); nuclei galattici attivi (AGN; stato fisico della Broad e della Narrow Line Region); osservazioni interferometriche di AGN con VLTI (toro oscurante, Broad Line Region ed il buco nero supermassivo); abbondanze di metalli in galassie starburst ed evoluzione cosmologica della relazione massa-metallicita’. AM e’ stato ed e’ coordinatore di unita’ di ricerca (Udr) nell'ambito di progetti di ricerca di interesse nazionale del ministero (PRIN-MIUR) e dell'istituto nazionale di astrofisica (PRIN-INAF); e’ coordinatore di UdR di un progetto approvato PRIN-MIUR 2010-2011. A tutto il 2012, AM ha pubblicato 116 articoli su riviste internazionali con referee, di cui 26 negli ultimi tre anni. Secondo il database ISI Web of Knowledge le sue pubblicazioni con referee hanno ricevuto 5100 citazioni in 3480 articoli (escludendo le autocitazioni). Ciascun articolo ha quindi ricevuto una media di circa 44 citazioni con un H-index di 37. Negli ultimi anni, ha ricevuto oltre 20 inviti per seminari o presentazioni in congressi internazionali. E' o e’ stato membro di diversi comitati internazionali; in particolare nel 2009 e’ stato nominato rappresentante italiano allo Scientific and Technical Committee (STC) dell'European Southern Observatory (ESO) e dal 2012 e’ anche stato nominato presidente (chair) dello stesso comitato.
La lista delle principali pubblicazioni sceintifiche negli ultimi 3 anni e’ riportata nella sezione 11.




Universita’ degli Studi di Catania

L’Universita’ degli Studi di Catania partecipa al progetto con contributi importanti nei WP2 Advanced Training e WP6 Laboratory Astrophysics

L'Università degli Studi di Catania, fondata nel 1434, è la più antica università della Sicilia. È una delle maggiori università italiane per numero d'iscritti con oltre 50000 studenti. L'offerta formativa è costituita da 136 corsi di laurea tra I livello e Magistrali. Per la formazione post-laurea sono attivi master universitari (in numero variabile di anno in anno) e 102 Corsi di Dottorato di Ricerca.È presente nell'Ateneo un istituto per l'Alta Formazione Universitaria, la Scuola Superiore di Catania, inserito nella Rete nazionale delle scuole di eccellenza. L'ateneo è organizzato in 22 dipartimenti tra quali il Dipartimento di Scienze Chimiche. Il Dipartimento offre quattro livelli di formazione: due con laurea triennale (Chimica, Chimica Industriale) e due con Laurea Magistrale (Chimica Organica e Bioorganica, Chimica dei Materiali), ed è sede del corso Dottorato di Ricerca in Scienza e Tecnologia dei Materiali in collaborazione con docenti del Dipartimento di Fisica ed Astronomia e del Dipartimento di Ingegneria Industriale e Meccanica.
All’interno del Dipartimento di Scienze Chimiche, il Prof. Giuseppe Compagnini è titolare dei corsi di Chimica Fisica II (laurea triennale in Chimica) e Chimica Fisica dei Materiali (laurea magistrale in Chimica dei Materiali). Il Prof. Giuseppe Compagnini è inoltre docente presso la Scuola Superiore di Catania dove attualmente tiene il corso che ha per titolo “Carbon-based Nanostructures: synthesis, properties and applications” ed è membro del Collegio dei Docenti del Dottorato di Ricerca in Scienza e Tecnologia dei Materiali.
GIUSEPPE COMPAGNINI si è laureato in Fisica nel 1989 "magna cum laude" presso l'Università degli Studi di Catania e nel 1993 ha ottenuto il Ph.D. in Fisica dello Stato Solido, lavorando presso il Politecnico Federale di Zurigo (Laboratorium für Festkörperphysik) su spettroscopia Raman in composti di Terre Rare e film sottili di semiconduttori. Nel 1993 ha ottenuto una posizione di post-dottorato presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche durante la quale si è occupato dello studio strutturale di carburi di silicio. Dal 1995 al 1996 è stato consulente per la ST-Microelectronics e dal 1997 al 2002 è stato Ricercatore di Chimica Fisica presso l'Università di Catania dove attualmente riveste la posizione di Professore Associato. Giuseppe Compagnini è autore di più di 130 lavori scientifici su riviste internazionali classificate ISI. Ha ricevuto più di 1800 citazioni con un "h-index" di 23. Ha ottenuto i prestigiosi premi della Società Italiana di Fisica e della “Materials Research Society” americana ed è stato invitato a tenere relazioni durante molti congressi nazionali ed internazionali. E’ attualmente Coordinatore Nazionale del Gruppo di Spettroscopia Raman ed effetti Ottici non Lineari e rappresentante italiano all’interno di un progetto europeo COST. La sua attività di ricerca è orientata verso lo studio di materiali per applicazioni in ottica ed elettronica, includendo approcci innovativi alla deposizione e caratterizzazione di materiali a dimensionalità ridotta (nanomateriali). Il suo laboratorio ha inoltre sviluppato da diversi anni una linea di ricerca in collaborazione con il Laboratorio di Astrofisica Sperimentale dell’Osservatorio Astrofisico di Catania che si inserisce nell'ambito dell'astrofisica dello stato solido di laboratorio. In essa confluiscono diverse discipline: astrofisica, astrochimica e scienza dei materiali. In collaborazione con i colleghi astronomi, sono stati progettati e realizzati diversi apparati sperimentali per studiare i processi che trasformano le proprietà chimico-fisiche di vari film sottili in diversi ambienti astrofisici.
La lista delle principali pubblicazioni sceintifiche negli ultimi 3 anni e’ riportata nella sezione 11.


Lettere di impegno dei partecipanti esterni





  1. Lettera di impegno del Prof. Loretta Gregorini (Alma Mater Studiorum Universita’ di Bologna)




  1. Lettera di impegno del Prof. Alessandro Marconi (Universita’ degli Studi di Firenze)




  1. Lettera di impegno del Prof. Giuseppe Compagnini (Universita’ degli Studi di Catania)







esomac:users:ltesti:desktop:dropbox:premialealma2013:letterediintento:ialma compagnini.pdf



Science and technology in italy for the upgraded alma observatory - ialma
Obiettivi scientifici di questo progetto
Villa fabrizio – refereed journals publication list 2010-2012
Nesti renzo – refereed journals publication list 2010-2013



1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   19


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale