Tre problemi: Tre problemi



Scaricare 5.37 Mb.
03.06.2018
Dimensione del file5.37 Mb.



Tre problemi:

  • Tre problemi:

  • 1) cosa è il luogo in sé;

  • 2) cosa è il luogo quanto alla posizione degli oggetti nell’universo. In altri termini, idea che agli enti spetti un luogo per natura;

  • 3) cosa è il luogo rispetto al vuoto, la cui esistenza era sostenuta da altri filosofi, ad esempio gli atomisti

  • Testo fondamentale: Fisica. Molte indicazioni anche in Metafisica e De Coelo



Il luogo non è né forma né materia e neppure uno spazio visto come ambiente fisico in cui avvengono i fenomeni – non è cioè – uno spazio vuoto contenitore degli oggetti e sostrato per i fenomeni. Piuttosto è un limite immobile di ciò che contiene. Per esempio, in riferimento a una persona, il luogo sarà il limite istantaneo, ma immobile del suo corpo.

  • Il luogo non è né forma né materia e neppure uno spazio visto come ambiente fisico in cui avvengono i fenomeni – non è cioè – uno spazio vuoto contenitore degli oggetti e sostrato per i fenomeni. Piuttosto è un limite immobile di ciò che contiene. Per esempio, in riferimento a una persona, il luogo sarà il limite istantaneo, ma immobile del suo corpo.

  • Fisica Δ, 212 a 1-6 e 20, Trad. A. Russo



Dalla citazione precedente Aristotele sembra fornire una definizione molto astratta di luogo. Sembra che egli si riferisca a uno spazio astratto ideale in cui identificare le posizioni di oggetti e fenomeni, qualcosa di simile a quello che oggi chiamiamo sistema di riferimento cartesiano, cioè uno spazio astratto che ci serve a individuare la posizione degli oggetti. Questo è molto diverso dal vuoto degli atomisti perché il sistema di riferimento non è parte del mondo, mentre il vuoto, per gli atomisti, lo è.

  • Dalla citazione precedente Aristotele sembra fornire una definizione molto astratta di luogo. Sembra che egli si riferisca a uno spazio astratto ideale in cui identificare le posizioni di oggetti e fenomeni, qualcosa di simile a quello che oggi chiamiamo sistema di riferimento cartesiano, cioè uno spazio astratto che ci serve a individuare la posizione degli oggetti. Questo è molto diverso dal vuoto degli atomisti perché il sistema di riferimento non è parte del mondo, mentre il vuoto, per gli atomisti, lo è.

  • Tuttavia subito dopo leggiamo:



Qui sembra invece espressa una concezione ingenuamente intuitiva del mondo fisico:

  • Qui sembra invece espressa una concezione ingenuamente intuitiva del mondo fisico:

  • 1) centro del cielo occupato, di fatto dalla Terra;

  • 2) estremità della conversione = poli del mondo;

  • 3) il leggero va naturalmente all’alto;

  • 4) dunque esistono un alto e un basso assoluti.

  • Fisica Δ, 212 a 20-29.



Conciliamo quanto Aristotele afferma sul luogo e quanto sull’universo: il luogo è un sistema di riferimento, non è l’universo, né parte di universo. Tuttavia non è un sistema di riferimento arbitrario, ma assoluto. La sua origine è nella Terra e la direzione principale (questo detto intuitivamente) è la direzione dei poli della Terra. Attorno a questo asse si svolge la rotazione diurna con la Terra immobile.

  • Conciliamo quanto Aristotele afferma sul luogo e quanto sull’universo: il luogo è un sistema di riferimento, non è l’universo, né parte di universo. Tuttavia non è un sistema di riferimento arbitrario, ma assoluto. La sua origine è nella Terra e la direzione principale (questo detto intuitivamente) è la direzione dei poli della Terra. Attorno a questo asse si svolge la rotazione diurna con la Terra immobile.

  • Fisica Δ, 212 b 20-23.



Abbiamo dunque risposto alle prime due domande:

  • Abbiamo dunque risposto alle prime due domande:

  • 1) cosa è il luogo in sé;

  • 2) cosa è il luogo quanto alla posizione degli oggetti nell’universo. In altri termini, idea che agli enti spetti un luogo per natura.

  • L’alto e il basso sono direzioni assolute. Basso verso il centro della Terra, Alto in direzione opposta.

  • Riguardo ai rapporti luogo-vuoto, basti per ora dire che, per Aristotele, il vuoto non esiste, ma ciò non è in contraddizione con l’esistenza del luogo poiché il vuoto sarebbe una componente dell’universo, mentre il luogo non lo è.

  • Vedremo che, coerentemente con l’esistenza di luoghi assoluti, esistono moti assoluti.



Dottrina dei luoghi naturali:

  • Dottrina dei luoghi naturali:

  • Ognuno dei quattro elementi ha una posizione, un luogo naturale assoluto. In ordine dal basso in alto: terra, acqua, aria, fuoco. Lo stato naturale del fuoco è la quiete o il moto verso l’alto se si trova, in quanto trasportato da un moto violento, in uno degli altri tre elementi. Per l’aria si ha quiete o moto verso il basso se è nel luogo del fuoco, verso l’alto se è nell’acqua o nella terra, e così via. Il concetto di ‘per natura e contro natura’ è chiaro.

  • Fisica E, 230 b 10-18.

  • Anche Fisica Θ, 254 b 14-35; 255 a 1-18; 255 b 13-16.



I fondamenti della relatività galileiana sono:

  • I fondamenti della relatività galileiana sono:

  • 1) non esistono luoghi la cui posizione sia assoluta, vale a dire non esistono un alto e un basso assoluti, al contrario di quel che pensavano gli aristotelici;

  • 2) i moti, così come le posizioni dei corpi, sono relativi al sistema di riferimento considerato.

  • 3) a certe condizioni i corpi partecipano del moto del sistema di cui fanno parte.





Per Galileo, tutti i fenomeni fisici che implicano la presenza di accelerazioni sono visti e calcolati nello stesso modo se il vascello sta fermo o si muove di moto uniforme.

  • Per Galileo, tutti i fenomeni fisici che implicano la presenza di accelerazioni sono visti e calcolati nello stesso modo se il vascello sta fermo o si muove di moto uniforme.

  • Cioè le leggi della fisica non cambiano se il sistema di riferimento è fermo o si muove di moto uniforme, cioè inerziale.

  • Anche se Galileo non si esprime direttamente in questo modo, il concetto c’è. Il problema diviene allora comprendere quali moti siano inerziali.



Caratteristiche del meccanicismo cartesiano. L’idea di base è che tutte le azioni avvengano per contatto, non a distanza:

  • Caratteristiche del meccanicismo cartesiano. L’idea di base è che tutte le azioni avvengano per contatto, non a distanza:

  • 1) identificazione di estensione e materia, quindi non può esistere il vuoto.

  • 2) di conseguenza nega l’esistenza di atomi che, avrebbero senso, solo se si ammettesse anche uno spazio in cui gli atomi possano muoversi (questo era tipico, per esempio, dell’atomismo greco: Democrito).

  • 3) Principio di inerzia: «ciascuna cosa, in quanto è semplice rimane per quanto è in sé, sempre nel medesimo stato, e non è mai mutata se non da cause esterne. Così noi vediamo tutti i giorni che se essa è in riposo, non comincia a muoversi da se stessa. Ma quando ha cominciato una volta a muoversi da sé, non abbiamo nemmeno nessuna ragione di pensare che debba mai cessare di muoversi con la stessa forza, durante il tempo che non incontra nulla che ritardi o arresti il suo movimento. Così che se un corpo ha incominciato una volta a muoversi, dobbiamo concludere che continua in appresso a muoversi, e che mai si ferma da se stesso» (In realtà è una sovrinterpretazione affermare che quanto scrive Descartes è equivalente al moderno principio di inerzia).



4) Principio di conservazione della quantità di moto: «Poiché egli [Dio] ha mosso in molte maniere differenti le parti della materia, quando le ha create, e le mantiene tutte nella stessa maniera e con le stesse leggi ch’egli ha fatto osservar loro nella creazione, conserva incessantemente in questa materia una uguale quantità di movimento», II, 36. Il principio va inquadrato tenendo presente che Descartes si poneva il problema di come incidesse la volontà umana sul moto dei corpi e lo risolveva dicendo che le volizioni della res cogitans producono solo un mutamento nella direzione dei moti nella res extensa senza accrescere né diminuire la quantità di moto assoluta.

  • 4) Principio di conservazione della quantità di moto: «Poiché egli [Dio] ha mosso in molte maniere differenti le parti della materia, quando le ha create, e le mantiene tutte nella stessa maniera e con le stesse leggi ch’egli ha fatto osservar loro nella creazione, conserva incessantemente in questa materia una uguale quantità di movimento», II, 36. Il principio va inquadrato tenendo presente che Descartes si poneva il problema di come incidesse la volontà umana sul moto dei corpi e lo risolveva dicendo che le volizioni della res cogitans producono solo un mutamento nella direzione dei moti nella res extensa senza accrescere né diminuire la quantità di moto assoluta.

  • 5) Cartesio considera la quantità di moto solo come scalare, non come vettore. Aggiunge otto regole per gli urti, tutte sbagliate, eccetto la prima.



Dal momento che tutti i fenomeni fisici devono essere spiegati meccanicamente, Descartes avanzò una spiegazione di questo tipo anche per il sistema solare e immaginò che i pianeti ruotassero intorno al sole in un vortice di materia fluida (etere) composta da tre tipi di particelle e che fossero trasportati dal vortice intorno al sole.

  • Dal momento che tutti i fenomeni fisici devono essere spiegati meccanicamente, Descartes avanzò una spiegazione di questo tipo anche per il sistema solare e immaginò che i pianeti ruotassero intorno al sole in un vortice di materia fluida (etere) composta da tre tipi di particelle e che fossero trasportati dal vortice intorno al sole.



Anche la gravità veniva spiegata tramite i vortici: le particelle più sottili di materia tendono a recedere lungo la tangente a causa della forza centrifuga del vortice. Tuttavia incontrano altra materia, quindi tendono ad addensarsi. Le particelle più grandi tendono a recedere meno dalla tangente poiché resistono di più ad esser messe in moto. Quindi sono pressate verso il centro dagli strati di materia più sottile che si sono accumulati all’esterno del vortice.

  • Anche la gravità veniva spiegata tramite i vortici: le particelle più sottili di materia tendono a recedere lungo la tangente a causa della forza centrifuga del vortice. Tuttavia incontrano altra materia, quindi tendono ad addensarsi. Le particelle più grandi tendono a recedere meno dalla tangente poiché resistono di più ad esser messe in moto. Quindi sono pressate verso il centro dagli strati di materia più sottile che si sono accumulati all’esterno del vortice.



1) «Ciascun corpo persevera nel proprio stato di quiete o di moto rettilineo uniforme, salvo che sia costretto a mutare quello stato da forze impresse».

  • 1) «Ciascun corpo persevera nel proprio stato di quiete o di moto rettilineo uniforme, salvo che sia costretto a mutare quello stato da forze impresse».

  • 2) «Il cambiamento di moto è proporzionale alla forza motrice impressa, ed avviene lungo la linea retta secondo la quale la forza è stata impressa»:

  • 3) «Ad ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria: ossia, le azioni di due corpi sono sempre uguali tra loro e dirette verso parti opposte».

  • Principi matematici della filosofia naturale, 1687.



Abbiamo visto, in base al:

  • Abbiamo visto, in base al:

  • 1) concetto di partecipazione di un corpo al moto del sistema inerziale di cui fa parte (Galileo); (in Galileo non chiaro il principio d’inerzia);

  • 2) principio d’inerzia (Newton),

  • Tra due sistemi inerziali si può parlare solo di moti relativi, non si può, cioè stabilire quale sia in quiete e quale sia in moto rettilineo uniforme. La relatività, chiamata galileiana, ci dice che tutte le leggi fisiche riguardanti accelerazioni sono uguali in sistemi del genere. Tutto uguale a parte una traslazione degli assi coordinati del tipo x=vt.

  • Newton si pone allora questo problema: tutti i moti, anche quelli non inerziali, cioè accelerati, sono puramente relativi, o esiste un sistema di riferimento privilegiato in cui si può parlare di moti accelerati assoluti?



Newton comincia la discussione (Scolio alle Definizioni) introducendo il concetto di tempo assoluto:

  • Newton comincia la discussione (Scolio alle Definizioni) introducendo il concetto di tempo assoluto:

  • «Il tempo assoluto, vero, matematico, in sé e per sua natura senza relazione ad alcunché di esterno, scorre uniformemente, e con altro nome è chiamato durata; quello relativo, apparente e volgare, è una misura (esatta o inesatta) sensibile ed esterna della durata per mezzo del moto, che comunemente viene impiegata al posto del vero tempo: tali sono l’ora, il giorno, il mese, l’anno».

  • Pochi dubitavano, fino ad Einstein, dell’esistenza di un tempo assoluto, in cui avvengono i fenomeni e che sia indipendente dal nostro modo di misurarlo. Quindi Newton non si sofferma sul problema.



Spazio:

  • Spazio:

  • «Lo spazio assoluto, per sua natura senza relazione ad alcunché di esterno, rimane sempre uguale e immobile; lo spazio relativo è una dimensione mobile o misura dello spazio assoluto, che i nostri sensi definiscono in relazione alla sua posizione rispetto ai corpi, ed è comunemente preso al posto dello spazio immobile; così la dimensione di uno spazio sotterraneo o aereo o celeste viene determinata dalla sua posizione rispetto alla Terra. Lo spazio assoluto e lo spazio relativo sono identici per grandezza e specie, ma non sempre permangono identici quanto al numero. Infatti se la Terra, per esempio, si muove, lo spazio che contiene la nostra aria, e che, relativamente alla Terra, rimane sempre identico, ora sarà una data parte dello spazio assoluto attraverso cui l’aria passa, ora un’altra parte di esso; e così, senza dubbio, muterà incessantemente».



Qui la cosa è molto più problematica che per il tempo:

  • Qui la cosa è molto più problematica che per il tempo:

  • 1) Lo spazio assoluto è visto come il contenitore dei fenomeni, da cui non è minimamente influenzato;

  • 2) lo spazio assoluto è il garante della validità del principio di inerzia, poiché nello spazio fisico reale, non esiste alcun moto propriamente inerziale;

  • 3) d’altronde non è una pura e mera entità matematica, cioè non è parte del modello del mondo, ha un suo significato fisico, visto che Newton insegnerà come riconoscere i moti rispetto allo spazio assoluto;

  • 4) è quindi un ente esistente fisicamente ma tale che le continue interazioni tra corpi lo rendono quasi senza nessuna relazione con noi. Quasi, non del tutto. Vediamo.



I moti assoluti, cioè, rispetto allo spazio assoluto si distinguono come segue tramite il celebre esperimento del secchio di Newton:

  • I moti assoluti, cioè, rispetto allo spazio assoluto si distinguono come segue tramite il celebre esperimento del secchio di Newton:

  • «Gli effetti per i quali i moti assoluti e relativi si distinguono […] sono le forze di allontanamento dall’asse del moto circolare. Infatti nel moto circolare puramente relativo queste forze sono nulle, mentre nel moto vero e assoluto sono maggiori o minori, a seconda della quantità di moto. Si sospenda un recipiente a un filo abbastanza lungo e si agisca con moto circolare continuo fino a che il filo a causa della torsione si indurisca completamente.



Si riempia il recipiente d’acqua e lo si faccia riposare insieme con l’acqua; lo si muova, poi, con forza subitanea, in senso contrario, in cerchio; allora, allentandosi il filo, continuerà a lungo in questo moto. All’inizio la superficie dell’acqua sarà piana … e poiché il vaso comunica gradualmente la forza all’acqua, fa in modo che anch’essa inizi a ruotare, l’acqua comincerà a ritirarsi a poco a poco dal centro e salirà verso i lati del vaso formando una figura concava. A causa del moto sempre più accelerato salirà via via di più finché, compiendo le sue rivoluzioni insieme al vaso in tempi uguali, giacerà nel medesimo in quiete relativa. Tale ascesa indica lo sforzo di allontanamento dall’asse del moto, e, attraverso tale sforzo si conosce e viene misurato il vero e assoluto moto circolare dell’acqua che è completamente opposto al moto relativo.

  • Si riempia il recipiente d’acqua e lo si faccia riposare insieme con l’acqua; lo si muova, poi, con forza subitanea, in senso contrario, in cerchio; allora, allentandosi il filo, continuerà a lungo in questo moto. All’inizio la superficie dell’acqua sarà piana … e poiché il vaso comunica gradualmente la forza all’acqua, fa in modo che anch’essa inizi a ruotare, l’acqua comincerà a ritirarsi a poco a poco dal centro e salirà verso i lati del vaso formando una figura concava. A causa del moto sempre più accelerato salirà via via di più finché, compiendo le sue rivoluzioni insieme al vaso in tempi uguali, giacerà nel medesimo in quiete relativa. Tale ascesa indica lo sforzo di allontanamento dall’asse del moto, e, attraverso tale sforzo si conosce e viene misurato il vero e assoluto moto circolare dell’acqua che è completamente opposto al moto relativo.



All’inizio, quando il moto relativo dell’acqua nel vaso era massimo, quello stesso moto in nessun modo eccitava lo sforzo di allontanamento dall’asse del moto: l’acqua non tendeva alla circonferenza con l’ascendere verso i lati del vaso, ma rimaneva piana [piana e ferma rispetto a cosa? Allo spazio assoluto risponde Newton] e perciò non era cominciato il vero moto circolare. Dopo, diminuito il movimento relativo dell’acqua, la sua ascesa lungo la parete del vaso indicava lo sforzo di allontanamento dall’asse del moto e questo sforzo indicava che il suo vero moto circolare cresceva continuamente fino al punto massimo in cui l’acqua giaceva in quiete relativa nel vaso. Codesto sforzo, dunque, non dipende dalla traslazione dell’acqua rispetto ai corpi che la circondano e, pertanto il vero moto circolare non può esser definito mediante tale traslazione, …ma dall’allontanamento dall’asse del movimento.»

  • All’inizio, quando il moto relativo dell’acqua nel vaso era massimo, quello stesso moto in nessun modo eccitava lo sforzo di allontanamento dall’asse del moto: l’acqua non tendeva alla circonferenza con l’ascendere verso i lati del vaso, ma rimaneva piana [piana e ferma rispetto a cosa? Allo spazio assoluto risponde Newton] e perciò non era cominciato il vero moto circolare. Dopo, diminuito il movimento relativo dell’acqua, la sua ascesa lungo la parete del vaso indicava lo sforzo di allontanamento dall’asse del moto e questo sforzo indicava che il suo vero moto circolare cresceva continuamente fino al punto massimo in cui l’acqua giaceva in quiete relativa nel vaso. Codesto sforzo, dunque, non dipende dalla traslazione dell’acqua rispetto ai corpi che la circondano e, pertanto il vero moto circolare non può esser definito mediante tale traslazione, …ma dall’allontanamento dall’asse del movimento.»



Fasi dell’esperimento:

  • Fasi dell’esperimento:

  • 1) viene torta la corda che tiene appeso il vaso;

  • 2) viene riempito d’acqua il vaso;

  • 3) viene liberata la corda che si srotola;

  • 4) il vaso si muove subito, ma l’acqua all’inizio è ferma e piana. Ferma rispetto a cosa? Allo spazio assoluto;

  • 5) L’acqua comincia a ruotare e a salire (sforzo di allontanamento dal centro)

  • 6) cresce il moto circolare dell’acqua nel momento in cui diminuisce il moto rispetto al vaso;

  • 7) Poiché i corpi esterni, con i loro moti traslatori, non hanno alcuna incidenza sul moto dell’acqua e poiché non è stata fatta alcuna ipotesi sul moto del vaso, il moto circolare dell’acqua è tale rispetto allo spazio assoluto.



Sforzo di allontanamento dall’asse = forza centrifuga

  • Sforzo di allontanamento dall’asse = forza centrifuga

  • La forza centrifuga è una forza d’inerzia, una forza apparente. La vera forza è quella che fa srotolare il filo del secchio. Se le particelle d’acqua fossero libere di muoversi, appena sottoposte a una forza che genera un moto circolare, partirebbero, grazie al principio d’inerzia (da qui il nome di forze inerziali) per la tangente con la velocità acquisita all’inizio del moto. Poiché non possono uscire dal secchio, premono sulle pareti e cominciano a salire.

  • Quindi, come era intuibile, lo spazio assoluto è strettamente legato, in Newton, al principio d’inerzia.



Il principio d‘inerzia è il vero principio strutturale cosmologico dell‘universo di Newton. Determina infatti anche la forma degli oggetti. Un corpo di forma perfettamente sferica può esistere solo se è fermo nello spazio assoluto. Se ruotasse intorno a un asse, i punti sull’equatore avrebbero velocità maggiore degli altri. Quindi, a causa del principio d‘inerzia tenderebbero a recedere più velocemente lungo la tangente. La pressione esercitata sull‘equatore sarebbe dunque superiore a quella esercitata sulle altre zone e la sfera tenderebbe a trasformarsi in un ellissoide di rotazione.

  • Il principio d‘inerzia è il vero principio strutturale cosmologico dell‘universo di Newton. Determina infatti anche la forma degli oggetti. Un corpo di forma perfettamente sferica può esistere solo se è fermo nello spazio assoluto. Se ruotasse intorno a un asse, i punti sull’equatore avrebbero velocità maggiore degli altri. Quindi, a causa del principio d‘inerzia tenderebbero a recedere più velocemente lungo la tangente. La pressione esercitata sull‘equatore sarebbe dunque superiore a quella esercitata sulle altre zone e la sfera tenderebbe a trasformarsi in un ellissoide di rotazione.



Per Leibniz: da un punto di vista fisico, non ha nessun senso parlare di spazio e tempo assoluti, come fa Newton. Lo spazio è l’ordine della coesistenza dei fenomeni. La sua esistenza è determinata dalle posizioni relative degli oggetti e dai moti relativi.

  • Per Leibniz: da un punto di vista fisico, non ha nessun senso parlare di spazio e tempo assoluti, come fa Newton. Lo spazio è l’ordine della coesistenza dei fenomeni. La sua esistenza è determinata dalle posizioni relative degli oggetti e dai moti relativi.

  • Inoltre non vi è ragion sufficiente per ammettere l’esistenza dello spazio assoluto. Le cose tornano anche con l’ipotesi ontologicamente più debole dello spazio relativo.

  • Riguardo all’esperimento del secchio, Leibniz non entra nell’argomentazione di Newton, ma sostiene che potrebbe fornire un trattamento unificato dei sistemi inerziali e non inerziali, annullando con ciò stesso la necessità dello spazio assoluto. Leibniz non fornì mai questo trattamento ed è praticamente impossibile che, con i mezzi matematici e le conoscenza fisiche dell’epoca, potesse farlo. Questo è proprio ciò che fece Einstein nella teoria della relatività generale.



In connessione con la critica al concetto di spazio assoluto, vi è la polemica di Leibniz contro l‘interazione immediata a distanza. In vari scritto, per esempio nella corrispondenza con Clarke (negli ultimi anni di vita), Leibniz asserisce che ammettere l‘interazione immediata a distanza equivaleva ad ammettere un continuo miracolo.

  • In connessione con la critica al concetto di spazio assoluto, vi è la polemica di Leibniz contro l‘interazione immediata a distanza. In vari scritto, per esempio nella corrispondenza con Clarke (negli ultimi anni di vita), Leibniz asserisce che ammettere l‘interazione immediata a distanza equivaleva ad ammettere un continuo miracolo.

  • Inoltre l’azione immediata a distanza non è coerente con il principio di conservazione della vis viva. Infatti, quando due masse, supposte ferme nello spazio assoluto, si attraggono, nella situazione idealizzata che esistano sono quelle due masse, la quantità totale di vis viva dell’universo aumenta. Questo è incoerente col principio leibniziano. In realtà, per il principio di conservazione dell‘energia meccanica, bisognerebbe considerare anche l‘energia potenziale, non solo quella cinetica.

  • Le critiche di Leibniz non minano, quindi, in niente la fisica newtoniana.



Riguardo alla concezione newtoniana del tempo assoluto, Mach nella sua grande opera La meccanica nel suo sviluppo storico-critico (1883, varie ristampe italiane, Boringhieri) scrive:

  • Riguardo alla concezione newtoniana del tempo assoluto, Mach nella sua grande opera La meccanica nel suo sviluppo storico-critico (1883, varie ristampe italiane, Boringhieri) scrive:

  • «Non siamo in grado di misurare i mutamenti delle cose rapportandoli al tempo. Al contrario, il tempo è un’astrazione, alla quale arriviamo proprio attraverso la constatazione del mutamento, grazie al fatto che per la dipendenza reciproca delle cose non siamo costretti a servirci di una determinata misura. Chiamiamo uniforme quel moto, nel quale incrementi uguali di spazio corrispondono a incrementi uguali di spazio in un moto di riferimento (la rotazione della terra). Un moto può essere uniforme solo in rapporto a un altro. Il problema se un moto sia uniforme in sé è privo di significato. Allo stesso modo non si può parlar di tempo assoluto (indipendente da ogni mutamento). Questo tempo assoluto non può essere commisurato ad alcun moto e perciò non ha valore né pratico né scientifico». (pp. 241-242).

  • Scopo della scienza è scoprire la mutua dipendenza dei fenomeni.



Riguardo allo spazio assoluto, Mach mosse critiche simili a quelle rivolte al tempo assoluto. In particolare, riguardo all’esperimento del secchio, Mach sostiene che: «L’esperimento newtoniano del vaso pieno d’acqua sottoposto a moto rotatorio ci insegna solo che la rotazione relativa dell’acqua rispetto alle pareti del vaso non produce forze centrifughe percettibili, ma che tali forze sono prodotte dal moto rotatorio relativo alla massa della terra e agli altri corpi celesti.» (ivi, p. 249). Non quindi relativo a uno spazio assoluto.

  • Riguardo allo spazio assoluto, Mach mosse critiche simili a quelle rivolte al tempo assoluto. In particolare, riguardo all’esperimento del secchio, Mach sostiene che: «L’esperimento newtoniano del vaso pieno d’acqua sottoposto a moto rotatorio ci insegna solo che la rotazione relativa dell’acqua rispetto alle pareti del vaso non produce forze centrifughe percettibili, ma che tali forze sono prodotte dal moto rotatorio relativo alla massa della terra e agli altri corpi celesti.» (ivi, p. 249). Non quindi relativo a uno spazio assoluto.

  • Mach sostituisce lo spazio assoluto con i moti relativamente alle stelle fisse, così lontane da esercitare azioni minime, così che la fisica dello spazio assoluto è la stessa della fisica relativa alle stelle fisse. Ma il quadro filosofico-concettuale cambia molto, perché le stelle fisse sono qualcosa di cui possiamo avere esperienza visiva diretta, mentre dello spazio assoluto non possiamo avere alcuna esperienza diretta.



Tutto quello che dice Mach è assai plausibile, ma di per sé non mostra l’insostenibilità fisica dello spazio assoluto newtoniano, su cui si era basata la meccanica per due secoli. Caso mai fornisce un quadro epistemologicamente più soddisfacente, ma i risultati fisici non sono diversi da quelli di Newton.

  • Tutto quello che dice Mach è assai plausibile, ma di per sé non mostra l’insostenibilità fisica dello spazio assoluto newtoniano, su cui si era basata la meccanica per due secoli. Caso mai fornisce un quadro epistemologicamente più soddisfacente, ma i risultati fisici non sono diversi da quelli di Newton.

  • È solo con la relatività generale di Einstein – il quale pure si ispirò alle concezioni di Mach – che fu dimostrato come, in effetti le masse lontane, come le stelle fisse, abbiano incidenza su ogni interazione e, soprattutto sulla forma dello spazio stesso. A quel punto lo spazio assoluto non poteva essere più sostenuto da un punto di vista fisico. Nasceva un’altra fisica.



Non esisteva prima di Newton alcun risultato fondato sui fatti, che avrebbe potuto appoggiarsi sulla fiducia di una causalità fisica perfetta. Come nessun altro ha mai fatto prima o dopo di lui, Newton ha indicato il cammino al pensiero, allo studio e alla formazione pratica dell’occidente. Egli non è soltanto il creatore geniale di particolari metodi direttivi, egli ha anche dominato in modo singolare gli elementi empirici conosciuti nel suo tempo e il suo spirito è apparso meravigliosamente ingegnoso nell’argomentazione matematica e fisica. Per tutte queste ragioni egli è degno della nostra alta venerazione. Ma questa nobile figura ha un’importanza anche maggiore di quella dovuta alla sua autorità di maestro perché la sorte lo ha collocato a una svolta dello sviluppo dello spirito umano. Per rendercene esattamente conto, non dobbiamo dimenticare che, prima di Newton, non esisteva alcun sistema ben fondato di causalità fisica capace di cogliere i tratti più profondi del mondo dell’esperienza (Einstein, 1927, 1993, pp. 52-53)

  • Non esisteva prima di Newton alcun risultato fondato sui fatti, che avrebbe potuto appoggiarsi sulla fiducia di una causalità fisica perfetta. Come nessun altro ha mai fatto prima o dopo di lui, Newton ha indicato il cammino al pensiero, allo studio e alla formazione pratica dell’occidente. Egli non è soltanto il creatore geniale di particolari metodi direttivi, egli ha anche dominato in modo singolare gli elementi empirici conosciuti nel suo tempo e il suo spirito è apparso meravigliosamente ingegnoso nell’argomentazione matematica e fisica. Per tutte queste ragioni egli è degno della nostra alta venerazione. Ma questa nobile figura ha un’importanza anche maggiore di quella dovuta alla sua autorità di maestro perché la sorte lo ha collocato a una svolta dello sviluppo dello spirito umano. Per rendercene esattamente conto, non dobbiamo dimenticare che, prima di Newton, non esisteva alcun sistema ben fondato di causalità fisica capace di cogliere i tratti più profondi del mondo dell’esperienza (Einstein, 1927, 1993, pp. 52-53)



Ma nessuno deve pensare che la grande creazione di Newton possa realmente essere sostituita da questa teoria [la relatività] o da una consimile. Le sue idee grandi e chiare conserveranno sempre in avvenire la loro importanza eminente, ed è su di esse che fondiamo ogni nostra speculazione moderna sulla natura del mondo (Einstein, 1934, traduzione parziale in Einstein, 1993, pp. 74-79. Citazione p. 79).

  • Ma nessuno deve pensare che la grande creazione di Newton possa realmente essere sostituita da questa teoria [la relatività] o da una consimile. Le sue idee grandi e chiare conserveranno sempre in avvenire la loro importanza eminente, ed è su di esse che fondiamo ogni nostra speculazione moderna sulla natura del mondo (Einstein, 1934, traduzione parziale in Einstein, 1993, pp. 74-79. Citazione p. 79).

  • Benché siano riconosciuti gli sforzi di Newton per presentare il suo sistema come necessariamente condizionato dall’esperienza e per introdurvi il minor numero possibile di concetti che non potessero riferirsi ai dati diretti dell’esperienza, tuttavia egli ha formulato il principio di Spazio e Tempo. Gliene s’è fatto spesso, di questi tempi, un rimprovero. Ma proprio su questo punto Newton è particolarmente conseguente con se stesso. Egli aveva riconosciuto che le grandezze geometriche osservabili (distanze di punti materiali tra di loro) e la loro corsa nel tempo non caratterizzano completamente i movimenti da un punto di vista fisico. Egli dimostra questa deduzione con la celebre esperienza del secchio. Esiste di conseguenza, al di fuori delle masse e delle loro distanze variabili nel tempo, ancora qualche cosa che è determinante per gli avvenimenti: questo «qualche cosa» egli lo concepisce in rapporto allo «spazio assoluto». Riconosce anche, se le sue leggi del movimento hanno un senso, che lo spazio deve avere una specie di realtà fisica, una realtà della stessa natura dei punti materiali e delle loro distanze. Questa precisa conoscenza dimostra ugualmente la saggezza di Newton e l’esistenza di un lato debole della sua teoria; perché l’impostazione logica di essa sarebbe certo più soddisfacente senza questo concetto vago: in questo caso non si troverebbero nella legge che elementi il cui rapporto con le percezioni è del tutto evidente (Einstein, 1927, 1993, p. 59




Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale