Teoria dello Stato e del Controllo Sociale Lezione 04 Corso di Formazione in Sicurezza e Mitigazione del Rischio



Scaricare 153 Kb.
21.12.2017
Dimensione del file153 Kb.


Teoria dello Stato e del Controllo Sociale Lezione 04


La crisi del concetto di “Stato”

  • M.Weber (Economia e società, 1922)

  • Stato e Democrazia elementi contraddittori: dall’universalismo astratto alla necessità concreta di comporre i diversi interessi presenti nella società

  • La dottrina generale dello Stato come apparato concettuale necessario ad orientare e dare un senso alle relazioni sociali “empiriche” dei cittadini

  • La “definizione sociologica” dello Stato in Weber: il monopolio della coercizione fisica legittima come fondamento del potere di uno Stato “passivo”



La crisi del concetto di “Stato”

  • H.Kelsen (La democrazia, 1929)

  • La “dottrina pura del diritto”: la distinzione fra sein e sollen in un sistema socio-giuridico chiuso

  • Teoria sociologica dello Stato e idea giuridica di Stato sono una cosa sola: separarli equivale a cercare un fondamento divino dell’ordinamento giuridico

  • Rapporto con le tesi freudiane: Stato autoritario idoneo all’emersione del leader-padre; Stato democratico come società senza padre, basata sull’idea di fratellanza e su un ordine interiorizzato



La crisi del concetto di “Stato”

  • C.Schmitt (Teologia politica, 1922)

  • Stato e decisionismo: il fondamento del diritto sta nella capacità di prendere decisioni in una situazione di incertezza normativa

  • Dal monopolio della coercizione legittima alla legittimità della coercizione pura: è sovrano colui che decide dell’eccezione, in una condizione naturale di caos

  • L’essenza del politico consiste nel decidere chi è il “nemico pubblico” (hostis) che minaccia l’ordine e come tale va combattuto



La crisi del concetto di “Stato”

  • A.Gramsci (Quaderni del carcere, 1929-1935)

  • Una riflessione sulle ragioni della sconfitta condotta dalle mura del carcere

  • Da Machiavelli a Gramsci la “parabola” del concetto di Stato: lo Stato del Principe moderno, come istituzione-appendice del partito politico (quello della classe operaia)

  • Stato ed egemonia: la “composizione demografica razionale” della società influisce sulla miscela di forza e consenso esercitata dalla classe egemone, in base alla presenza delle “classi parassitarie”



Per ogni ulteriore domanda o suggerimento relativamente alla lezione:

  • cristian.poletti@unimib.it





Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale