Uno degli aspetti più caratteristici dei sistemi conoscitivi umani è la costante



Scaricare 445 b.
03.06.2018
Dimensione del file445 b.



Uno degli aspetti più caratteristici dei sistemi conoscitivi umani è la costante

  • Uno degli aspetti più caratteristici dei sistemi conoscitivi umani è la costante

  • RICERCA DI UN SIGNIFICATO.

  • Questa ricerca avviene ordinando, a livello tacito ed esplicito, l’esperienza e

  • stabilendo una relazione d’insieme fra tutti i processi cognitivi attraverso il

  • progressivo sviluppo di una differenziazione tra sé e non sé.

  • La ricerca di un senso si esprime nel bisogno di risalire dal cosa

  • e dal come (dell’esperienza immediata)

  • al perché delle cose (spiegazioni delle esperienze).



  • “Consiste in un pattern di regole tacite che permette all'individuo di ordinare l'esperienza all'interno di una propria coerenza, elaborando quindi una personale visione di sé e del mondo, in modo da mantenere un senso di continuità individuale, di unicità e di consistenza nel tempo"



  • I principali significati personali individuati da Guidano sono quattro:

  • In pratica l'individuo che interagisce con il mondo (esterno ed interno) applica una propria coerenza di significato che si è strutturata ed organizzata per tutto il suo arco di vita.



Evitante

  • Evitante

  • Genitori esplicitamente rifiutanti

  • A1-A2 Inibiti

  • Evitano contatto con i genitori, non esprimono emozioni e sensazioni (abili nel fingere che va tutto bene).

  • Genitori indifferenti

  • A3 Accudenti compulsivi

  • Che si fa carico dei suoi genitori con attenzioni e cure fisiche, deve meritare l’attenzione degli altri





Ambivalente C (con strategia coercitiva)

  • Ambivalente C (con strategia coercitiva)

  • Genitori abbastanza attenti, che trasmettono l’idea che si vive in un mondo pericoloso e che si può sopravvivere solo con la protezione delle persone di fiducia.

  • Ma quanto più hanno bisogno di essere protetti tanto più probabile è il presentarsi di una discontinuità nella protezione. Proteggono il bambino quando non ne ha bisogno.

  • (genitori fobici)



C1 minacciante più attivi

  • C1 minacciante più attivi

  • C2 disarmante

  • C3 aggressivo

  • C4 indifeso

  • C5 punitivo

  • C6 seduttivo più passivi

  • Amplificano tutti gli stati interni negativi. Tendono a mantenere una costante l’attenzione da parte dei genitori, attraverso il controllo.



Il bambino coercitivo attivo può perdere il suo equilibrio a scuola se non ha il controllo dell’insegnate, il panico non è perdere il contatto con la madre, ma il non avere il controllo quindi successo con il suo atteggiamento coercitivo

  • Il bambino coercitivo attivo può perdere il suo equilibrio a scuola se non ha il controllo dell’insegnate, il panico non è perdere il contatto con la madre, ma il non avere il controllo quindi successo con il suo atteggiamento coercitivo

  • Il bambino coercitivo passivo può perdere il suo equilibrio quando lo lasciano a scuola, i genitori se ne vanno e rimane da solo

  • Si squilibra il primo giorno di scuola o successivamente?





Evitante e ambivalente (componente coercitiva)

  • Evitante e ambivalente (componente coercitiva)

  • Genitori che a volte possono sembrare rifiutanti e molto critici perché vogliono che il bambino sia un modello di perfezione che rispecchi il livello di perfezione da loro richiesto. Solo in questo caso viene riconosciuto.



A4/C compulsivi compiacenti o con componente coercitiva

  • A4/C compulsivi compiacenti o con componente coercitiva

  • Non esprimo mai ciò che realmente sentono, cercano di corrispondere alle aspettative degli altri (sé accettabile nella misura in cui corrisponde alle aspettative dei genitori)

  • Con componente coercitiva= corrisponde alle aspettative dei genitori ma attacca, rimproverando il mancato riconoscimento e attenzioni che si merita (anoressica).





Evitante e ambivalente C

  • Evitante e ambivalente C

  • A = l’aspetto nel corrispondere agli altri, nel senso dell’essere giusti

  • C= coercitivi con il loro partner nel risolvere i dubbi e prendere decisioni.

  • Stile educativo da caserma, no emozioni solo pensiero logico. (es. spiegazioni logiche non a portata dello sviluppo cognitivo del bambino sul perché rompe il vaso)

  • Ambivalenza = 50 % di essere amato 50% di essere odiato



paura dell’incontrollabilità pensieri o comportamenti che resistono oltre la volontà del soggetto “creazioni non proprie”

  • paura dell’incontrollabilità pensieri o comportamenti che resistono oltre la volontà del soggetto “creazioni non proprie”

  • Interazione parentale ambivalente

  • L'espressione delle emozioni deficitaria comunicazione verbale a scapito delle emozioni

  • la propria coerenza ed unitarietà non potrà prescindere da una costante ricerca di certezza in tutti i campi della vita.

  • Così Guidano: "dato che la percezione di un'identità unitaria corrisponde alla certezza di avere un controllo assoluto su di sé, l'ossessivo, grazie all'estrema fiducia riposta nel pensiero, riesce a raggiungere un rigido controllo e un'esclusione delle proprie emozioni, usando come strumento preferenziale le sue competenze linguistiche e logiche". Il suo atteggiamento verso la realtà è caratterizzata da una attenzione verso l'esterno e gli altri molto scarsa, poiché il suo pensiero principale è quello di mantenere una propria coesione attraverso "l'adesione formale a regole astratte" (Guidano, 1988).



  • SCOMPENSO??



Quando viene raggiunto da "perturbazioni"

  • Quando viene raggiunto da "perturbazioni"

  • (stimoli ambientali o interni) nuove dell'ambiente

  • egli cercherà di integrarle con la struttura del già presente.

  • Quando tale integrazione,

  • per molteplici motivi,

  • non è raggiunta

  • l'organizzazione personale

  • potrebbe andare incontro

  • a seri problemi di funzionamento.



+ un sistema è flessibile

  • + un sistema è flessibile

  • + riuscirà a integrare le

  • nuove esperienze

  • Raggiungendo una complessità di significato maggiore rispetto alla precedente con la possibilità di migliorare ulteriormente il proprio funzionamento



La componete sicura B va vista come la parte flessibile e armonica di un bambino evitante (sicuro –riservato) o ambivalente (sicuro-sereno)

  • La componete sicura B va vista come la parte flessibile e armonica di un bambino evitante (sicuro –riservato) o ambivalente (sicuro-sereno)






©astratto.info 2017
invia messaggio

    Pagina principale