Scuola primaria progettazione piano annuale



Scaricare 267.14 Kb.
Pagina1/14
21.12.2017
Dimensione del file267.14 Kb.
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   14

ISTITUTO COMPRENSIVO “AMERIGO VESPUCCI” - VIBO MARINA




SCUOLA PRIMARIA



PROGETTAZIONE PIANO ANNUALE

PER COMPETENZE

di

ITALIANO


ANNO SCOLASTICO 2014/2015






COMPETENZE TRASVERSALI

Competenze - Chiave Europee

Indicatori

Descrittori

Imparare a imparare


- Conoscenza di sé (limiti, capacità...).

- Uso di strumenti informativi.

- Acquisizione di un metodo di studio e di lavoro.


Analizzare le proprie capacità nella vita scolastica riconoscendone i punti di debolezza e i punti di forza, e saperli gestire.

Essere consapevoli dei propri comportamenti.

Iniziare ad organizzare il proprio apprendimento utilizzando le informazioni ricevute, anche in funzione dei tempi disponibili.

Acquisire un personale metodo di studio.



Spirito di iniziativa e imprenditorialità

- Uso delle conoscenze

apprese per realizzare un prodotto.

- Organizzazione del materiale per realizzare un prodotto.


Elaborare e realizzare semplici prodotti di genere diverso utilizzando le conoscenze apprese.

Organizzare il materiale per realizzare un prodotto.



Competenze sociali e civiche

- Interazione nel gruppo.

- Disponibilità al confronto.

- Rispetto dei diritti altrui.

- Assolvere gli obblighi scolastici.

- Rispetto delle regole.


Confrontarsi e collaborare con gli altri nelle attività di gruppo e nelle discussioni, apportando il proprio contributo nel rispetto dei diritti di tutti.

Rispettare le regole nell’ambito del lavoro di gruppo.

Assolvere gli obblighi scolastici con responsabilità.

Rispettare le regole condivise.



Competenza digitale

- Analizzare l’informazione.

- Valutarne l’attendibilità e

l’utilità.


Analizzare informazioni da immagini e testi scritti di contenuto vario ricavate anche dalle più

comuni tecnologie della comunicazione.



Acquisire gli strumenti di pensiero necessari per apprendere e selezionare le informazioni.







INDICATORE DI COMPETENZA - CHIAVE EUROPEA: La comunicazione nella madrelingua è la capacità di esprimere e interpretare concetti, pensieri, sentimenti, fatti e opinioni in forma sia orale sia scritta (comprensione orale, espressione orale, comprensione scritta ed espressione scritta) e di interagire adeguatamente e in modo creativo sul piano linguistico in un’intera gamma di contesti culturali e sociali, quali istruzione e formazione, lavoro, vita domestica e tempo libero. è l’abilità di sviluppare e applicare il pensiero matematico per risolvere una serie di problemi in situazioni quotidiane. Partendo da una solida padronanza delle competenze aritmetico - matematiche, l’accento è posto sugli aspetti del processo e dell’attività oltre che su quelli della conoscenza. La competenza matematica comporta, in misura variabile, la capacità e la disponibilità a usare modelli matematici di pensiero (pensiero logico e spaziale) e di presentazione (formule, modelli, schemi, grafici, rappresentazioni).


ITALIANO CLASSE PRIMA

NUCLEO TEMATICO: Ascolto e parlato

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA


L’alunno:

  • partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione in classe o di gruppo) con compagni e insegnanti rispettando il turno e formulando messaggi chiari e pertinenti, in un registro il più possibile adeguato alla situazione;

  • ascolta e comprende testi orali “diretti” o “trasmessi” dai media cogliendone il senso, le informazioni principali e lo scopo.

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE 3ª DELLA SCUOLA PRIMARIA

OBIETTIVI D’APPRENDIMENTO PER IL CURRICOLO DELLA CLASSE 1ª

OBIETTIVI MINIMI

CONTENUTI E ATTIVITA’


  • Prendere la parola negli scambi comunicativi.

  • Comprendere l’argomento e le informazioni principali di discorsi affrontati in classe.

  • Ascoltare testi narrativi ed espositivi mostrando di saperne cogliere il senso globale e riesporli in modo comprensibile a chi ascolta .

  • Comprendere semplici istruzioni su un gioco o un’attività conosciuta.

  • Raccontare storie personali o fantastiche rispettando l’ordine cronologico ed esplicitando le informazioni necessarie perché il racconto sia chiaro per chi ascolta.

  • Ricostruire verbalmente le fasi di un’esperienza vissuta a scuola o in altri contesti.



  • Comprendere ed eseguire le richieste verbali dell’insegnante .

  • Comprendere le informazioni principali di un messaggio orale .

  • Comprendere il contenuto di un messaggio orale riconoscendo semplici inferenze lessicali .

  • Comprendere una breve storiella orale e discriminare le informazioni estranee.

  • Ascoltare e cogliere le informazioni principali di una breve storia (racconto fantastico/fiaba).

  • Ricavare delle informazioni da un semplice testo ascoltato e ipotizzarne una possibile conclusione (testo narrativo/descrittivo).

  • Ascoltare e comprendere un testo narrativo.

  • Ricostruire attraverso le immagini la successione temporale di una storia (racconto realistico).

  • Ordinare le sequenze di una storia ascoltata rispettando il criterio della successione temporale.

  • Individuare l’ordine cronologico di istruzioni ascoltate in un testo regolativo.

  • Comprendere e tradurre nel linguaggio orale semplici messaggi non verbali.

  • Comprendere domande e fornire risposte adeguate.

  • Formulare semplici richieste orali adeguate nel registro e nello scopo.

  • Ricordare e riferire esperienze personali rispettando l’ordine temporale.

  • Inventare e narrare racconti realistici e fantastici utilizzando sequenze grafiche disposte in ordine temporale.

  • Identificare ed esporre oralmente semplici istruzioni di gioco.




  • Prestare attenzione alle attività proposte.

  • Raccontare esperienze in modo comprensibile.

  • Ascoltare, comprendere ed eseguire facili consegne operative.

  • Ascoltare e comprendere un semplice testo.

  • Comprendere l’essenziale di una semplice spiegazione.

  • Riferire semplici resoconti di esperienze personali o di testi letti e/o ascoltati.

  • Ascolto di un messaggio orale.

  • Esecuzione di semplici consegne verbali .

  • Conversazioni libere e guidate.

  • Lettura da parte dell’insegnante di fiabe, storie, primi libri.

  • Ascolto di domande/stimolo poste dall’insegnante.

  • Racconti dell’insegnante e dei compagni.

  • Rievocazioni di esperienze vissute .

  • Interpretazione grafico-pittorica del contenuto di una storia.

  • Ripetizione di filastrocche, scioglilingua, brevi poesie.

  • Giochi ed esercizi graduali per educare all’esatta pronuncia delle parole.

  • Giochi linguistici per trovare parole che iniziano con il suono indicato.

  • Giochi ed esercizi graduali per educare alla formulazione corretta dei pensieri.

  • Lettura di immagini e di sequenze di immagini.

  • Descrizione orale di un’immagine.


Italiano classe terza
Italiano classe quarta
Italiano classe quinta



  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   14


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale