Silvia Deldossi Architetto



Scaricare 273.5 Kb.
Pagina1/13
21.12.2017
Dimensione del file273.5 Kb.
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   13



VI

INTONACI, STUCCHI, DIPINTI E DORATURE






A

PRESCRIZIONI ESECUTIVE


Per intonaco s’intende uno strato di malta, a base di legante aereo o idraulico, con cui si ricoprono, per finitura, superfici murarie verticali e orizzontali, esterne e interne.

Gli intonaci in genere dovranno essere eseguiti in stagione opportuna, dopo avere rimossa dai giunti delle murature, la malta aderente, ripulita e abbondantemente bagnata la superficie della parete stessa. Gli intonaci, di qualunque specie siano (lisci, a superficie rustica, a bugne, per cornici e quanto altro), non dovranno mai presentare peli, crepature, irregolarità negli allineamenti e negli spigoli, od altri difetti. Quelli comunque difettosi o che non presentassero la necessaria aderenza alle murature, dovranno essere demoliti e rifatti dall'Appaltatore a sue spese.

Ad opera finita l'intonaco dovrà avere uno spessore non inferiore ai mm. 15.

Le decorazioni pittoriche presenti all’interno di un fabbricato possono essere realizzate con diverse tecniche: a fresco, ad affresco e a tempera. Il trattamento da eseguire sulle superfici dovrebbe sempre mirare alla conservazione delle decorazioni esistenti; l'Appaltatore dovrà, quindi, evitare demolizioni e dismissioni tranne quando espressamente ordinato dalla D.L. ove essi risultino irreversibilmente alterati e degradati.

Si effettueranno interventi sempre e solo dopo preventive indagini diagnostiche da effettuarsi sui cromatismi esistenti, sui loro supporti e su tutto il quadro patologico dietro precise indicazioni e autorizzazioni della D.L. e degli organi preposti alla tutela del bene in oggetto. Le eventuali opere di ripristino saranno effettuate salvaguardando il manufatto e distinguendo le parti originarie da quelle ricostruite al fine di evitare la falsificazione di preziose testimonianze storiche. I materiali da utilizzare per il restauro ed il ripristino dovranno possedere accertate caratteristiche di compatibilità fisica, chimica e meccanica il più possibile simili a quelle dei materiali preesistenti; sarà, in ogni caso, da preferire l'impiego di materiali e tecniche appartenenti alla tradizione dell'artigianato locale. Qualora venisse richiesto il restauro "in situ" di dipinti murali, l'Appaltatore dovrà fare ricorso esclusivamente a tecnici specializzati.


Il presente Capitolato Speciale d’Appalto riguarda nello specifico le opere di seguito evidenziate



(Barrare la casella corrispondente agli interventi previsti nel progetto)


1

PULITURA

1.1

Pulitura mediante lavaggio generale

1.2

Pulitura manuale a secco

1.3

Pulitura con mezzi meccanici

1.4

Pulitura mediante acqua nebulizzata

1.5

Pulitura con biocida

1.6

Pulitura chimica

1.7

Pulitura graffiti

1.8

Pulitura mediante estrazione di sali solubili

1.9


2

CONSOLIDAMENTO

2.1

Preconsolidamento

2.2

Consolidamento di intonaco distaccato mediante iniezioni a base di miscele idrauliche

2.3

Consolidamento di intonaco distaccato mediante microbarre di armatura



Condividi con i tuoi amici:
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   13


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale