Teorie dell’arte e dell’esperienza estetica



Scaricare 4.76 Kb.
16.11.2017
Dimensione del file4.76 Kb.

Teorie dell’arte e dell’esperienza estetica. L’estetica come concezione dell’arte e come fondazione

dell’esperienza

(M-FIL/04) crediti 6 – docente : Paolo Marolda


OBIETTIVI: Il corso intende illustrare la duplice natura del concetto di ‘estetica’: per un verso, il suo presentarsi come teoria della bellezza e delle arti; per altro verso, il suo proporsi come filosofia del ‘sentire’ e come condizione dell’esperienza in genere.
PROGRAMMA: Partendo da una ricognizione dell’estrema diversità, rispetto alla mentalità moderna, dei concetti di ‘arte’ e ‘bellezza’ nelle civiltà antica e medievale e nel Rinascimento, il corso si soffermerà sulla ‘nascita’ dell’estetica tra Sei e Settecento e sul suo sviluppo nella modernità: entro il quale, alla più familiare e dominante accezione di filosofia delle belle arti, si affianca progressivamente un ulteriore significato, riguardante più in generale la dimensione primaria e sensibile della nostra esperienza.
TESTI PER L’ESAME: E. Husserl, La crisi delle scienze europee, Milano, Il Saggiatore, 2008, pp. 51-212; J. Dewey, Il pensiero qualitativo. Saggi di estetica ed epistemologia (in corso di stampa); P. Marolda, Il sensibile e l’astratto, Roma, Goliardica ed., 1996.
INDIRIZZO E-MAIL DEL DOCENTE: paolo.marolda@tiscali.it
LEZIONI: II semestre



©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale