Sinossi degli eventi collaterali



Scaricare 10.2 Kb.
22.05.2018
Dimensione del file10.2 Kb.


Sinossi degli eventi collaterali
Dal 20 giugno al 29 luglio FILATOIO ROSSO via Matteotti Caraglio

orari di apertura dal martedì al sabato 14.30 -19 domenica 10 – 19



30 giugno ore 18.00 vernissage delle mostre

La maschera teatrale. Dalla forma al gesto – selezione di maschere in cuoio di Franco Leita – fotografie di Stefano Roggero”

in collaborazione con Associazione Marcovaldo www.marcovaldo.it
Due esposizioni ospitate nel prestigioso spazio del secentesco Filatoio, luogo d’arte di valenza internazionale, sono dedicate alla Maschera della Commedia dell’Arte, che è l’espressione più autentica della tradizione teatrale italiana nel mondo: Arlecchino e Pulcinella sono patrimonio della cultura universale.

La Maschera è strumento della scena, è opera d’arte in azione mossa dall’attore. Ma è anche preziosa scultura: opere artigianali realizzate da maestri mascherai in cuoio battuto su matrici scolpite nel legno. Figure zoomorfe, divinità pagane dal fascino inquietante, riverberano le origini rituali, magico-carnevalesche.

Forme fisse, espressioni apparentemente immutabili; la scultura-maschera diventa mobile quando è corpo col corpo dell’attore.

Franco Leita è artigiano con esperienza ventennale nel campo teatrale. Ha elaborato un personale patrimonio di tecniche nel campo delle maschere, scenografie, elementi di costumi, trucchi teatrali. Lavora legno, cuoio, cartapesta e materiali non convenzionali. Vanta una collezione di un centinaio di maschere (neutre, espressive, arcaiche, moderne, intere e mezze), dalla Tragedia alla Commedia dell’antichità, alle creazioni astratte e contemporanee. E’ specializzato nella maschera della Commedia dell’Arte, collabora da un decennio con il regista Mauro Piombo e realizza le maschere per gli spettacoli di Santibriganti. Anche il fotografo Stefano Roggero segue da tempo le attività della compagnia coltivando un progetto di rappresentazione fotografica delle maschere teatrali, con l’ausilio degli attori. Qui l’obiettivo, l’occhio del fotografo, ha strappato frazioni mimiche in dinamica, bloccando un istante di anima dell’opera plastica maschera-corpo. Nell’immagine c’è un volere della maschera, un saltare fuori, uno sfuggire dalla stessa forma che l’imprigiona per riappropriarsi di una vita non addomesticabile.

Dal 25 giugno all’8 luglio TEATRO CIVICO via Roma 124 Caraglio

stage professionale-residenziale condotto da Mauro Piombo

La Commedia dell’Arte – L’ Improvvisa tra XVI e XVII secolo” VI Edizione

Mauro Piombo è attore, regista e docente; è stato allievo e successivamente assistente di Antonio Fava, ha recitato ed insegnato Commedia dell’Arte anche in Spagna, Moldavia, Germania e Francia. Lo stage è indirizzato ad attrici, attori, allievi di scuole di recitazione e a coloro che hanno acquisito una formazione teatrale di base. La frequenza è giornaliera. Al termine degli incontri, l’8 luglio alle ore 11.30 nel centro storico di Caraglio, i partecipanti presenteranno al pubblico sintetici canovacci che avranno elaborato durante il laboratorio. Inizio corso: lunedì 25 giugno ore 14.30. Gli argomenti trattati saranno:


  • CENNI STORICI: Origini, fioritura e decadenza della Commedia dell’Arte

  • LE MASCHERE: significati, tipologie, tecnica. Impostazione gestuale e interpretativa

  • I TIPI FISSI: Zanni, Capitani, Vecchi, Innamorati

  • L’IMPROVVISAZIONE: mestiere e disciplina d’attore

  • LA COMICITA’: poetica della sopravvivenza. Lazzi e strutture comiche

  • GLI SCENARI: schemi ricorrenti, contrasti di maschera. Messa in scena di canovacci

  • DANZE POPOLARI TRADIZIONALI

  • LA MASCHERA IN CUOIO: esposizione sulle tecniche di costruzione di una maschera a cura dell’artigiano Franco Leita

Dal 26 giugno al 5 luglio TEATRO CIVICO via Roma 124 Caraglio

seminari di danze popolari

Danze del Sud” condotto da Simone Campa e Davide Ancora

Danze Occitane” condotto da Daniela Mandrie
Un’occasione per familiarizzare con due forme di danze popolari, rituali, antiche ma ancora di grande forza e coinvolgimento. Gli incontri sono adatti a tutti.

26 giugno e 3 luglio dalle 20.30 alle 22.30 DANZE DEL SUD, a cura di Simone Campa e Davide Ancora. Temi: introduzione alla Pizzica Salentina, Tamurriata Napoletana, Tarantella Calabrese. Simone Campa, direttore artistico e musicista della compagnia La Paranza del Geco, attiva in Italia e all’estero dal 1999 nella salvaguardia delle tradizioni popolari musicali e coreutiche dell’Italia del sud.



28 giugno e 5 luglio dalle 20.30 alle 22.30 DANZE OCCITANE, a cura di Daniela Mandrie, che, a partire dalla fine degli anni 70, ha svolto attività di studio e diffusione nel campo della danza occitana cis e transalpina, tradizioni musicali riscoperte in massa negli ultimi anni.







©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale