Strutturazione



Scaricare 0.81 Mb.
Pagina1/10
28.03.2019
Dimensione del file0.81 Mb.
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   10

L’INTERVENTO EDUCATIVO STRUTTURATO

Dott.ssa Clea Terzuolo

Ambulatorio Autismo ASLCN1 Mondovì (Cn)

L’intervento psicoeducativo migliore è quello che parte da una relazione fatta di ciò che il bambino propone e suggerisce: risorse personali, isole di abilità, distorsioni, difficoltà ed interessi.


Per la specificità dei tratti di personalità e le caratteristiche proprie dei disturbi generalizzati dello sviluppo, l’educazione permanente si realizza attraverso il lavoro della rete di servizi, la capillarizzazione delle metodologie e degli insegnamenti nei diversi contesti di vita, il massimo coinvolgimento dei genitori e la loro condivisione delle scelte metodologiche e degli indirizzi terapeutici.
Interventi educativi di tipo cognitivo e comportamentale precoci, coerenti e continuativi portano ad un miglioramento sostanziale della qualità della vita e richiedono azioni strutturate, riferimenti espliciti volti ad incontrare le carenze relazionali e a favorire l’intenzionalità comunicativa.
In questa ottica riabilitativa le linee di intervento si avvalgono di strategie educative specifiche tra cui la concordanza luogo-attività, la comunicazione stabile, l’azione prevedibile, l’organizzazione della struttura delle attività il cui scopo è quello di compensare le difficoltà di comprensione dei messaggi e del significato delle situazioni eliminando gli elementi ridondanti e semplificando le richieste e le situazioni.
Le tecniche di educazione che fanno ricorso alla comunicazione aumentativa tramite supporti visivi, alla strutturazione spaziale e temporale, all’atteggiamento positivo di valorizzazione delle abilità presenti o emergenti, al lavoro di rete fra i professionisti e con la famiglia, e alla formazione permanente degli esperti, che vengono da anni applicate nella maggior parte dei paesi europei e negli USA, sono attualmente riconosciute dalla comunità scientifica internazionale come supporto più efficace dell’educazione dei bambini con autismo.

Un programma di trattamento psicoeducativo parte da un’efficace valutazione delle abilità funzionali e prosegue con la stretta collaborazione tra i professionisti e i genitori che assumono il ruolo di co-terapeuti attraverso l’apprendimento delle tecniche di educazione speciale secondo i bisogni del proprio figlio (Reichler e Schopler, 1976.)


Il modello riabilitativo di riferimento è quello dell’educazione strutturata, in particolare quello che è stato sviluppato dalla Division TEACCH (Treatment and Education of Autistic Related Communication Handicapped Children) dell’Università del North Carolina, un programma riconosciuto a livello mondiale come uno dei più efficaci e che tiene conto di tutte le risorse che ruotano attorno alla persona con autismo, dalla famiglia alla scuola.

Il Programma TEACCH racchiude una grande competenza di Educatore, e consiste in una valutazione individualizzata e in un Progetto educativo “tagliato su misura “ (Schopler E.,1991) e gli interventi interessano terapie integrate e programmate in modo individualizzato a seconda dell’area che si intende sviluppare e vengono effettuati all’interno di diversi contesti:





Condividi con i tuoi amici:
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   10


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale