Testo semplificato di diritto


Diritto oggettivo e diritto soggettivo



Scaricare 0.51 Mb.
Pagina3/11
17.11.2017
Dimensione del file0.51 Mb.
1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   11

1.4. Diritto oggettivo e diritto soggettivo

La parola diritto ha tre significati. Esaminiamo insieme tre frasi con la parola diritto.


Prima frase: “quest’anno noi studiamo diritto”.

Seconda frase: “tu hai il diritto di venire a scuola”.

Terza frase: “il diritto ti permette di venire a scuola”.
Nella prima frase,
“quest’anno noi studiamo diritto”
la parola diritto indica la materia di studio. Oltre ad Italiano, Matematica, Inglese, studiamo Diritto.
Nella seconda frase,

“tu hai il diritto di venire a scuola”


la parola diritto cambia significato. In questa frase “diritto” indica un interesse protetto dallo Stato. Tu hai diritto di venire a scuola, perché una norma giuridica protegge questo interesse. Un interesse protetto dalla legge si chiama diritto soggettivo.

La parola DIRITTO in senso SOGGETTIVO indica


un interesse protetto dallo Stato

Nella terza frase,


“il diritto ti permette di venire a scuola”
la parola diritto ha ancora un altro significato. In questa frase “diritto” indica tutte le norme giuridiche che esistono in uno Stato in un determinato momento. L’insieme di tutte le norme giuridiche che esistono in uno Stato in un determinato momento si chiama diritto oggettivo o ordinamento giuridico.

In questo significato la parola diritto può essere sostituita dalla parola LEGGE.


Possiamo dire: LA LEGGE TI PERMETTE DI VENIRE A SCUOLA.

Non possiamo dire: TU HAI LA LEGGE DI VENIRE A SCUOLA.


La parola DIRITTO in senso OGGETTIVO indica

l’ordinamento giuridico

Verifichiamo se hai capito.
Indica se la parola diritto è usata in senso soggettivo o in senso oggettivo.
Il diritto tutela la salute.

Tu hai il diritto di essere curato.


Tu hai il diritto di dire ciò che pensi.

Il diritto ti permette di dire ciò che pensi.


Il diritto garantisce il lavoro.

Tu hai il diritto di lavorare.


A 18 anni avrai il diritto di voto.

Il voto è garantito dal diritto.




1.5. I diritti soggettivi

Lo stato protegge molti interessi. Questi interessi protetti dallo Stato si chiamano dunque diritti soggettivi.

Questi sono esempi di diritti soggettivi.

Tu hai il diritto di essere mantenuto dai tuoi genitori.

Tu hai il diritto di proprietà sul tuo quaderno.
Se tu hai un diritto, un’altra persona ha un dovere verso di te. Il dovere è un comportamento che siamo obbligati ad osservare.

Tu hai diritto di essere mantenuto dai tuoi genitori e dunque i tuoi genitori hanno il dovere di mantenerti.

Tu hai il diritto di proprietà e dunque tutte le altre persone hanno il dovere di non prendere ciò che è tuo.
Il diritto di essere mantenuto dai genitori è relativo, cioè tu puoi pretendere solo dai tuoi genitori di essere mantenuto.

Il diritto di proprietà è assoluto, cioè tu puoi pretendere che tutti rispettino ciò che è tuo.





DIRITTI SOGGETTIVI

ASSOLUTI: si fanno valere verso TUTTI

RELATIVI: si fanno valere solo verso DETERMINATE PERSONE

Da un altro punto di vista, i diritti soggettivi possono essere patrimoniali e non patrimoniali.


I diritti patrimoniali hanno un contenuto economico, cioè hanno un valore che può essere espresso in moneta (il loro prezzo).

I diritti non patrimoniali, invece, non hanno un valore economico e, dunque, non hanno un prezzo.


Il tuo diritto (soggettivo) di essere mantenuto dai tuoi genitori non l’ hai comprato e neppure lo puoi vendere o regalare a qualcuno, dunque non ha valore economico, è non patrimoniale.

Il tuo diritto (soggettivo) di venire a scuola non l’ hai comprato e neppure lo puoi vendere o regalare a qualcuno. Anche questo diritto non ha un prezzo ed è non patrimoniale.

Il tuo diritto (soggettivo) di proprietà sul diario, invece, l’ hai comprato e dunque puoi vendere o regalare il diario a qualcun altro. Questo diritto ha un valore economico e, dunque, è patrimoniale.


DIRITTI SOGGETTIVI

PATRIMONIALI: hanno contenuto ECONOMICO

NON PATRIMONIALI: NON hanno contenuto ECONOMICO


Verifichiamo se hai capito.

Il diritto alla vita è





  • un diritto oggettivo

  • un ordinamento giuridico

  • un interesse protetto dallo Stato

L’interesse di essere promossi è




  • un interesse protetto dallo Stato

  • un interesse non protetto dallo Stato

  • un diritto soggettivo

Mario presta 10 euro a Carlo. Il diritto di Mario ad avere indietro i soldi è:




  • relativo

  • assoluto

  • non patrimoniale

L’ordinamento giuridico è




  • l’insieme di tutte le leggi di uno Stato

  • l’insieme di tutti i diritti soggettivi

  • l’insieme di norme non giuridiche






Condividi con i tuoi amici:
1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   11


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale