Sublimazione dello iodio


N.B. (le anidridi solforosa e solforica sono tossiche per inalazione, occorre operare sotto cappa aspirante)



Scaricare 4.43 Mb.
Pagina40/88
29.03.2019
Dimensione del file4.43 Mb.
1   ...   36   37   38   39   40   41   42   43   ...   88
N.B. (le anidridi solforosa e solforica sono tossiche per inalazione, occorre operare sotto cappa aspirante)

L'anidride solforica si scioglie in acqua producendo acido solforico:

SO3 (g) + H2O (l) → H2SO4 (aq)

L'acido solforico è un acido forte, e in acqua si dissocia liberando protoni:

H2SO4 (aq) → H+ + HSO4-

Il magnesio reagisce con l'ossigeno dell'aria bruciando con notevole emissione di luce e con produzione di ossido di magnesio:

2Mg (s) + O2 (g) → 2MgO (s)

L'ossido di magnesio, a contatto con acqua, produce idrossido di magnesio:

MgO (s) + H2O (l) → Mg(OH)2 (s)

L'idrossido di magnesio è una base forte, e in acqua si dissocia liberando ioni OH-:

Mg(OH)2 (s) → Mg2+ + 2OH-

Materiale:


  • Zolfo

  • Magnesio

  • Acqua distillata

Strumenti:

  • Indicatore universale in cartina

  • Spatola

  • Pinza

  • Crogioli

  • Triangolo refrattario

  • Treppiede

  • Becco Bunsen

  • Cappa aspirante

Procedimento:

  1. Zolfo

Mettere una abbondante punta di spatola di zolfo nel crogiolo e posizionarlo sopra il triangolo refrattario, sul treppiede.

Nel frattempo inumidire con acqua un pezzo di cartina universale e tenerlo con le pinze sopra il crogiolo. Accendere quindi il Bunsen, scaldare il crogiolo e osservare lo zolfo e la cartina universale.



  1. Magnesio

Tagliare un piccolo pezzo di striscia di magnesio e tenendolo con le pinze sopra un crogiolo pulito, infiammarlo con un accendino, un fiammifero o con il Bunsen. Fare attenzione a non guardare direttamente la fiamma: la luce intensa può danneggiare gli occhi.

Depositare la striscia bruciata nel crogiolo e aggiungere poche gocce di acqua distillata; immergere infine la cartina universale nel crogiolo e osservare.



Risultato:

Lo zolfo prima fonde, poi brucia con fiamma azzurra. La cartina, avvolta dai vapori di ossidi di zolfo, si colora di rosso. Se non si colora, probabilmente si sta usando troppo poco zolfo.

Il magnesio brucia con fortissima luce bianca, lasciando un solido bianco. Quando questo viene immerso nell'acqua, la cartina immersa si colora di blu. Anche in questo caso, se la cartina non si colora si sta usando poco magnesio o troppa acqua.

Sicurezza:





Indicazioni di Pericolo

Consigli di Prudenza




Condividi con i tuoi amici:
1   ...   36   37   38   39   40   41   42   43   ...   88


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale