Un condannato a morte che gode di ottima salute



Scaricare 407.53 Kb.
Pagina1/8
03.06.2018
Dimensione del file407.53 Kb.
  1   2   3   4   5   6   7   8

UN CONDANNATO A MORTE CHE GODE DI OTTIMA SALUTE


lo stato della lingua sarda nella comunità di Scano Montiferro

Analisi storica sulla decadenza della lingua sarda a cura di

Antiogu Cappai-Cadeddu


Indagine statistica a cura di

Roberto Bolognesi.



Hanno collaborato:

Antonella Cappai, Silvia Mongili, Gianfranca Piras, Maria Giovanna Serchisu.

Amos de la difunder su dovere

a sos chi sun ancora in pitzinnia,

sa limba chi tenian una ‘ia

jajos e babos nostros in podere.

Remundu Piras de Biddanoa - 1948

Indice


Duos faeddos pro comintzare..................................................pag.
Introduzione..................................................................................pag
I Quadro storico...............................................................................pag

II Perché?....................................................................


III Indagine sociolinguistica...................................................................................
IV Prospettive.......................................................................................
Riflessioni finali..............................................................................
Congrúos..........................................................................................

In sardu iscrio, in sa limba imparada

Da e totu sena mastru in pitzinnia

In conca mia restadu no b’ada

Né latina né itala poesia

.........................................

Padre Luca Cubeddu de Pattada 1749-1829
Shuagh gun chanaim – shuagh gun anam1(ditzu irlandesu)
Duos faeddos pro comintzare
Totu s’argumentu chi tratat custu liberu si diat poder contare finas comente una paristoria.

Che sun totus sos ingredientes: una bella pitzinna, unu bellu zóvanu, s’amore forte, s’amore cuntrestadu, sos malos iscontza-jogos, sos bonos chi los cheren acontzare, su chimentu eternu tra su Bene e su Male...

E tando aco’ sa paristoria.

B’aiat una ‘orta, tempus meda ma meda innantis de oe, una bella pitzinna che biviat in mesu de su mare atesu atesu da totu sas terras abitadas.

Su babu sou si narait Caos, su podere istremenadu chi che artziat sas terras da sas abas, chi fraigat sas montagnas e isprufundat sos abissos; sa mama sua si narait Armonia, sa fortza gentile chi ammasedat a Caos, li imparat sas bonas maneras, sas trassas e sas artes.

Custa pitzinna fuit bella cantu su sole ei sa luna. Sos ojos suos fuin nieddos e profundos e mandain rajos de misteriu e fritzas incantadoras. Sos pilos suos aian su colore de una notte isteddada de luna noa in su mese de làmpadas.

Issa si narait Sardigna.

Una die est bennidu da s’ Oriente Misteriosu unu cavaglieri bellu che frore, bestidu de pannos nieddos e rujos e armadu de brunzu. Custu cavaglieri si narait Norache.

Addaghi Norache at bidu custa bella virzinella sola sola in mesu de su mare, si sun abaidados e, mira, una lughe at brilladu in sos ojos de ambos: si sun indeosados de unu amore forte, ma gai forte chi an-a nadu ambos paris: A mos cojamos! E cojados si sun-u.

E bivian gai cuntentos chi prus no si podiat, in mesu de su mare, atesu atesu da sas terras abitadas. Babu Caos lis aiat fraigadu montes e istérridu campedas chi mama Armonia aiat ornadu de rios, de arbures e de prantas chi produian frutuarios bonos e bundantes.

Norache bessiat donzi die a campagna e istait fraigande custas domos mannas e tundas cun sos crastos chi acolliat in totue. Nd’ aiat fraigadu medas, mizas e mizas. Fatu su tribagliu, issu, donzi sero, recuiat a domo e s’abratzait istrinta istrinta sa muzere bella sua. Poscas, si cumprendet, da cussu amore mannu mannu fuin náschidos tantos pitzinnos bellos.

Issos cando fuin fatos mannos si che fuin andaos a b-istare in sas turres tundas de pedra chi aiat fraigadu su babbu issoro. Ma no bivian a intro, issos istain a inghiriu de cussas turres, in pinnetas prus minores de pedra, ammuntadas a bortigu. A sas turres bi intrain cadatantu, a cambios de lunas e de istasiones, e inie si drommian e lis benian custas bisiones bellas chi nudrian s’anima issoro ca lis isvelain sos segretos de sa vida e de sa morte.

Poscas issos andain a chilcare sa mama e li contain sas bisiones. Sa mama lis ispiegait su limbazu misteriosu de cussas bisiones e issos si che torrain a domo cuntentos ca aian sas rispostas a sos misterios mannos de s’ esistentzia.

Issos de cussa Connoschentzia fuin atatos, ca de su restu no patian bisonzu de peruna cosa materiale, ne famene, ne sidiu e ne fritu, ca possedian donzi cosa a cumone, si sucurrian pari pari in donzi netzessidade e no b’aiat in mesu issoro ne imbidia ne gelosia e ne odiu, ma amore ebía e su cuntentu de dognunu fuit su cuntentu de totus.

Sos patimentos e traschías de sa Natura, e sa morte matessi, issos no las timian ca in cussas bisiones chi retzian in sas turres de pedra e in sas paraulas de sa mama aian sa Connoschentzia chi lis apaigait su coro.

De gai che fuin colados tempos e annos.

A cando, in d-una die de igerru annuada, nde fuit bennida dae atesu una truma manna manna de ladrones.

Aian ocupadu sas costeras e sas campedas.

Babu Norache e mama Sardigna, paris cun sos fizos, si che fuin fuidos in sos montes. E fuit cumintzada una gherra longa longa. .

Sos fizos de mama Sardigna e babu Norache no perdian ca fuin fortes e aunidos da sa Connoschentzia chi sa mama lis daiat. Ma no resurtain a che catzare atesu s’invasore.

Ma nd’est b-essidu unu traitore tra issos, ca bi at semper una mela manciada in mesu de sas bonas.

Custu at fatu unu pianu cun sos inimigos. Una note an atacadu a s’ improvvisu e si che an furadu presonera a mama Sardigna.

Tando sun comintzados sos Tempos Bugiosos. Sos fizos si sun disisperados ca no aian prus s’ amore de sa mama chi lis isvelait sos segretos de sas bisiones, an perdidu sa Connoschentzia, an perdidu s’unione tra issos e si sun fatos chei sos inimigos issoro; est finida sa paghe, an cumintzadu imbidias e gelosias e odiu a che intrare in sos coros; dognunu cheriat esser a subra de sos ateros ca sa cuntentesa no fuit prus in sa felicidade de totus ma in cussa de sa pessone propia ebía, fuit in su esser ‘distintos ‘ da sos ateros.

E gai an sighidu a biver finas a dies de oe. Como totus istan male ma naran serios chi no faghet a istare mezus e no b’at mediu, ca su mundu est semper andadu gai...

B’at caligunu chi no s’istracat mai de narrer chi tocat de illiberare da sa presonia sa mama, ca issa ebía ischit sos segretos de sa felicidade antiga, sos segretos de sa vida e de sa morte; e cussu matessi narat finas chi tocat de iscultare a un’Ateru, chi fuit bennidu, issu puru, da s’Oriente Misteriosu, cando fuin cumintzados da pagu sos Tempos Bugiosos, e aiat nadu chi po cumprender sos misterios de sa vida e de sa morte e agatare a Deus, tocat de passare in sas malesas de una cunsorza chi si narat ‘Istima-su-Bighinu-che-a-tie-matessi’.

Ma a chie narat custas cosas lu lean po macu ca est finas totu male atrataliadu che unu arragateri, narat isolórios, frastimat e ruspiat in terra, si ratat su paneri finas in cresia, no si faghet s’alba e, de su restu, , no si ponet mai mancu sa cravata.

L’enracinement est peut-être le besoin le plus important de l’âme

humaine. C’est un de plus dificiles à definir. Un être humain a une racine par

sa participation réelle, active et naturelle à l’existence d’une collectivité qui

conserve vivants certains trésors du passé et certains pressentiments d’avenir.

Participation naturelle, c’est-à-dire amenée automatiquement par le lieu, la naissance,

la profession, l’entourage. Chaque être humain a besoin d’avoir de multiples racines.

Il a besoin de recevoir la presque totalité de sa vie morale, intellectuelle, spirituelle, par

l’intermédiaire des milieux dont il fait naturellement partie1.

Simone Weil – L’enracinement, 1943

Introduzione

I dati qui raccolti sullo stato della lingua sarda nella comunitá di ScanoMontiferro, formano il contenuto del capitolo III di questo volumetto, ma abbiamo creduto opportuno inquadrarli in una cornice storica2 piú vasta per poterne evidenziare l’importanza ed il significato che essi hanno per la colletivitá e la funzione che questa stessa ricerca statistica riveste nell’insieme del programma generale della Consulta Comunale di cui è parte. Cioé quella di ‘fare la diagnosi’ della situazione della lingua sarda nella nostra comunitá per poter quantificare quello stato di declino che, giá intuitivamente, è sotto gli occhi di tutti e che, a nostro parere, è conseguenza del disagio piú generale, sia culturale che socio-economico, della comunitá scanese come di buona parte della Sardegna.

Di qui la descrizione a grandi linee del paese e del territorio di Scano. Di qui il rapido esame del percorso storico della nostra comunitá inserito nel teatro complessivo delle vicende europee; questo non per rifare una ricerca storica3 ma per mettere in evidenza i rapporti che legano fra loro la lingua e gli altri aspetti della vita della societá attraverso il tempo e lo spazio. Di qui, infine il riferimento ai fatti piú macroscopici che hanno interessato la nostra comunitá, assieme al resto della Sardegna, nell’ultimo periodo della sua storia, e che sono in atto ancora oggi: la crisi del tradizionale assetto agro-pastorale, l’invasione massiccia della ‘modernitá’ con l’instaurarsi delle nuove abitudini consumistiche e la diffusione dei mass-media, fattori che, assieme a tutta una serie di fenomeni collegati, cambiano radicalmente il quadro socio-economico-culturale precedente.

Abbiamo, cioé, cercato di mettere in evidenza i vari aspetti di un processo di trasformazione che, giá avviato nel corso della storia, oggi è in una fase molto avanzata, e del quale la crisi della lingua e della cultura tradizionali costituisce, come si suol dire, solamente la ‘punta dell’iceberg’.

Tale processo puó rappresentare, ne siamo convinti, anche una crisi di crescita con aspetti positivi, ma non puó essere lasciato a sé stesso, se si vuole che la crescita sia sana, cioé rispettosa di quella irrinunciabile continuitá col passato che sola la puó rendere armoniosa ed autentica.

Questa ricerca appunto, con un allargamento della visuale ben al di lá dei fatti socio-linguistici, vorrebbe dare un contributo per l’orientamento della programmazione generale, e dunque non solo di quella culturale, riguardante il nostro comune.

Infatti nutriamo la speranza che una visione ‘panoramica’, cioé lo sforzo costante di vedere ogni parte collegata col tutto (in questo caso la lingua e la societá inserite organicamente nello spazio geografico e nel tempo storico) , possa illuminare le cause dell’attuale situazione di degrado di questa lingua-cultura e della comunitá umana che ne è portatrice e suggerire rimedi opportuni ed efficaci.

Tale degrado è espresso nelle cifre drammatiche del calo demografico, della disoccupazione, dell’emigrazione ecc... e, in generale, mostra tanti segni di aggravamento nonostante tutti i ‘piani di rinascita’e gli interventi statali o regionali o provinciali... Abbiamo detto ‘cifre drammatiche’, e il termine non appare esagerato, soprattutto se riferito ai tre indici suddetti (del calo demografico, della disoccupazione e dell’emigrazione)...e se riferito, come nel nostro caso, all’ambito ristretto del nostro comune.

In altre parole, sembrerebbe, purtroppo, realistica la previsione che, se continuano le tendenze attuali, in tempi non molto lunghi, Scano subirá la sorte de ‘Sa ‘idda ‘e Sulú’ le cui rovine ancora si possono intravedere nel territorio, ed il cui ricordo è ancora vivo nella memoria collettiva, come dimostra questa strofetta che molti anziani ricordano:



Sa ‘idda ‘e Sulú

Torrada a mata e a ru

Torrada a ru e a mata

Una ‘idda bene fata
La stessa sorte di tantissimi altri villaggi sardi abbandonati e distrutti, nel corso della storia, a causa di pestilenze, incursioni saracene e, in generale, della rapacitá e imprevidenza dei vari dominatori1.

Oggi non pestilenze, non pirati saraceni incombono ma altri pericoli non meno reali, per quanto in apparenza meno cruenti. Pericoli che non sembrano tali perché si presentano dietro le maschere accattivanti del progresso e della modernitá. Essi si chiamano: Consumismo, Fuga dalle Campagne verso le cittá, Centralismo Politico ed Amministrativo, Mancata Valorizzazione delle Risorse Locali, Programmazione impostata esclusivamente sull’aumento del PNL (Prodotto Nazionale Lordo) , dell’attivo della Bilancia Commerciale, sui Parametri di una Crescita basata sopra un Economicismo esasperato, sull’Industrialismo cioè il privilegiamento dell’Industria rispetto all’Agricoltura e di una concezione ‘industriale’ dell’Agricoltura (a forte impatto ambientale) a scapito dell’Agricoltura ‘contadina’ locale e tradizionale (rispettosa dell’ambiente e delle biodiversitá), Gigantismo delle Imprese e Concentrazione Progressiva del Potere Economico e Decisionale in Centri dislocati rispetto al potere politico rappresentativo, sempre piú lontani dalle periferie e sempre meno attenti agli interessi delle stesse ecc. ecc....1

Tutte queste piacevolezze ed altre ancora oggi vanno sotto il nome onnicomprensivo di Globalizzazione, la quale avrá di sicuro anche aspetti e soprattutto potenzialitá positive ma che, se orientata solo o prevalentemente da criteri di profitto e non da principi etici di difesa dell’Uomo e della Qualitá della Vita, porterá inevitabilmente a riprodurre, esasperandoli, quei vecchi mali che prima prendevano il nome di Colonialismo, Neo-colonialismo, Imperialismo.

La conseguenza piú macroscopica sará l’aggravamento intollerabile della tendenza, in atto da sempre, di crescita elefantiaca della ricchezza e del potere nelle grandi metropoli e di decadenza e impoverimento e svuotamento di tutte le aree marginali e di tutti i villaggi. Non è difficile immaginare, in questo quadro, la sorte di aree marginali quali la Sardegna e di villaggi come Scano Montiferro.

Perché siamo convinti che la difesa delle culture minoritarie, e quindi anche delle lingue ‘a rischio’, vada collegata opportunamente con i piú vasti movimenti di critica e di arginamento delle tendenze uniformizzanti che oggi dominano con forza crescente, su scala planetaria, l’economia, il costume, la cultura tendendo ad imporre dovunque un modello unico di pensiero, di stile di vita, di produzione e di consumo. Questo modello di sviluppo, diciamo pure euro-americano, rivela i suoi limiti insuperabili negli altissimi costi energetici e negli squilibri che crea tra aree metropolitane e zone periferiche con il congestionamento sempre piú intollerabile delle prime e la progressiva, altrettanto intollerabile, desertificazione delle seconde. E appare sempre piú chiaro che tale modello non puó essere esteso a tutto il pianeta per i limiti oggettivi delle risorse disponibili. I fallimenti sostanziali dei piani di aiuti al Terzo Mondo (vedasi la sempre piú drammatica urgenza del problema della fame, mai risolto dopo mezzo secolo di tentativi) sono riconducibili alla ostinazione del voler esportare ed estendere dovunque questo modello di sviluppo. Tutto questo senza dimenticare le altre gravissime ingiustizie (drenaggio delle risorse, fuga dei cervelli) e le tensioni internazionali (‘scontro delle civiltá’, terrorismo) che da ció derivano.

Siamo davanti al vecchio problema del rapporto tra cittá e campagna, ma stavolta a un livello tale, planetario, che impone una inversione di rotta pena il collasso totale del sistema mondiale. Si impone la ricerca di nuovi modelli di sviluppo che pongano al centro non la crescita esponenziale della produzione e dei profitti ma la persona umana, il rispetto e la sollecitudine massima per l’essere umano, il porre al centro di tutto il quale implica anche il rispetto massimo per la comunitá in cui esso nasce, si forma e cresce; la comunitá dimensionata anche a misura d’uomo, (il gigantismo non lo è!), secondo modelli di sviluppo diversificati in una visione non piú monocentrica ma policentrica; la comunitá intesa come entitá storica depositaria di un patrimonio di conoscenza, di cultura e di saggezza elaborato nel tempo che è il vero e proprio humus indispensabile per lo sviluppo delle persone.

Riflettiamo su quanto diceva giá trent’anni fa Ernest F. Schumacher: “Se la natura (dello sviluppo economico) è tale da non lasciare al padre niente da insegnare ai propri figli, o ai figli niente da prendere dai loro padri, allora crolla la famiglia. La vita, il lavoro, la felicitá di ogni societá dipendono da certe strutture psicologiche che sono infinitamente preziose e molto vulnerabili. La coesione sociale, la cooperazione, il rispetto reciproco, e, soprattutto il rispetto per sé stessi, il coraggio di fronte alle avversitá e la capacitá di sopportare privazioni, tutto ció e molto altro ancora viene distrutto e scompare quando queste strutture psicologiche vengono danneggiate. Un uomo è distrutto dalla convinzione della propria inutilitá. Nessuna quota di crescita economica puó compensare tali peridite...”1

Crediamo che queste ‘strutture psicologiche preziose’ siano la parte piú importante di quelle culture minoritarie minacciate anche dalla decadenza e scomparsa delle loro lingue.

Come si vede la battaglia in difesa delle lingue-culture minoritarie è qualcosa di piú di un ‘divertissement’di alcuni intellettuali eccentrici o di accademici chiusi nelle loro torri d’avorio. Essa si iscrive nella lotta piú generale contro gli aspetti perversi del neo-liberismo economico che è alla base dei processi di erosione delle piccole economie locali, delle bio-diversitá e di tutte le diversitá culturali.

La libertá per le multinazionali – sostiene Vandana Shiva – comporta la negazione della libertá per gli agricoltori e per i consumatori. ...il ‘libero mercato’ in agricoltura minaccia la sopravvivenza delle popolazioni rurali, dell’ambiente, della salute e delle diverse culture dell’alimentazione... il primo effetto della liberalizzazione è di espellere i piccoli agricoltori dalle campagne...”2

Quanto direttamente queste parole si potrebbero riferire alla situazione di decadenza della economia e della cultura sarda, al flagello dell’emigrazione, alla perdita dell’identitá...!




Condividi con i tuoi amici:
  1   2   3   4   5   6   7   8


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale