The Satanic Bible Versione Italiana



Scaricare 0.9 Mb.
Pagina1/11
12.11.2018
Dimensione del file0.9 Mb.
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   11





Copyright ©1969 by Anton Szandor LaVey - All rights reserved, which includes the right to reproduce this material or portions thereof in any form whatsoever except as provided by the U.S. Copyright Law.





Chiamato “Il Papa Nero” da molti suoi seguaci, Anton LaVey ha cominciato la strada all’alto Sacerdozio della Chiesa di Satana quando era solo sedicenne ed un suonatore d’organo al lunapark:
"Il sabato sera avrei visto uomini arraparsi dopo che donne mezze nude avevano danzato alla fiera, e alla domenica mattina, quando avrei suonato l'organo per gli evangelisti d'avanspettacolo dall'altro lato del campo fiera, avrei visto quegli stessi uomini seduti sulle panche con le loro mogliettine e i loro figlioletti chiedere a dio di perdonarli e purificarli dai desideri della carne. tanto il sabato sera successivo essi sarebbero tornati alla fiera o in qualche altro luogo d'indulgenza.

Allora ho capito che la chiesa cristiana prospera sull’ipocrisia, e quella natura carnale di quegli uomini riusciva sempre a cavarsela! ”
Da quella volta nella sua vita il suo percorso cominciò ad essere chiaro. Finalmente, nell’ultima notte d’aprile, nel 1966 - Walpurgisnacht, la festa più importante per chi crede nella stregoneria - LaVey si rasò la testa nella tradizione degli antichi carnefici e annunciò la formazione de La Chiesa Di Satana (The Church of Satan). Egli sentiva il bisogno di una chiesa che riacquistasse il corpo dell’uomo ed i suoi desideri carnali come oggetti di celebrazione. “Dall’adorazione di cose carnali che provocano piacere”, affermò, “si otterrebbe un tempio di gloriosa indulgenza...


INDICE


- INTRODUZIONE di Burton H.Wolfe ...............................................................................

5

- PREFAZIONE ...................................................................................................................

11

- PROLOGO .....................................................................................................................

12

- I NOVE PRINCIPI SATANICI .............................................................................


13




(FUOCO)

IL LIBRO DI SATANA

- La Diatriba Infernale -

(I, II, II, IV, V) .......................................................................................................... 14


(ARIA)

IL LIBRO DI LUCIFERO

- L’Illuminazione - ..................................................................................................... 21
I. Dio: Ricercato! Vivo o Morto

II. Il Dio Che ti SALVA può Essere Te Stesso

III. Qualche Testimonianza della Nuova Era Satanica

IV. L’Inferno, il Diavolo, e Come Vendere la Tua Anima

V. Amore e Odio

VI. Sesso Satanico

VII. Non Tutti i Vampiri Succhiano il Sangue

VIII. Indulgenza... NON Costrizione

IX. Sulla Scelta del Sacrificio Umano

X. La Vita dopo la Morte, Attraverso l’Appagamento dell’Ego

XI. Festività Religiose

XII. La Messa Nera


(TERRA)

IL LIBRO DI BELIAL

- La Padronanza della Terra - ........................................................................................... 59
I. La Teoria e la Pratica della Magia Satanica:

(Definizione e Scopo dell’Alta e Bassa Magia)

II. I Tre Tipi di Rituale Satanico

III. Il Rituale, Ovvero “la Decompressione Intellettuale” della Camera

IV. Gli Ingredienti Utilizzati nell’Esecuzione della Magia Satanica:

1. Desiderio

2. Momento

3. Immaginazione

4. Direzione

5. Il Fattore di Bilanciamento


V. Il Rituale Satanico:

1. Norme da Considerare Prima di Iniziare il Rituale

2. I Tredici Passaggi

3. Strumenti Usati nel Rituale Satanico


(ACQUA)

IL LIBRO DI LEVIATHAN

- Il Mare Impetuoso - ................................................................................................... 81
I. Invocazione a Satana

II. I Nomi Infernali

III. Invocazione Impiegata per la Congiura della Lussuria

IV. Invocazione Impiegata per la Congiura della Distruzione V. Invocazione Impiegata per la Congiura della Compassione VI. Il Linguaggio Enochiano e Le Chiavi Enochiano

(Le diciannove Chiavi sono elencate in ordine cronologico):



Prima Chiave (Enochiano - English - Italiano) Seconda Chiave (Enochiano - English - Italiano) Terza Chiave (Enochiano - English - Italiano) Quarta Chiave (Enochiano - English - Italiano) Quinta Chiave (Enochiano - English - Italiano) Sesta Chiave (Enochiano - English - Italiano) Settima Chiave (Enochiano - English - Italiano) Ottava Chiave (Enochiano - English - Italiano) Nona Chiave (Enochiano - English - Italiano) Decima Chiave (Enochiano - English - Italiano)

Undicesima Chiave (Enochiano - English - Italiano) Dodicesima Chiave (Enochiano - English - Italiano) Tredicesima Chiave (Enochiano - English - Italiano) Quattordicesima Chiave (Enochiano - English - Italiano) Quindicesima Chiave (Enochiano - English - Italiano) Sedicesima Chiave (Enochiano - English - Italiano) Diciassettesima Chiave (Enochiano - English - Italiano) Diciottesima Chiave (Enochiano - English - Italiano) Diciannovesima Chiave (Enochiano - English - Italiano)


INTRODUZIONE

Burton H. Wolfe

In una sera d’inverno, nel 1967, guidai per tutta la città di San Francisco per poter ascoltare un comizio di Anton Szandor LaVey, in un meeting aperto della Lega della Libertà del Sesso. Fui attratto da numerosi articoli di giornale descriventi LaVey come “il Papa Nero” della Chiesa Satanica, nella quale battesimi, matrimoni e cerimonie funeree erano tutte dedicate al Diavolo. A quel tempo ero uno scrittore indipendente di articoli e percepii che probabilmente ce n’era uno proprio per me, riguardo la storia di LaVey e dei suoi pagani contemporanei; come tanti dicevano, egli costruiva sempre una “buona immagine” del Diavolo.

Non consideravo la pratica delle arti oscure come un buon argomento, poiché tanto non c’era nulla di nuovo a riguardo. Nel mondo, ci sono già state sette adoratrici del Demonio e culti voodoo ancora prima della nascita del cristianesimo. Nel diciottesimo secolo, in Inghilterra, esisteva un Club delle Fiamme-Infernali, avente collegamenti persino nelle colonie americane per mezzo di Benjamin Franklin, il quale ottenne una breve e modesta fama. Durante la prima metà del ventesimo secolo, la stampa soprannominò Aleister Crowley come “il più malvagio uomo del mondo”. Inoltre, ci furono anche accenni, negli anni ‘20 e ‘30, di un “ordine oscuro”, in Germania.

A questa storia apparentemente vecchia, LaVey e la sua organizzazione offrirono due straordinari nuovi capitoli. Per primo, si autodefinivano in modo blasfemo come una “chiesa”, un termine fino ad ora limitato soltanto a rami cristiani, e non alle tradizionali congreghe Sataniste o alle dottrine di stregoneria. In secondo luogo, essi praticavano la loro magia nera alla luce del sole, cosa piuttosto strana.

Piuttosto che organizzare un’intervista preliminare con LaVey, riguardo la discussione delle sue innovazione eretiche - ciò che era stato il mio primo desiderio - decisi invece di guardarlo ed ascoltarlo nel pieno anonimato. LaVey, descritto da alcuni giornali come un domatore di leoni da circo e un ciarlatano, ora si definiva come il rappresentante terreno del Diavolo, e volli determinare appunto se egli fosse un vero Satanista, un burlone o un imbroglione. Avevo già incontrato persone famose per il business occulto; per esempio Jeane Dixon che era la mia padrona di casa e della quale ebbi l’onore di scrivere, prima di Ruth Montgomery. Ma considerai tutti i fasulli occultisti, ipocriti e ciarlatani, e non volevo nemmeno spendere cinque minuti per scrivere sui loro giochetti di prestigio. Tutti gli uomini dell’occulto che avevo incontrato e ascoltato come presunti veggenti, indovini e fattucchieri, confezionavano il loro presunto potere mistico attorno ad una base divina e ad una comunicazione ecclesiastica. LaVey, sembrava ridere di loro, se non sputargli in faccia, emerso tra le righe di articoli giornalistici come uno stregone che basa il suo operato nella parte oscura della natura e nell’aspetto carnale dell’umanità. Tutto ciò dava da presupporre che non ci fosse nulla di spirituale riguardo la sua “chiesa”.

Quando ascoltai per la prima volta LaVey, realizzai che non c’era alcun collegamento tra lo stesso e il business occulto. Non poteva essere nemmeno etichettato come soprannaturale. Con la sua schietta e aperta comunicazione, egli si pronunciava come un pratico, un relativista e soprattutto un razionale. Non era affatto ortodosso, ad essere sincero: una carica di radicata adorazione religiosa, repressione della natura carnale umana, false apparenze sulla pietà nel corso di una esistenza di ricerca di materiale basata sulla filosofia “cane-mangia-cane”. LaVey era anche pieno di satira maligna verso la follia umana. Ma più importante di tutto, il suo pensare era assurdamente logico. Egli non offrì alla sua audience ciarlatanate magiche, ma una filosofia di buon senso basata sul realismo della vita.


Dopo che fui convinto dalla sincerità di LaVey, dovetti convincere lui a sua volta sull’intenzione di svolgere un accurato studio, invece di contribuire al gran numero di articoli scritti riguardanti la Chiesa di Satana come una sorta di freak-show.

Studiai con impegno il Satanismo, ne discussi la storia e le basi direttamente con LaVey, assistei a rituali notturni nella famosa chiesa Vittoriana, una volta usata come quartier generale della Chiesa di Satana. Infine, produssi un serio articolo, soltanto per rendermi conto che non era affatto ciò che volevano gli editori dei “rispettabili” giornali. Essi furono soltanto interessati ad articoli diffamatori. Ma alla fine ce la feci: il mio articolo uscì sul numero della rivista Knight del Settembre del 1968. Era il primo articolo definitivo su LaVey, la Chiesa di Satana e la sintesi LaVeyana sulle leggende diaboliche e le cognizioni della magia nera, tutto orientato verso una moderna filosofia e pratica del Satanismo. Tutti i sostenitori e imitatori usarono tale modello, la sua guida e perfino la sua Bibbia.

Il mio articolo era l’inizio di una nostra lunga ed intima amicizia. In seguito, scrissi la biografia di LaVey, Il Vendicatore del Diavolo, pubblicata da Pyramid nel 1974. In quell’epoca ero un membro sostenitore, successivamente, fui eletto Sacerdote della Chiesa di Satana, titolo che divisi fieramente con tutti i festeggianti. Le discussioni notturne iniziate con LaVey nel 1967 continuano tutt’ora, un decennio dopo, arricchite talvolta da un elegante mago o da un po' della nostra musica: egli all’organo ed io alla batteria, in un cabaret bizzarro popolato da creazioni LaVeyiane di umanoidi super-realisti.

Tutta la sua storia passata sembrava una vera e propria preparazione per il suo ruolo attuale. Egli era un discendente di nonni Georgiani, Rumeni e Alsaziani, incluse nonne zingare che gli tramandarono leggende vampiresche e di stregoneria della loro terra nativa, la Transilvania. Fin da bambino, LaVey lesse riviste di storie magiche e libri come Frankenstein di Mary Shelly e Dracula di Bram Stoker. Benché fosse un bimbo differente dagli altri, fu definito come un leader nelle marce e manovre beffarde degli ordini militari.

Nel 1942, quando LaVey era dodicenne, la passione per i soldatini portarono il suo interesse fino alla seconda guerra mondiale. Egli effettuò ricerche attraverso manuali militari e scoprì che i componenti degli arsenali per l’equipaggiamento dell’esercito, potevano essere comprati tranquillamente dal droghiere o nel supermarket, usati così per conquistare le nazioni. L’idea che prese forma nella sua testa, contrariamente a ciò che predicava la bibbia cristiana, era appunto che la terra non poteva appartenere agli umili e ai sottomessi, ma ai forti e potenti. Nel periodo scolastico, LaVey fu definito per un certo verso un bambino prodigio. Destinando i suoi studi più seri al di fuori della scuola, egli fece ricerche in ambito musicale, metafisico e segreto dell’occulto. A quindici anni, divenne il secondo oboista nell’Orchestra Sinfonica del Balletto di San Francisco. Stanco ed annoiato dall’ambiente scolastico, LaVey lasciò la scuola appena adolescente, andò via di casa e si unì al Circo di Clyde Beatty come “ingabbiatore”, abbeveratore e nutritore di tigri e leoni. Gli ammaestratori d’animali del circo scoprirono ben presto che LaVey lavorava a proprio agio con i gattoni e lo promossero come aiuto-istruttore. Posseduto da una grande passione per l’arte e la cultura, e non soddisfatto del proprio mestiere, LaVey scelse di partecipare attivamente allo show. Cominciò inoltre ad imparare a suonare il pianoforte. Questo gli tornò utile quando una volta egli si offrì come sostituto al suonatore d’organo del circo, ubriaco e incapace di lavorare. Ciò permise a Betty, il padrone del circo, di notare la sua superiore capacità di suonare l’organo, così l’ubriaco fu licenziato e LaVey prese permanentemente il suo posto. Egli accompagnò personalmente “L’uomo cannone” Hugo Zacchini e la funambola Wallenda.

Quando LaVey ebbe diciott’anni, lasciò il circo e si unì ad un lunapark. Divenne assistente dei maghi, apprendisti ipnotisti e poté dedicarsi meglio al mondo dell’occulto. Era una curiosa combinazione. Da una parte lavorava in un’atmosfera di vita cruda; sapeva riconoscere gli

animali selvaggi dal loro odore, effettuava spettacoli dove il minimo errore poteva essergli fatale, performance adatte soltanto a ragazzi forti e robusti; un mondo di eccitazione fisica quasi come un’attrazione magica. Dall’altra parte studiava la magia inerente al lato più oscuro della mente umana. Probabilmente è stata proprio questa strana combinazione ad influenzare la strada che lo portò a scorgere la vera umanità, attraverso l’accompagnamento d’organo per gli spettacoli.

Il sabato sera..., LaVey raccontò in uno dei suoi lunghi discorsi, “...avrei visto uomini arraparsi dopo che donne mezze nude avevano danzato alla fiera, e alla domenica mattina, quando avrei suonato l'organo per gli evangelisti d'avanspettacolo dall'altro lato del campo fiera, avrei visto quegli stessi uomini seduti sulle panche con le loro mogliettine e i loro figlioletti chiedere a dio di perdonarli e purificarli dai desideri della carne. tanto il sabato sera successivo essi sarebbero tornati alla fiera o in qualche altro luogo d'indulgenza. Allora ho capito che la chiesa cristiana prospera sull'ipocrisia, e quella natura carnale di quegli uomini riusciva sempre a cavarsela!.

Benché LaVey non se ne fosse ancora accorto, era prossimo a formulare una religione che sarebbe stata una vera e propria antitesi del patrimonio cristiano e giudaico. Una vecchia religione, più antica del cristianesimo o del giudaismo. Ma nessuno l’aveva mai formalizzata, nessuno l’aveva ancora predisposta per la dottrina e per i rituali. Questo è stato per l’appunto il ruolo di LaVey nella civiltà del ventesimo secolo.

Una volta sposato nel 1951 all’età di ventun'anni, LaVey abbandonò il mondo del lunapark per dedicarsi ad una carriera più adatta alla vita familiare. Si iscrisse così alla facoltà di criminologia del miglior College City di San Francisco. Ciò lo portò al suo primo lavoro conformista: fotografo del Dipartimento di Polizia di San Francisco. Come egli stesso disse, questo lavoro gli aprì la strada verso il Satanismo meglio dei precedenti. “Vedevo il lato più sanguinoso e sudicio della natura umana”. In una sessione riguardante il proprio passato, LaVey raccontò: “Persone uccise da svitati, accoltellate dagli stessi amici, piccoli bambini schizzati nei fossi da autisti sfrenati. Tutto era così disgustoso e deprimente. Chiesi a me stesso: ma Dio dov’è? Cominciai a detestare con tutto me stesso la santa attitudine della gente a dire, di fronte a fatti di violenza, è il volere di Dio. Così, questo disgusto durato ben tre anni, lo portò a lasciare il lavoro di fotografo e a ritornare a suonare l’organo, questa volta nei night club e nei teatri per guadagnarsi da vivere e continuare i suoi studi di passione vitale: le arti oscure. Una volta a settimana egli preparava “convegni” in materia arcana: presenze spettrali, E.S.P., sogni, vampiri, lupi mannari, divinità, magia cerimoniale ecc. Affascinò molta gente che lo frequentava, o era lì per la prima volta, dandogli una certa fama nel mondo della scienza dell’arte e del business. Finalmente, si sprigionò dal suo gruppo un “Circolo Magico”.

Lo scopo principale del Circolo era quello di compiere riti magici che LaVey stesso aveva scoperto o concepito. Accumulò nel tempo una libreria di attività che descrissero la Messa Nera e altre ignobili cerimonie, condotte da gruppi come Knight Templar nel quattordicesimo secolo in Francia, Hell-Fire Club e il Golden Dawn nel diciottesimo-diciannovesimo secolo in Inghilterra. L’intento di alcuni di questi ordini segreti era di tipo blasfemo, satirico nei confronti della chiesa cristiana e indirizzante al Demonio, descritto come una divinità antropomorfica contraria a dio. Dal punto di vista di LaVey, il Diavolo non è affatto questo, ma più che sinistra, una forza naturale responsabile di tutto ciò che accade in terra, una forza che nessuna scienza o religione ha saputo mai spiegare. Satana, secondo LaVey, è “lo spirito del progresso, l’ispirazione dei grandi movimenti e contributi alla costruzione della civiltà e il progresso dellumanità. Esso è lo spirito della rivolta che ci porta alla libertà, la personificazione di tutte le eresie che ci hanno liberati. Nell’ultima notte d’Aprile del 1966 - a Walpurgisnacht, il più grande festival della magia e stregoneria - LaVey in modo ritualistico si rasò la testa in concordanza alla tradizione magica e annunciò la formazione della Chiesa di Satana. Per identificarsi meglio come proprio ministro, si


mise un collarino ecclesiastico. Questo gli dava un aspetto quasi da prete. Ma la sua testa pelata stile Genghis Khan, la sua barba Mefistofeliana e i suoi occhi meschini gli donavano un look sufficientemente demoniaco per il suo sacerdozio della chiesa del Diavolo sulla terra.



"Per una cosa," LaVey spiega "chiamandola con il termine Chiesa, mi permette di seguire la formula magica, per una parte offensiva e per nove parti socialmente rispettabile, che è richiesta per il successo. Ma il primo intento è quello di racchiudere un gruppo di menti-individui per usarne tutta la loro energia combinata a richiamare la forza oscura della natura, cioè Satana". Come LaVey puntualizzava, tutte le altre chiese sono basate sull’adorazione dello spirito e sul rifiuto dei sensi e dell’intelletto. Egli era convinto sul bisogno di una chiesa che potesse ricatturare la mente dell’uomo e il desiderio carnale come oggetto di celebrazione. L’auto- interesse dovrebbe essere incoraggiato e un sano ego difeso.

Cominciò a realizzare che il vecchio concetto di Messa Nera per satirizzare il servizio cristiano era completamente fuori moda, analogo ad “abbattere un cavallo morto”. Nella Chiesa di Satana, LaVey iniziò alcuni interessanti psicodrammi, in luogo dei servizi autodegradanti del cristianesimo e della repressione esorcistica e inibizioni portate avanti dalle religioni “bianche”. C’è stata una rivoluzione nella stessa chiesa cristiana contro riti e le tradizioni ortodosse. E’ diventato un pensiero popolare, quello di dichiarare che "Dio è morto". Così i riti alternativi di LaVey lavorano, mantenendo alcuni sfoggi delle antiche cerimonie, cambiandoli da scimmiottature negative a forme di celebrazioni e purificazioni positive: i matrimoni Satanici consacrano la gioia dei sensi del corpo, i funerali sono privi di bigotte banalità, i rituali di lussuria aiutano gli individui a raggiungere il proprio desiderio sessuale, i riti di distruzione permettono ai membri della Chiesa Satanica a prevalere sui nemici.

Nelle occasioni speciali come battesimi, matrimoni e funerali in nome del Demonio, le copertine dei giornali, benché essi non siano stati richiesti, furono fenomenali. Dal 1967, i reporter inviati dai giornali per scrivere articoli sulla Chiesa di Satana, si estesero da San Francisco per il Pacifico a Tokyo e per l’Atlantico a Parigi. Una foto di una donna nuda per metà coperta da un mantello leopardato, che serviva come altare a Satana nelle cerimonie matrimoniali di propiziazione, fu trasmessa dai maggiori servizi di spedizione ai quotidiani di ogni luogo, poi mostrata in prima pagina dalle maggiori case giornalistiche come il Times di Los Angeles. Il risultato della pubblicità fu che Grottos (l’equivalente LaVey per la congrega delle streghe) si affiliò alla Chiesa di Satana, estendendosi in tutto il mondo e dimostrando uno dei messaggi principali di LaVey: il Diavolo è vivo e altamente popolare per moltissima gente.

Senza alcun dubbio, LaVey fece capire ad ognuno che il Demonio e i suoi discepoli non erano individui convenzionali, vestiti di mantelli rossi con corna, coda e forcone, ma piuttosto forze oscure naturali che gli umani potevano già capire. Ma come fece allora LaVey a far quadrare quest’ultima spiegazione con la propria immagine, che talvolta era proprio in cappuccio nero e corna? Quindi replicò: "La gente ha bisogno di rituali, con simboli come quelli che trovate nel baseball, nei servizi cattolici o in guerra, cioè un mezzo per tirare fuori emozioni che normalmente non sembriamo avere o non capire". Ma ben presto egli si stancò di questo gioco. Qui ci fu una brutta ricaduta. Per prima cosa, sotto le lamentele dei vicini di casa, LaVey dovette donare il suo leone-domestico allo zoo locale, poi toccò a Jayne Mansfield, la sua strega più devota, che morì per causa di una maledizione che egli pose sulla testa del suo corteggiatore, l’avvocato Sam Brody, per una varietà di ragioni esposte in The Devil's Avenger (la vendetta del Diavolo). LaVey diffidò con insistenza la strega da Brody ma capì troppo tardi che la depressione della donna la stava uccidendo. Questa fu la seconda tragica morte degli anni sessanta, di un sex- symbol Hollyvoodiano che riguardasse LaVey; la prima invece fu Marilyn Monroe, sua amante per un breve ma cruciale periodo nel 1948, quando egli lasciò il luna park per suonare l’organo nei night club di Los Angeles.


Ma in primo luogo, LaVey si sentiva stanco di continuare ad organizzare intrattenimenti e purifiche per i suoi membri della chiesa. Rimase in contatto con i rimasugli viventi delle fraternità europee dell’anteguerra, acquisendo attivamente le loro filosofie e i loro rituali segreti, abbandonati fino all’era pre-Hitleriana e, avendo bisogno di studiare, scrisse e lavorò in nuovi principi. Sperimentò a lungo e applicò i principi dei concetti della geometria spaziale, per mezzo della quale plasmò "The Law of the Trapezoid" (la legge del trapezoide). Diventò anche uno speaker ricercato, ospite nei programmi televisivi e nelle radio, consulente televisivo di produttori e moviemaker per produzioni riguardanti il Satanismo. A volte faceva anche l’attore. Come disse il sociologo Clinton R.Sanders: "...nessun occulto ha saputo dare un impatto migliore nelle produzioni cinematografiche Sataniste, come Anton Szandor LaVey. I rituali e il simbolismo esoterico sono elementi centrali nella chiesa di LaVey e i film in cui egli ha lavorato contengono ritratti dettagliati dei riti Satanici e pieni di simboli occulti tradizionali. L'alta enfasi dei rituali della Chiesa di Satana sono intesi a focalizzare la potenza emozionale di ogni individuo. Similmente, i ricchi rituali, punto centrale nei film di LaVey, possono ragionevolmente essere visti come un meccanismo per coinvolgere e focalizzare l'esperienza emozionale dell'audience cinematografica.".

Finalmente, LaVey decise di trasferire i rituali e le altre attività organizzative delle “grotte” della Chiesa di Satana (in americano grottos, cioè gruppi legati alla Chiesa, che svolgono stesse attività in zone o paesi differenti) in tutto il mondo, decise di impegnarsi vivamente a scrivere, leggere, insegnare e dedicarsi alla propria famiglia: Diana, la bella bionda che, nella Chiesa di Satana, rappresenta la Suprema Sacerdotessa; Karla, la figlia dai capelli neri, ora ventenne e migliore criminologa del padre, pazza per le letture sul Satanismo sparse per le università del paese; infine Zeena, conosciuta dalle persone che ebbero l’onore di vederla nella foto del battesimo della Chiesa Satanica quando era ancora in fasce, ma ora una meravigliosa teenager che attrae sempre un numero maggiore di lupi (una particolare specie maschile).

Dal periodo relativamente quieto di LaVey nascono i libri pionieri più letti: per primo, The Satanic Bible (la Bibbia Satanica), che ora è nella sua dodicesima edizione (e questa è la mia seconda introduzione rivisitata, dopo aver scritto l’originale nella prima edizione). Quindi troviamo The Satanic Rituals (Rituali Satanici), riguardante molto del materiale più oscuro e complesso di LaVey, riportato alla luce dalle proprie sorgenti crescenti. E terzo, The Compleat Witch, un bestseller in Italia, ma, tristemente, posto fuori produzione dagli editori americani per il suo potenziale inesaudito.

La stesura di libri per mezzo delle attività della chiesa, ha permesso alla Chiesa di Satana di LaVey di rafforzare il numero degli iscritti. Naturalmente, la popolarità del Satanismo ha fatto emergere spaventose storie di religioni che si lagnano sul fatto che The Satanic Bible ora vende più della bibbia cristiana nei college e causa una perdita sempre maggiore di giovani nei riguardi di dio. Ed ovviamente c’è chi sospetta che il Papa Paolo aveva proprio in mente LaVey, quando stipulò la sua proclamazione mondiale due anni fa, cioè che il Diavolo è vivo ed è una persona, un vivente, una creatura che respira fuoco e distende il male in tutta la terra. LaVey, mantenendo l’ipotesi che il Diavolo è vivo, come detto in precedenza, e in quel caso soddisfatto e contento, rispose al papa e ai terrorizzanti gruppi religioni in questo modo: "La gente, le organizzazioni, le nazioni stanno facendo milioni di dollari grazie a noi. Cosa vorrebbero fare senza di noi? Senza la Chiesa di Satana, non avrebbero nessuno da aggredire e a cui dare la colpa per le schifezze che succedono ogni giorno nel mondo. Se veramente sentono questa cosa, non dovrebbero lamentarsi così tanto. La cosa che dovreste veramente credere invece, è che sono proprio loro i ciarlatani, e in fondo felici che esistiamo cosicché possano servirsi di noi quando vogliono. Siamo una comodità estremamente preziosa. Abbiamo aiutato il business, alzato l'economia e molti dei milioni di dollari che abbiamo generato sono entrati nelle casse della chiesa cristiana.


Abbiamo dimostrato moltissime volte il Nono Comandamento Satanico, il quale afferma che la chiesa - e gli innumerevoli individui - non possono esistere senza il Diavolo".

E per questo la chiesa cristiana pagò il prezzo. Gli eventi predetti da LaVey nella prima edizione

di The Satanic Bible si sono verificati tutti. La gente repressa ha rotto il proprio legame. Il sesso è esploso, la libidine collettiva si è liberata, nei film e nella letteratura, nelle strade e nelle case. Le donne ballano seminude. Le suore hanno alzato i loro abiti tradizionali, mostrando le cosce e danzando il ”Rock della Messa Solenne”. C’è un’incessante richiesta di divertimenti, di cibi e vini prelibati, d’avventura, del piacere dell’essere. L’umanità non vuole più aspettare per una promessa di ricompensa ultraterrena, traduzione originale: austera, monotona anima. C’è un atteggiamento collettivo rivolto verso un neopaganesimo ed edonismo, e grazie ad esso abbiamo tirato fuori un’ampia varietà di brillanti individui: dottori, avvocati, ingegneri, insegnanti, scrittori, agenti di cambio, costruttori edili, attori ed attrici, addetti ai mezzi di comunicazione di massa (per citare una piccola categoria di Satanisti) - i quali sono interessati nella formalizzazione e perpetuazione di queste religioni pervasive e stili di vita.

Certo che il Satanismo non è una religione così semplice da adottare in una società come la nostra, da tanto e troppo tempo dominata dalla morale puritana. Non c’è alcun falso altruismo, né tantomeno amore o matrimonio obbligatorio come concetti, in questa religione. Il Satanismo è egoismo lampante, filosofia brutale. E’ perfettamente basata sul principio che l’uomo è inerentemente egoista, una creatura violenta, e che la vita sia una continua battaglia Darwiniana per la sopravvivenza del più forte, che potrà vivere a lungo sulla terra. Queste, regole naturali e presenti in tutte le giungle, anche in quelle urbanizzate dalla società. Detestate pure questo brutto punto di vista se volete, ma è basato da secoli sulle reali condizioni che esistono al mondo in cui viviamo, non nelle terre di latte e miele dipinte dalla bibbia cristiana.

In The Satanic Bible, Anton LaVey spiega in maniera approfondita la filosofia del Satanismo, descrivendo in dettaglio anche i riti e le innovazioni che egli ha escogitato per creare una chiesa più realista possibile. Trasparente fin dalla prima edizione, questo libro è perfetto per le tante persone che vogliono apprendere vere informazioni sul Satanismo e su come creare un gruppo e ritualizzare con la magia nera. The Satanic Bible e The Satanic Rituals sono gli unici libri che dimostrano, in modo autentico e vero per le relative tradizioni, come tutto può essere realizzato. Per noi, Anton LaVey ha svelato Satana e la Chiesa di Satana è la prima fondatrice del Satanismo contemporaneo. Questo libro riassume ambedue i messaggi e resta oggetto di sfida e d’ispirazione, scritto appunto per la nostra era.
SAN FRANCISCO

25 Dicembre 1976 (XI Anno Satanas)



Il dio che ti salva puo' essere te stesso
I quattro principi sovrani dell'inferno
Non tutti i vampiri succhiano il sangue
Sulla scelta del
Il libro di belial
Gli ingredienti utilizzati nell'esecuzione
Fine del rituale
Il linguaggio enochian e le chiavi enochian
Undicesima chiave



  1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   11


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale