Un abbraccio che rincuora e dona fiducia



Scaricare 0.88 Mb.
Pagina1/83
25.12.2019
Dimensione del file0.88 Mb.
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   83

Sommario

n° 2 Marzo/Aprile

EDITORIALE

Un abbraccio che rincuora e dona fiducia

(Nico Dal Molin)
STUDI

So a chi ho dato la mia fiducia»



(Giancarlo M. Bregantini)
«Colui che vi chiama è fedele»

(Paola Bignardi)

«Amorevoli come una madre...»



(Amedeo Cencini)
PENSIERI

Coraggiosi cercatori di Dio



(Angelo Comastri)
Fede di qualità... vocazione in fedeltà

(Mariano Crociata)
Chiamata e risposta: un’esperienza di senso

(Benedetta Rossi)
«Ti basta la mia Grazia»

(Italo Castellani)
«Mi ha giudicato degno di fiducia»

(Italo Castellani)
LINGUAGGI

Film: Si può fare


(Olinto Brugnoli)

ATTUALITÀ

Educare alla vocazione: un’esperienza di tenerezza

(Leonardo D’Ascenzo)
FORMAZIONE

Si può fare... 2 - Cosa devo fare?



(Beppe M. Roggia)
VETRINA

(a cura di M. Teresa Romanelli)

EDITORIALE



Un abbraccio che rincuora e dona fiducia

di Nico Dal Molin, Direttore del CNV

NICO DAL MOLIN

Il secondo numero di «Vocazioni» raccoglie gli Atti del Convegno Nazio­nale 2009, che abbiamo vissuto insieme a Roma dal 3 al 5 gennaio u.s. e che permette a tanti lettori e lettrici della nostra rivista di poter acce­dere ad un materiale straordinario come ricchezza e forza propositiva.

È stato un Convegno che non ha cancellato o nascosto le nostre tre­pidazioni e paure, ma che sicuramente ha rianimato il lucignolo, talvolta fumigante, della nostra testimonianza vocazionale. In questa cultura narcotizzata e satura, stanca e insieme frenetica, ci siamo sentiti “dol­cemente accompagnati” ad essere profeti e seminatori di fiducia. E questo è un grande dono!

Talvolta le nostre aspettative ci porterebbero a cercare di in­dividuare e raccogliere ricette e suggerimenti immediati, che ci aiutino ad interpretare le vie giuste per rendere più efficace e gratificante un servizio, spesso arduo e difficile, come la semina del Vangelo della Vocazione.

Purtroppo, o per Grazia, non abbiamo a portata di mano la “lampada di Aladino”...!

L’unica certezza che portiamo in noi è questa: la pastorale vocazionale ha davvero bisogno di animatori più coraggiosi ed espliciti, e tali perché più fiduciosi. L’animazione vocazionale ha bisogno di nuovo slancio vitale ed evangelico, di rinnovata creatività, di più voce e più dinamismo, di maggiore attenzione alla qualità della sua presenza nella Chiesa. In una parola, di una più grande fiducia: in se stessa, nella Chiesa, nei giovani, in Dio Mistero buono.

Essa sa, o dovrebbe sapere, “a chi ha dato la sua fiducia”!

Ricordate la pagina del Vangelo di Matteo (14,22-33): Pie­tro affonda nelle acque del lago, ma nella notte c’è un abbraccio che lo salva. Così è per noi: se guardiamo al Signore e alla sua Pa­rola, avanziamo anche nella tempesta; se invece guardiamo a noi stessi, ai nostri limiti e alle mediocrità, iniziamo la discesa nel buio.


Eppure il Signore verrà: verrà dentro la nostra poca fede, la nostra pic­cola e debole fiducia in Lui, per salvarci da tutti i naufragi.

E il nostro grido diverrà abbraccio che rincuora e che salva.



STUDI 1




Condividi con i tuoi amici:
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   83


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale