Si parla di peso o di massa?



Scaricare 412 Kb.
26.01.2018
Dimensione del file412 Kb.



Si parla di peso o di massa?

  • Si parla di peso o di massa?

  • Grammo unità fondamentale: quintale105 grammo, tonnellata megagrammo?

  • Lunghezza di un film?

  • Sistema decimale e sessagesimale (3 ore e 40 min + 2 ore e 30min?)

  • Perché se mischio acqua a temperatura differente il risultato non è la somma tra le due temperature?

  • Misura l’aula … è una lunghezza o una superficie?

  • L’altezza è la lunghezza maggiore tra le varie dimensioni?

  • E la larghezza, lo spessore, la profondità, … ?

  • Confusione tra unità di misura e campione (strumento): es. metro

  • 12,00 m = 12 m ?

  • Perché non posso fare 3,4 m + 24 cm e posso fare 4,2 m x 4?

  • Quadretto o lato quadretto?

  • Perché la lunghezza di due righe non misura 60 cm?



  • I programmi (e i risultati!)

  • Le misure (riflessioni introduttive)

  • L’importanza delle lezioni in Dimat

  • Lavoro a gruppi

  • Proposte didattiche







Introdurre le principali unità di misura convenzionali (m, cm, mm, km, l, dl, fr, ct, kg, hg, …)

  • Introdurre le principali unità di misura convenzionali (m, cm, mm, km, l, dl, fr, ct, kg, hg, …)

  • Misure (la larghezza della mia camera misura 3 metri)

  • Composizione di misure

  • (La larghezza della mia camera misura 4 metri e (+) 65 centimetri)

  • Confronti (Qual’è la misura più lunga ? 2 chilometri o 1700 metri)

  • Trasformazioni o equivalenze (2 m = 200 cm 7 l = 70 dl)



  • Estratto da:

  • Indagine sulle conoscenze in matematica 2007-2010 nel II ciclo della scuola elementare

  • (USCO –SUPSI DFA)



MISURARE, STIMARE e OPERARE con le misure sono operazioni cognitivamente molto differenti.

  • MISURARE, STIMARE e OPERARE con le misure sono operazioni cognitivamente molto differenti.

  • Come docente, per riuscire a gestire al meglio l’argomento delle misure, devo conoscere i maggiori ostacoli concettuali e didattici.

  • Operare con le misure di grandezze è complesso (richiede un salto concettuale, un momento di “sospensione„) (7 piedi > o < di 2 passi? 3 miglia = quanti km?)





Con misurare intendiamo il procedimento fisico con cui si confronta una grandezza (una qualità) con una simile presa come unità di misura per ottenere un valore numerico (rapporto G/u.m)

  • Con misurare intendiamo il procedimento fisico con cui si confronta una grandezza (una qualità) con una simile presa come unità di misura per ottenere un valore numerico (rapporto G/u.m)



La misura quantifica, attraverso convenzioni fissate dall’uomo, qualità degli enti e degli oggetti denominate grandezze (non si misurano oggetti, bensì qualità di questi ultimi)

  • La misura quantifica, attraverso convenzioni fissate dall’uomo, qualità degli enti e degli oggetti denominate grandezze (non si misurano oggetti, bensì qualità di questi ultimi)

  • Una misura è

  • un numero E una unità di misura

  • Prestare attenzione al linguaggio!

  • (specificare la grandezza - la qualità – considerata per la misurazione)



Cosa implica MISURARE ?

  • Cosa implica MISURARE ?

  • Confrontare fisicamente una grandezza

  • con un’altra della stessa specie

  • presa come unità di misura

  • Errori sistematici (dovuti a sensibilità, portata e precisione dello strumento di misurazione)

  • e casuali o banali (dovuti all'osservatore)

  • Distinzione tra unità di misura (astratta), campione (oggetto concreto la cui grandezza è U.M), strumento (nastro, pieghevole, di carta, …)

  • Trovare un insieme di numeri (intervallo) dato dalla sensibilità dello strumento di misurazione

  • (Es: gomma => tra 2 e 3 gomme)

  • 12 m (+- 1 m) è diverso da 12,00 metri (+-1 cm)



Dobbiamo evitare che l'entrata nel campo delle misure sia esclusivamente un discorso astratto.

  • Dobbiamo evitare che l'entrata nel campo delle misure sia esclusivamente un discorso astratto.

  • La determinazione da parte dell'allievo, dell'ordine di grandezza degli oggetti reali (e delle varie UM convenzionali), può essere conseguita solo attraverso l'esperienza che egli ha acquisito tramite le esperienze di misurazione.

  • Man mano che si introducono le diverse unità di misura convenzionali, l'obiettivo prioritario dovrebbe essere, per ogni allievo, la “costruzione” di una propria (personale) immagine di riferimento.

  • IMPORTANZA DELLE ATTIVITÀ DI STIMA!



  • PAROLA IMMAGINE

  • MENTALE

  • SIMBOLO



Cambiamento di piano:

  • Cambiamento di piano:

  • dal mondo fisico a quello matematico (2D, astratto, perfetto, concettuale, …)

  • Regole: assiomi matematici (in particolare: l’addizione di due grandezze deve mantenere le stesse proprietà dell’addizione tra numeri naturali)

  • Conseguenze:

  • - pseudo grandezze e grandezze non misurabili!

  • - necessità di stabilire delle relazioni!



  • Non sono vere e proprie grandezze

  • (es: il valore del denaro)

  • Non hanno senso le operazioni matematiche

  • (es: la temperatura, l’ampiezza degli angoli)



  • Una misura è un numero E una unità di misura

  • La relazione tra variabile numerica e unità di misura non può mai essere scissa!

  • CAMBIANDO L'UNITÀ DI MISURA CAMBIA ANCHE LA MISURA DELLA GRANDEZZA CHE SI STA CONSIDERANDO

  • Se ognuna delle grandezze fosse espressa unicamente con una sola unità di misura, non ci sarebbe la necessità di dover "relativizzare" i valori numerici, però non è così!



Necessità di relativizzare i valori numerici (ostacolo essenziale! “SOSPENSIONE”)

  • Necessità di relativizzare i valori numerici (ostacolo essenziale! “SOSPENSIONE”)

  • per confrontare: Quale delle due misure è la più lunga?

  • 7 piedi o 2 passi?

  • per trasformare (equivalenze): 16 piedi = ? passi

  • e operare con le misure:

  • 3 dang + 5 peng = ?



7 > 2

  • 7 > 2

  • Passo > piede

  • 7 piedi = lunghezza / piedi

  • 2 passi = lunghezza / passi

  • 1 passo = 4 piedi (ad es.!)

  • Di conseguenza: 2 passi = 8 piedi

  • 2 passi (= 8 piedi) > 7 piedi

  • La realtà numerica è relativa!!



Pensate a 12345 metri

  • Pensate a 12345 metri

  • Cosa è successo nella vostra mente?

  • Avete trasformato

  • 12345 metri in 12 chilometri (e 345 metri)



  • PER CAPIRE!

  • … comprendere, immaginare, utilizzare.



345 cm oppure 3 metri e 45 centimetri?

  • 345 cm oppure 3 metri e 45 centimetri?

  • 80 min oppure 1 ora e 20 minuti?

  • 5178 m oppure 5 chilometri e 178 metri?

  • 28 dl oppure 2 litri e 8 decilitri?



Guardate ora queste misure e trasformatele, laddove vi sembra opportuno, per poterle capire meglio.”

  • Guardate ora queste misure e trasformatele, laddove vi sembra opportuno, per poterle capire meglio.”

  • 45 mm

  • 256 cm

  • 16 piedi (3 piedi fanno 1 passo)

  • 45 dl

  • 13 litri

  • 28 cm

  • ecc.....



"Trasformate dove vi sembra conveniente."

  • "Trasformate dove vi sembra conveniente."

  • 1 settimana e 12 giorni --->”perché…”

  • 4 cm e 26 mm --->

  • 4 passi e 2 spanne --->

  • 3 passi e 18 spanne --->

  • 2 fr e 120 ct --->

  • 3 km e 250 m --->

  • 2 giorni o e 50 ore --->

  • 4 km e 1230 m --->

  • ecc...... --->



Più che di trasformazioni (o equivalenze) potremmo parlare di “scomposizioni” nelle quali viene richiesto di fare esattamente il contrario di quanto abitualmente si propone nei nostri materiali scolastici (es. 3 m e 24 cm = cm … ; oppure 3 m e 24 cm = m …).

  • Più che di trasformazioni (o equivalenze) potremmo parlare di “scomposizioni” nelle quali viene richiesto di fare esattamente il contrario di quanto abitualmente si propone nei nostri materiali scolastici (es. 3 m e 24 cm = cm … ; oppure 3 m e 24 cm = m …).

  • Paradossalmente la misura ottenuta (quella scomposta, che sembrerebbe più complessa) diventa più facile, più comprensibile proprio perché “ritrova senso”.

  • Chiaramente questa riflessione vale solo nella misura in cui noi prestiamo la massima attenzione alle variabili numeriche, al senso di certi numeri in relazione a certe unità di misura.

  • Non è possibile quindi avere un approccio tecnicistico, fatto di regolette applicabili ad ogni numero, introdurre gli allievi a meccanismi automatizzati, a “trucchetti” (ciò può eventualmente avvenire in seguito), …., come se i numeri fossero “indifferenti” alle grandezze considerate.



h = ore e min = minuti

  • h = ore e min = minuti

  • Ore > minuti

  • (in III devo trasformare dall‘U.M > a quella <)

  • 1 h = 60 min (è un FATTO!)

  • Di conseguenza: 2h= 120 min

  • Cosa faccio?

  • 120 min + 150 min

  • 2 ore + 2 ore e 30 minuti



Una situazione che presenta delle misure è complessa perché è:

  • Una situazione che presenta delle misure è complessa perché è:

  • un problema numerico

  • Un problema di procedura

  • Un problema di decodifica (mm= millimetro)

  • Un problema di ordine di grandezze (>,<)

  • Un problema di immagine mentale legato alle u.m

  • un problema di relazioni (o convenzioni) tra u.m



Si osserva una sottovalutazione (spesso un oblio), da parte dell'insegnante, di una tappa essenziale nel processo di acquisizione della capacità di OPERARE con misure.

  • Si osserva una sottovalutazione (spesso un oblio), da parte dell'insegnante, di una tappa essenziale nel processo di acquisizione della capacità di OPERARE con misure.

  • OBIETTIVO:

  • LA CREAZIONE DELLE RELAZIONI QUANTITATIVE TRA UNITÀ DI MISURA: creare dei “FATTI„





Lavoro ricco di proposte manipolatorie e graduale nella simbolizzazione

  • Lavoro ricco di proposte manipolatorie e graduale nella simbolizzazione

  • Partire dalla realtà con opportuni confronti di grandezze (è più di, è meno di, …)

  • Quantificare la differenza tra due grandezze (uso dell‘U.M, prima non convenzionale poi convenzionale)

  • Confrontarsi ai limiti (precisione impossibile, necessità di considerare degli intervalli)

  • Creare delle immagini mentali forti (dare senso alle u.m convenzionali)

  • Acquisire – CON ESPERIENZE - l'ordine di grandezza delle varie u.m (>, <)

  • Far emergere dei “Fatti„ - delle relazioni tra u.m (convenzionali e non)

  • Favorire la presa di coscienza del “momento di sospensione” legato alla relazione tra u.m (necessaria a confronti e trasformazioni)

  • IN PARTICOLARE CON UNITÀ DI MISURA NON CONVENZIONALI







Rammentiamo che nell'ambito di un approccio differenziato, tipo Dimat, il rapporto tra i momenti di “lezione” e i momenti di laboratorio è determinante. Dalla regolazione continua, critica e autocritica, dinamica e costruttiva tra le “lezioni” e i momenti di laboratorio dipende infatti la qualità dell’insegnamento-apprendimento.

  • Rammentiamo che nell'ambito di un approccio differenziato, tipo Dimat, il rapporto tra i momenti di “lezione” e i momenti di laboratorio è determinante. Dalla regolazione continua, critica e autocritica, dinamica e costruttiva tra le “lezioni” e i momenti di laboratorio dipende infatti la qualità dell’insegnamento-apprendimento.

  • Le “lezioni” dovrebbero avere lo scopo primario di lanciare nuove sfide, mettere in gioco nuove conoscenze, nuove procedure, che saranno poi ulterioreante “lavorate” dagli allievi nei momenti autogestiti, ciè nelle ore di laboratorio.



  • A gruppi trovare un’attività

  • (e scriverla su lucido)

  • per raggiungere l'obiettivo proposto sul foglio.

  • (Ad esempio, come costruire un'immagine personale dell'unità di misura: chilometro)



  • Presentazione CD misure

  • Schede “a velocità„

  • Giochi con le carte



  • Bozzolo Clara Colombo, Costa Angela e Alberti Carla (a cura di), 2005. Nel mondo della geometria, vol. 4. Trento: Ed. Erickson.

  • Bozzolo Clara Colombo, Costa Angela e Alberti Carla (a cura di), 2005. Nel mondo dei numeri e delle operazioni, vol. 6. Trento: Ed. Erickson.





Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale