Un umanesimo di misericordia



Scaricare 60.5 Kb.
Pagina1/4
28.03.2019
Dimensione del file60.5 Kb.
  1   2   3   4

Diocesi di Sassari
Il CONVEGNO ECCLESIALE DI FIRENZE:

UN UMANESIMO DI MISERICORDIA

don Salvatore Soreca


1. Un sogno da scrivere insieme
Papa Francesco parlando nell’Assemblea generale dei Vescovi del maggio 2014 affermò: “non bisogna fermarsi sul piano, pur nobile, delle idee, per inforcare invece occhiali capaci di cogliere e comprendere la realtà e, quindi, strade per governarla, mirando a rendere più giusta e fraterna la comunità degli uomini.” L’esigenza della priorità dell’ordine della realtà sull’ordine delle idee è stata ampiamente presentata dallo stesso Papa in EG al n. 233:
La realtà è superiore all’idea. Questo criterio è legato all’incarnazione della Parola e alla sua messa in pratica: «In questo potete riconoscere lo Spirito di Dio: ogni spirito che riconosce Gesù Cristo venuto nella carne, è da Dio» (1 Gv 4,2). Il criterio di realtà, di una Parola già incarnata e che sempre cerca di incarnarsi, è essenziale all’evangelizzazione
In tal senso Francesco introduce un concetto di umanesimo potremmo dire concreto, che riguarda il vissuto dell’uomo e il modo in cui la Chiesa vive nella storia ed esprime la sua passione per l’umanità intera. In merito egli sottolinea il primato della carità, come forma della passione per l’uomo, e l’esigenza di una presenza pubblica della Chiesa nell’ottica della misericordia. Questo comporta comunità capaci di riconoscere, interpretare e assumere il primato della carità e l’esigenza di una presenza di misericordia.

Vivere la fede, quindi, prima ancora che comunicare un contenuto chiaro e sintetico, è raccontare le meraviglie che il Signore Gesù opera nella nostra vita, meraviglie di misericordia che animano la carità e contribuiscono a realizzare un agire ecclesiale di misericordia; è raccontare la misericordia con la quale ogni giorno Dio Padre, in Cristo suo Figlio e per l’opera dello Spirito, vivifica la nostra vita. Nella bolla di indizione del Giubileo straordinario della misericordi al n. 2 papa Francesco afferma:


Abbiamo sempre bisogno di contemplare il mistero della misericordia. È fonte di gioia, di serenità e di pace. È condizione della nostra salvezza. Misericordia: è la parola che rivela il mistero della SS. Trinità. Misericordia: è l’atto ultimo e supremo con il quale Dio ci viene incontro. Misericordia: è la legge fondamentale che abita nel cuore di ogni persona quando guarda con occhi sinceri il fratello che incontra nel cammino della vita. Misericordia: è la via che unisce Dio e l’uomo, perché apre il cuore alla speranza di essere amati per sempre nonostante il limite del nostro peccato.



La chiesa fermento del nuovo umanesimo



Condividi con i tuoi amici:
  1   2   3   4


©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale