Testi obbligatori per tutti: Testi obbligatori per tutti



Scaricare 0.57 Mb.
Pagina7/15
23.05.2018
Dimensione del file0.57 Mb.
1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   ...   15

Integrazione: mette in campo dispositivi di facilitazione e di accoglienza; conosce e valorizza le lingue d’origine, i saperi e i riferimenti culturali altri; è attenta al clima di classe e al primo inserimento di famiglie e alunni immigrati; tenta di rimuovere gli ostacoli che rendono difficile l’accesso e l’uso delle risorse educative del paese di immigrazione;

  • Integrazione: mette in campo dispositivi di facilitazione e di accoglienza; conosce e valorizza le lingue d’origine, i saperi e i riferimenti culturali altri; è attenta al clima di classe e al primo inserimento di famiglie e alunni immigrati; tenta di rimuovere gli ostacoli che rendono difficile l’accesso e l’uso delle risorse educative del paese di immigrazione;

  • Interazione:porta alla scoperta delle differenze e somiglianza tra individui e gruppi e riconoscimento dei punti di vista diversi attraverso il confronto; favorisce la decostruzione degli stereotipi e dei pregiudizi e la consapevolezza delle reciproche immagini, etichette e rappresentazioni; intende il processo di incontro – mescolamento il terreno privilegiato dell’intervento educativo;

  • Relazione: facilita e promuove i processi di cambiamento, scambio reciproco ed ibridazione; sostiene la gestione dei conflitti e la negoziazione; attenta alla dimensione dello “stare bene insieme” con le proprie differenze;

  • Decentramento: facilita e promuove la capacità di decentrarsi rispetto alla dimensione storica-temporale, spaziale, simbolica, dei fatti e dei significati; aiuta a mettersi nei panni degli altri; permette di dare significato e di contestualizzare fatti e comportamenti nostri e altrui; aiuta a conoscere se stessi e a conoscere gli altri.



indica le strategie operative dell’educazione interculturale:

  • indica le strategie operative dell’educazione interculturale:

  • attivazione nella scuola di un clima di apertura e di dialogo;

  • impegno interculturale nell’insegnamento disciplinare e interdisciplinare;

  • svolgimento di interventi integrativi delle attività curriculari, anche con il contributo di Enti e di Istituzioni varie;

  • adozione di strategie mirate, in presenza di alunni stranieri.

  • L’educazione interculturale non si delinea come disciplina aggiuntiva da collocarsi in un momento prestabilito dell’orario scolastico, ma è un approccio che consente, o meglio sollecita, il rivedere:

  • i curricoli formativi;

  • gli stili comunicativi;

  • la gestione delle differenze, delle identità e dei bisogni di apprendimento.



L’intercultura è da intendersi quale “vera e propria strategia di intervento, una prospettiva di azione”; l’educazione interculturale disegna “un processo e delinea un progetto

  • L’intercultura è da intendersi quale “vera e propria strategia di intervento, una prospettiva di azione”; l’educazione interculturale disegna “un processo e delinea un progetto

  • L’intervento educativo di tipo interculturale o educazione interculturale …. cerca di mettere in contatto, in interazione, in scambio le differenze ed è orientato al cambiamento reciproco … alla ibridazione o meticciamento.

  • Meticciamento = nuovo assioma culturale alla base del pluralismo culturale (Sirna, 1997)

  • La multiculturalità oggi intesa come presenza di più “culture” in un medesimo contesto storico – geografico e nazionale.

  • Società “multiculturali” nel senso che si rileva la presenza di soggetti portatori di usi, costumi, religioni, modalità di pensiero differenti.



  • Secondo l’interpretazione in senso antropologico

  • il concetto di multiculturalità si può sintetizzare come l’insieme delle norme e regole, dei costumi e delle abitudini, delle opere e degli artefatti di differenti società che si confrontano in un unico contesto geografico e storico.

  • ….come scrive Mantovani (1998):

  • “ogni società ha il suo patrimonio di norme e pratiche trasmesse da una generazione all’altra (trasmissione culturale) che spiegano ai suoi membri perché e come si debbano fare le cose,… La cultura ci dice che cosa fare, come farlo e perché farlo, … e si tratta di un apprendimento vero e proprio che ha quale oggetto non un insieme di norme astratte ma un corpus organico di principi incarnati nelle pratiche,…. Ci dice il modo “giusto” e fornisce un grande repertorio operativo fatto di scopi, di azioni reciprocamente riconoscibili a cui le persone ricorrono per costruire i loro progetti di vita,… forma anche il repertorio che alimenta l’immaginario delle persone suggerendo loro aspirazioni e desideri,…. in ogni cultura esiste una distinzione fondamentale tra correttezza e scorrettezza, tra adeguatezza e inadeguatezza delle azioni che si eseguono per compiere un determinato atto…”



1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   ...   15


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale