Sociologia dell’organizzazione Max Weber e la burocrazia



Scaricare 445 b.
24.01.2018
Dimensione del file445 b.


Sociologia dell’organizzazione


Max Weber: preliminari

  • Questioni di metodo

  • La natura delle scienze sociali: positivismo, storia e sociologia

  • L’epoca contemporanea come epoca della “razionalità”  solo in questa epoca, la riflessione sui fatti sociali si sgancia dalla metafisica





Max Weber: preliminari Cos’è l’azione sociale

  • Azione sociale:

  • «si deve intendere un agire che sia riferito – secondo il suo senso, intenzionato dall’agente o dagli agenti – al comportamento di altri individui, e orientato nel suo corso in base a questo»



PER SPIEGARE I FENOMENI SOCIALI, DI QUALSIASI NATURA ESSI SIANO, E' SEMPRE NECESSARIO RICONDURLI AD ATTEGGIAMENTI, CREDENZE, COMPORTAMENTI INDIVIDUALI.

  • PER SPIEGARE I FENOMENI SOCIALI, DI QUALSIASI NATURA ESSI SIANO, E' SEMPRE NECESSARIO RICONDURLI AD ATTEGGIAMENTI, CREDENZE, COMPORTAMENTI INDIVIDUALI.

  • I soggetti di una società agiscono rispondendo a proprie ragioni che ritengono ben fondate: si trovano in una certa situazione, ne hanno un grado di conoscenza, hanno bisogni, convinzioni che dettano la loro azione.

  • Per capire le interazioni umane è necessario arrivare a comprendere questo insieme di elementi che motivano l'azione, cercando di mettersi nei panni degli attori.



I FENOMENI MACROSCOPICI DEVONO ESSERE RICONDOTTI ALLE LORO CAUSE MICROSCOPICHE (LE AZIONI INDIVIDUALI)

  • I FENOMENI MACROSCOPICI DEVONO ESSERE RICONDOTTI ALLE LORO CAUSE MICROSCOPICHE (LE AZIONI INDIVIDUALI)

  • PER SPIEGARE LE AZIONI INDIVIDUALI E' NECESSARIO TENERE CONTO DEI MOTIVI DEGLI ATTORI.

  • MOTIVI RAZIONALI O MENO

  • Secondo il paradigma dell'azione l'attore si muove sempre in situazioni che comportano vincoli e condizionamenti. Pur all'interno di vincoli l'attore persegue mete, elabora strategie, può ottenere o non ottenere risultati, ma la sua azione ha un senso.



TEOREMA DI THOMAS: se gli esseri umani definiscono certe situazioni come reali esse sono reali nelle loro conseguenze.

  • TEOREMA DI THOMAS: se gli esseri umani definiscono certe situazioni come reali esse sono reali nelle loro conseguenze.

  • La PROFEZIA CHE SI AUTOADEMPIE DI R. Merton: una definizione falsa di una situazione da origine a comportamenti che la rendono vera.

  • WEBER: l'etica protestante e lo spirito del capitalismo



W. Trasferisce in ambito sociologico, il principio introdotto da Dilthey della comprensione alla base del processo scientifico

  • W. Trasferisce in ambito sociologico, il principio introdotto da Dilthey della comprensione alla base del processo scientifico

  • Lo scienziato deve studiare i fatti sociali dei quali è parte mantenendo l’”avalutatività” senza cadere nell’individualismo soggettivista

  • Non sono ammissibili presupposti di valore alla ricerca scientifica, ma gli orientamenti del ricercatore possono condizionare la sua sensibilità rispetto ai temi di ricerca

  • Le formulazioni scientifiche cui si perviene, anche partendo da un presupposto individuale, devono mantener un carattere di generalità



La comprensione nelle scienze sociali si traduce nel fornire interpretazioni razionali dell’azione individuale

  • La comprensione nelle scienze sociali si traduce nel fornire interpretazioni razionali dell’azione individuale

  • La comprensione weberiana presuppone che il ricercatore possa mettersi al posto dell’attore sociale

  • Ma come si concilia la individualità del metodo con la generalità dei risultati che si ottengono?

  • la soluzione proposta da Weber è rappresentata dal tipo ideale.



DEF: Il tipo ideale è un’astrazione che nasce dalla rilevazione empirica di uniformità

  • DEF: Il tipo ideale è un’astrazione che nasce dalla rilevazione empirica di uniformità

  • I tipi ideali non vanno confusi con la realtà, ma indirizzano la conoscenza

  • Sono modelli teorici che aiutano il ricercatore a comprendere la realtà ossia a spiegarla

  • È una costruzione razionale, priva di ambiguità

  • Non si tratta di leggi così come intese nelle scienze naturali, ma piuttosto di connessioni causali concrete, ossia di enunciati di possibilità



Max Weber: preliminari

  • Tipi di azioni:

  • azione razionale rispetto ad uno scopo

  • azione razionale in rapporto ad un valore

  • azione affettiva o emotiva

  • azione tradizionale



Max Weber: preliminari

  • Azione sociale



Max Weber: preliminari

  • Azione sociale



Max Weber: preliminari

  • Azione sociale



Max Weber: preliminari

  • Compito della sociologia

  • comprendere

  • interpretare

  • spiegare

  • Azione  Relazione sociale  rapporto regolare! Ma la regolarità non è assoluta

  •  le “leggi” sono probabilistiche!



Max Weber e la burocrazia

  • Come si costruisce?

  • Si selezionano, fra i dati empirici, gli elementi più significativi;

  • Si trascurano gli elementi irrilevanti o accidentali;

  • Si collegano fra loro gli elementi selezionati, accentuandoli e coordinandoli. (“Accentuazione unilaterale di uno o di alcuni punti di vista”)



Max Weber e la burocrazia

  • I quattro tipi puri dell’agire sociale danno indicazioni su come analizzare le istituzioni formali: le organizzazioni si studiano sempre in relazione all’agire sociale degli attori che vi appartengono.

  • I quattro tipi dell’agire costituiscono dunque delle categorie per capire come funzionano le organizzazioni.



Il pensiero di Weber sulla burocrazia è collocato nell’ambito del tema più ampio del potere:

  • Il pensiero di Weber sulla burocrazia è collocato nell’ambito del tema più ampio del potere:

  • «(o)gni potere si manifesta e funziona come amministrazione; e ogni amministrazione ... Richiede in qualche modo il potere»

  • (M. Weber, Economia e Società)



Max Weber e la burocrazia

  • Il Potere

  • Potere come “possibilità per un comando di trovare obbedienza da parte di un determinato gruppo di uomini”.

  • Per essere esercitato in maniera continuativa il potere richiede di trovare legittimazione da parte dei sottoposti.

  • Il tipo di legittimazione è il criterio che distingue i tre tipi puri di potere:



Max Weber e la burocrazia

  • Condizioni per lo sviluppo di apparati che rientrano nell’idealtipo burocratico:

  • Disponibilità al rispetto di un ordine legale

  • Legge come sistema di norma astratte

  • Anche chi esercita l’autorità deve obbedire alla medesima legge



Max Weber e la burocrazia

  • Si deve obbedienza non alla persona, ma alla legge che gli ha attribuito una posizione sovraordinata

  • Si obbedisce solo fino a quando si è membri dell’organizzazione



Max Weber e la burocrazia

  • Divisione dei doveri e poteri di ufficio secondo norme previste

  • Rigida gerarchia di uffici con relativi poteri di controllo dei superiori sugli inferiori

  • I funzionari vengono selezionati in base a concorsi che accertano determinate conoscenze

  • I funzionari ricevono uno stipendio monetario fisso pagato dall’amministrazione per cui lavorano (non dagli utenti della stessa)



Max Weber e la burocrazia

  • Il lavoro del funzionario è un’attività a tempo pieno.

  • Esiste un percorso di carriera (per anzianità e per merito)

  • Il funzionario non è proprietario degli strumenti del suo lavoro, né della sua carica



Max Weber e la burocrazia

  • Il funzionario è soggetto ad un controllo e ad un sistema disciplinare unificati

  • Gli atti amministrativi, le decisioni, le regole vanno fissate per iscritto



Max Weber e la burocrazia

  • Superiorità tecnica della burocrazia: più efficiente, economica, prevedibile, meno arbitraria delle amministrazioni pre-burocratiche

  • La burocrazia  modernità (statistica)

  • Comparsa della democrazia di massa: da sudditi a cittadini uguali di fronte alla legge. La burocrazia garantisce trattamenti uguali, imparziali, prevedibili.



Max Weber e la burocrazia

  • Tuttavia:

  • Tensione tra il controllo dei saperi specialistici da parte della burocrazia e i diritti dei cittadini. Tendenza della burocrazia ad essere avversa ad un parlamento che intende esercitare i propri legittimi poteri di controllo. Dialettica burocrazia-politica



Max Weber e la burocrazia

  • Tuttavia:

  • La burocrazia si perfeziona rendendo man mano i rapporti impersonali ed anonimi: questo porta ad un tendenziale tecnicismo, formalismo, accettazione indiscussa della gerarchia (diventa legittimo qualsiasi comando che abbia il crisma della legalità formale). Lo sterminio degli Ebrei come perfetta macchina burocratica!



Max Weber e la burocrazia

  • Tuttavia:

  • In epoca moderna: tecnocrazia, potere dei tecnici! Es.: ospedali e professione medica.

  • La specificità italiana: centralismo e “paura” dei cittadini (ancora “sudditi”). Ad esempio, inversione dell’onere della prova, che dovrebbe essere tipico di una democrazia compiuta



La scuola “classica”



Max Weber e la burocrazia

  • Due spinte concomitanti:

  • Impresa

  • Stato

  • Somiglianze:

  • In entrambi i casi il diritto stabilisce regole di funzionamento (es.: Statuti, Revisori dei conti, Collegio sindacale, etc.; Concorsi, Decreti che fissano assunzioni, retribuzioni, inquadramenti, etc.)



Max Weber e la burocrazia

  • e differenze:

  • La spinta all’efficienza si manifesta prima nell’impresa e solo successivamente negli apparati pubblici o di servizio



La scuola “classica”

  • ELEMENTI POSITIVI:

  • Miglioramento delle pratiche operative e delle condizioni di lavoro precedenti (fabbrica e uffici)

  • Miglioramento nella capacità di governo della complessità organizzativa

  • Diffusione di regole esplicite e trasparenti contro l’arbitrio e l’empiria nella gestione dei problemi organizzativi



La scuola “classica”

  • LIMITI:

  • Diffusione di miti fuorvianti che si sono radicati profondamente (one best way, uomo giusto al posto giusto, ecc.). Tendenza a non guardare più alla realtà fattuale (dalla formalità al formalismo, dalla specializzazione al settorialismo, dall’equità retributiva all’appiattimento, ecc.).



Fedeltà di ufficio: dovere di obbedienza ai superiori in quanto detentori di un ruolo formale

  • Fedeltà di ufficio: dovere di obbedienza ai superiori in quanto detentori di un ruolo formale

  • Competenza disciplinata: a ogni dipendente sono affidati compiti specializzati da svolgere secondo regole formalizzate e standardizzate

  • Gerarchia degli uffici: sistema di subordinazione rigido, struttura di governo e di comunicazione dall’alto al basso

  • Preparazione specializzata: corso di studi specifico per accedere, riconoscimento di prestigio sociale

  • Concorsi pubblici: accesso e progressione di carriera attraverso concorsi che valutano il merito



Sviluppo di una carriera: anzianità e merito consentono di coprire posizioni sempre più alte nell’arco di una vita lavorativa tutta interna all’apparato burocratico

  • Sviluppo di una carriera: anzianità e merito consentono di coprire posizioni sempre più alte nell’arco di una vita lavorativa tutta interna all’apparato burocratico

  • Attività a tempo pieno: professione svolta in modo esclusivo e continuativo

  • Segreto di ufficio: è prevista la non divulgazione delle pratiche d’ufficio e la netta separazione con la vita privata dei funzionari

  • Stipendio monetario fisso: l’amministrazione paga regolarmente e direttamente i dipendenti, che non possono ricevere compensi dai clienti o utenti

  • Non possesso degli strumenti del proprio lavoro



La burocrazia pura è una struttura centralizzata, in cui le decisioni critiche sono materia esclusiva del vertice, mentre le decisioni di routine sono delegate ai livelli inferiori

  • La burocrazia pura è una struttura centralizzata, in cui le decisioni critiche sono materia esclusiva del vertice, mentre le decisioni di routine sono delegate ai livelli inferiori

  • La burocrazia pura è una struttura standardizzata che prevede precise procedure di funzionamento, uniformità di comportamenti, sostituibilità dei dipendenti, spersonalizzazione del servizio

  • La burocrazia pura è una struttura rigida perché non prevede cambiamenti






©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale