Too short to wait



Scaricare 106.95 Kb.
02.06.2018
Dimensione del file106.95 Kb.


g193_logo_pm2017_rev2.jpg


: TOO SHORT TO WAIT :

anteprima Spazio Piemonte : gLocal Film Festival
8 - 12 febbraio 2017 : Il Movie (via Cagliari 40/e - Torino)
Ingresso 4 euro / 3 euro ridotto Aiace

: programma :

: MERCOLEDI' 8 FEBBRAIO :
Ore 17.30 - Stories 1

Animal Kingdom – 10' di Simone Chiappinelli

La società vive in simbiosi con l'applicazione Animal Kingdom e la comunicazione verbale è ridotta al minimo. Un ragazzo come tanti esce una sera alla ricerca di un contatto tangibile, ma in un mondo dove ormai tutti indossano una maschera è sempre più difficile scindere il reale dal virtuale.



Su entu - 11' di Stefano Clari

Un albero, un campo, un traliccio, un clochard, un tempo violinista, alla ricerca della nota perfetta.



Lo scrittore di haiku - 10' di Andrea Paracchini

Un giovane poeta di haiku, poesie brevi giapponesi, deve affrontare la scomparsa della sua Musa ispiratrice. Per affrontare il lutto non può che riagganciarsi alla propria poesia e ai propri ricordi…



Scotoma – 10' di Gipo Fasano

"SCOTOMA", ovvero cecità parziale, è la storia di due fratelli: A sta leggendo qualcosa scritto da B in un bar quando vede una ragazza e ne rimane folgorato, ma la ragazza si volatilizza. Qui inizia la storia, fatta di errori, tradimenti fratricidi e inganno. Sempre in bilico tra il reale e il surreale; e soprattutto, cosa più interessante, nel loro cortocircuito.



La Trapezista. Lettera a G. - 7' di Gabriele Nugara

Durante delle esercitazioni acrobatiche in solitaria con il trapezio, una giovane donna innamorata si rivolge interiormente al ragazzo amato alternando una critica spietata dei suoi difetti e storture alla dolce e immediata descrizione dei propri sentimenti più favorevoli.



Dietro l'angolo – 26' di Tino Dell'Erba

Una ricerca attraverso il mondo della chiesa e delle religioni, degli stolti che vedono o non vedono la madonna, degli sconfitti e dei traditori traditi che si portano addosso questa croce. La verità è dietro l'angolo. Ma è sempre bene sapere la verità?


Ore 19.30 - DOC 1

Andare in Montagna è andare a casa – 3' di Andrea Barra

Un ragazzo qualunque scappa dalla grigia quotidianità della vita cittadina per rifugiarsi nel sempre più trascurato ma sorprendente mondo della natura, della montagna. Camminando per i sentieri, in completa solitudine, riscopre i piaceri e le soddisfazioni che essa può regalare, a differenza della realtà cittadina, dove tutto ha un costo ed è effimero.



Cosimo – 31' di Matt Gorelli

Da Kanye West a Pavarotti, dalle interviste di un pazzo alle riprese pittoresche di Torino, dal passato di un artista al suo folle presente, “Cosimo” è il film sull’arte e lo stile di vita di Cosimo Cavallo, in arte Fabio Elettroni. È un documentario rappresentante il profeta della pittura astratta nel suo ambiente. È la realtà quotidiana di un uomo divenuto, per gli abitanti, un simbolo di Torino.



Monviso Parete Est – 3' di Simone Alesso

Il video inizia con il monologo del famoso filosofo Alan Watts che racconta la sua visione della vita dal punto di vista del sogno. A seguire inizia la salita sul Monviso dalla parete Est, con ‘Human’ di Rag'n'Bone Man in sottofondo. Fino al raggiungimento della vetta, spicca il contrasto tra la canzone e il monologo, tra l’essere semplicemente un uomo e l’idea che i sogni possano diventare realtà.



Ghetto PSA – 15' di Rossella Schillaci

Jacob è arrivato in Italia dalla Guinea francese quando aveva 11 anni, orfano. Oggi ne ha 27, l’hip hop è il suo mondo, la sua personale valvola di sfogo per esprimere sogni, speranze e frustrazioni, per non sentirsi più parte del “ghetto”. Vive in Barriera, alla periferia di Torino, dove di giorno, insieme ai ragazzi del suo gruppo “Ghetto PSA”, scrive canzoni e fa musica, mentre di notte lavora come educatore in un centro per richiedenti asilo. Una “doppia” vita che lo spinge a riflettere sulla sua stessa identità, quella di un giovane italiano che parla tre lingue, ma che non dimentica chi è.



Terrazzamenti e biodiversità – 6' di Marco Tessaro

Un terrazzamento semi abbandonato, un paese spopolato, il bosco che avanza con qualche recente tentativo di ripresa delle coltivazioni. D a qui parte il progetto Terra ViVA di recupero del terrazzamento di Viganella, in Valle Antrona (VB), che tenta di ricucire gli strappi con il passato per connettere questo territorio al presente, valorizzandone le valenze agronomiche così come quelle identitarie e sociali, ponendo l’accento sui servizi ecosistemici, sul valore della biodiversità.



Autunno magico in Valle Grana – 2' di Beatrice Rosso

In seguito ad un esperimento di Mauro Rosso di impianto di bulbi di zafferano, risalente ad una decina di anni fa, ora la Valle Grana, in provincia di Cuneo, può vantare anche una pregiata produzione di Sӧfran (nome dato allo zafferano locale) che si estende in tutta la valle.


Ore 21.30 - Corsi Corti. Piccole Storie di Cinema.

In collaborazione con il Centro Nazionale del Cortometraggio

Alessandro Amaducci presenta Post Rebis (2016) - 4'

In una terra distrutta qualcuno o qualcosa sta costruendo un nuovo Rebis (matrimonio alchemico, rappresentato da un androgino a due teste) fatto da carne e tecnologia.


a seguire Thrills & Nightmares 1

Angelman – 8' di Enza Lasalandra e Alessio Periti

Una madre e la sua ossessione per la malattia della figlia. Una madre lasciata sola con i suoi demoni. Il gesto estremo e la follia.



Cliché - 7' di Lucio Laugelli e Errico D'Andrea

Un uomo sente un rumore sinistro provenire dal suo salotto. Tutte le sere. Alle 23.14 in punto. Una sera decide di provare a filmare quel che accade al piano di sotto.



The Fugitive. A Story from an Other Time – 8' di Robert Fogelberg Rota

Un mercenario senza scrupoli, una misteriosa arciere, una donna fuggitiva, soldati allo sbando in un Medioevo tetro duro crudele e sanguinario.



Dead West – 12' di Luca Berardino

Dopo la morte del fratello, James Conner sta continuando una disperata fuga da un androide cacciatore di taglie che vuole eliminarlo, il cacciatore guadagna sempre più terreno e James non potrà continuare a scappare per sempre.



Triangle – 28' di Cataldo de Palma

Tre amici di vecchia data si riuniscono per la tradizionale escursione di pesca al fiume. Battute goliardiche, sigarette e birre scandiscono la giornata fino al crepuscolo. Radunatisi attorno al falò e complice la luna piena, le chiacchiere degenerano nel racconto di una leggenda su di un’antica torre poco distante dall’accampamento. Tra la sfida e il gioco, il trio si avventura nel bosco…



Unaware – 3' di Dario Saliani e Simone Tringali

Unaware è il frutto di ciò che ci spaventa e di cosa ci preoccupa, il mix di emozioni e forme che prendono vita nei nostri sogni.



: GIOVEDI' 9 FEBBRAIO :
Ore 17.30 - DOC 2

Soundscapes – 15' di Omar Bovenzi

Nell'estate del 2015, a La Spezia, durante il festival Boss, si è tenuto il workshop Soundscapes con Paul Beauchamp (musicista americano trapiantato a Torino), Fabrizio Modonese Palumbo (chitarrista dei Larsen e musicista solista) e Jochen Arbeit (Einstürzende Neubauten, Automat), mirato all'autocostruzione di strumenti. Il documentario racconta l'idea, la composizione del brano presentato nel concerto finale e l'esibizione stessa.



PY Castanha – 5' di Simone Giovine

Un viaggio alla scoperta della popolazione dei Kayapo in Brasile e del loro rapporto con Madre Natura.



Non chiudere gli occhi – 10' di Emanuele Marini

Il 3 ottobre 1961, Guerrino Marini muore a causa di un fulmine mentre sta lavorando nei campi. La moglie miracolosamente sopravvive. Il racconto della tragedia permette di intraprendere un viaggio attraverso il tempo e la memoria, sospesi fra la nostalgia del passato e la necessità di guardare al futuro, alla ricerca di un segnale e nuove prospettive.



Corridoio5 – 30' di Manuel Coser

Girato in Val di Susa tra il 2011 ed il 2013, e montato con il beneficio della distanza temporale, Corridoio 5 è un mosaico di volti e voci di una popolazione che ha visto il proprio territorio trasformarsi nel punto centrale e simbolico di un grande conflitto che attraversa il nostro tempo: lo scontro tra realtà locali ed interessi transnazionali.



Away – 3' di Stefano Scarafia

La voce di una donna in fuga, forse da un dolore, forse dal senso di colpa, forse da se stessa, e di sua figlia, si mescolano in un viaggio onirico, dove la montagna assume connotazioni mistiche e la natura (madre) suggerisce domande esistenziali alle quali è impossibile rispondere.


Ore 19.30 - Comedy 1

De excesso – 3' di Ruben De March e Fabrizio Zaccaron

Un uomo è abituato a passare le sue serate a ubriacarsi per poi tornare a casa a stento, ma passato un certo limite accade qualcosa che lo turba profondamente.



The First Gun – 9' di Marcello Gobbi

In uno scenario western in cui i social network sono stati inventati ma le armi da fuoco no, un cowboy instagrammer entra per caso in possesso della prima pistola al mondo.



Il Contrario di Vita – 30' di Bruno Ugioli e Riccardo Menicatti

Un impiego era l'ultimo ostacolo che separava la coppia dal poter prendere una casa in affitto. Così, il ragazzo è costretto a iniziare la ricerca di un lavoro, accantonando temporaneamente il sogno di recitare. In un momento storico come questo, i suoi tentativi non vanno come sperato e il ragazzo cede ad una raccomandazione che lo porta a un impiego bizzarro: lo spaventapasseri.



Mahamata. Grande Madre – 10' di Sandro Bozzolo

Gli attori di questa immersione nella memoria del territorio sono giovani che cercano nella loro terra il senso da dare al loro futuro: indossano le vesti dei loro avi ma camminano con le scarpe da ginnastica, ripercorrono le strade della storia con la vecchia ferrovia lungo il fiume, incrociando le antiche fabbriche e le stazioni d'un tempo, reperti di uno sviluppo da ripensare.



La grande fregata – 6' di Domenico Bruzzese

Una banda di ladri camuffati da troupe cinematografica compie rapine fingendo di filmare i loro furti, così da passare inosservati. Un ricco magnate della TV cerca un regista per girare un film sulla sua vita e la troupe coglie l'occasione per entrare in casa. Tempo dopo, la banda scopre che il loro furto è stato filmato dalle videocamere di sorveglianza del magnate, che ne ha fatto un reality, arricchendosi così sulla loro truffa.


Ore 21.30 - Corsi Corti. Piccole Storie di Cinema.

In collaborazione con il Centro Nazionale del Cortometraggio

Tonino De Bernardi presenta Modi di essere. Eroine ed eroi (1988) - 7’

Marco Melani (cofondatore di "Fuori Orario" Rai3 con Enrico Ghezzi) aveva chiesto ad alcuni filmakers il trailer di un film prossimo a venire. Per De Bernardi la sceneggiatura di Modi di essere - progetto che intreccia le tragedie greche Medea, Antigone e Fedra - non è mai diventata un lungo e ora lui considera questo trailer la bandiera da sventolare di tutto il suo cinema.
a seguire Stories 2

Volare Via – 9' di Valerio Oldano

Lara, Sergio e Giorgia Paoli non ricordano di essere una famiglia e nessuno sa dei segreti dell’altro. La notte della finale Italia-Germania scopriranno di essere uniti dallo stesso desiderio.



Ego – 14' di Lorenza Indovina

In una Puglia accecata dal sole, arida e abbandonata, Luca e Carla stanno attraversando la tangenziale per l’aeroporto di Bari, dal quale la donna prenderà l’aereo che la porterà in vacanza per una settimana con la sorella e i suoi bambini.



La procedura – 8' di Alessandro Valbonesi

Un normale controllo di documenti assume tonalità grottesche, quando l'identità di un uomo sembra dipendere solo dalla sua presenza online.



Attraverso lo specchio - 9' di Antonio Diaz Pérez

La favola di Alice attraverso lo specchio nell'era postmoderna, in cui il Re Bianco è impersonato da un losco impiegato di banca a caccia di debitori e lo specchio si trasforma in un televisore che distorce la realtà.



Il mare si ritira – 30' di Simone Rivoire

Estela non ha più notizie della figlia. Andrea aspetta un cuore compatibile può salvare suo padre. Valentina sta prendendo le distanze da un padre violento. Antonio, ha poche ore per compiere una scelta in seguito all’improvvisa morte della moglie. Il racconto di un mondo reale dove i tabù culturali e i bisogni urgenti non sono straordinari, ma quotidiani.



L'ora di lezione – 11' di Luca Brunetti

Adattamento dell'omonimo saggio dello psicanalista Massimo Recalcati, racconta la storia del Professor Guido Arnaudo che si trova a dover affrontare la sua ora di lezione in un'aula completamente vuota. Mentre realizza che nessuno dei suoi allievi arriverà incontra Giulia, trafelata e preoccupata di perdere la lezione. Ora può finalmente tenere la sua ora di lezione e far comprendere a lei e a noi l'importanza dell'insegnante e dell'amore che può trasmettere.



: VENERDI' 10 FEBBRAIO :
Ore 17.30 - Cartoon & Videoclip

Videoclip in collaborazione con Seeyousound

Water Hunters – 7' di Massimo Ottoni e Salvatore Centoducati

In un futuro prossimo in cui l’acqua è un bene raro e ambito gestito da multinazionali senza scrupoli, due ladri si troveranno a confrontare la realtà col ricordo di un tempo in cui il futuro poteva ancora essere scritto, in una rocambolesca corsa attraverso gli sprechi delle colture e gli allevamenti intensivi, e i piccoli esempi di consumo responsabile.



Arzena Velenifera – 5' di Ludovica Ottaviani, Anna Sireci e Maria Testa

In una sala da ballo, una donna, travolta inizialmente da un’irrefrenabile gelosia e poi da furiosa pazzia, uccide tutti i suoi infedeli o fastidiosi uomini, al ritmo ineluttabile del tango. Ispirato alla misteriosa storia della pluri-assassina ungherese Vera Renczi, tra danza, humor nero ed eleganza.



Merlot – 6' di Marta Gennari e Giulia Martinelli

In un bosco di fiaba, una vecchietta burbera perde una bottiglia di vino. Questo fatto darà il via una catena di eventi dove tutti i personaggi – la vecchia, una bambina dispettosa, un pavido raccoglitore di funghi, un lupo stupido e uno stormo di uccelli - faranno la loro parte in un buffo gioco di botta e risposta fra vignette e fotogrammi che porterà ad uno sviluppo inatteso.



Climax – 5' di Amedeo Traversa

Una band sta suonando in una grigia strada di città, dagli strumenti escono colori e forme al ritmo di swing. I passanti completamente immersi nel cellulare non se ne accorgono, ma una ragazza sente quel ritmo, si fa spazio fra la gente, trascina un ragazzo e si mette a ballare. I due riempiranno di ritmo e di colore il grigiore della città. Lo Swing è simbolo di libertà, fuga ed entusiasmo, sempre!



Eidos – 5' di Elena Ortolan e Alberto Comerci

Un personaggio, nudo in uno spazio vuoto, scopre che i suoi movimenti e i suoi gesti generano segni armoniosi nel bianco. La creatura comincia allora a danzare. Con energia e gioia crescenti dà vita ad un universo di forme e di colori. Ma cadendo si renderà conto che quella danza, quella creazione, lo stanno consumando. "Eidos" è un piccolo omaggio alla volontà creativa.



Lutra – 4' di Davide Merello

Un uomo vittima della propria routine e prigioniero nella sua villa di lusso, non vede neppure il bosco che la circonda. Ma proprio quella casa gli offrirà il modo per riavvicinarsi alla natura.



Merletti e borotalco – 8' di Riccardo Di Mario, Lilia Miceli, Anna Peronetto e Sara Tarquini

Se vi sembrano evidenti i criteri per distinguere ciò che è "maschile" da ciò che è "femminile", guardate al passato e vi verrà qualche dubbio. Un ragazzino settecentesco si ritrova nel nostro mondo e scopre a sue spese che i suoi gusti e le sue abitudini, appartengono oggi prettamente al genere femminile. Diviso fra parrucchiera e barbiere, poi fra gli scaffali di un negozio di giocattoli, il nostro bambino mette in luce, con graziosa ingenuità, stereotipi e pregiudizi di genere.

T” - 8' di Riccardo Chiara, Cecilia Petrucci e Alvise Zennaro

Nel deserto un uomo tiene una radio fra le mani e ne segue il segnale: una voce ripete una sequenza di numeri. Dall'altra parte del mondo una ragazza si inoltre nella foresta, per seguire il segnale che arriva dalla radiolina che ha in mano: ancora una sequenza di numeri. Il corto è ispirato alle registrazioni originali di “number station” (stazioni radio di origine incerta che si crede siano utilizzate dalle agenzie governative per comunicare con le spie in missione) del The Conet Project.



WHAT WEEE ARE. WEEEdroponics – 6' di Alessio De Marchi e Alessandra Turcato

La tecnologia pervade ogni aspetto della nostra vita: come lavoriamo, come ci muoviamo, come ci incontriamo e comunichiamo, come facciamo l'amore e ciò che mangiamo.



Ask The Stars (Neverwhere) – 4' di Luca Vigliani

Ask the Stars è un video musicale realizzato per il cantante italiano Neverwhere. Il video combina live action e animazione, che coesistono in una sorta di loop senza fine, abbracciando lo spettatore in una colorata poesia di parole, suoni, musica e forme.



Pink Squirrels-Outrun (Andrea Cera) - 2' di Dimitrije Roggero

Una macchina sportiva anni 90 è abbastanza forte da sopportare in modo sicuro, all'interno della cabina di pilotaggio, la forza della gravità.



Cronoterapia (Cletus) – 3' di Valeria Ferrari

Il brano descrive l'andamento inesorabile del tempo. Qui è rappresentato da una donna in viaggio che guida. Viaggio che diventa interiore alla scoperta di un sé. Liberamente ispirato a Psycho di Alfred Hitchcock.



Moth (Luca Sigurtà) – 6' di Nicholas Ferrara

Un lavoro sul corpo e le tracce che esso lascia dietro di sé, non fisiche ma d'immaginazione, percezione e ricordi, che si scontrano in uno spazio buio che non è reale, difficile da penetrare. Il video cerca di ricreare quello spazio e portare lo spettatore dentro.



Honey Ant dreaming (Luminance Ratio) – 6' di Nicholas Ferrara

Un viaggio psichedelico in una notte del deserto, perdendo ogni concezione del tempo e di spazio, nel frattempo la musica si evolve in una corsa elettro-acustica.



Piramidi (Pellegrino) – 3' di Marco Pellegrino

Un viaggio che dalla Terra accompagna il protagonista ai limiti del sistema solare, fino a uscire dagli occhi di una donna che abita un mondo colorato e surreale.



The White Side (Riccardo Mazza PROJECT-TO) – 5' di Laura Pol

Una ragazza e un ragazzo vivono esperienze diverse e si incontrano solo occasionalmente e di sfuggita. Un costante dialogo con il territorio, Torino e le campagne del Monferrato, fino al mare delle coste italiane, all’autostrada che attraversa tutta la penisola fino alle Alpi della Val Susa. Le clip durante il live-set vengono rielaborate ed eseguite dal vivo in tempo reale.


Ore 19.30 - Stories 3

Beyond Depth – 16' di Jacopo Scano

Ronnie rimane in coma dopo aver causato un incidente d'auto nel quale il suo migliore amico perde invece la vita da passeggero. Svegliatosi in un limbo paradisiaco nei panni della propria anima e accompagnato da Giovanni battista, Ronnie dovrà decidere se tornare o meno in vita, anche in considerazione della responsabilità della morte del suo amico, che incontra nello stesso luogo.



Rame – 8' di Alberto Vianello e Rosanna Reccia

Durante una giornata al maneggio, Angelo chiede a Rosanna di sposarlo. La ragazza, dopo un iniziale felicità, sembra assalita da pensieri cupi.



An Afterthought - 17' di Matteo Bernardini

Una madre mette la figlioletta a letto, raccontandole storie del mitico Peter Pan. Ma l'eterno bambino è davvero frutto della nostra immaginazione?



Quello che non si vede – 10' di Dario Samuele Leone

Un uomo si è chiuso all’interno di una macchinetta del caffè e fa i caffè al posto della macchina. È Elio, un nano di 57 anni che lotta per resistere contro una vita piena di enormi difficoltà.



L'eco – 1' di Elisa Zucca Nigra

un viaggio su come affrontare il lutto



Le città invisibili – 20' di Alfredo Ronchetta e Riccardo Covino

Trasposizione cinematografica del libro "Le città invisibili" di Italo Calvino. Il cortometraggio si sofferma sull'incontro tra il Kublai Khan e Marco Polo, dove il mercante veneziano racconta al re dei Mongoli tutte le sue avventure, paragonando le città che ha visitato con la sua Venezia...che in realtà è la nostra Torino.


Ore 21.30 - Corsi Corti. Piccole Storie di Cinema.

In collaborazione con il Centro Nazionale del Cortometraggio

Enrico Bisi presenta A occhi aperti (2003) – 20’

Una ragazza ricorda momenti intensi e particolari della propria vita. Un uomo l'accompagna nel viaggio e la conduce sino a una torre a strapiombo sul mare.

Presente in sala anche l’attrice Eleonora D’Urso, protagonista del cortometraggio.
a seguire Thrills & Nightmares 2

L'AMORtE – 5' di Alessandro Giovannini

Un incontro. Un innamoramento. Una crisi.

Dark Lucy – 13' di Fiorella Carpino e Concetta Pistorio

Lucy è una ragazza che ha subito un terribile destino, anche la sua amica e compagna di stanza Rachele avrà la sua stessa sorte, ma qualcuno o qualcosa le impedirà di fare le scelte sbagliate.

Amore Grande – 30' di Max Chicco

Torino, un futuro non troppo lontano. Osvaldo Caforio è un vecchio orologiaio ancora e sempre innamorato di Rosetta, sua moglie. Un mattino si prepara per uscire, deve andare all'anagrafe per rinnovare la sua carta d'identità.

Incompiuti – 16' di Raju Mensa

Un soldato improvvisamente dal fronte di guerra si ritrova in una apparente biblioteca.

Dream Traveller – 4' di Shaun Cola

Un sogno, un film surreale, un viaggiano attraverso il mondo caos artificiale della città e nella natura



: SABATO 11 FEBBRAIO :
Ore 17.30 - Young & School

The Little Prins – 24' di Enrico Omodeo Salè

Prins è un adolescente migrante che arriva dal pianeta B612 in una grigia città del nord Italia. Pensa sempre alla sua Rosa e fa fatica a inserirsi nella nuova scuola a cui si iscrive. Dopo alcuni strani incontri, sarà aiutato dai nuovi amici Volpe e Serpente, in un percorso di crescita.



Il fotografo – 5' di Elis Karakaci e Alessandro Genitori

Sul tema delle adozioni internazionali, il cortometraggio racconta di un bambino che, in giro per casa con la sua macchina fotografica, scatta diverse foto che invierà alla sua futura sorella, per farle vedere cosa la aspetta.



Gli equilibristi – 9' di Cristina Monti e Paolo Rapalino

Partendo da un disegno di Emanuele Luzzati – I saltimbanchi – in cui tre bimbi si sostengono a vicenda come degli acrobati, due fratelli, Adele e Vittorio, ritagliano sagome di cartone da animare. Mentre gioca con loro, la mamma trova il coraggio di raccontare la storia di un terzo fratellino perso alla fine del terzo mese di gravidanza a cui daranno vita insieme attraverso l'arte. Oplà!



Io sono Pinocchio - 25' di Fiorenza Adriano

Un ragazzo che conduce una vita normale non ricorda di essere stato Pinocchio. Non sa che suo padre è Geppetto e crede di essere orfano di madre. Quando nella sua mente affiorano dei ricordi e scopre di essere stato il famoso burattino, pensa di essere un mostro e piomba in una profonda crisi. Gli amici gli ridaranno gioia di vivere, dimostrandogli che siamo tutti dei diversi.



Happy Ball – 4' di Valerio Cibrario

In un mondo colmo di tecnologia e individualista, un oggetto semplice come un pallone diventa obsoleto e conseguentemente complesso da comprendere. Attraverso il percorso simbolico di una palla il messaggio augurale che forse non tutto è perso e i due mondi possono convivere insieme.



Maestra, ma tu che lavoro fai? - 29' di Francesca Cangiotti e e Ciro Abd El

Cosa succede in una classe elementare quando la percentuale di alunni stranieri supera il 90%? Ce lo raccontano un gruppo di insegnanti che affronta questo tipo di realtà nella Scuola Primaria Parini del quartiere Aurora, lasciando spazio ai bambini, alla voce di genitori italiani, ma anche stranieri, che hanno raccontato i loro timori.


Ore 19.30 - Comedy 2

Moonshine – 23' di Gabriele Zaffarano

Betty Ann è una cameriera che condivide un appartamento con la sua migliore amica Vivien, e Salvador, un artista ispanico. La notte, Betty Ann ha trovato il modo di creare un “sogno lucido” in cui torna negli anni ’30 e passa le serate in uno speak-easy chiamato “Moonshine”. Quando Vivien viene scippata per strada gli eventi precipitano in un turbinio di avventure tra sogno e realtà.



Moto di rivoluzione – 7' di Marco Marcigliano

Un amore coltivato di nascosto porta un dipendente di un'importante azienda a rompere la routine.



Poche parole – 6' di Domenico Davide Angiuli

Un ragazzo e una ragazza si incontrano a una festa.



Soro – 10' di Flavio Mastrillo

Un gruppo di pirati moderni racconta come questo mestiere sia cambiato col passare del tempo e che come abbiano dovuto iniziato a fare video di violenza reale, per accontentare i gusti del pubblico di oggi. Il capitano rivela alla ciurma che, il tè che bevono ogni giorno è un tè speciale e gli impedisce di morire; finalmente consapevoli, decidono questa volta di non berlo.



Non è vero, ma ci credo – 15' di Gaetano Soldano

Alcuni aspetti della credenza popolare visti in chiave ironica con la finalità di un flash mob che unisce tutti in una risata con sorpresa.


Ore 21.30 - Corsi Corti. Piccole Storie di Cinema.

In collaborazione con il Centro Nazionale del Cortometraggio

Adonella Marena presenta Facevo le nugatine (1996) - 16'

Walter rivede dopo vent'anni la sua vecchia fabbrica di dolci, da tempo abbandonata. Nel percorso solitario tra gli immensi capannoni, macchinari e oggetti dimenticati, la sua memoria ridà impulso e vita a voci, presenze e rumori di un passato per lui carico di promesse: gli anni '60, il primo lavoro, la fiducia nella produzione. Il racconto, scandito su frammenti di vecchi spot, scorre tra diverse atmosfere, dalla gioia alla nostalgia, allo smarrimento.


a seguire Western & Horror

Daughter - 9' di Maurizio Squillari

Odessa, una ragazza sorda, inizia ad avere incontri paranormali dopo aver assunto un farmaco sperimentale per tornare a sentire.



Brother – 10' di Emanuele Quaglia

Una ragazza che ha da poco perso il fratellino, riceve strane mail apparentemente inviate proprio dal fratellino. Si rivolge ad un hacker che però non riesce a risolvere la situazione…



Along the River – 27' di Daniele Nicolosi

“Along The River” è un cortometraggio di genere western che segue la drammatica vicenda dello Sceriffo Frank De Ville. Incaricato da un cinico avvocato di indagare su un caso di omicidio ai danni di una ragazza Navajo, la situazione prenderà una piega inaspettata quando lo Sceriffo scoprirà il coinvolgimento del figlio. Sarà così combattuto tra il dovere verso la legge e i suoi sentimenti.



Asso & ossA – 6' di Nicolò Fumero

Tre fuorilegge si danno appuntamento su una tomba senza nome. Qui scoprono essere stato sepolto un loro complice che li aveva traditi in occasione di una rapina, facendoli arrestare e scappando con la refurtiva. I tre comprendono che il malloppo si trova nella bara del loro complice, e decidono quindi di riportare alla luce i soldi…



Royal Flush – 10' di Stefano Pedroli e Walter Perrone

Cinque componenti di una scala reale di poker si ritrovano a combattere un potente boss che organizza tornei di poker truccati.



La catena – 11' di Alice Gallouin e Federico Maiocco

Un uomo perso nelle sue molteplici vite che giocano a rincorrersi in un incubo senza fine. Tra narrazione e sperimentazione, un progetto degli studenti del corso magistrale dell'Accademia di Belle Arti di Cuneo che danno una visione contemporanea attraverso la "manualità" del cinema.



: DOMENICA 12 FEBBRAIO :
Ore 17.30 - Videoclip

In collaborazione con Seeyousound

Stormy Water (Andrea Fornari) – 4' di Mauro Talamonti

Una duplice vita di una donna nella notte di Bangkok. Una collezionista monastica di peluche, un'anima solitaria che nasconde una dipendenza inconfessabile.



Tammoriata della valle offesa (Compagnia Daltrocanto) – 6' di Paolo Battista

In val di Susa un vecchio agricoltore ricorda le storie della sua famiglia, le resistenze di ieri e di oggi.



Dio Minore (Arkam) – 4' di Murta Prod.

Murta Prod. e Arkam focalizzati sul tem dei ceti più bassi e l'emigrazione, cercano di rappresentarla in maniera alternativa tramite il susseguirsi di diverse situazioni e location, alternate da una storia parallela, parti di canto in playback dell'artista e riprese aeree effettuate con un drone.



Captain of the Sea (As a mix) - 5' di Patricia Tannouri

Ogni artista, capitano di se stesso, va alla ricerca di idee e stimoli. Nel video, un uomo attraversa i mari alla scoperta di nuove terre sperando di trovare un nuovo se stesso. Ogni uomo è quell’uomo che attraversa il mare delle difficoltà e della sofferenza per arrivare finalmente a crearsi un futuro.



Neurosis (Fermat's Last Theory) - 4' di Nicholas Ferrara

Un viaggio giornaliero nella malattia mentale



Happiness (Giulia's Mother) – 5' di Fabio Bobbio

Un'attesa, una ricerca, una domanda: cos'è la felicità? In uno scenario da fine del mondo, il separarsi e ritrovarsi di una giovane coppia costretta a confrontarsi con il mondo degli adulti.



A cosa stai pensando? (Lambiase) – 4' di Marco Pellegrino

Un viaggio nel web, a partire dalle pagine di un social network, fino ad arrivare a foto animate e video che ripercorrono la struttura del brano.



Sister Shadow (Linda & The Greenman) – 3' di Linda Messerklinger

Un personaggio femminile è veicolo del magnetico “canto dell'ombra”. Ombra generata dal suo stesso corpo; ombra di quelle aree della psiche ancora non illuminate. L'opera prende una strada simbolico-poetica, giungendo là dove luce ed ombra si ritrovano, formano un disegno bipolare, una danza di metamorfosi e di ritorno alla vita.



Enough (Low Standards, High Fives) – 6' di Amedeo Berta

La storia di un astronauta: è l'uomo del momento, tutti lo vogliono, tutti lo acclamano! Ma al ritorno dal suo viaggio troverà una brutta sorpresa ad attenderlo. Il viaggio nello spazio è nuovamente, un viaggio metaforico alla scoperta di noi stessi e di ciò che ci circonda.



To Be Free (Lupita) – 4' di Andreas Mazzia

Gioco di luci ed ombre davanti ad un insolita parete di legno, il regista usa il contrasto tra figura e sfondo, i musicisti si muovono liberamente. Il senso è "Essere Liberi" (To be free) sia nella musica che nella scena senza svelare i volti. Nuovo progetto di Lupita, cantautrice folk-melodica voce e chitarra, accompagnata da Stefano Risso al contrabbasso, arrangiamenti e produzione e dal vibrafono di Maurizio Vespa, grazie l'occhio creativo di Andreas Mazzia che ha reso il tutto onirico.



2cinque1 (Mista B & Gionathan) – 5' di Gionathan De Stradis

Una storia di partenze, una storia di errori consapevoli e di scelte non scontate. 2, 5 e 1 sono i numeri simbolo di questo racconto, ispirato a una storia realmente accaduta. Sono 2 i piani narrativi: lei che è partita ed è impegnata in una ricerca che è più interiore che fisica, e lui il cui ruolo non è subito chiaro.



Monscerì (Nicolò Piccinni) – 4' di Fuoricampo

Un ragazzo insegue una ruota, che sembra dotata di vita propria, fino ad un locale, dove incontrerà il suo vero amore.



L'idea della mortalità (Pico Rama) – 3' di Lucio Laugelli

La morte si aggira per le vie di una città perseguitando uno sventurato.



Mare (Salvario) – 4' di Alessandro Porzio

Una spiaggia deserta e assolata preannuncia l'inizio dell'estate. Salvario ritorna sui luoghi della sua terra (Taranto) per raccontare l'adolescenza e la prima giovinezza, la vita prima di stabilirsi a Torino. Il punto di vista è quello di un bambino, che pregusta la magia del suo mare e che non pretende nulla dalla sua terra se non il sogno di un'altra estate.



Endless Summer (Simone Basso) – 4' di Matteo Silvan

Aria, acqua, terra e fuoco che diventano vento, mare, sabbia e sole, sul corpo danzante di una figura che, vestita in orli e merletti, sembra uscita dal passato. Gli elementi primordiali, gli stessi che sembrano modulare la voce di Enomisossab, cantante sperimentale di lunga esperienza.



Bastet (Enomisossab) – 4' di Luca "Onyricon" Giglio

Viaggio a ritroso attraverso posti immaginifici. Porte di contatto che collegano interni con esterni. Una misteriosa danzatrice muove il suo corpo sul tempo della canzone e sui versi pronunciati al contrario dal geniale cantautore sperimentale Enomisossab.



Vertigo: the Dragonfly (Sound Storm) – 9' di Taiyo Yamanouchi

Innovativa opera metal steampunk e fantasy, Vertigo miscela narrazione e musica in una ambientazione gotica e romantica. Basata su un'idea originale della band Sound Storm, a partire dal loro omonimo concept album, e sviluppata insieme al filmmaker Taiyo Yamanouchi aka HYST.



Odio le Hit Estive (Shade) - 3' di Andrea Dipa

Parodia delle Hit Estive e dei video che spopolano nel panorama musicale commerciale.



L'appeso (Stefano Risso) – 9' di Stefano Risso

Un contrabbasso appeso, un contrabbassista appeso, una danzatrice appesa. Tutti e tre allo stesso tempo a terra e in aria, sorprendono allo stesso tempo se stessi e il pubblico. A mezz’aria come “L’angelo”, il brano dei SUBSONICA del cui rifacimento il video fa da scenario. Una riscrittura musicale decisamente sorprendente eseguita da soli contrabbassi sovrapposti, appesi uno all’altro.



Arso dal Mare (Stefano Risso) – 4' di Stefano Risso

Due ciliegi alti oltre 40 metri sono ripresi da una fotocamera digitale di prima generazione, in una notte di fulmini, e cambiano sempre aspetto perché illuminati da punti sempre differenti e per durate variabili. Sono sempre loro fermi e impassibili come è per alberi secolari, ma assumono continuamente forme e una dimensioni differenti.


Ore 19.30 - Stories 4

Reflection – 6' di Andry Verga

Una riflessione sull'impatto mediatico che le immagini di guerra e violenza tra uomini hanno nella mente dei bambini. Su come il virtuale diventa "spettacoIare" condizionando le rappresentazioni, le fantasie, il gioco dei bambini che emulano e soprattutto “riflettono” la società nella quale vivono.



Spam – 7' di Michele Guidi

Un uomo avaro e pieno di sé tenta di mantenere intatta la propria personalità mentre la sua psiche inizia a scindersi.



La carne dell'orso – 17' di Paolo Giacobbe e Andrea Porcu

1938, Torino. Primo Levi e Sandro Delmastro, due studenti di Chimica dell'Università di Torino, si incontrano tra i banchi del laboratorio di Analisi Qualitativa. Per quanto i due ragazzi abbiano carattere, si riconoscono come spiriti affini e sasce un'amicizia che culminerà con una rocambolesca avventura in montagna in cui i due ragazzi assaggeranno quella libertà, fisica ed intellettuale, che inevitabilmente condizionerà le loro scelte future.



Chernobyl – 19' di Franco Dipietro

Anna e Cristiano, sono una coppia di trentenni che non posso avere figli, Viktor è un “bambino di Chernobyl” che per tre mesi vivrà con loro. I loro primi goffi approcci col ragazzino sottolineano la distanza e mentre Cristiano riuscirà a trovare la giusta connessione col bambino, Anna è sempre più persa nei suoi rimpianti.



Border Line – 10' di Mattia Fazzari

Paolo è un attore in crisi personale e lavorativa al seguito di un incidente e della perdita della fidanzata Maria. Riuscirà a sistemare la propria vita?



Ciao amore – 10' di Joe Inchincoli

Tutta una vita ribaltata all’indietro da chi non si preoccupa di chi sta davanti.



Recuperare - 2' di Carlo Cavallo e Andrea Bozzano

Attraverso l'uso del linguaggio poetico rappresento metaforicamente il Recupero, quello umano e quello architettonico.


Ore 21.30 - Doc 3

Awake – 11' di Cesare Ambrogi

Kholeho è un musicista. Quando era in prigione in Africa ha scoperto come la musica sia il più grande strumento che gli uomini hanno a disposizione per restare uniti e forti, per entrare in contatto con i propri antenati e con se stessi.



4 Days in Paris – 12' di Simone Alesso e Debora Seia

Quattro giorni di vacanza a Parigi per due giovani fidanzati. Le loro simpatiche avventure raccontate nello stile diffuso in rete del daily vlog, video racconti giorno per giorno.



Moonbears on Planet Earth. A Documentary about Vietnam Bear Rescue Center – 24' di Nadia Zanellato e Andrea Daddi

Il documentario denuncia la pratica incivile dell'estrazione della bile e delle torture subite dagli orsi nelle fattorie della bile in Vietnam. Da pochi anni tale usanza e commercio sono illegali in Vietnam, grazie all'attività di sensibilizzazione dell'opinione pubblica internazionale operata da Animalsasia e i suoi sostenitori, la cui attività è documentata in questo film.



Transumare – 3' di Andrea Fantino

La transumanza è un momento delicato per ogni allevatore e per tutti coloro che la rendono possibile. Le vacche non se ne stanno sempre buone, tendono a sbagliare strada, a fuggire, sono spesso stanche, pigre e vorrebbero fermarsi appena intravedono un ciuffo d'erba. Si tratta di una sfida. Quando si raggiunge l'alpeggio si può tirare un sospiro di sollievo.


a seguire Fuori Concorso Spazio Piemonte

Felice Andreasi. Tra cinema e pittura – 30' di Elisabetta Vacchetto, Mauro Mola e Matteo Aldeni

Felice Andreasi è stato uno dei maggiori esponenti del teatro comico-satirico milanese anni '70. Ripercorriamo qui la sua carriera attraverso le testimonianze di chi lo ha conosciuto in vita: familiari, amici, colleghi e registi che forniscono una visione completa e del tutto nuova di un personaggio dello spettacolo che scopriamo essere artista a tutto tondo: attore, pittore, scrittore e buon amico.



Associazione Piemonte Movie

via Vincenzo Maria Miglietti 20

10124 Torino

P.IVA / C.F. 09277890019






©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale