Teoria dell’evento



Scaricare 178.09 Kb.
Pagina1/5
21.12.2017
Dimensione del file178.09 Kb.
  1   2   3   4   5

Teoria dell’evento

Bettelli Oscar

La teoria dell’evento è una teoria del tutto.

Ogni cosa è un evento: qualcosa che accade.

Un evento futuro può accadere con una certa probabilità.

Un evento può essere osservato da un osservatore.

Nella mente di un osservatore un evento del passato può essere successo con una certa probabilità.

Il concetto di evento è più fondamentale del concetto di spazio tempo poiché la teoria della relatività ci ha insegnato che ogni osservatore ha i propri riferimenti spazio temporali mentre ciò che è invariante per trasformazioni di Lorentz è il segmento spazio temporale: l’evento.

Un evento può essere collocato in un sistema di riferimento spazio temporale.

In particolare un evento può avere una durata temporale (attimo secondo minuto ora settimana mese anno lustro millennio)

La relazione tra evento e lo spazio tempo di riferimento avviene a livello della costante di plank.

Un uomo è un osservatore che conosce al massimo quello che gli uomini (compreso lui stesso) hanno pensato o sperimentato.

La conoscenza consiste in un insieme di informazioni memorizzate correlate ed elaborate da una mente cosciente.

L’umanità è un osservatore della creazione.

L’universo consiste in un insieme di eventi che hanno avuto origine da un evento (Big Bang).

L’umanità vive sul pianeta terra dove continuamente accadono eventi.

In particolare un fatto è un evento e una notizia è l’informazione di un fatto accaduto nel mondo.

Oggigiorno una notizia impiega pochi minuti per fare il giro della terra.

Definizione di pensiero: una successione di eventi mentali generati dall’inconscio e controllati dalla coscienza.

Generati dall’inconscio poiché esiste una programmazione biologica basata sui valori (educazione, eventi).

Controllati dalla coscienza poiché esiste un filtro razionale al flusso dei pensieri.

Definizione di sogno: una successione di eventi mentali generati dall’inconscio e osservati dalla coscienza.

Definizione di onfene: momento contingente del divenire

Definizione di Anima: principio trascendente dell’essere.

Il concetto di onfene evento mentale ed osservatore si unificano a livello della costante di plank.

L’osservazione di un evento da parte di un osservatore fa collassate la funzione d’onda quantistica.

La realtà passa da uno stato indifferenziato a uno stato differenziato quando due o più osservatori fanno la stessa osservazione.

Ogni evento è unico ed irripetibile.

Due eventi possono essere simili (ripetibilità)

La ripetibilità è un prerequisito indispensabile per la scienza.

Grazie alla ripetibilità è possibile costruire costrutti utili per l’indagine scientifica.

Ci sono eventi probabili (statisticamente) o eventi improbabili (massimo di significatività).

Se fisso un evento con una telefonata molto probabilmente questo evento si verificherà.

Date certe premesse è molto probabile che si verifichino certi eventi.

Il campo di informazione universale contiene tutti gli eventi

un osservatore dispone di una mente cosciente (eventi mentali)

ogni osservatore colloca gli eventi nel proprio spazio tempo

ogni osservatore dispone di una certa conoscenza che può essere anche potenziale.

un uomo che parla è un generatore di messaggi (eventi mentali)

una parola può generare un effetto a farfalla nell’ascoltatore (sistema complesso)

il flusso dei pensieri è coordinato dalla coscienza (filtro logico)

ogni osservatore osserva un flusso continuo di eventi.

un osservatore può voler fare una osservazione (intenzionalità)

un osservatore può provocare un evento (intenzionalità).

libero arbitrio: posso afferrare la palla con la destra o con la sinistra cambiando idea infinite volte

come nel paradosso di achille e la tartaruga (concetto di limite) a un certo istante di tempo accade l’evento.

Il cervello è un elaboratore elettro chimico di informazioni di elevata complessità.(eventi mentali)

Un evento mentale è qualcosa che accade nella mente che può avere un riscontro nel cervello.

Giocare la schedina fa passare la probabilità di vincita dal valore zero ad un valore diverso da zero.

Incontrare un amico per strada è un evento (significativo) con una certa probabilità di avverarsi.

Fare una telefonata è un evento in cui due persone si scambiano informazioni.

Una nozione è una informazione che appartiene alla conoscenza condivisa che si impara studiando.

Una conversazione fa riferimento a notizie e nozioni. (scambio di informazioni)

Gli eventi possono essere fatti ma anche pensieri (evento mentale).

Esiste un mondo fisico un mondo psichico e l’interazione fra i due. (Popper)

Gli eventi sulla terra avvengono in un unico tempo condiviso ma esiste un tempo per ogni osservatore, ogni osservatore colloca gli eventi nel proprio spazio tempo.

Un evento ha una certa probabilità di verificarsi quando si verifica diventa una certezza

L’osservatore è in uno stato di continuo interscambio di informazioni con l’ambiente

il processo dell’attenzione seleziona le informazioni pertinenti

la parola crea una realtà mentale con riferimenti reali nei ricordi del parlante (eventi).

la mente mette ordine anche laddove le condizioni sono proibitive (ordine nei pensieri)

eventi (stimoli) esterni influenzano il flusso dei pensieri.

Un osservatore elabora l’informazione che percepisce ma non può elaborarla tutta presta attenzione solo all’informazione pertinente. (significativa)

La vita può essere intesa come conservazione dell’informazione nonostante i tentativi dell’ambiente di distruggerla.

Un uomo persegue i propri scopi venendo a compromessi con l’ambiente in cui vive.

Una melodia può essere codificata in vari modi: tasti di un pianoforte corde di una chitarra onde sonore note sul pentagramma ma la melodia rimane invariata e noi possiamo accorgerci se una nota è stonata.

Una melodia appartiene al campo di informazione dinamica (informazione non codificata).

Una informazione può essere codificata utilizzando energia e in tal caso diviene una informazione statica (quella con cui comunemente abbiamo a che fare).

Quando una informazione dinamica diviene una informazione statica accade un evento (codifica).

Quando un osservatore osserva un evento la funzione d’onda che descrive l’evento collassa.

In un colloquio tra due persone avviene una trasformazione della realtà condivisa.

La parola genera un intero mondo mentale più o meno condiviso.

Una esperienza è un evento che mette in relazione osservatore ed osservato.

Un uomo ricorda gli eventi significativi della propria vita.

Il tempo è una distanza tra eventi che può essere misurato con un orologio.

Spazio e tempo sono intimamente legati (einstein)

viaggiare nel tempo significa anche viaggiare nello spazio.

Se si inverte il segno del tempo nelle equazioni della fisica l’entropia continua a crescere

Ogni osservatore ha il suo tempo (clock interno psicologico).

Una notizia è una informazione su un evento nel mondo

gli eventi nel mondo possono essere fatti o pensieri

una notizia può essere bella o brutta

una notizia può essere: vera falsa indefinita contradditoria

una parola può essere un concetto che richiama alla memoria in insieme di informazioni (onfene)

un messaggio può essere espresso con parole (molte parole pensiero debole (femminile) poche parole pensiero forte (maschile))

un messaggio per essere compreso deve essere collocato in un contesto conosciuto

l’acqua ha una memoria

l’uomo ha una memoria

l’uomo memorizza le notizie

l’uomo può mentire sapendo di mentire

il mondo è un insieme di eventi e ogni evento contiene informazione

tutto è informazione (informazione energia materia)

simbiogenesi: scambio di informazione (collaborazione)

entanglement: correlazione intreccio (scambio di informazione indipendente dallo spazio tempo)

Ogni uomo costituisce una finestra sul mondo: vive in un proprio mondo (punto di vista)

Con la parola un uomo crea una realtà mentale il cui contenuto (notizie e nozioni) fa riferimento ad eventi (fatti) del mondo reale presenti nella propria mente in veste di ricordi.

Il presente ricordato (edelman) sottolinea come la dimensione temporale della mente venga costantemente ricostruita dal cervello: gli eventi che percepiamo sono elaborati dalla mente fin da subito, fin dal primo istante del processo percettivo.

Ogni uomo possiede una rappresentazione mentale del proprio mondo sulla quale si basa per ricordare il passato e progettare il futuro.

Quando si guarda un film gli eventi che vengono rappresentati guidano gli eventi mentali di chi osserva: gli eventi vengono compresi e rapportati all’esperienza del soggetto.

Se si proietta un film a ritroso si può osservare il verificarsi di eventi altamente improbabili.

Spazio e tempo sono indissolubilmente legati (einstein) pertanto per viaggiare nel tempo bisogna portarsi dietro tutto il proprio spazio tempo.

L’umanità sulla terra viaggia avanti nel tempo. (tutti insieme appassionatamente)

l’uomo viaggia nel tempo (ricorda il passato e progetta il futuro)

l’umanità viaggia nel tempo (memoria collettiva immaginario collettivo)

Un osservatore possiede un proprio spazio tempo mentale e può sincronizzarsi col tempo terrestre grazie ad un orologio. L’evento osservare un orologio quando succede qualcosa consente di collocare gli eventi nello spazio tempo condiviso.

Relatività generale e meccanica quantistica necessitano del concetto di osservatore.

Il concetto di onfene evento mentale e osservatore si unificano a livello della costante di plank.

Quando un osservatore esegue una osservazione di un evento nella realtà la funzione d’onda che descrive l’evento collassa da evento probabile ad evento certo: la realtà da indifferenziata diviene una realtà differenziata; l’informazione dinamica diviene una informazione statica (codificata)

Grazie alla parola (colloquio) due osservatori possono condividere una stessa realtà (trasformazione degli osservatori in relazione con la realtà condivisa) (decoerenza)

Osservatore e realtà osservata (evento) sono indissolubilmente correlati a livello della costante di plank.

Facciamo ora le seguenti ipotesi (assiomi):

Ipotesi: l’uomo possiede una coscienza. (io sono cosciente pertanto tutti gli uomini lo sono)

Ipotesi: le macchine (computer) non possiedono una coscienza (non è dimostrabile)

Ipotesi: Gli animali non possiedono una coscienza (non è dimostrabile)

Ne consegue che la coscienza è una caratteristica propria dell’uomo.

Il concetto di osservatore in fisica presuppone una coscienza.

Il principio di indeterminazione impedisce all’osservatore di conoscere la realtà.

Il principio di indeterminazione e la non località sono intimamente legati.

Un gatto che non è un osservatore fa collassate la funzione d’onda (decoerenza) pertanto in un senso molto generale la vita crea la realtà.

La vita sostiene la vita.

La vita interagisce con (modifica) l’ambiente circostante.

Nella vita di una organizzazione sociale esistono degli eventi progettati che sono contenuti nei documenti burocratici dell’organizzazione stessa. (informazioni codificate)

La vita di una organizzazione sociale è soggetta a degli eventi emergenti dovuti alle relazioni interpersonali dei singoli. (chiacchiere di corridoio)

Il principio di crescita dell’entropia asserisce che nel tempo si verificano gli eventi più probabili.

La vita sembra contraddire questo principio poiché mostra un’evoluzione dal più semplice al più complesso: la vita approfitta degli eventi improbabili volgendoli a proprio vantaggio.

la vita esiste perché la fisica glielo consente (principio antropico)

l’uomo interagisce con la natura (lavoro) modifica il proprio ambiente

Per la mente un evento improbabile è più significativo di un evento probabile.

Ogni persona suona la propria musica (anima) informazione dinamica (criminal mind beatiful mind)

Ogni persona è responsabile solo delle proprie azioni.

Coscienza morale cristiana: programmata biologicamente sulla base dei valori. (cultura, eventi)

Programmazione biologica determinata geneticamente e formata dall’esperienza vissuta. (eventi)

Cablaggio dei neuroni nel cervello: determinati geneticamente e formati dinamicamente nel processo di crescita e sviluppo del cervello. (eventi)

Lo spirito di un uomo è innato (si forma al momento dell’unione tra ovulo e spermatozoo)

il DNA è il codice di identità (determina il nostro corpo)

La formazione del carattere che si stabilizza nei primi anni di vita è profondamente influenzata da eventi traumatici vissuti in prima persona dal soggetto.

Coscienza ed esperienza vissuta sono intimamente intrecciate (onfene).

Relazione di causa ed effetto: eventi del passato determinano eventi del futuro.

Se fisso un appuntamento allora determino evento del futuro con elevato grado di probabilità e di conseguenza agirò facendo sì che l’evento del futuro determini cosa sto facendo nel presente.

I politici fissano dei paletti (eventi) nel futuro determinando le scelte della società nel presente.

Gli storici ricostruiscono gli eventi del passato sulla base di reperti storici interpretati nel presente.

Pensiero: processo nel tempo influenzato da stimoli interni e stimoli esterni

stimoli esterni: 5 sensi

stimoli interni: memoria, coscienza, inconscio, attenzione, bisogni fisiologici

coincidenze significative tra interno ed esterno: sincronicità

esistono nessi causali mentali e nessi causali fisici (vasi comunicanti)

nessi causali mentali per esempio relazioni tra parole (soggettivi)

il mondo va male perché ci sono i gay (ipotesi)

sulla base di questa ipotesi si può costruire una intera spiegazione razionale.

la verifica sperimentale presuppone il verificarsi di eventi previsti dalla teoria.

strategia euristica di risoluzione dei problemi

differenza tra uomo e computer nel gioco degli scacchi (euristica)

A differenza del metodo esaustivo l’euristica riesce a trovare una soluzione in problemi NP

euristica: elaborazione per somiglianza

euristica: elaborazione solo su un sottoinsieme di dati (intuito)

euristica: elaborazione per tentativi

esplosione computazionale: impossibilità di elaborare tutte le informazioni in maniera esaustiva.


Si può ipotizzare che esista un campo di conoscenza universale ovvero un campo di informazione universale (campo akasico)

un teorema esiste anche prima di essere scoperto (e reso noto)

i numeri sono un’astrazione valida per tutti (universale)

l’anima vale solo per il singolo individuo (spirito)

un uomo ricorda solo la propria vita

la melodia vale per tutti

invariante spazio-temporale tra due rappresentazioni dello spazio-tempo (einstein)

melodia = invariante nelle diverse rappresentazioni (spirito)

la presenza del passato (sheldrake)

la presenza del futuro (laplace) (destino)

la complessità produce imprevedibilità

una esperienza qui ed ora determina un evento nel passato (meccanica quantistica)

una esperienza qui ed ora determina il futuro (karma)

una sincronicità modifica il futuro (coincidenza significativa) sblocco emotivo

due osservatori possono accordarsi sulla definizione di un evento nello spazio tempo (telefonata)

un’osservatore è situato nello spazio-tempo (ambiente)

ad ogni attimo di tempo avviene un evento (relazione tra evento e spazio-tempo) costante di plank

ci sono eventi significativi ed eventi molto probabili (il significato del significato)

ad ogni evento c’è uno scambio di informazioni tra l’osservatore e l’ambiente

ad ogni evento c’è uno scambio di informazioni tra due osservatori

più l’informazione è improbabile più è significativa

la probabilità di un evento può essere ricavata dal passato (interpretazione statistica)

la vita approfitta delle coincidenze significative a proprio vantaggio

l’osservatore può sincronizzare il proprio tempo col tempo dell’ambiente grazie ad un orologio

due osservatori possono sincronizzarsi nel tempo grazie ad un orologio

l’osservatore può decidere quando effettuare una misura di un evento nel proprio tempo

l’osservatore può decidere di misurare la presenza o assenza di un evento significativo

vedere un amico è un evento significativo

vedere una persona conosciuta è un evento significativo

telefonare a una persona conosciuta è un evento significativo

data una coincidenza significativa (evento) due osservatori possono scambiarsi informazioni

l’osservatore si sposta nello spazio tempo

dati due osservatori che prendono decisioni può succedere che facciano un incidente (evento negativo conflitto)

dati due osservatori che si muovono nello spazio tempo può succedere che generino un evento significativo (scambio di informazioni simbiogenesi collaborazione)

gli eventi che succedono nello spazio tempo sono unici e irripetibili

gli eventi possono essere simili (ripetibilità) (non ci si bagna mai due volte nello stesso fiume)

il campo di informazione universale contiene tutti gli eventi (akasha)

in particolare tutti gli eventi di tutti gli osservatori (umanità)

anche gli eventi osservati da un singolo osservatore (contenitore di ricordi)

il campo di informazione universale è accessibile all’osservatore (ricordarsi la propria vita)

un osservatore può essere osservato da un altro osservatore

la vita di un osservatore consiste in tutti gli eventi che ha conosciuto (sperimentato)

la durata di un evento dipende dalla natura dell’evento stesso (attimo minuto giorno settimana mese anno lustro millennio)

un evento può essere descritto con le parole

ci sono eventi reali (fatti) ed eventi psichici (pensieri)

l’evento è più fondamentale dello spazio tempo

gli eventi trovano una loro rappresentazione nella mente dell’osservatore (memoria)

non si mangia il ricordo di un evento

esistenza della realtà (ogni osservatore vive in un proprio mondo mentale e fisico)

due osservatori possono condividere delle esperienze (fatti e pensieri)

la realtà condivisa ha più probabilità di essere vera rispetto alla realtà di un singolo osservatore

un osservatore può selezionare l’evento che gli interessa da una insieme di eventi (assioma della scelta)

un evento significativo richiama alla memoria un insieme di eventi correlati (passato)

un osservatore può selezionare un evento solo tra quelli possibili (tutto è possibile)

ogni evento è una sorpresa

ci sono eventi positivi ed eventi negativi

ci sono eventi prevedibili (statisticamente) ed eventi imprevedibili (bassa probabilità)

ogni evento codifica un insieme di informazioni

eventi reali(fatti) ed eventi mentali (pensieri)

il tempo dell’osservatore dipende dalla sua attività mentale

quando dorme ci sono solo eventi mentali (fisicamente è fermo)

quando guarda la TV gli eventi scorrono al tempo televisivo (passivo)

quando lavora al computer gli eventi scorrono in una forma di dialogo (interno esterno)

quando lavora al computer c’è il tempo dell’osservatore e il tempo di risposta del computer

interazione uomo macchina

quando l’osservatore esegue un’azione fisica il tempo è determinato dall’inizio-fine dell’attività

interazione uomo mondo

quando l’osservatore scrive codifica un pensiero in parole (informazione statica) (energia)

l’inconscio è la fucina dei pensieri (massicciamente in parallelo)

l’uomo è programmato biologicamente sulla base dei valori (esperienza genetica cultura eventi)

un pensiero inconscio è informazione dinamica (sub-simbolica)

il corpo umano si avvale di complicatissimi processi chimici

il cervello umano funziona utilizzando processi elettro-chimici

uomo = corpo anima spirito

campo di informazione dinamica  anima, spirito, essenza

coscienza morale (cristiana)  etica, bioetica, consciuness

cosa rimane dopo la morte: lo spirito (anima) (nulla)

pensiero forte (maschile) linguaggio (poche parole)

pensiero debole (femminile) linguaggio (molte parole)

relazione tra informazione ed energia: per cancellare una informazione ci vuole energia.

principio di landauer sulla cancellazione di un bit

per codificare una informazione ci vuole energia (bit)

per fare una osservazione ci vuole energia.

per vivere ci vuole energia

Nella mente di un osservatore un evento del passato può essere accaduto con una certa probabilità.

Nella mente di un osservatore eventi del passato possono perdere la collocazione spazio temporale (non ci si ricorda del momento esatto in cui sono accaduti)

Una ambizione dell’intelligenza artificiale consiste nel voler portare le macchine (computer) nel mondo dello spirito (informazione dinamica) per far questo si utilizzano i concetti di probabilità, esperienza conoscenza.

Il calcolo delle probabilità fornisce una buona base per costruire algoritmi di elaborazione delle informazioni che sia efficiente, l’esperienza che può fare un computer si basa sull’analisi di esempi di risoluzione dei problemi in termini di eventi (statistica) la conoscenza che deve avere un computer intelligente si fonda sulla propria base di conoscenza e sulle euristiche pertinenti.

Per un essere biologico esistono informazioni vitali, informazioni utili e informazioni per curiosità.

Ragionevolmente il pensiero è un processo che avviene nel tempo: ci vuole del tempo per pensare.

La successione di eventi mentali che costituiscono il pensiero è influenzata da stimoli che provengono dal mondo interiore sia dal mondo esterno.

Un evento del mondo esterno può farci perdere il filo del discorso.

Inconsciamente noi teniamo a mente una mole considerevole di vincoli logici che riguardano il nostro passato e il nostro futuro. (elaborazione massicciamente parallela)

Nel presente la nostra coscienza vaglia decide e contempla.

Quello che un sistema fisico fa è processare informazione.

Quello che un uomo fa è elaborare informazione.

Anche per l’umanità intera si possono definire i seguenti concetti:

inconscio collettivo

coscienza collettiva

intelligenza collettiva

memoria collettiva

immaginario collettivo.

La terra è un pianeta vivente: la vita è una proprietà che dovrebbe essere attribuita più al pianeta che al singolo individuo (ipotesi Gaia).

L’umanità è l’evoluzione che diventa cosciente di se stessa: osservatore del creato.

Tempo fa si pensava che la Terra avesse risorse infinite solo recentemente ci si è accorti che la Terra ha una quantità finita di risorse: le risorse sono limitate.

Pertanto sembrerebbe esserci un limite alla crescita dell’umanità sulla terra (crescete e moltiplicatevi).

Anche l’universo sembrerebbe essere finito anche se illimitato (cioè senza un confine).

I numeri sono infiniti purché si abbia abbastanza spazio e abbastanza tempo per determinare sempre il successore di un determinato numero.

definire cosa sia l’informazione è estremamente difficoltoso certo è che esiste:

informazione giusta informazione sbagliata




  1   2   3   4   5


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale