Università degli Studi di Roma



Scaricare 3.27 Mb.
Pagina1/29
02.06.2018
Dimensione del file3.27 Mb.
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   29

Università degli Studi di Roma

La Sapienza





Facoltà di Psicologia

Indirizzo Clinico e di Comunità

Anno accademico 2003/2004


Drogarsi per Vivere

Una ricerca con Ragazze e Ragazzi del Movimento di Strada a Città del Guatemala



Giuseppe Fulco



Indice




Presentazione …………………………8


parte Prima

tossicodipendenza GIOVANILE nelle Teorie DI RIFERIMENTO

e nella Cultura del Guatemala

CAPITOLO I



1 la droga e la tossicodipendenza nella letteratura…………………...14

1.1 La droga nella storia e nella cultura dell’uomo ……………….14

1.2 I giovani come soggetti ad alto rischio di tossicodipendenza 15

1.3 I giovani come soggetti ad alto rischio di controllo sociale 18



1.3.1 Falsa definizione della droga e del campione dei tossicodipendenti…………………… 18

1.3.2 La tossicodipendenza ed il controllo sociale…………………………………………...20

1.4 I giovani come soggetti attivi del comportamento tossicodipendente……………………………..22



1.4.1 L’età adolescenziale ed il consumo di droghe……………………………………………….23

1.4.2 Dalla cultura famigliare alla cultura della droga nel gruppo…………………………….24

1.5 Le droghe di strada 26



1.5.1 Effetti del consumo e dell’abuso delle sostanze stupefacenti……………………………...26

1.5.2 Conseguenze dell’abuso di droga nelle madri di strada e nel nascituro………………...27

1.5.3 Le principali droghe di strada…………………………………………………………………28

1.6 I giovani e la tossicodipendenza di strada………………………………………………………...34



1.6.1 Il fenomeno dei giovani di strada……………………………………………………………..34

1.6.2 Le “droghe dei poveri”…………………………………………………………………………36

1.6.3 L’abuso di droghe e la banda di strada………………………………………………………38

1.6.4 La risposta sociale…………………………………………………………………………… ...40
Capitolo ii

2 LA DROGA E I GIOVANI DI STRADA IN GUATEMALA……………………………..…43

2.1 Cultura e storia del Guatemala……………………………………………………………..……43



2.1.1 Il Guatemala oggi………………………………………………………………………………44

2.2 La droga nella cultura Maya e nell’epoca post-coloniale…………………….…………………45



2.2.1 Il consumo di droga nella società guatemalteca……………………………………………46

2.3 Droghe e giovani di strada a Città del Guatemala………………………………………………48



2.3.1 Il fenomeno dei giovani di strada…………………………………………………….………48

2.3.2 La callejizaciòn (transizione casa – strada)…………………………………………………51

2.3.3 La sottocultura delle droghe e della vita di strada…………………………………….53

2.4 La risposta sociale al fenomeno dei giovani di strada………………………………..…………55



2.4.1 L’intervento governativo ……………………………………….….…..………………56

2.4.2 Il Foro di Protezione all’Infanzia e Gioventù della Strada...……..……………………57

2.5 Il Movimento dei Giovani di Strada……………………………………………………………59



2.5.1 La pedagogia dell’amicizia liberatrice …….………………………………….………60

2.5.2 Le tappe del processo di coscientizzazione e formazione ………………….……..…...62
PARTE SECONDA

METODOLOGIA DELLA RICERCA

Capitolo III

3 IL DISEGNO DELLA RICERCA ……………………………………………………………...66

3.1 Scopo della ricerca .66

3.2 Il metodo qualitativo……………………………………………..……………………………….. .67

3.3 Ruolo “ricercatore”….……………………………………………………………………………..69

3.4 Il campione ..70

3.5 Trattamento delle informazioni…………… …………….……………………………………….72

3.6 Tecniche di rilevazione………………………… …………………………...………………….....72


      1. Ricerca di documentazione……………………………………………………………………………73

  1. Colloquio relazionale……………………………………………………………………………..……74

  2. Intervista semi-strutturata e lista dei temi…………………………………………………………..75

  3. Osservazioni……………………………………………………………………………………………..80

  4. Colloquio informale di gruppo……………………………………………………………………..…82

  5. Backtalk……………………………………………………………………………………………..…...83

  6. Diario etnografico e diario di bordo……………………………..…..……………………………...84

  7. Documentazione fotografica…………………………………………………………………………..85

  8. Intervista aperta ai testimoni privilegiati………………………………………………………..….86

3.7 Analisi e interpretazione dei dati 86

3.7.1 Presentazione del materiale raccolto…………..………………………………...…… ….87

3.7.2 Commento tematico …………………………………………………………………………….89

3.7.3 Confronti tra i vari momenti della ricerca………………………..………………………….90

3.8 Critiche e limiti della ricerca…………………………………………………….………………...90



PARTE TERZA

TOSSICODIPENDENZA DI STRADA
Risultati delle storie di vita
CAPITOLO IV

4 LA STORIA DI VITA DI PACO……………………………………………………………….. 96

4.1 Presentazione dell’intervistato .96

4.2 Protocollo dell’intervista……………………………………………………………………….…. 96

4.3 Intervista……………………………………………………………………………………….….. 96

4.4 Commento tematico…………………………………………………………………………….... 106



4.4.1 Il significato della droga nella storia di vita di Paco………………………….…….… 106

4.4.2 Processo di uscita dalla dipendenza…………………………………………………… 109
CAPITOLO V

5 LA STORIA DI VITA DI RAMòN………………………………………………………… …112

5.1 Presentazione dell’intervistato 112

5.2 Protocollo dell’intervista……………………………………………………………………… .112

5.3 Intervista………………………………………………………………………………………. .113

5.4 Commento tematico……………………………………………………………………………. 122



5.4.1 Il significato della droga nella storia di vita di Ramòn……………………… …122

5.4.2 Processo di uscita dalla dipendenza………………………………………………………… 123
CAPITOLO VI

6 LA STORIA DI VITA DI JOSè…………………………………………………………….. 127

6.1 Presentazione dell’intervistato 127

6.2 Protocollo dell’intervista……………………………………………………………………… .127

6.3 Intervista……………………………………………………………………………………….. 127

6.4 Commento tematico…………………………………………………………………………… .134



6.4.1 Il significato della droga nella storia di vita di Josè…………………………………… …134

6.4.2 Processo di uscita dalla dipendenza……………………………………………………… …135
CAPITOLO VII

7 LA STORIA DI VITA DI PEDRO…………………………………………………………... 138

7.1 Presentazione dell’intervistato 138

7.2 Protocollo dell’intervista……………………………………………………………………… .138

7.3 Intervista………………………………………………………………………………………. .139

7.4 Commento tematico…………………………………………………………………………… .145



7.4.1 Il significato della droga nella storia di vita di Pedro………………………………… …145

7.4.2 Processo di uscita dalla dipendenza………………………………………………………… 146

CAPITOLO VIII

8 LA STORIA DI VITA DI DIEGO…………………………………………………………… 149

8.1 Presentazione dell’intervistato 149

8.2 Protocollo dell’intervista……………………………………………………………………… .149

8.3 Intervista……………………………………………………………………………………….. 149

8.4 Commento tematico……………………………………………………………………………. 159

8.4.1 Il significato della droga nella storia di vita di Diego…………………………………… 159

8.4.2 Processo di uscita dalla dipendenza……………………………………………………… …160
CAPITOLO IX

9 LA STORIA DI VITA DI KARLA……………………………………………………… …..164

9.1 Presentazione dell’intervistata 164

9.2 Protocollo dell’intervista……………………………………………………………………… ..164

9.3 Intervista……………………………………………………………………………………… ..164

9.4 Commento tematico…………………………………………………………………………… .172



9.4.1 Il significato della droga nella storia di vita di Karla…………………………………… 172

9.4.2 Processo di uscita dalla dipendenza………………………………………………………… 173
CAPITOLO X

10 LA STORIA DI VITA DI GLENDA………………………………………………………… 176

10.1 Presentazione dell’intervistata 176

10.2 Protocollo dell’intervista……………………………………………………………………… .176

10.3 Intervista……………………………………………………………………………………… ..176

10.4 Commento tematico…………………………………………………………………………… .183



10.4.1 Il significato della droga nella storia di vita di Glenda………………………………… 183

10.4.2 Processo di uscita dalla dipendenza………………………………………………………… 184
CAPITOLO XI

11 LA STORIA DI VITA DI Esmeralda…………………………………………………… 187

11.1 Presentazione dell’intervistata 187

11.2 Protocollo dell’intervista……………………………………………………………………… ..187

11.3 Intervista………………………………………………………………………………………. ..188

11.4 Commento tematico…………………………………………………………………………… ..196



11.4.1 Il significato della droga nella storia di vita di Esmeralda……………………………. ..196

11.4.2 Processo di uscita dalla dipendenza………………………………………………………. .197
RISULTATI DELLE OSSERVAZIONI E DEL DIARIO DI BORDO
CAPITOLO XII

12 OSSERVAZIONI SULL’USO DI DROGA NELLA BANDA DI STRADA. ……………..201

12.1 Presentazione della banda della Bolivar………………………………………………………..201

12.2 Osservazione della banda della Bolivar durante le attività del Movimento…………….....201

1. L’astinenza dalla droga .201


  • Commento tematico 202

2. Attività grafica sul tema del consumo di droghe………………………………………………204

  • Commento tematico 205

3. La banda della Bolivar nella casa del Movimento………………………………………….....207

  • Commento tematico 208

  1. Osservazione serale …………………………………………………………………………...210

  • Commento tematico ..211

    1. Osservazioni della banda della Bolivar nella quotidianità della vita di strada……………...213

1. Prima osservazione da solo alla Bolivar 213

  • Commento tematico 214

2. Di ritorno dal Movimento 217

  • Commento tematico 218

3. La legge del più forte 220

  • Commento tematico 221

4. Ultima osservazione …………………………………..…...………………………………….224

  • Commento tematico 225

12.4 Diario di bordo 227

  1. La droga per strada ………………………………………………………………………………….227

  2. La Bolivar di sera……………………………………………………………………………………...228

  3. Da solo con la banda della Bolivar…………………………………………………...….….230

  4. Tempo d’addii o forse di arrivederci.……………….……………………………...……..231

RISULTATI DELLE INTERVISTE AI TESTIMONI PRIVILEGIATI


CAPITOLO XIII

13 Resoconti delle interviste ai testimoni privilegiati……………...…..234

13.1 Presentazione delle interviste e degli intervistati…………………………………………..…..234

13.2 Testimoni del Movimento dei Giovani di Strada……………………………………..……..234


  1. Intervista a Gérard Lutte (fondatore del Movimento)……………………………………………….234

  2. Intervista a Renè Cordero (operatore dell’area di formazione maschile)……………………..237

  3. Intervista a Patty Garcia (operatrice dell’area di formazione femminile)…………………….....240

  4. Intervista a Mario Reynoso (operatore dell’area educativa)……………………………………….243

13.3 Sintesi e commenti personali al primo gruppo di testimoni privilegiati………………………..246

13.4 Testimoni di organizzazioni che lavorano sul fenomeno dei giovani di strada………..…..250



  1. Intervista a Sergio V. Leoni (Presidente della Rete Guatemalteca delle Organizzazioni che lavorano sulla tossicodipendenza)……………………………………………………..….……250

  2. Intervista a Juan Martinez (coordinatore del centro di ricerche urbane Avancso)…….……...256

  3. Intervista a Jaime Tekù (coordinatore dell’UNICEF per l’infanzia e adolescenza di strada)...259

4. Intervista a Ana M. Pilar (terapeuta dei Medici senza Frontiere)………………………..……262

13.5 Sintesi e commenti personali al secondo gruppo di testimoni privilegiati……………………..264



parte quarta

Sintesi DEi risultati e commenti conclusivi

CAPITOLO XIV



14 Conclusioni…………… ………………………………………………………………….270

14.1 Vita prima della strada 272

14.2 “Callejizaciòn” (processo di transizione casa – strada) 274

14.3 La sottocultura delle droghe e della vita di strada 279



14.3.1 La cultura delle droghe di strada………………………………..……………...…….283

14.3.2 Conseguenze dell’abuso di sostanze stupefacenti……..……..……….…….…….…..286

14.3.3 La risposta sociale alla tossicodipendenza di strada…………………………...........288

14.4 Il processo di uscita dalla dipendenza…………………………………………….…………… 291



14.4.1 Il processo di coscientizzazione del Movimento dei Giovani di Strada………………292

Appendice 1: linguaggi della strada 301

Appendice 2: disegni 313

Appendice 3: fotografie 318

Bibliografia 331

siti internet e video - documenti consultati……………………………………………… ……...337



Presentazione
La mia prima conoscenza diretta del fenomeno della tossicodipendenza di strada a Città del Guatemala l'ho avuta nell'estate del 2001 durante un’esperienza di volontariato internazionale.

Tale esperienza è durata circa un mese e mezzo, periodo durante il quale lo shock del confronto con questa dura realtà ha lasciato lentamente il posto alle mie domande. Iniziai così a chiedermi le ragioni di questo fenomeno sociale, che portava i giovani di strada a consumare droga giorno e notte, fino al punto di abusarne e diventarne dipendenti e che spesso, per alcuni di loro significava anche la morte.

Mi domandavo dove fossero le loro famiglie e come fosse possibile che la società, vedendo queste persone giovanissime distruggersi, reagisse con l’indifferenza. Ipotizzavo che la droga svolgesse qualche funzione nella loro vita, ma non immaginavo quale: la mia mentalità occidentale non trovava risposte adeguate.

Col tempo, ho iniziato a comprendere che era proprio la mia prospettiva a non permettermi di capire questa drammatica realtà e, così, tornato in Italia, motivato a saperne di più e, nel mio piccolo, a fare qualcosa per non restare anche io indifferente a tale realtà, ho cercato di documentarmi e di colmare le tante lacune conoscitive che avevo al riguardo.

La mia curiosità sul fenomeno delle droghe e della tossicodipendenza di strada ha dovuto fare i conti da subito con la scarsità di documentazione al riguardo poiché, in campo scientifico, sebbene abbondino spiegazioni medico-psicologiche sulla tossicodipendenza giovanile, sono insufficienti gli studi sulla tossicodipendenza dei giovani di strada.

Le mie domande, i dubbi e le considerazioni varie su questo fenomeno, mi hanno spinto a maturare durante il corso degli studi di Psicologia, l’idea di ritornare per le strade di questa metropoli del centro America e di svolgere uno studio esplorativo sulla tossicodipendenza di strada che, dando voce ai protagonisti di questa realtà, permettesse attraverso le loro testimonianze, di accedere ad una maggiore comprensione della sottocultura delle droghe e della tossicodipendenza di strada.

L’obbiettivo della ricerca è stato quello di tentare di capire come il ricorso alle sostanze stupefacenti (legali ed illegali) permetta a questi giovani non solo di “sopravvivere” nelle difficili condizioni della realtà della strada ma, soprattutto, di “vivere” un’esistenza alternativa a quella frustrante ed opprimente del contesto sociale da cui si distaccano, preferendo la libertà della vita di strada e sognare un futuro migliore ricorrendo all’uso di droghe.

Attraverso lo strumento qualitativo delle storie di vita ho cercato di spiegare come nella vita dei giovani di strada, la droga, spesso abusata dalle figure di riferimento del contesto socio-famigliare da cui provengono, faciliti la transizione verso la strada.

Si nota come le sostanze stupefacenti sostituiscano le funzioni genitoriali, infondendo maggiore sicurezza e coraggio, facciano reagire alla depressione delle umiliazioni e delle violenze subite e, risollevando la propria autostima, diano l’illusoria speranza di una vita diversa.

Ho tentato di capire come il consumo ed anche lo spaccio delle sostanze stupefacenti siano funzionali nel processo evolutivo di questi giovani e li aiutino a costruire, mantenere e rafforzare la propria identità di giovani di strada. Ho voluto indagare come queste persone riescano a sfruttare, attraverso il ricorso alla droga, l’unica possibilità concessagli dal contesto sociale per sentirsi protagonisti del proprio tempo [Girardi 1990] e “trascendere” [Zoja 1985], seppur illusoriamente, l’emarginazione sociale vissuta.

Attraverso le osservazioni ho cercato, invece, di chiarire alcuni aspetti emersi dalle storie di vita, come le dinamiche relazionali sottostanti all’uso ed alla condivisione della droga nella banda di strada, per comprendere come queste siano funzionali ad avere l’“accesso” e la protezione della banda di cui si entra a far parte e come il consumo di droghe possa dare ai membri della banda un senso d’appartenenza, un’identità ed uno status riconosciuto nella sottocultura di strada. Ho provato a descrivere anche come la droga determini le gerarchie tra i membri del gruppo di strada, come essa faciliti la violenza agita all’interno della banda e come quest’ultima protegga i giovani dall’abuso eccessivo di droga ma, allo stesso tempo, ne ostacoli il processo di disintossicazione.

Intervistando i vari testimoni privilegiati ho tentato di ampliare non soltanto la conoscenza della tossicodipendenza di strada data dalle tecniche qualitative suddette, ma anche di comprendere come i fattori sociali ed economici, quali l’assenza dello Stato e la stretta relazione che lo lega agli interessi del narcotraffico, incidano sul fenomeno preso in esame e non offrano ai tossicodipendenti di strada la possibilità di reintegrarsi socialmente.

Riguardo a quest’ultimo aspetto, ho voluto approfondire, in particolare, l’analisi del processo di “liberazione dalla dipendenza della droga e della strada” [Lutte 2001] emerso dalle storie di vita, descrivendo l’intervento del Movimento dei Giovani di Strada. Questo “centro d’accoglienza”, basandosi sulla filosofia dell’amicizia liberatrice, propone un’alternativa sociale non solo alla vita di strada ed all’uso di droghe, ma all’intera cultura coercitiva ed individualista del Paese.

Ho provato a descrivere come attraverso strumenti non terapeutici, quali attività di gruppo e gruppi di auto-aiuto, sia possibile, nel corso delle sei tappe del “processo di coscientizzazione e di formazione” del Movimento, che i giovani di strada imparino ad affrontare le difficoltà e le sfide della loro vita, sostituendo lo strumento “negativo” della droga con i valori “positivi” dell’amicizia liberatrice che si fonda sulla fiducia, la parità e il rispetto reciproco.

Tale processo anti-istituzionalizzante, permette ai giovani di riacquistare fiducia in se stessi, sostituendo, progressivamente, un’identità positiva a quella “oppositiva” del comportamento tossicodipendente [Lutte op. cit.] che si scopre radicato nel contesto sociale. E’ possibile raggiungere questo risultato solo riconoscendosi come i “protagonisti” del proprio cambiamento, e realizzare, così, concretamente, quei sogni di una vita migliore che li avevano condotti per strada ed alla fallimentare scelta della droga.

Naturalmente quest’indagine non intende essere uno studio esaustivo riguardo ad un fenomeno così complesso come la tossicodipendenza di strada. In ogni modo, con tale ricerca si tenta di offrire delle ipotesi interpretative su quest’intricato tema, ipotesi che possano approfondirne l’intelligibilità e che, si spera, contribuisca all’intervento operativo a favore della popolazione di strada.

La ricerca si articola in quattro parti. Nel primo capitolo, partendo da una matrice culturale e storica che descrive il consumo di droga nelle epoche passate fino all’abuso degli ultimi secoli, viene presentata una disamina delle varie teorie di riferimento che affrontano il fenomeno della tossicodipendenza giovanile. Attraverso l’approccio costruttivista-interazionista ci si sofferma, poi, sulla tossicodipendenza dei giovani di strada, di cui sono descritte le principali droghe consumate.

Il secondo capitolo, invece, introdotto da una presentazione storico-culturale, politica ed economica del Paese e dell’uso di droga dall’epoca dei Maya fino all’abuso fattone nell’odierna società guatemalteca, tratta del fenomeno dei giovani di strada e del loro consumo di sostanze stupefacenti nel contesto guatemalteco e, inoltre, presenta l’intervento operativo del Movimento dei Giovani di strada.

La seconda parte è costituita dal terzo capitolo in cui vengono spiegate le tecniche di indagine che caratterizzano lo studio “qualitativo” svolto, il campione dei soggetti che hanno partecipato alla ricerca e, infine, il metodo d’analisi e di presentazione dei dati raccolti, seguiti da alcune critiche e limiti del presente studio.

La terza parte è composta dai capitoli in cui sono riportate le storie di vita dei soggetti nel processo di coscientizzazione del Movimento e di quelli che lo hanno completato, ciascuna introdotta da una presentazione dell’intervistata/o, da un protocollo dell’intervista e completata da un commento tematico sostenuto dalle teorie di riferimento.

Il capitolo successivo riguarda le osservazioni del consumo di droga nella banda di strada, effettuate sia nella sede del Movimento che nello “spazio sociale” [Fabbietti e Remoti 1997] della banda osservata e seguite da un commento tematico; il capitolo è completato da un diario di bordo con alcune note personali sui vissuti emotivi, i dubbi e le mie paure nate nel corso di tali momenti della ricerca.

Nell’ultimo capitolo di questa parte si riportano, invece, le sintesi di due gruppi di interviste ai testimoni privilegiati: quelli del Movimento e quelli di altre organizzazioni guatemalteche che si occupano di tossicodipendenza e dell’appoggio e riabilitazione sociale dei giovani di strada, ciascuno dei quali è seguito da un commento personale.

La quarta ed ultima parte presenta le conclusioni dello studio svolto, in cui sono analizzati i dati dei tre momenti della ricerca sul campo, confrontati tra loro e con le varie teorie di riferimento, per evidenziare la singolarità dei vari contributi empirici ed al contempo per generalizzarne i risultati.

Tre differenti appendici completano questo studio sulla tossicodipendenza di strada e presentano vari tipi di documentazione raccolta durante la ricerca sul campo: i linguaggi della strada; i disegni di alcuni membri della banda osservata che esprimono il personale vissuto in relazione all’uso di droghe; infine, una documentazione fotografica descrive diversi atteggiamenti dei giovani della banda, caratteristici della fase di preparazione, condivisione ed assunzione del solvente: la “droga dei poveri” più usata per le strade di Città del Guatemala [Casa Alianza 1999 e 2004].



Parte Prima

tossicodipendenza GIOVANILE nelle Teorie

DI RIFERIMENTO e nella Cultura del Guatemala


CAPITOLO I

La droga è stata uno dei mezzi peggiori per derubare



questi individui della coscienza di appartenere

alla categoria delle vittime dello sviluppo industriale. […]

Non può essere seriamente contestato che tra aumento

dell’abuso di droga tra i giovani […] e peggioramento massiccio delle loro condizioni di vita esista un nesso che è stato perfettamente utilizzato a scopi commerciali”.

[Christiane 1981]



1 LA DROGA E LA TOSSICODIPENDENZA NELLA LETTERATURA
1.1 La droga nella storia e nella cultura dell’uomo
Gli studi antropologici hanno evidenziato che l’uomo ha da sempre consumato droghe, ma che queste avessero fini e motivazioni in gran parte diversi rispetto a quelli che possiamo constatare nella nostra cultura [Carrieri e Serra 1999].

Nelle tavolette dei Sumeri,1 antiche di circa 5000 anni, si parlava dell’oppio in un ideogramma tradotto con la parola Hul, che significa gioia, allegria.

Il primo riferimento scritto di una bevanda alcolica sembra risalire ad un papiro egizio del 3500 a.C. in cui già si descrivevano i problemi legati al bere.

Le prime notizie sull’uso della cocaina sembrano risalire addirittura al 3000 a.C., quando nelle tombe dell’antico Perù sono state ritrovate statuine di terracotta raffiguranti individui che masticano foglie di coca.

L’uso della canapa come sostanza medicamentosa venne descritta nell’erbario medico dell’imperatore She Nung dell’antica Cina, nel 2000 a.C, mentre nei testi Rigveda della vicina India, nel 1500-1000 a.C., si citò per la prima volta, la canapa come una delle piante che liberano dall'ansia.

Anche in campo scientifico non mancano esempi che dimostrano come il consumo di sostanze psicoattive fosse d’uso comune tra molti maestri del sapere; molti studiosi, quali Ippocrate, Teofrasto e Galeno, hanno elogiato nei loro scritti l’oppio e le sue qualità analgesiche. Diversi secoli dopo anche Freud e, soprattutto, Koller esaltarono l’importanza medicamentosa della cocaina, la cui diffusione aveva avuto inizio in Europa a seguito della colonizzazione dell’America Latina.

Nei secoli Settecento ed Ottocento le droghe erano ancora molto diffuse negli ambienti borghesi, principalmente francesi ed inglesi, e venivano usate da molti artisti, come Baudelaire, Rimbaud, Coleridge, De Quincey, per sostenere il proprio sforzo creativo, poetico, grazie all’accesso a “mondi paralleli”.

In seguito alla rivoluzione industriale migliorarono gli scambi commerciali tra l’Inghilterra e la Cina, fino a quando, verso metà Ottocento, la prima e seconda guerra dell’oppio mostrarono, con i primi fenomeni di intossicazione di massa della popolazione cinese, gli effetti nefasti del fiorente commercio di droga fatto dalla inglese Compagnia delle Indie, che pagava proprio con oppio lo scambio di materie pregiate come the, seta, porcellane ed argento.

In seguito, l’oppio e la morfina si diffusero anche nella classe operaia inglese per potenziare al massimo i livelli della produzione industriale; il fenomeno venne denunciato anche da Engels nelle sue inchieste. L’intossicazione da oppio faceva parte della “sindrome della miseria” [Santino e La Fiura 1993], della condizione operaia, considerata come la manifestazione di condizioni di vita disumane.

Successivamente, durante le grandi guerre (di secessione, prima e seconda guerra mondiale e poi del Vietnam) i soldati sono stati mandati al fronte sotto i potenti effetti dell’eroina, della morfina e dell’anfetamina.

Dall’Ottocento in poi, varie leggi sono state emanate, sia in Oriente che in Occidente, per cercare di arginare il fenomeno senza riuscire, però, a bloccare l’abuso di droga diffusasi tra tutte le classi sociali. A seguito delle leggi emanate, inoltre, il consumo di un certo tipo di droga diventò illegale e ciò alimentò lo sviluppo del narcotraffico.

E’ soprattutto durante il Novecento che l’uso massiccio di droghe interessa maggiormente i gruppi giovanili: inizialmente in America ed in seguito in Europa si diffonde l’abuso di sostanze psicoattive, quali anfetamine e barbiturici e poi l’uso di derivati della canapa indiana, eroina e cocaina, determinando la diffusione a carattere epidemico della tossicodipendenza [Carrieri e Serra 1999].

Dal naturale consumo di droga che veniva fatto in passato, dunque, si è giunti all’attuale abuso delle sostanze stupefacenti, che hanno assunto un valore diverso nell’immaginario umano, sia in chi le consuma che, soprattutto, in chi non le consuma; considerare queste sostanze “pericolose” ed “illegali” ha cambiato, infatti, anche il modo in cui viene percepito il soggetto tossicodipendente.
1.2 I giovani come soggetti ad alto rischio di tossicodipendenza
Prima del Novecento il “modello morale” [Gabbard 2002] considerava gli alcolisti e soprattutto i tossicodipendenti, interamente responsabili del loro stato: erano percepiti come individui edonisti interessati solo alla ricerca del proprio piacere, senza alcuna considerazione per i sentimenti altrui, quindi rei da punire con la detenzione carceraria.

Successivamente, questo sterile approccio a tale fenomeno fu messo in discussione e lentamente sostituito dal “modello medico” [McMurran 1994] che, a differenza del primo approccio, considerava i tossicodipendenti come dei “malati”, sollevandoli così dalla responsabilità della propria condizione, rispetto ai quali bisognava intervenire con trattamenti non punitivi ma di cura farmacologica. Tali “malati” erano visti come persone con un’innata predisposizione alla dipendenza da sostanze esogene, quindi passive ed incolpevoli di fronte alla malattia.

Con lo sviluppo delle scienze psicologiche, si smise di prestare attenzione solo alle cause organiche e si iniziò a considerare sempre più i fattori psichici che potevano causare il ricorso all’abuso di droghe.

Freud [1905] ipotizzava che i “pazienti” in stato di tossicodipendenza fossero fissati alla fase orale e perciò incapaci di distaccarsi da un oggetto d’amore che gli darebbe ciò che gli è mancato dalla soddisfazione dei bisogni primari. La sostanza stupefacente era considerata perciò come un surrogato della figura materna assente o carente nelle sue cure.

In seguito, però, l’originaria interpretazione della tossicodipendenza, come una fissazione ad una fase pregenitale dello sviluppo libidico, venne sostituita da una comprensione maggiormente centrata sul comportamento tossicodipendente, ritenuto “difensivo ed adattivo” piuttosto che “regressivo” e compreso in termini di relazioni oggettuali e di costruzione dell’identità [Khantzian 1980].

L’inizio del consumo di sostanze stupefacenti, che porterebbe poi all’abuso ed alla tossicodipendenza, viene generalmente riferito all’età adolescenziale - giovanile, considerata come il periodo evolutivo più critico per l’individuo. Questa fase della vita, che rappresenta il momento in cui il giovane inizia a distaccarsi dalle figure di riferimento per la costruzione della sua identità, potrebbe portare all’abuso di droga, allorché l’adolescente rivivesse in modo eccessivamente conflittuale ed indefinito, l’angoscia esperita in età infantile durante la sua prima differenziazione dai genitori [Galante 1990].

Kohut [1977; 1984] spiega la tossicodipendenza come la conseguenza della relazione eccessivamente frustrante nel rapporto primario madre-bambino. Il tossicodipendente non sarebbe in grado di tollerare né le frustrazioni per le delusioni nei confronti della madre, né la condizione di dipendenza dal genitore (vissuto come onnipotente ma che in realtà non allevia la sua sofferenza), ed é così che, scoprendo la droga, impara che il suo disagio può essere allontanato da un oggetto esterno ed illusoriamente controllabile.

Bowlby [1980; 1989], ritiene che dalla sfiducia del bambino nella relazione con la figura d’attaccamento, percepita come insicura, si svilupperebbe in seguito il comportamento tossicodipendente nel soggetto caratterizzato, quindi, da un attaccamento ansioso ed immaturo. Sarebbe questo, dunque, il motivo per cui il giovane tossicodipendente smetterebbe di drogarsi allorquando qualcuno si prendesse cura di lui e ricadrebbe nell’abuso appena percepisse la sensazione di essere abbandonato di nuovo.

Il mancato superamento della “fase dello specchio”, vissuta dal bambino tra i sei ed i diciotto mesi di vita, è considerato da Olievenstein [1981] come la causa del futuro abuso di droga. Se in tale fase il bambino non avrà avuto, dall’incontro con lo sguardo della madre, il “rispecchiamento” necessario per riconoscersi come esistenza separata da quella materna (fino a quel momento percepita come fusionale) ma, al contrario, avrà avuto una percezione dell’immagine di sé frammentata ed indefinita, sarà bloccato da tale immagine ad un’esperienza di indifferenziazione. Il rispecchiamento incompleto influirà, dunque, sulla personalità dell’individuo che non sapendo strutturare le proprie difese contro l’angoscia, ricorrerà alla droga per ripristinare temporaneamente la propria interezza, annullando l’indefinizione della fase dello specchio e ritornando al momento precedente di fusione con il sé materno.

Luigi Cancrini [1982] propone, invece, un approccio clinico-psichiatrico, osservando che l’abuso di droghe costituisce per l’individuo un tentativo di fronteggiare da solo livelli di sofferenza percepiti come intollerabili, e distingue quattro tipi di tossicodipendenza:



  • Tossicodipendenze reattive (Tipo A): il contatto con le sostanze stupefacenti avviene dopo un evento a forte risonanza emotiva (delusioni profonde, lutti) come tentativo di proteggere l’individuo dalla sofferenza acuta.

  • Tossicodipendenza sostitutiva di nevrosi attuali (Tipo B): nasconde una nevrosi del soggetto legata a problemi di individuazione del Sé nel periodo adolescenziale e a forte instabilità del sistema famigliare d’origine.

  • Tossicodipendenza associata ad un grave disturbo di personalità (Tipo C): copre disturbi psichici più gravi, rappresenta il tentativo di automedicazione per controllare con la droga la sofferenza data dalla psicopatologia sottostante.

  • Tossicodipendenze sociopatiche (Tipo D): in caso di personalità antisociali cresciute in famiglie multiproblematiche. L’uso di sostanze non viene fatto per evitare di soffrire, ma perchè è inteso come unico momento in cui si ottengono benessere e tranquillità personale.

Con il progresso delle teorie sistemiche, si è poi iniziato ad allargare il campo di studio che ha cominciato a prestare attenzione ai processi psichici del soggetto tossicodipendente, nel conteso sistemico dell’organizzazione famigliare. La tossicodipendenza del figlio viene intesa come un sintomo funzionale all’omeostasi del sistema famigliare che distoglie da sé l’attenzione rispetto a possibili problemi, per concentrarsi su quelli causati dalle sostanze psicoattive nel figlio che, a sua volta, può raggiungere, proprio tramite la tossicodipendenza, quello stato di disagio che lo pone al centro delle attenzioni famigliari. L’abuso di droga diventa così, un meccanismo di “pseudo-individuazione” che da una parte rende il giovane indipendente dalla famiglia e dall’altra lo mantiene dipendente, anche dal punto di vista economico [Stanton e Todd 1982].

Nel caso in cui, invece, la “differenziazione” [Bowen 1979] dai genitori avvenisse in modo traumatico, il possibile sviluppo del “copione dell’abbandono”, e cioè il sentirsi marginale ed insignificante nella vita dei propri genitori e nella relazione con altre persone, potrebbe portare l’individuo all’isolamento e alla convinzione di dover contare solo su se stesso [Campanelli 1993]; in questo caso il consumo di droga permetterebbe di sentirsi più autonomo e sicuro, di pensare di portecela fare anche da solo ed avrebbe, inoltre, l’effetto anestetizzante dai ricordi traumatici [Mucelli e Masci 1996].

Concludendo questa breve sintesi delle principali teorie psicologiche sull’abuso di sostanze stupefacenti, è fondamentale osservare che l’eziologia psicologica, attualmente il modello più diffuso negli interventi di cura, sostituisce solo in parte il modello medico. La sostanziale differenza, come detto, sta nella maggiore enfasi data alle cause di origine psicologica rispetto a quelle organiche e ciò comporta che tali problemi vengano “curati” nel contesto delle comunità terapeutiche (in cui comunque non si esclude il ricorso alla terapia medico-farmacologica).

Sebbene, dunque, l’abuso di sostanze psicoattive venga inteso come una strategia disfunzionale per contrastare esperienze e situazioni di disagio e, quindi, si riconosca al soggetto tossicodipendente una certa capacità decisionale, si continua a vederlo come un “paziente” da curare e reintegrare nella società “sana”.


1.3 I giovani come soggetti ad alto rischio di controllo sociale
Completamente diverso è l’approccio al problema dell’abuso di droghe del modello funzionalistico e costruttivistico, sviluppatosi tra gli anni ’60 ed ’80. Questa prospettiva nega che la droga sia una minaccia oggettiva che colpisce in maniera preferenziale i giovani a causa della loro maggiore vulnerabilità, e la ritiene essere il risultato di processi selettivi che riguardano l’area giovanile [Lutte 1987] attivamente prodotti dalla società capitalista, sia per gli enormi interessi economici legati indirettamente col narcotraffico [Lamour e Lamberti 1973; Girardi 1990]; sia perchè la droga permette, soprattutto, un grande potenziale di “controllo sociale” sui giovani, percepiti dalle classi dominanti come portatori di disordine e cambiamento all’ordine costituito [Blumir 1973; Szasz 1974; Arnao 1979].

In particolare, è l’approccio costruttivista che, partendo da un’ottica maggiormente psico-sociale, puntualizza la critica alla prospettiva eziologica sostenendo che la “demonizzazione” della droga e della tossicodipendenza nella società attuale, si fonda su due fuorvianti assunti: da una parte l’erronea distinzione tra droghe legali ed illegali e d’altra parte, un’inesatta definizione del campione che consuma sostanze psicoattive [Lutte op. cit.]. Entrambi gli assunti portano ad un sempre maggiore arricchimento politico-economico della classe dominante e ad un maggiore controllo sociale sui giovani, accusati di trasgredire la legge per il loro consumo di droghe.


1.3.1 Falsa definizione della droga e del campione dei tossicodipendenti
S’intende falsa definizione della droga la rilevanza quasi esclusiva data ad alcune droghe, definite “illegali” (oppiacei, canapa indiana e derivati, allucinogeni), e si considerano meno importanti altre droghe “legali” (alcolici, tabacco, inalanti, psicofarmaci) senza che la distinzione abbia alcun fondamento oggettivo in base a criteri di dannosità, nocività e dipendenza [Arnao 1976].

Girardi [1988] fa un’analisi strutturale del mercato degli stupefacenti e sostiene che la droga, essendo una tra le mercanzie più lucrative, consente sul piano internazionale un’enorme accumulazione di capitale e quindi di potere. In questo contesto, il proibizionismo ha come primo effetto la moltiplicazione del valore di scambio della droga illegale e quindi dei profitti che essa permette, poiché il venditore esige un forte compenso per il rischio che corre. Si creano, così, le condizioni per un traffico illegale estremamente redditizio, come il narcotraffico, che abitualmente reinveste i capitali accumulati in operazioni legali, determinando un intreccio inestricabile tra le due attività economiche che segna in profondità l’intero sistema sociale.

Secondo l’autore, dunque, per lottare in maniera efficace contro la tossicodipendenza, bisogna ridurre il consumo di droga e pertanto colpire il narcotraffico, ma ciò deve essere fatto “all’interno del sistema sociale e culturale dell’attuale società capitalista che ne legittima il traffico ed in cui la droga affonda le sue radici” [Girardi 1990].

La dichiarazione dei Paesi Occidentali della “guerra alla droga” (illegale), che esaspera i rischi delle sostanze stupefacenti proibite, rispetto a sostanze più pericolose (ma legali), risulta perciò, priva di fondamento oggettivo. Non rappresenta, infatti, la reazione ad un pericolo reale, ma ad un “fantasma” costruito dalla società dominante, per reprimere e punire il dissenso e l’insubordinazione, ed al contempo, per arricchirsi nel mercato nero e, dunque, afferma Girardi [1988]: “è la società capitalista ad essere tossicogena”.

Questo ultimo concetto ci porta a discutere del secondo fuorviante assunto: la falsa delimitazione del campione che, contribuendo nella costruzione del fantasma sociale della droga e della tossicodipendenza, determina il controllo sociale a danno dei giovani tossicodipendenti.

Si ritiene che l’universo dei consumatori di droghe sia rappresentato dal tossicodipendente, socialmente ed istituzionalmente conosciuto, in pratica “il deviante, l’emarginato, che è perseguito e punito” [Ciotti 1992], ma nella nostra società esiste anche una diffusa tossicodipendenza che non ha conseguenze sociali o individuali [Lutte 1987].

De Leo [1983] osserva al riguardo, che non sempre il consumare sostanze stupefacenti cade sotto l’attenzione degli altri e perciò, non avendo riscontro pubblico, non porta né ad un atteggiamento né ad una definizione di devianza. Per altre persone lo stesso comportamento di consumo avviene, invece, in modo socialmente visibile e porta a condizioni d’interazione sociale, che conducono ad un’attribuzione di pericolo, di deviazione dalle norme, spesso di delinquenza e criminalità, quindi, è inteso negativamente dalla società e perciò punito a livello normativo. Nel primo come nel secondo caso, non è il comportamento tossicodipendente che cambia, ma il contesto in cui esso si esprime, e ciò modifica profondamente il significato che la società attribuisce all’uso di droga.

Anche Neuburger [1993] sostiene quest’ipotesi della falsa delimitazione del campione partendo dal presupposto che fin dall’antichità l’uomo ha consumato droga in cerimonie religiose, durante pratiche magiche rituali, per fini terapeutici e per modificare lo stato di coscienza, e che solo da un certo periodo storico in poi, il rapporto uomo-droga, dopo secoli di pacifica convivenza, si è alterato diventando uno dei problemi sociali più importanti.

Secondo l’autrice, la società attuale non si preoccupa tanto o solo della droga, ma di “chi si droga”, infatti, finché il consumo di sostanze stupefacenti è rimasto appannaggio di una certa classe sociale, qualunque fosse lo scopo del loro uso, mai nessuno se n’è preoccupato. Sono diventate, invece, fenomeno di massa, quando hanno coinvolto anche fasce economicamente svantaggiate, che non avendo mezzi finanziari per procurarsele sono dovute ricorrere ad atti illegali, e da allora si è cominciato a costruire attraverso i mass-media il fantasma della droga.
1.3.2 La tossicodipendenza ed il controllo sociale
Come osserva Lucchini [1987], la differenza del consumo di droghe dalle epoche precedenti va rintracciata in fenomeni storici molto importanti e nelle sue dirette conseguenze sociali.

La droga, diventata accessibile sia alle classi sociali più povere che dai più giovani, e non più solo agli adulti delle classi ricche, si è rivelata essere il migliore strumento nelle mani di queste minoranze sociali, per denunciare il loro rifiuto di un certo tipo di società e di stile di vita. Utilizzandola come strumento per trasformare i rapporti sociali, per vincere le proprie difese ed entrare in contatto più profondo con gli altri [Lutte 1984], ha determinato perciò l’emergere di una nuova coscienza politica per un progetto di cambiamento sociale [Lucchini op. cit.].

Girardi [1990] ritiene che il ricorso alla droga sia “un tentativo disperato di risposta al problema del senso della vita ma in una realtà illusoria perché nella vita reale ciò è impossibile”. La società capitalista dell’era post-industriale è caratterizzata, infatti, dalla frustrazione selettiva delle alte aspirazioni che crea a livello di massa, soprattutto nei riguardi dei giovani delle classi sociali svantaggiate che si scontrano con le possibilità reali che il contesto sociale d’appartenenza gli offre per soddisfarle [Cloward e Ohlin 1960]. I desideri di ricchezza e di potere sono privilegi preclusi alle masse e convogliati al servizio di minoranze privilegiate che gestiscono l’organizzazione economica, politica e culturale della società [Lutte op. cit.] e quindi, la droga rappresenterebbe una denuncia dell’assurdità del sistema sociale e la possibilità di “esprimere a suo modo una ricerca ansiosa di vita, di alternativa di comunicazione e di amore” [Girardi op. cit.].

E’ questa situazione di messa in discussione dell’ordine sociale attuale che, rappresenta un pericolo per la classe dominante, ed è stata perciò ostacolata proprio con la diffusione delle droghe pesanti tra i giovani [Blumir 1973; Szasz 1977; Arnao 1979].

La droga, da sempre strumento in mano a potenze politiche-economiche e dittature militari, è stata così “mascherata e spacciata tra i giovani come il suo diretto contrario” [Di Cristofaro Longo 1981], proponendo una falsa rottura e liberazione dai legami e dai tabù della società che si contesta e s’intende rifiutare.

La trasgressione giovanile è stata così recuperata e punita come crimine dal sistema sociale, che integrando la tossicodipendenza nel ciclo di diffusione e consumo delle droghe illegali (queste ultime non più utilizzate per un progetto politico ma come fine a se stesse), ha asservito ancor di più i giovani al sistema sociale che pretendevano voler cambiare.

Il controllo sociale ed istituzionale sui giovani è stato in tal modo legittimato e si è potuto accanire soprattutto su quelli provenienti dalle classi popolari che, come detto, vivono maggiormente in condizioni economiche difficili e di emarginazione sociale e perciò più instabili e conflittuali [De Leo 1981].

Dunque, i conflitti generazionali, sociali e politici sono stati, tradotti in problemi individuali o famigliari, che hanno legittimato interventi di tipo penale, medico o psicologico [Lutte 1987]. Negli ultimi anni, inoltre, si è ritornati a forme di controllo sociale di tipo informale [De Leo op. cit.] come la famiglia, la scuola, la chiesa, che pur mantenendo le stesse funzioni del controllo sociale di tipo penale, hanno aumentato, rendendola più complessa, la marginalità, la manipolazione e la dipendenza dei giovani dalle istituzioni [Ceretti e Merzagora 1984].

Nel campo specifico delle tossicodipendenze, Girardi [1990], sostiene che il controllo sociale di tipo informale è rappresentato proprio dalle comunità terapeutiche, che differentemente da quelle di “accoglienza”, non sono intese come un’alternativa al carcere bensì come un’altra istituzione che ne ricalca le gerarchie e le logiche sottostanti, entrambe prodotte dalla cultura punitiva e repressiva del sistema sociale. Con le sue leggi ed i suoi interventi coercitivi, le comunità terapeutiche si occupano in modo assistenziale del giovane che si droga, considerato come incapace d’iniziativa, come “diverso” da “normalizzare” e reintegrare nella società “sana”, sostituendo alla dipendenza dalla droga, la dipendenza dagli operatori, dalle regole delle comunità e, quindi, dal sistema sociale che esse rappresentano. In tal modo, però, non si contribuisce a riabilitare le persone ma a distruggerle, perché in verità “non si lotta contro la droga ma contro i drogati” [Girardi 1988].

La tossicodipendenza, dunque, anziché essere stata intesa come un importante indicatore delle difficoltà dei giovani con gli adulti e la società in generale, è stata colpevolizzata e criminalizzata dal sistema vigente, portando all’inevitabile conseguenza negativa di “aggravare maggiormente il conflitto e l’incomunicabilità tra i giovani e la società che li ha sospinti a quella fallimentare ricerca di alternativa” [Girardi op. cit.].


1.4 I giovani come soggetti attivi del comportamento tossicodipendente
L’approccio costruttivista, pur non negando che la tossicodipendenza giovanile sia legata a fattori economici, politici e sociali, riconosce l’importanza delle funzioni psicologiche, individuali e di gruppo, elaborate attraverso l’interazione dell’esperienza della droga ed i rapporti interpersonali, famigliari e con le altre istituzioni sociali. A differenza dei modelli eziologici, quindi, il modello costruttivista vuole evidenziare anche “il ruolo attivo del soggetto” [De Leo 1982], nel produrre il comportamento tossicodipendente.

Dall’inizio degli anni ’80, infatti, s’iniziano ad osservare [Di Cristofaro Longo 1981; Girardi 1990] sempre maggiori casi in cui la persona tossicodipendente proviene da “realtà famigliari e sociali straordinariamente normali” [Ciotti 1992] e quindi, appare evidente che non si può ritenere la sola povertà economica delle classi socialmente svantaggiate come la causa fondamentale che genera il comportamento tossicodipendente e si afferma pertanto, il ruolo attivo del soggetto nell’agire il comportamento tossicodipendente.


1.4.1 L’età adolescenziale ed il consumo di droghe
Per comprendere a fondo il fenomeno della tossicodipendenza giovanile, dunque, bisogna fare attenzione non soltanto al contesto di marginalità sociale in cui essa si sviluppa, ma soprattutto al contesto di marginalità del vissuto adolescenziale.

L’emarginazione e la ribellione dell’adolescente verso le istituzioni sociali derivano dalla stessa radice da cui si origina la ribellione e la contestazione all’ordine sociale del comportamento tossicodipendente, poiché, come osserva Lutte [1987] “tutte le condizioni di marginalità sociale sono connesse e dipendono dalla struttura sociale nelle sue articolazioni economiche, socio-culturali e politiche”.

Diverse ricerche [Hendin 1980; Kaplan et al. 1980] sostengono in proposito, che non è tanto il contesto di indigenza a facilitare il ricorso alle droghe, ma che questo sia, in realtà, derivato dal generale bisogno di trascendere uno stato d’insignificanza e marginalità, vissuto dall’adolescente nella contesto sociale.

Zoja [1985], in particolare, sostiene che sia la società odierna, priva di processi iniziatici in cui dar significato al vivere giovanile, a generare sensazioni di non appartenenza sociale che causano la tossicodipendenza, mentre questo fenomeno non esisteva nelle società iniziatiche del passato, che pur conoscevano ed usavano le droghe. Secondo l’autore, quindi, il giovane che non ha la possibilità di sentirsi protagonista nella società contemporanea, approfitta di questa unica possibilità: poter essere un “eroe negativo”, scelta che seppur autodistruttiva gli permette di affermare il suo ruolo e la sua identità. Alexander [1990], a tale proposito aggiunge, che in certi casi “divenire tossicodipendente può risultare meno doloroso o anche fonte di speranza al confronto della percezione del generale fallimento della propria esistenza”.

Da quest’ottica particolare, dunque, si cercherà di comprendere il ricorso alle sostanze stupefacenti, ricollegandolo al più ampio contesto storico-culturale che vede la stessa adolescenza come periodo d’emarginazione e subordinazione al sistema sociale [Lutte 1987].

Parafrasando Gillis [1974] possiamo notare, infatti, che anche l’età adolescenziale non rappresenta un dato di fatto, ma è stata creata socialmente, verso la metà dell’Ottocento, in seguito all’insieme di trasformazioni della condizione dei giovani provocate dal processo d’industrializzazione ed urbanizzazione che li relegò alla marginalità sociale

In tale periodo storico, i gruppi giovanili persero la loro autonomia e l’accesso alla società degli adulti, divenendo dipendenti dalla famiglia ed assoggettati al controllo di altre istituzioni e delle scienze mediche e psicologiche che, spesso, furono invocate per giustificare il controllo e le restrizioni imposte ai giovani [Ariès 1972].

Il motivo per cui il fenomeno della tossicodipendenza si è sviluppato soprattutto nelle classi popolari può essere chiarito ancora da Gillis, che osserva come l’avvenuta esclusione sociale colpì, inevitabilmente, soprattutto i giovani delle classi più deboli che già vivevano in condizioni difficili e che, come unica alternativa per esprimere il proprio dissenso, dovettero ricorrere all’utilizzo di varie forme di estrema contestazione sociale (tra cui come detto l’abuso di droghe) che da allora vennero etichettate come devianti.


1.4.2 Dalla cultura famigliare alla cultura della droga nel gruppo
Da questa prospettiva è possibile spiegare perchè la fuga nella droga, intesa come rifiuto del modello di vita degli adulti, coinvolge sempre in qualche misura la famiglia.

Essa rappresenta il primo luogo in cui l’individuo incontra l’istituzione sociale [Girardi 1990] ed è il primo canale attraverso cui conosce la cultura dominante.

La famiglia, come le altre istituzioni della nostra società, rifiutano all’adolescente lo status autonomo al quale aspira, provocando in questo periodo evolutivo, tensioni ed instabilità emotiva che mantengono il figlio legato al sistema famigliare [Gius 1982].

Il giovane può allora scegliere di cercare il distacco dalla famiglia anche rifiutandosi di corrispondere alle ambizioni genitoriali, spingendosi all’assunzione d’identità negative, in cui “l’adolescente diventa proprio ciò che i genitori non vorrebbero per il figlio, l’essere un deviante, un tossicodipendente” [Erikson 1968]

La necessità di “desatellizzarsi dai genitori” [Ausbel 1977] può passare, oltre che attraverso il comportamento oppositivo della tossicodipendenza, tramite la satellizzazione attorno al gruppo dei pari, caratterizzato da minori vincoli emozionali di dipendenza e che diventa “la fonte primaria di status autonomo durante l’adolescenza” [Lutte 1987].

Becker [1953] evidenzia, a tale proposito, che il gruppo costituisce il contesto principale in cui il giovane si immagina nel rapporto possibile o irreale con le sostanze stupefacenti. Se l’adolescente considera i coetanei, favorevoli alla droga o che già la consumano, come punto di riferimento per le scelte di vita che sta facendo, è più probabile che egli possa essere attratto dall’idea di usarla.

Diversamente dall’uso privato, l’uso di sostanze stupefacenti nel gruppo non è fine a se stesso, ma è uno strumento per “stare ed essere accettato” osserva Di Cristofaro Longo [1981]. L’autrice afferma che l’amicizia, che è “il valore centrale del gruppo”, garantisce all’adolescente che i coetanei propongono modelli credibili, derivanti dall’esperienza e così egli può avere informazioni sulla droga molto diverse e più realistiche di quelle “demonizzate” dagli adulti.

L’adolescente che inizia a consumare droga nel gruppo, “imitando” [Bandura 1977] i comportamenti osservati dai suoi amici, impara a modellare i propri atteggiamenti e le proprie condotte riguardo alle droghe; il “rinforzo sociale” [Skinner 1959] che gli deriva dal gruppo gli permette poi, di interpretare positivamente la sua esperienza delle sostanze stupefacenti e di etichettare correttamente gli effetti attribuiti alle droghe, oppure di ridimensionare eventuali effetti negativi [Johnson 1980].

Così facendo, il giovane si appropria delle definizioni della realtà condivisa dal gruppo, ne adotta i comportamenti ed i valori e riceve, di conseguenza, l’appoggio dai compagni del gruppo di cui anche lui diventa membro. Questa tipo di “iniziazione”, lo rende più libero dai condizionamenti sociali che demonizzano la droga e chi la usa, consentendogli allo stesso tempo di costruire la propria reputazione, la propria immagine ed il proprio ruolo nel gruppo, poiché come afferma Ravenna [1997] “assumere il ruolo di uno che fuma, che beve, che si droga ed esserne riconosciuti anche dagli altri, fornisce una serie d’informazioni di sé, che consente all’adolescente di acquisire lo status di emancipato, forte, adulto”.

Parafrasando Di Cristofaro Longo [op. cit.], si può dire che se da un lato cresce l’emarginazione dei giovani, che raggruppandosi scelgono la droga come rifiuto della società, dall’altro, però, si rafforza la coesione nel gruppo che s’identifica in una cultura alternativa, “la cultura della droga” [Harrison 1988], attraverso cui si acuisce la contestazione giovanile alla società e si accresce la volontà di opporsi al modello culturale tradizionale. La droga usata dal gruppo diventa, così, simbolo di rifiuto di un sistema di vita ed accettazione di valori alternativi, una “opzione culturale”, che muove l’adolescente, dall’iniziale senso di incertezza di prospettive e di costante marginalità della sua esistenza, verso un’identificazione più stabile che si rivela in un nuovo modo di concepire i valori della vita.

Far parte di un gruppo e condividerne la cultura della droga permette, quindi, di allontanarsi dalla cultura famigliare, non tanto perchè si vuole mettere in discussione la famiglia in sé, ma la società e la cultura di cui essa è espressione. Pertanto, afferma Girardi [1990], non solo è sbagliato colpevolizzare il tossicodipendente per il suo stato, ma è errato anche colpevolizzare la famiglia, con definizioni di disfunzionalità, multiproblematicità o patologie varie, perché in tal modo, non si fa altro che deresponsabilizzare, ancora una volta, il sistema socio-culturale attuale in cui si radica il fenomeno.


    1. Le droghe di strada

Utilizzando l’approccio costruttivista-interazionista, si può iniziare ad analizzare il tema della presente ricerca, rappresentato da uno dei fenomeni estremi di malessere sociale: la tossicodipendenza di strada. In tal modo, si vuol cercare di comprendere come il sistema dominante costruisca il fenomeno della tossicodipendenza di strada e come i giovani, consumando droghe e riunendosi in bande, si oppongono provocatoriamente all’indifferenza ed all’esclusione sociale subita.

Nella presente sezione, sono presentati gli effetti ed i rischi derivati dal consumo delle principali droghe di strada (legali ed illegali), che introducono al paragrafo conclusivo di questo capitolo, ossia il ruolo svolto dal consumo di droga nella vita dei giovani di strada.


      1. Effetti del consumo e dell’abuso delle sostanze stupefacenti

Tutte le droghe, producono alterazioni nel messaggio chimico che i neuroni normalmente scambiano a livello del sistema nervoso centrale, che può essere inibito in alcuni casi ed in altri intensificato, provocando modificazioni dell’umore o del comportamento [Bardo e Risner 1985].

I vari effetti psicologici che le sostanze stupefacenti producono, sono determinati in parte dalla loro composizione chimica, in parte dalla modalità d’uso (dosaggio e via di assunzione), ma anche dalle “aspettative” di chi le consuma [Gossop 1987]. Le credenze e le conoscenze che un soggetto ha sulle droghe, il significato che attribuisce ad esse, sono aspetti che possono modificare, anche radicalmente, la sua reazione. L’azione farmacologica di una droga non è dunque sufficiente per produrre quell’insieme di modificazioni psicologiche che in genere si notano in chi la usa. Perché tali effetti si verifichino, è necessario che chi le consuma applichi una specie di “etichettamento psicologico” del suo stato fisiologico ed emozionale.

Il comportamento di abuso di sostanze stupefacenti, è secondo la definizione del DSM-IV [1992], un effetto dell’uso eccessivo e prolungato di una sostanza psicoattiva che è caratterizzato dai seguenti fattori:



  • Tolleranza: gli effetti di una sostanza stupefacente diminuiscono con l’abuso e c’è quindi bisogno di dosi più elevate per raggiungere l’effetto desiderato.

  • Dipendenza fisica: dopo un certo periodo di uso prolungato, la sospensione del consumo di droga determina la sindrome astinenziale.

  • Sindrome d’astinenza: conseguente alla cessazione (o riduzione) dell’assunzione di una sostanza in precedenza abusata, che provoca disturbi fisici.

  • Dipendenza psichica: la sospensione dell’assunzione della sostanza determina disturbi psichici. Questo tipo di dipendenza è spesso causa di ricadute nell’abuso di sostanze psicoattive. Essere dipendenti da una droga non significa solo dipendere dalla necessità della sostanza esterna, ma anche il sentirsi contemporaneamente minacciati da tale bisogno e comunque non riuscire a farne a meno [Nizzoli 1996].




      1. Conseguenze dell’abuso di droga nelle madri di strada e nel nascituro

Nel caso di donne incinte, generalmente, il rischio a cui si espongono consumando droghe, mette in pericolo non solo la loro vita ma, anche quella del futuro bambino.

Lutte [2001] afferma che, a volte è proprio la paura di fare del male al bambino, a spingere le ragazze di strada a sfruttare questo periodo, per lasciare la droga e la strada, anche se non sempre ciò è sufficiente per permettere loro di cambiare vita. Molto spesso, infatti, in prossimità del parto o successivamente, cadute le illusioni magico-onnipotenti [Bondonio 1984], le madri tossicodipendenti non potendo ricoprire una corretta funzione genitoriale, decidono di sfuggirvi ricadendo nella tossicodipendenza in modo sempre più distruttivo.

In ogni modo, il feto sarà esposto ad una varietà di esperienze negative, per cui si deve parlare di gravidanza a rischio, legata all’effetto delle sostanze d’abuso (tipo e quantità di droga assunta) ed a ritmi di vita sregolati della madre (instabilità abitativa, ipoalimentazione) [Tempesta et al. 1987]. L'abuso di alcol o di solvente durante la gravidanza è responsabile, ad esempio, della sindrome fetale alcolica, caratterizzata da anomalie cranio-facciali e cardiache, da alterazioni dell'attenzione e dell'apprendimento; inoltre, non solo l’abuso, ma anche l’astinenza materna, ha conseguenze sul feto e ne ritarda lo sviluppo, poiché il neonato soffre della Sindrome d’Astinenza Neonatale (SAN) che è caratterizzata da ipereccitabilità generalizzata dei sistemi neurali vegetativi e di relazione [Krull in Cancrini M.G. et al. 2000].




      1. Le principali droghe di strada2

Prima di descrivere le varie sostanze stupefacenti consumate per strada, bisogna ricordare che in tale contesto si parla maggiormente di “politossicomania”, [Casa Alianza 1999] ossia la combinazione di diverse droghe in vari dosaggi e, quindi, sia gli effetti sia i rischi, cambiano considerevolmente rispetto a quelli di ciascuna droga considerata singolarmente.



  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   29


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale