Una volta disegnavo come Raffaello, ma mi ci è voluta una vita intera per disegnare come I bambini…



Scaricare 0.5 Mb.
28.11.2017
Dimensione del file0.5 Mb.


Dallo scarabocchio al disegno




Una volta disegnavo come Raffaello, ma mi ci è voluta una vita intera per disegnare come i bambini…

  • Una volta disegnavo come Raffaello, ma mi ci è voluta una vita intera per disegnare come i bambini…

  • (Pablo Picasso)

  • Bisogna guardare tutta la vita con gli occhi di un bambino…

  • (Henri Matisse)

  • Il genio non è altro che l’infanzia ritrovata per un atto di volontà…

  • (Charles Baudelaire)



Perché i bambini disegnano? a) per gioco b) per comunicare

  • 2. Come e cosa disegnano?

  • Come è relativo all’età (sviluppo cognitivo)

  • Cosa è relativo all’ambiente che li circonda



Gli anni che precedono l’ingresso a scuola sono spesso descritti come un’età aurea della creatività, un momento nel quale ogni bambino brilla per le sue capacità artistiche. Una volta passati quegli anni tuttavia, sembra subentrare una sorta di corruzione, tanto che moltissimi di noi diventano adulti senza maturare dal punto di vista artistico. (Gardner, 1980)

  • Gli anni che precedono l’ingresso a scuola sono spesso descritti come un’età aurea della creatività, un momento nel quale ogni bambino brilla per le sue capacità artistiche. Una volta passati quegli anni tuttavia, sembra subentrare una sorta di corruzione, tanto che moltissimi di noi diventano adulti senza maturare dal punto di vista artistico. (Gardner, 1980)



Ricci afferma con uno stesso concetto nel modo seguente: “se però il sentimento del bello tarda a prendere forza in loro, l’amore del bello invece procede rapidissimo sino alla giovinezza per diminuire poi in grazia della riflessione dell’esperienza”. (Ricci, 1959)

  • Ricci afferma con uno stesso concetto nel modo seguente: “se però il sentimento del bello tarda a prendere forza in loro, l’amore del bello invece procede rapidissimo sino alla giovinezza per diminuire poi in grazia della riflessione dell’esperienza”. (Ricci, 1959)

  • Il bambino disegna ciò che sa e non ciò che vede. (Lucia Pizzo Russo, 1988)





PRIMO STADIO





Primo stadio si manifesta molto presto fino all’età dei diciotto mesi o molto prima quando il bambino prende coscienza della funzione del mezzo grafico, che è sentito da lui come prolungamento di se stesso, del suo braccio, della sua mano, delle sue dita.

  • Primo stadio si manifesta molto presto fino all’età dei diciotto mesi o molto prima quando il bambino prende coscienza della funzione del mezzo grafico, che è sentito da lui come prolungamento di se stesso, del suo braccio, della sua mano, delle sue dita.







Il foglio richiama dunque il primo contatto, il primo incontro del bambino con l’esterno; un incontro che può esprimersi con tenerezza e confidenza, con apprensione e timore o anche con collera e stizza.

  • Il foglio richiama dunque il primo contatto, il primo incontro del bambino con l’esterno; un incontro che può esprimersi con tenerezza e confidenza, con apprensione e timore o anche con collera e stizza.









È questo che noi chiamiamo lo stadio rappresentativo. Spesso questo scarabocchio-disegno è accompagnato da commenti verbali, più o meno comprensibili, più o meno adeguati ai segni prodotti, potendo questi ultimi prestarsi a differenti interpretazioni, secondo l’impulso del momento, secondo sensazioni o immagini avvertite anche inconsciamente.

  • È questo che noi chiamiamo lo stadio rappresentativo. Spesso questo scarabocchio-disegno è accompagnato da commenti verbali, più o meno comprensibili, più o meno adeguati ai segni prodotti, potendo questi ultimi prestarsi a differenti interpretazioni, secondo l’impulso del momento, secondo sensazioni o immagini avvertite anche inconsciamente.



Il bambino può essere più portato verso l’astrazione che verso la concretezza immaginativa; rappresenterà allora gli esseri e le cose con tratti molto fini e linee spezzate, mentre – nel secondo caso – eseguirà figure arrotondate che in grafologia, si definiscono in grassetto.

  • Il bambino può essere più portato verso l’astrazione che verso la concretezza immaginativa; rappresenterà allora gli esseri e le cose con tratti molto fini e linee spezzate, mentre – nel secondo caso – eseguirà figure arrotondate che in grafologia, si definiscono in grassetto.



TERZO STADIO:



Per gli adulti è motivo di sorpresa sempre rinnovata la triplice distinzione che i bambini riescono a fare tra ciò che scarabocchiano, ciò che disegnano e quella specie di lettera che scrivono e di cui vanno particolarmente fieri. Ad essi fa l’effetto di una magia la possibilità di allineare certi segni, di collegarli tra loro, e sono pienamente consapevoli di voler “dire” e comunicare, qualcosa con questi segni.

  • Per gli adulti è motivo di sorpresa sempre rinnovata la triplice distinzione che i bambini riescono a fare tra ciò che scarabocchiano, ciò che disegnano e quella specie di lettera che scrivono e di cui vanno particolarmente fieri. Ad essi fa l’effetto di una magia la possibilità di allineare certi segni, di collegarli tra loro, e sono pienamente consapevoli di voler “dire” e comunicare, qualcosa con questi segni.









E’ questo lo stadio che recede immediatamente la maturazione intellettuale. E’ molto importante sapere che un tracciato o una linea assolutamente diritti non possono essere naturali per l’essere umano.

  • E’ questo lo stadio che recede immediatamente la maturazione intellettuale. E’ molto importante sapere che un tracciato o una linea assolutamente diritti non possono essere naturali per l’essere umano.

  • La rettilineità non si acquisisce che a poco a poco mediante lunghi e ripetuti sforzi e volontaria disciplina, che non si può esigere di colpo da bambini in età prescolare.



  • L. Bender : il bambino è incapace di tracciare esattamente un quadrato prima dei cinque anni mentre si riesce ad ottenere con maggior frequenza e su vasta scala, un cerchio.



Primo stadio: - vegetativo motorio due/ tre anni

  • Primo stadio: - vegetativo motorio due/ tre anni

  • - piacere cinestetico

  • - movimento di tipo estensivo

  • - fase più autoremunerativa e gratificante

  • Secondo stadio: - immaginativo rappresentativo dai tre/quattro anni

  • - capisce che c’è un rapporto tra movimento e segno

  • - origina uno scarabocchio controllato

  • - stabilisce un rapporto tra mondo interno ed esterno

  • Terzo stadio: - comunicativo sociale dai quattro/sei anni

  • - si ha una costanza di segno

  • - fase di simbolizzazione, pre-scrittura e pre-lettura

  • - passaggio da linguaggio segnico a quello simbolico







Condividi con i tuoi amici:


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale