Sublimazione dello iodio


H225 Liquido e vapori facilmente infiammabili. H304



Scaricare 4.43 Mb.
Pagina83/88
29.03.2019
Dimensione del file4.43 Mb.
1   ...   80   81   82   83   84   85   86   87   88
H225 Liquido e vapori facilmente infiammabili.

H304 Può essere letale in caso di ingestione e di penetrazione nelle vie respiratorie.

H315 Provoca irritazione cutanea.

H336 Può provocare sonnolenza o vertigini.

H410 Molto tossico per gli organismi acquatici con effetti di lunga durata

P210 Tenere lontano da fonti di calore, superfici riscaldate, scintille, fiamme e altre fonti di innesco. Vietato fumare.

P261 Evitare di respirare i vapori.

P273 Non disperdere nell'ambiente.

P301 + P310 IN CASO DI INGESTIONE: contattare immediatamente un CENTRO ANTIVELENI o un medico

P331 NON provocare il vomito.

P501 Smaltire il prodotto/recipiente in un impianto d'eliminazione di rifiuti autorizzato.

31. Determinazione dei lipidi

I lipidi sono una categoria molto vasta di biomolecole scarsamente solubili in acqua. Proprio grazie a questa proprietà è possibile verificare la presenza di lipidi in diversi alimenti: in questa esperienza i lipidi eventualmente presenti negli alimenti verranno prima sciolti in alcol, e poi fatti precipitare con acqua.



Argomento:

Riconoscimento di biomolecole.

Durata:

1 ora

Scopo:

Individuare la presenza di lipidi in diversi alimenti.

Teoria:

Le caratteristiche che accomunano i lipidi sono una scarsa solubilità in acqua e una buona solubilità in solventi meno polari. Miscelando quindi un campione contenente lipidi con un solvente meno polare dell'acqua, ad esempio etanolo, parte dei lipidi si scioglierà in esso. Dopo aver separato la fase solida indisciolta è possibile evidenziare la presenza di lipidi aggiungendo acqua: miscelandosi con l’etanolo l’acqua aumenta la polarità della soluzione causando l’uscita di solubilità dei lipidi, visibile come un intorbidimento della soluzione.



Materiale:

  • Alimenti (tuorlo e albume d'uovo, olio, burro, latte, zucchero, etc...)

  • Etanolo

  • Acqua distillata

  • Carta da filtro

Strumenti:

Procedimento:

Introdurre nella provetta una piccola quantità dell’alimento scelto ed aggiungere 2-3 ml di etanolo. Agitare la miscela e filtrare raccogliendo la soluzione in una provetta vuota. Aggiungere all’etanolo filtrato una quantità equivalente di acqua.



Risultato:

Se nell'alimento erano presenti lipidi, al momento dell'aggiunta dell'acqua la soluzione dovrebbe intorbidirsi.



Sicurezza:




Indicazioni di Pericolo

Consigli di Prudenza

Etanolo

ghs02

ghs07




Condividi con i tuoi amici:
1   ...   80   81   82   83   84   85   86   87   88


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale