Testo semplificato di diritto



Scaricare 258.91 Kb.
Pagina9/11
17.11.2017
Dimensione del file258.91 Kb.
1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   11

3.2.5. Le leggi regionali

L’ Italia è divisa in 20 Regioni. Ciascuna Regione (Consiglio regionale) può fare proprie leggi che si applicano, però, solo nel territorio regionale.

Le leggi regionali devono rispettare i principi fondamentali contenuti nelle leggi dello Stato.
REGIONE (CONSIGLIO REGIONALE)  LEGGI REGIONALI
Le leggi regionali si trovano al 4° posto nella gerarchia delle fonti del diritto. Devono dunque rispettare: le leggi ordinarie e le leggi sostanziali, i regolamenti dell’ U.E., la Costituzione e le leggi costituzionali.


3.2.6. I regolamenti

I regolamenti vengono fatti dal Governo. I regolamenti specificano quanto è scritto nelle leggi.


GOVERNO  REGOLAMENTI


3.2.7. Gli usi o consuetudini

Come già detto, gli usi o consuetudini nascono da un comportamento. Il comportamento deve essere costante, deve cioè ripetersi nel tempo. Chi tiene il comportamento deve essere convinto di stare rispettando una norma giuridica.

Non sono ammesse consuetudini contrarie alla legge.
COMPORTAMENTO  USI O CONSUETUDINE

Verifichiamo se hai capito.

La Costituzione è entrata in vigore




  • il 1° gennaio 1848

  • il 1° gennaio 1943

  • il 1° gennaio 1948

La Costituzione



La Costituzione è stata scritta




  • dall’ Assemblea costituente

  • dal Parlamento

  • dal Governo

I decreti legge sono




  • leggi costituzionali

  • leggi formali

  • leggi sostanziali

Gli atti aventi forza di legge sono fatti




  • dal Parlamento

  • dal Governo

  • dai Consigli regionali

Gli usi e la consuetudine sono




  • fonti scritte

  • fonti non scritte

  • fonti atto



I regolamenti dell’ U.E. valgono




  • solo in Italia

  • in tutti i Paesi europei

  • in tutti i Paesi dell’ U.E.

Le leggi regionali valgono






Unità didattica 4 - L’efficacia della norma giuridica



4.1. L’entrata in vigore della norma

L’efficacia delle norme giuridiche è limitata nel tempo e nello spazio.




EFFICACIA DELLA NORMA GIURIDICA

Nel tempo

Nello spazio

Una norma è efficace quando produce effetti giuridici.

Incominciamo a vedere l’ efficacia nel tempo.
Dopo che sono state prodotte, le norme vengono pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale.

La pubblicazione serve a far conoscere a tutti i cittadini la norma giuridica. La legge, infatti, presume che tutti i cittadini conoscano le norme giuridiche.

Dopo 15 giorni dalla pubblicazione, le norme giuridiche entrano in vigore, cioè producono i propri effetti. Ciò significa che tutti dobbiamo rispettare la nuova norma giuridica.

Il periodo di 15 giorni che passa dalla pubblicazione all’entrata in vigore si chiama vacatio legis (l’espressione è latina. Si legge vacazio legis e significa assenza della legge).


PUBBLICAZIONE  VACATIO LEGIS  ENTRATA IN VIGORE


La validità delle leggi nel tempo si estende dall’entrata in vigore

fino alla perdita dell’efficacia

Con la pubblicazione, lo Stato presume che tutti i cittadini conoscano la nuova norma. In questo caso la legge opera una presunzione [vedi 2.1.].

La presunzione può essere assoluta o relativa.

PRESUNZIONE


Assoluta

Relativa

La presunzione è assoluta quando la legge non ammette prova contraria.

La presunzione è relativa quando la legge ammette prova contraria.

Verifichiamo se hai capito.
Con l’entrata in vigore una norma


  • inizia a produrre i suoi effetti

  • cessa di produrre i suoi effetti

  • viene pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale



Dopo la vacatio legis




  • se non rispetto la nuova norma, non vengo punito

  • lo Stato presume che tutti i cittadini conoscano la nuova norma

  • i cittadini non sono obbligati a rispettare la nuova norma

4.2. Il principio di irretroattività


Normalmente, le norme giuridiche producono i loro effetti solo per il futuro. Ciò significa che le norme giuridiche regolano solo casi futuri. Questo principio si chiama irretroattività della norma giuridica.

Le norme penali (le norme, cioè, che puniscono i reati, come rubare e uccidere) sono sempre irretroattive.

Le altre norme, invece, possono essere anche retroattive, cioè regolare casi che si sono già verificati. La retroattività di una norma giuridica è poco frequente.

Facciamo un esempio. Se entra in vigore una norma che in autostrada abbassa il limite di velocità a 110 Km/h, io non posso essere punito perché prima ho guidato a 130 Km/h. Da ora in poi, però, dovrò rispettare il nuovo limite, altrimenti verrò punito.


In base al principio di irretroattività,

la norma giuridica si applica solo ai casi futuri



Verifichiamo se hai capito.

Irretroattività della norma giuridica significa





  • che la norma si applica solo ai casi passati

  • che la norma si applica solo ai casi futuri

  • che la norma si applica sia ai casi passati che a quelli futuri

Retroattività della norma giuridica significa




  • che la norma si applica solo ai casi passati

  • che la norma si applica solo ai casi futuri

  • che la norma si applica sia ai casi passati che a quelli futuri


La retroattività delle norme giuridiche




  • è sempre vietata

  • è sempre permessa

  • è vietata solo per le norme penali



1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   11


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale