Usa – The Hollywood Reporter, Deborah Young



Scaricare 217.02 Kb.
Pagina1/7
13.12.2017
Dimensione del file217.02 Kb.
  1   2   3   4   5   6   7


USA – The Hollywood Reporter, Deborah Young


LEBANON

Bottom Line: A wrenching condemnation of war seen from inside an Israeli tank.


VENICE -- The emotional traumas of young Israeli soldiers drafted into the war with Lebanon in the 1980s are recounted through the eyes of a tank crew in this wrenching concentration of raw emotion directed by Samuel Maoz.

Compared to Ari Folman's sophisticated animation-memory "Waltz With Bashir," another autobiographical film that dealt with the same war, "Lebanon" takes a very different, experiential approach to describe the sheer horror of warfare, rather than its political background. At times it seems the film, which goes heavy on close-ups and dialogue to make the most of a low budget, could have been set during World War II. That said, viewers with a strong interest in Israel and the Middle East are likely to make up the lion's share of the international audience for this disturbing, high-voltage festival film.

The action is set entirely within the claustrophobic confines of an armored tank; the only views of the outside world are through the cross-hairs of the gun barrel. Four hot, grime-streaked, twentysomething soldiers -- Shmuel the gunner, Assi the commander, Herzl the loader and Yigal the driver -- are manning the tank amid deafening noise and a sickening rocking and bumping motion when the vehicle is in motion. No one obeys orders and one by one they go into panic as they realize they have driven into a lethal trap.

Their commanding officer (Zohar Strauss) leads them and a ground force on a mission that at first seems like a piece of cake. All they have to do is to "clean up" a Lebanese town that has already been bombed by the Israeli Air Force and move on to a meeting point. It turns into a nightmare for these soft, panic-stricken soldiers, who can't bring themselves to pull the trigger on combatants and end up killing civilians instead.

This must qualify as one of the most anti-heroic war movies ever made; not a single character can stomach battle or shows the slightest courage towards his comrades, making mockery of a plaque that extols: "Man is steel. A tank is only iron." It is hard to care about these feckless characters, who miss their mothers back at home and seem unable to grasp the basics of what's going on around them. When a Syrian POW is lowered into the tank, they can't fathom his terror on being threatened by a ferocious Phalangist (a Christian Arab) out for his blood.

It the darkness of the tank, the scared boys' wide-eyed, grimy faces are hard to tell apart. What does come through is a visceral horror described without letup or dramatic relief. The long sequence in which they participate in shelling a building where a Christian family is being held hostage by terrorists is all the more powerful for being seen only through the cross-hairs of a gun; actress Reymonde Amsellem is unforgettable as the young mother whose family is killed in front of her eyes.



UK – Screen Daily, Dan Fainaru

LEBANON


Based on the real-life experiences of writer/director Maoz, this grimly-harrowing piece claustrophobically follows four soldiers stuck inside an Israeli tank which has been immobilised for most of the film in enemy territory on the first day of the Lebanon War in 1982.

Set for a place of honour in world festivals and specialised art cinemas, Lebanon was an unusually long time in the making due to problems securing investment and the technical challenges of shooting an entire film inside a tank. It features some of Israel’s brightest young talents, covered in sweat and grime for the most part, convincingly reenacting some of the worst moments of Maoz’s life – possibly not in exact detail, but how he remembers them now.

This is obsessively directed by a man who is obviously still fighting the demons of his past

The plot launches straight into the first day of war, a pleasant June morning with a new gunner (Donat) joining the three other members of the tank crew. Assi (Tiran) is the commander, Igal (Moshonov) the driver, and the assistant gunner, Herzl (Cohen), is in charge of ammunition. The tank is quickly dispatched on its first mission – to accompany a paratrooper unit on the way to a Lebanese village that has already been pummeled by the Air Force. No resistance is expected and none should turn up on the road; it’s just a routine, easy-going summer stroll.

Of course, nothing happens as expected. On the way to the target, one enemy car makes a charge, the tank gunner freezes and a paratrooper is killed as a result. Another car approaches but this time nobody takes any chances - the gunner pulls the trigger, the car is blown to pieces, and the driver lies, fatally wounded on the road screaming “Peace” before he is shot dead out of pity. This is just an introduction to the real action – the unit and the tank reach the wrong village, they kill civilians who are being used as a shield by terrorists and are hit by an RPG missile shot by a Syrian soldier who shouldn’t have been there.

One wounded Syrian is taken prisoner and put inside the tank until they reach a safe haven. Some Phalangists (pro-Israeli Lebanese Christians) are sent in to lead the unit out of the trap it has fallen into. One enters the tank to tell the prisoner in great detail about what is in store for him, while urgent orders to move are stalled for a while as the tank is frighteningly immobilised.

With every new event, the world outside is viewed almost exclusively through the gunner’s telescope. Meanwhile, tension and clashes inside the tank are mounting, with fear and panic growing. The foursome confront the officer in charge of the field operation, Jamil (Strauss).

Effectively shot using minimum lighting and wide angles, mostly in close-up, Maoz’ script takes the picture a visceral level, where war is assessed purely by the animal reactions of the people exposed to it. Coming after two other successful Israeli war films, Beaufort and Waltz with Bashir, Maoz goes even further in rejecting all political, social or ethical considerations and it is fair to assume that part of the audience might feel seriously alienated by this attitude. But for him, it is a highly personal and intimate portrait of 24 hours in hell, and as such, frighteningly convincing.

The plot never attempts to generate rounded psychological portraits of its protagonists or show them developing throughout the film, but ultimately, this is a bloody page of a private diary far more than a thoughtful reflection on war. A technical tour de force for camera, production designer and editor, uniformly well acted and obsessively directed by a man who is obviously still fighting the demons of his past, this may not qualify as entertainment, in the usual sense of the word, but movies are not always supposed to be fun.


USA – Variety, Derek Elley

LEBANON


Visceral, torn-from-the-memory filmmaking that packs every punch except one to the heart, "Lebanon" is the boldest and best of the recent mini-wave of Israeli pics ("Beaufort," "Waltz With Bashir") set during conflicts between the two countries. Ironically, writer-director Samuel Maoz's pic, 99.9% of which is set within an Israeli tank, actually has the least to do with Lebanon per se. The story could be set in any tank, any country, any war -- a cinematic Kammerspiel that's as much a formal challenge for its creator as it is a claustrophobic experience for audiences. With fest kudos, arthouse chances look solid.

The only thing "Lebanon" (set on the first day of the 1982 invasion) and "Bashir" (set three months later) have in common is that both films were directed by actual participants, who've carried the emotional scars to this day. But where "Bashir" helmer Ari Folman extrapolated his experiences into an elaborate structure and animated format, Moaz compresses his own memories into a compact, "Huis Clos"-like drama set over 24 hours in a single location.

The whole film has only three exterior shots, the first of which is of a vast field of droopy sunflowers slightly animated by time-lapse lensing. The viewer is then plunged into the bowels of a lone Israeli tank, at 3 a.m. on the morning of June 6, 1982, as its regular team of three -- cool commander Assi (Itay Tiran), motormouth loader Hertzel (Oshri Cohen) and nervous driver Yigal (Michael Moshonov) -- are joined by new gunner Shmulik (Yoav Donat). All are only in their 20s.

The you-are-there experience commences almost immediately, as the tank trundles across the border and plows through a banana plantation. The outside world is seen only through Shmulik's viewfinder and heard only through the tank's armor plating. When the hatch is occasionally opened, light and sound flood the cramped compartment, but nothing else is seen.

Though the pic is shot in 1.85 and not widescreen, and doesn't have an elaborate soundtrack, sound designer Alex Claude ("Beaufort") and his team do a remarkable job on an evidently low budget, from sloshing water and oil inside the tank to deafening setpieces, such as the sudden shock of coming under heavy fire. A subtly supportive score by Nicolas Becker, which includes almost subliminary sounds on "organic instruments," is a further smart component.

Giora Bejach's lensing, combining 16mm, DV and Red One material into a 35mm print, has a kind of dank beauty in its pools of light cast by a control panel or stray shafts from outside. As the main protags' faces are progressively caked in dirt and sweat, it's sometimes difficult to make out who's talking, but unlike in many other grunt movies, names are helpfully used at frequent intervals.

After they've been briefed by hardass commander Jamil (Zohar Strauss), who lowers himself inside the tank for a chat, the four soon get their first taste of the slow chill of fear. Not for the last time, the tank quartet is temporarily joined by a wounded soldier, putting extra pressure on the protags' relationships, especially between the combative Hertzel and calmer Assi. As the soldiers enter an already bombed city, with orders to clean it of PLO resistance fighters, they find themselves trapped when the tank is incapacitated and they're surrounded by (unseen) Syrian troops.

Pic recalls many other war dramas set in confined spaces -- from Andrzej Wajda's '50s classic, "Kanal," set in the Warsaw sewers, to Zheng Junzhao's 1983 "One and the Eight," set in a pit prison -- with the same blackened, sweat-smeared faces and sense of living incarceration.

With frequent developments outside and visits by Jamil and others, Maoz technically pulls off the feat of keeping the viewer involved during 90 minutes set in a single, cramped location. But he's less successful at forging any emotional bond: Part of the price of deliberately withholding their backstories -- to make them anonymous soldiers -- is that their survival becomes purely a matter of abstract interest.

Whenever the strongly etched and played Jamil is onscreen, or when a crazed Phalangist (Ashraf Barhom) threatens a Syrian hostage (Dudu Tasa) in a disturbing display of psychosis, the dramatic weaknesses of the four main protags are thrown into relief. Performances are OK, but the dialogue is largely functional, and their characters are neither likable nor especially interesting.

It's not a crucial flaw, but it does prevent "Lebanon" from having the emotional clout that would have turned it from a very good dramatic experiment into a great one.




Italy – Ansa Agency

VENEZIA - Tra i film di cui si parlerà molto alla prossima Mostra del Cinema di Venezia c'é indubbiamente Levanon (Lebanon), opera d'esordio dell'israeliano Samuel Maoz. Serio candidato al Leone del Futuro / Premio Luigi De Laurentiis, il film è a firma di un autore che ha alle spalle un serio tirocinio tra documentari e programmi televisivi. Ma questa storia gli appartiene in modo drammaticamente diretto, tanto da aver dichiarato "forse se non avessi covato in fondo alla mente questo progetto la mia vita avrebbe avuto un'altra piega e magari sarei impazzito". Infatti, coscritto appena ventenne, Samuel Maoz fu tra i primi soldati israeliani a varcare la frontiera con il Libano nel giugno del 1982. Coinvolto nei primi scontri, ferito superficialmente a una gamba, il futuro regista avrebbe rimosso quell'episodio fino a quando, due anni fa, non si sarebbe risolto ad affrontare di petto la sua memoria personale e quella collettiva della sua generazione, proprio come accaduto ad Ari Folman, l'autore di Valzer con Bashir, appena un anno fa.

La vera sorpresa di Levanon sta nel raccontare questa storia letteralmente "dal di dentro". Ne sono infatti protagonisti i giovanissimi che, rinchiusi nel loro carro armato, oltrepassano la frontiera libanese per una missione che dovrebbe essere di puro appoggio alle avanguardie di fanteria. Dal microcosmo del tank, il mondo si riduce a una feritoia stretta, da cui per lo più, si guarda attraverso il visore a raggi infrarossi. Il mondo diventa un acquario quasi astratto, in cui le persone umane prendono forma come ectoplasmi, possibili bersagli, incidenti di percorso. I protagonisti della storia - dice il regista - non sono eroi e non vogliono nemmeno diventarlo; ma sono uomini, esposti alla paura, all'inesperienza, allo shock della morte e al terrore di diventare ad ogni istante bersagli mobili. La missione, cominciata quasi come una scampagnata in un campo di girasoli, si trasforma rapidamente in un incubo senza possibile "happy end".




Italy – Ansa Agency

Cinema: a Venezia Levanon di Maoz Il film narra 'dal di dentro' guerra israelo- libanese (ANSA) - ROMA, 26 AGO - Attesa alla Mostra del Cinema di Venezia per Levanon, opera d'esordio dell'israeliano Samuel Maoz sulla guerra israelo-libanese. Dopo l'anteprima veneziana, il film andra' ai festival di Toronto e New York. Coscritto appena ventenne, il regista fu tra i primi soldati israeliani a varcare la frontiera con il Libano nel giugno del 1982. Levanon racconta questa storia letteralmente ''dal di dentro''. Ne sono infatti protagonisti i giovanissimi carristi che oltrepassano la frontiera.


Italy – Primissima, Nicoletta Gemmi

Lebanon, il cinema israeliano conquista il Festival


Segnatevi questo titolo, Lebanon per la regia di Samuel Maoz, in concorso qui alla Mostra di Venezia. Chi ha amato Valzer con Bashir parlerà di momento d'oro per il cinema israeliano in ogni modo raramente abbiamo visto una pellicola così potente contro la guerra realizzata con quattro attori chiusi dentro un carro armato. La soggettiva verso l'esterno passa attraverso il mirino del cingolato mentre quattro soldati israeliani, un prigioniero siriano e un falangista sono i protagonisti dell'orrore di questa infinita guerra che si sta svolgendo in Medio Oriente. Prima guerra del Libano, giugno 1982. Un carro armato guidato da quattro ragazzi ventenni alla loro prima missione viene inviato a perquisire una città nemica mentre le bombe israeliane bombardano il Paese. La missione però sfugge al controllo dei soldati e si trasforma in una trappola mortale. Quando inesorabilmente cala la notte, i quattro si ritrovano intrappolati in un luogo distrutto, impossibilitati a comunicare con il comando centrale e circondati da truppe siriane.

 "Mi ci sono voluti vent'anni - afferma Maoz - per trovare la forza di scrivere la sceneggiatura. Quando ero in Libano la mia vita è cambiata completamente. Questo film ha una forte ispirazione autobiografica e quello che ci tenevo a raccontare era un inferno sensoriale. Volevo che il pubblico sentisse i sentimenti perché in Lebanon il sentire equivale al capire. Volevo in questo modo ottenere che lo spettatore si identificasse con i soldati, non fosse solo colui che guarda ma anche colui che vive la tragedia che ho raccontato con una struttura classica, quella dell'unità di tempo e luogo. Tutto si svolge in una giornata e dentro un carro armato. Tutto ciò dà un senso di claustrofobia al limite del sostenibile, proprio come lo abbiamo vissuto noi soldati durante quella terribile esperienza". Samuel Maoz è nato a Tel Aviv ed è stato inviato in Libano dall'esercito israeliano durante il servizio militare. La scioccante esperienza della guerra e l'orrore sono rimasti stampati a fotogramma fisso negli occhi dell'autore; unica via per cercare di trascendere, anche se parzialmente, il trauma era riversarlo su pellicola. Grandi prove attoriali dei quattro protagonisti su cui è costantemente centrato lo sguardo della macchina da presa, abilissimi nel dare corpo ai soldati prigionieri dell'acciaio e di una guerra che non capiscono. Finanziato dall'Israeli Film Fund, Lebanon, è insieme a Valzer con Bashir, il segno di una nuova sensibilità del cinema israeliano verso una particolare fase della storia del Paese, ben rappresentata da una generazione di registi battezzati in prima linea dal sangue che gli ha fatto versare la terra dalla quale provengono.




Italy – L’Unità, Dario Zonta

Quell’odore di morte che devasta «Lebanon» La pellicola israeliana potrebbe rivoluzionare i pronostici: un film durissimo senza buoni e cattivi, forse da Leone d’Oro - In concorso

Il film israeliano in Concorso potrebbe vincere il Leone d’Oro, o aggiudicarsi qualche premio importante. È il tipico film che arriva a metà festival a sconquassare i pronostici, a riformulare i bilanci, a definire nuove prospettive. È un film durissimo, anche discutibile (almeno per chi è sensibile al senso del limite della rappresentazione, quando si tratta di corpi sventrati in scene di guerra), ma molto potente, e bello, e originale. Il regista Samel Maoz è israeliano, e a 20 anni, come tutti i suoi compagni, ha fatto la leva obbligatoria nel Corpo Corazzato (il proletariato delle Forze Armate israeliane, come lui lo definisce). Fu messo in un carro armato a sparare a bidoni di benzina per fare allenamento. Poi, un giorno, la guerra, quella vera, quella del Libano, nel 1982. E lì non c’erano bidoni finti ma persone vere, e una l’ha uccisa, per davvero, «non per scelta – confessa – né perché mi fu ordinato, ma per una reazione istintiva d’autodifesa». Un’esperienza devastante che ha bruciato nelle narici della sua memoria per decenni, fino a quando è diventato un film per cercare di levarsi l’odore della morte da dentro le narici e comprendere il lutto, degli altri. E l’odore si percepisce in questo film, tutto girato dentro un carroarmato. Un impianto drammaturgico originale, una sorta di dramma da camera in un film di guerra, la piéce teatrale di una tragedia di gruppo, tutta vissuta dal di dentro, mentre fuori l’orrore si scatena e passa dal reticolo del congegno di mira. Non si scende mai dal trabiccolo. Le azioni di guerra, fuori, passano solo attraverso l’occhio del carro, dal mirino del tiratore (alter ego del regista). La guerra è in soggettiva. Samuel Maoz non mette elementi politici nel film. Loro sono gli israeliani, gli altri sono gli arabi. Sono uomini in guerra, pieni di paura, senza gradi militari, solo l’asfissia, il caldo, la puzza, la morte. Il carrarmato è già una tomba, e tutti lo sanno. Non manca la solidarietà, così come descritta in un finale di compassionevole, vero e umano. Per certi versi Lebanon ricorda Walzer con Bashir , seppur imploso dentro, senza più la coscienza del bene e del male, del giusto e dell’ingiusto, dei buoni e dei cattivi.




Italy – Il Sole 24 Ore, Cristina Battocletti




Italy – La Repubblica, Natalia Aspesi

Politica in Mostra - Chavez superstar sul tappeto rosso Da Israele film-shock sulla guerra

«Le bombe al fosforo sono proibite dalla convenzione di Ginevra, ma tu le spari lo stesso, quando ti ordino "fuoco ardente"». «Non stiamo giocando, siamo in guerra,e si spara per uccidere». «Andate verso Nord e bombardate tutto, a destra a sinistra, dovunque, contro tutti». Gli ordini gracchiati dalla radio arrivano a Rinoceronte da Cenerentola: Cenerentola è il comando, Rinoceronte il carro armato israeliano che avanza tra le rovine di una cittadina libanese per coprire un gruppo di soldati.È il 6 giugno dell' 82, inizio della prima guerra del Libano, e dentro quel carro armato ci sono i soldati israeliani Shmulik, Hertzel, Yigal e il loro comandante Jamil: hanno vent' anni, sono nervosi, hanno molta paura e fretta di tornare a casa. La guerra loro la vedono chiusi nello spazio minimo del carro armato, nel rumore assordante del mirino che si sposta in continuazione, e centra i primi inimmaginati orrori; il soldato sventrato dal cecchino e il suo cadavere gli viene buttato dentro, l' occhio del mulo che sta morendo, la ragazza musulmana massacrata, il vecchio bottegaio dagli occhi pieni di odio, i terroristi che in alto si coprono con una famiglia in ostaggio, e gli israeliani li fan fuori tutti, tranne la donna che si aggira nuda tra gli spari, invocando la sua bambina. L' orrore si moltiplica nel chiuso protettivo del carro armato, dove si piange, si vomita, si fa la pipì, si perde la testa. Com' è strana, inimmaginabile la guerra come la racconta Samuel Maoz, 47 anni, di Tel Aviv, in Lebanon in concorso oggi: al cinema non l' abbiamo mai vista così, neppure nel meraviglioso Valzer con Bashir, film di animazione oniricoe poetico sull' episodio più orribile della stessa guerra, la strage di Shabra e Chatila. Non ci sono mediazioni, anche se la produzione è riuscita a fargli attenuare certe scene insopportabili. Dice il regista: «All' alba di quel primo giorno di guerra, ho ucciso un uomo per la prima volta in vita mia. Non eravamo combattenti, non ci sentivamo eroi, non odiavamo nessuno, non avevamo alcuno spirito di abnegazione. Eravamo in trappola, e volevamo solo sopravviveree cercare di non perdere la nostra umanità». Solo venticinque anni dopo è riuscito a cominciare il racconto di quella esperienza: «Prima, ogni volta che iniziavo a scrivere, l' odore della carne umana carbonizzata mi travolgeva e m' impediva di ricordare. Ricordavo solo che, tornato a casa, avevo capito di non essere tornato affatto, ero morto in Libano e mia madre abbracciava un guscio vuoto». Lebanon non ha una tesi politica, non è pro né contro Israele, vuole solo comunicare un' esperienza umana spaventosa, devastante per sempre. A parte le vittime libanesi, là fuori tra le macerie, e i ragazzi israeliani chiusi nel caldo, nel tanfo, nel frastuono, nello sporco di quell' abitacolo d' acciaio, ci sono due altri personaggi forse di maniera, ma anche indispensabili: il siriano fatto prigioniero, con cui non hanno una lingua in comune per capirsi, il falangista demente che comunica al siriano cosa gli farà appena lo avrà tra le mani: prima ti cavo un occhio, poi ti taglio l' uccello, poi... Un modo per ricordare che fu la falange cristiana, alleata di Israele, a massacrare i 3000 palestinesi nel campo profughi di Sabra e Chatila, mentre Sharon voltava la testa dall' altra parte. «Ho passato tutta la mia vita a cercare di perdonarmi», dice Maoz, «ma non ci sono riuscito. Non posso dimenticare la mia responsabilità, sono stato io e nessun altro a spingere il grilletto. Siamo in tanti in Israele ad avere imparato a convivere con questa malattia desolata che non conosce cura». Nel 2006 Maoz aveva cominciato a pensare al film, quando è scoppiata la seconda guerra del Libano. Niente le ferma, le guerre, perché poi in fondo anche lo sconvolgente Lebanon non è che un film.


Italy – Reuters, Roberto Bonzio

Venezia, orrori di guerra in un blindato nell'ottimo "Lebanon"

VENEZIA (Reuters) - A vent'anni per istinto e paura ha ucciso un uomo. Era il giugno 1982, guerra in Libano. Ossessionato da quell'esperienza, aveva provato per anni a rievocarla senza riuscirvi. Poi il soldato divenuto cineasta ha trovato la forza di scrivere una sceneggiatura.

E stasera "Lebanon" dell'israeliano Samuel Maoz fa il uso esordio in concorso alla 66a Mostra Internazionale del Cinema di Venezia, dopo una proiezione in anteprima che ha conquistato il pubblico degli addetti ai lavori.

Guerra in un ambiente claustrofobico, l'interno di un carro armato israeliano che deve scortare la prima incursione di una pattuglia in territorio libanese.

Paure, ossessioni, incertezze rimbalzano fra i membri dell'equipaggio, mentre l'esterno è spiato solo attraverso un mirino che individua vittime innocenti e costanti orrori.

Il blindato avanza senza sapere bene dove andare, tra nemici invisibili ad eccezione di uno che, catturato, ispira più pietà che odio. Mentre gli "alleati" cristiani libanesi sono pronti a tradire.

"Avevo bisogno di prendere le distanze dall'argomento per poter descrivere da regista e non da persona informata dei fatti", ha spiegato a Venezia il regista, dicendo di aver spesso abbandonato in passato questo progetto perché alcuni ricordi erano ancora troppo dolorosi da rievocare. E scrivendo, l'odore della carne bruciata gli tornava alle narici.

Nel film, dice, la sequenza delle scene, l'abbinamento tra immagini iperrealistiche e scorci surreali sono stati frutto di un processo lungo e molto calcolato, per portare il pubblico "ad un viaggio consapevole".

Un formula efficace, visto che lo spettatore ha la sensazione di vivere anche lui all'interno del carro armato tensioni e paure, stordito a tratti dai colpi assordanti che rimbalzano contro la blindatura.

Eppure, malgrado il film conquisti e inchiodi, grazie anche ad un gruppo di attori convincenti che hanno "fatto squadra" nel dare immagine e forma alle testimonianze dolorose del regista, Maoz è convinto che non sia abbastanza, per rendere l'orrore che ha vissuto. "Posso spiegarvi la guerra. E voi pensate di averla capita. Ma la guerra non si può capire".

Dramma in chiave di docu-fiction, invece, quello firmato da Abel Ferrara, stasera fuori concorso con "Napoli Napoli Napoli". Un ritratto impietoso ed a tratti commovente del degrado partenopeo, proposto però come un puzzle disordinato che finisce col togliere efficacia alle parti più toccanti, come quelle delle testimonianze raccolte tra i detenuti.


Italy – Sentieri Selvaggi, Leonardo Lardieri

VENEZIA 66 – “Lebanon”, di Samuel Maoz (Concorso)

Primo lungometraggio del regista israeliano in cui si racconta la Prima guerra del Libano, nel giugno del 1982 e la tragica vicenda di quattro giovani soldati. Buona prova che va oltre la schematica e scontata rappresentazione della guerra e che riesce invece a scandagliare il tessuto umano devastato e i brandelli psicologici che la violenza semina senza voltarsi mai indietro. L’obiettivo del cannone è l’occhio del regista che setaccia il “fuori” minaccioso, mentre all’interno di quell’ammasso di lamiere si traccia il lungo solco traumatico di chi la guerra avrebbe solo voluto raccontarla

Esordio al lungometraggio per il regista israeliano in cui si racconta la Prima guerra del Libano, nel giugno del 1982. Serio candidato al Leone del Futuro/Premio Luigi De Laurentis, Samuel Maoz ha tratto questa storia dalla sua esperienza personale, perché egli stesso, ventenne, è stato un dei primi reclutati a varcare la frontiera libanese. Un carro armato e un plotone di paracadutisti vengono inviati a perlustrare una piccolo paese ostile, precedentemente bombardato dall’aviazione israeliana. I militari perdono il controllo della missione, che si trasforma in una trappola mortale. Quando scende la notte i soldati feriti restano rinchiusi nel centro della città, senza poter comunicare con il comando centrale e circondati dalle truppe siriane. Una squadra di carristi – Shmulik, l’artigliere, Assi, il comandante, Hertzl, l’addetto al caricamento dei fucili, e Yigal, l’autista – composta da quattro ragazzi di vent’anni che azionano una macchina assassina. Tutt'altro che coraggiosi eroi di guerra ansiosi di combattere e di sacrificarsi...

È proprio il carro armato a rappresentare il punto di osservazione di tutta la pellicola, che parte con l’inquadratura di un campo di girasoli e si conclude con la stessa, “arricchita” dal possente e ingombrante mezzo militare. L’obiettivo del cannone si trasforma nell’occhio del regista che setaccia il “fuori” minaccioso, mentre all’interno di quell’ammasso di lamiere si traccia il lungo solco traumatico di chi la guerra avrebbe solo voluto raccontarla. Buona prova che va oltre la schematica e scontata rappresentazione della guerra e delle sue parti in gioco (israeliani, siriani, libanesi, falangisti) e che riesce invece a scandagliare (magari con qualche effetto scenico di troppo) il tessuto umano devastato e i brandelli psicologici che la violenza semina senza voltarsi indietro. Insiste sui primi piani di ragazzi scaraventati allo sbaraglio che sentono vicina la fine. Non e’ un voler vedere meglio, un voler acuire la vista e la memoria, ma un perdersi, mai pero’ follemente, in una ipotetica e ulteriore trasfigurazione della verita’ agognata. Si vede piu’ di quanto vediamo, più di quanto quell’obiettivo ridotto può mostrare: il visibile e’ una piega dell’invisibile, ancora una volta lo sguardo non e’ un occhio piu’ potente: è altro. Come se fosse la storia a guardare i protagonisti e i loro tormenti. E’ proprio questo strano ed efficace rivolgimento dello sguardo (dentro/fuori la macchina) di cui il regista israeliano sembra a volte vittima e prigioniero, a trattenere una pericolosa pratica visionaria e allo stesso tempo deriva idealistica, accedendo così alla visibilita’ perche’ incontra in fondo lo sguardo delle cose. Perche’ riesce, grazie a questo incontro, a collocarsi come tormentato vedere dall’interno.

Italy – Liberazione, Davide Turrini


"Lebanon", l'opera prima di Samuel Maoz sulla guerra del 1982

Un'ora e mezza dentro a un carro armato israeliano in azione

«L'uomo è d'acciaio, il carro armato è solo ferraglia». E' scritto sulla parete di un carro armato israeliano usato nell'82 per entrare in territorio libanese e in poche ore fare tabula rasa di abitazioni ed esseri umani. Shmulik, Assi, Hertzel e Yigal sono i quattro carristi che devono portare a compimento la missione. Ma dentro alla pancia del carro armato fa un caldo bestiale. Si suda, ci si assorda, ci si squaglia corpo e cervello, si trema. Il quarantasettenne regista Samuel Maoz fa rivivere con Lebanon , ieri in Concorso a Venezia 66, la sporca guerra che ha vissuto in prima persona dentro a quel tank. Alle sei e quindici del sei giugno 1982 Maoz ha ucciso un uomo puntando il mirino e premendo il tremolante tasto del fuoco. «Non lo feci per scelta, né perché mi era stato ordinato - ha affermato - fu un'istintiva reazione di autodifesa, dettata solo dal primordiale istinto di sopravvivenza». E il film è il racconto verosimile di quella concitata mattinata con la macchina da presa installata all'interno del cingolato e per un'ora e mezza mai spostata al di fuori. Le uniche inquadrature possibili del film sono i primi piani, dei quattro soldati. Oppure la trovata da videogame dell'obiettivo nel mirino, movimento di macchina avvolto dal fastidioso clangore della ferraglia, da metà film in avanti perfino lente crepata a seguito di un razzo lanciato contro il carro armato. Una rigidissima e singhiozzante via di fuga per l'occhio fatta di dettagli macabri e sanguinolenti (cadaveri straziati di animali e uomini, moncherini, frattaglie, macerie di case), unica possibile e imposta veduta dell'orrore della guerra. I soldati perdono subito il controllo, accecati dai rivoli di sudore, dal sangue schizzato dei compagni feriti, dall'acqua e dal vapore condensati dentro all'autoblindo. «Volevo mostrare quanto sanguinano le anime dei quattro soldati - ha dichiarato Maoz - l'esperienza di guerra gli spettatori pensano di capirla, ma non si può spiegare. Ecco perché non ho raccontato agli attori la sensazione claustrofobica e di soffocamento che si vive dentro un carro armato. Li ho invece rinchiusi in un container buio e torrido percuotendo le pareti del container con sbarre di ferro, lasciandoli bollire lì dentro per ore». Lebanon è anche una dichiarazione lampante delle nefandezze compiute dell'esercito israeliano in Libano come la strage di Shabra e Shatila, grazie all'appoggio e all'esecuzione materiale degli alleati falangisti cristiani e alle bombe al fosforo: «Quei soldati non hanno il tempo di pensare, di rispondere alla domanda se la guerra è giusta o meno: domina solo l'istinto di sopravvivenza che supera la morale e lacera la coscienza». Un'autobiografia sofferta e a lungo rimandata, che ricorda molto il processo creativo del recente Valzer con Bashir : «Mi ero già cimentato prima con il contenuto, ma ogni volta che iniziavo a scrivere, l'odore della carne umana carbonizzata riaffiorava nelle mie narici e mi impediva di continuare. Questa breve esperienza di scrittura è stata per me come un elettroshock, una scossa che mi ha risvegliato da una lunga ibernazione e ha resettato tutti i miei interruttori».


Italy – Il Mattino di Padova, Mi.Go

«Lebanon» di Maoz, lezione di cinema

Giugno 1982, prima guerra del Libano: un carro armato israeliano compie una perlustrazione a sostegno dei parà, in una cittadina ostile già bombardata dall’aviazione. Ma la ricognizione di routine diventa un’imboscata mortale per il carro, il suo equipaggio e il plotone di sostegno. E’ Lebanon, storia autobiografica che il regista Samuel Maoz trae dalla sua partecipazione come carrista alla guerra del Libano, quando il 6 giugno del 1982, uccise per la prima volta un uomo, per pura sopravvivenza. Da allora, Maoz si è sempre ripromesso di tornare definitivamente a casa attraverso un film che ripercorresse quei giorni e quelle emozioni.  Lebanon è, infatti, un film di una suggestione eccezionale, costruito e girato con invenzioni di regia innovative e insieme simboliche. Tutta la vicenda del film si sviluppa all’interno di un carro e il contatto con la realtà esteriore avviene solo attraverso il filtro del mirino del cannone, non c’è ripresa in esterni se non la prima inquadratura e l’ultima. In mezzo, dopo un inizio folgorante in tutti i sensi, un disastro di fuoco e di paura sotto il quale barcollano e cedono quattro giovani reclute, che si fanno letteralmente sotto davanti a una carneficina possibile, vittime prima che aguzzini di una situazione che non controllano, mentre altri mostrano una ferocia orrorifica, dal falangista che promette di squartare il prigioniero siriano appena rimasti soli, al capo dei parà che li spinge all’azione senza pietà anche sparando bombe al fosforo su cittadini inermi.  Un autentico kammerspiel, una piccola grande lezione di cinema: Lebanon diventa lo specchio scuro di Valzer con Bashir, di una durezza spietata, un’autocritica senza remore che non investe il problema palestinese, ma dice tutto sul modo di fare la guerra degli israeliani, nella valle della Bekaa o a Gaza. E mostra come quella guerra abbia inciso sulla generazione dei 45-50enni di oggi con un’incidenza inferiore solo al Vietnam per gli americani




Italy – Fondazione Italiani, Cecilia Dalla Negra

Venezia 66. Al Lido sbarca "Lebanon" di Maoz: la guerra vista da un carro armato

SE IL POLITICO È DI CASA – Accantoniamo il paradigma per cui Settima arte e vil politica non dovrebbero incontrarsi sul tappeto rosso di Venezia, perché quelli appena trascorsi sono stati giorni che hanno visto accadere anche l’impensabile, dalle parti del Lido. Tra dolci racconti sull’Italia comunista (“Cosmonauti” di Susanna Nicchiarelli) e documentari che gridano alla rivoluzione contro il Sistema (“Capitalism” di Michael Moore), ci mancava giusto la sfilata di Hugo Chavez per far gridare al complotto. Primo capo di Stato a rendersi spettatore del Festival – accompagnava Oliver Stone e il suo documentario, “South of the Border” -, non è stato certo il solo elemento di una giornata cinematografica tutta politica. A parlare di guerra e farlo ‘da dentro’, da quella prospettiva tutta particolare di chi il conflitto l’ha vissuto sulla pelle, in una sorta di necessaria psicoanalisi collettiva, ci avevano già pensato in un passato recente l’israeliano Avi Folman e il suo “Valzer con Bashir”, film di animazione che ha riscosso grande successo a  Cannes e agli Oscar, incentrato sulle vicende libanesi nel lontano giugno 1982. Lo scenario non cambia – e la sostanza neanche – per questo film-shock che un altro regista israeliano, classe 1962, ha scelto di portare in scena per il suo esordio al Festival di Venezia. Si tratta di Samuel Maoz, che con “Lebanon” torna sul tema trattato dal collega da una prospettiva assai simile, andando ad ingrossare le fila del cinema israeliano che riflette su se stesso. E forse, perché no, anche sui propri errori.

UN FILM, MA NON SOLO – Perché in quell’estate dell’82 che passerà alla storia per il massacro di Sabra e Shatila, in cui 3.000 rifugiati palestinesi furono massacrati dai falangisti cristiano-maroniti mentre le truppe di Ariel Sharon, loro alleate, voltavano la testa lasciandole fare, in Libano non c’era solo Folman a vestire i panni del soldato impaurito. Con lui anche Maoz, all’epoca dei fatti appena ventenne, fra i primi militari israeliani a varcare il confine libanese quel 6 giugno a bordo del suo carro armato a caccia di 'terroristi' nei villaggi del Sud. Ed è proprio dal suo interno, dagli spazi angusti e soffocanti di un mezzo blindato, che lo spettatore segue le vicende del film senza mai poterne uscire, così come i suoi protagonisti. Dentro ci sono Shmulik, Assi, Hertzel e Yigal - soldati poco più che ventenni e terrorizzati – e con loro tutta la platea, che osserva con i loro stessi occhi l’orrore di un mirino puntato contro un essere umano, le membra divelte di una vittima, il rumore e lo strazio dei bombardamenti, fuori. E ancora dentro, la follia e la rabbia che esplodono per la costrizione in un ambiente troppo angusto mentre intorno infuria la battaglia, il carro che diventa casa e trappola insieme, salvezza e condanna ad un solo tempo. Voyeristi forse noi, certamente vittima e artefice di un atto liberatorio Maoz, che riprende temi già trattati per dare la sua versione di ex-soldato sinceramente pentito, e altrettanto sinceramente sconvolto dall’esperienza della guerra.

LA PELLICOLA COME PSICANALISI – È un modo inedito di lanciare al mondo un messaggio tanto semplice da sembrare scontato – “la guerra è male” -, che ci parla degli effetti barbari della violenza non soltanto per chi è costretto a subirla, ma anche per chi se ne rende artefice. Con i dovuti distinguo, però, ché da una parte è concessa quella scelta invece negata dall’altra. Colpisce per la sua tecnica scioccante “Lebanon”, per il mostrare quanto sia diverso – e forse infine inspiegabile – il mondo visto da un mirino, l’altro guardato come nemico. Una visuale già utilizzata (sebbene non per l’interezza del film) da Tamar Yarom in “To See if I am smiling”, documentario presentato nell’ambito del Festival del Cinema israeliano di Roma, lo scorso anno. Che, ironia della sorte (o forse non tanto) si trova ancora a parlare dell’eterna guerra di Israele contro ‘qualcosa’ (in questo caso, come in molti altri, i palestinesi) nella dura esperienza delle donne-soldato. Ancora una volta, dunque, il mettersi dietro la telecamera diventa per il regista un’esigenza intima e personale, una molla creativa capace di sfogare il dolore accumulato negli anni e superare il trauma, senza curarsi troppo di declinare una tesi politica. Non ci sono eroi nel film di Samuel Maoz, così come i carnefici non appaiono tali: protagonisti sono giovani spiazzati dall’atrocità di una guerra di cui si fanno complici, finendo per subirla e pagarne caro il prezzo. Al cinema una ‘presa diretta’ sulla battaglia così non si era mai vista: e la condanna scandita senza incertezze contro chi di quella battaglia ha per troppo tempo mosso i fili appare evidente, anche a non volerla ascoltare.


Italy – Liberal, Andrea d’Addio

«Salvate il soldato Samuel»

Cartolina da Venezia. L’israeliano partecipò alla prima guerra del Libano uccidendo una persona: «Spero che lo spettatore dica: “Anche io mi sarei comportato così”»

Il regista Maoz ci racconta il suo “Lebanon”, nella rosa dei migliori film candidati al Leone d’Oro

VENEZIA. Samuel Maoz aveva vent’anni la mattina del 6 giugno del 1982 quando uccise un uomo. «Non lo feci per scelta, né ricevetti l’ordine di farlo. Reagii senza alcuna motivazione emozionale o intellettuale, solo sulla base di quell’istinto di sopravvivenza che sovrasta qualsiasi pensiero di una persona messa di fronte la minaccia della morte». Così oggi Maoz ricorda l’episodio che gli cambiò la vita. Era il primo giorno di quella che dal 2006 viene chiamata “prima guerra del Libano”. Quel ragazzo che all’epoca uccise un nemico da dentro un carro armato, è oggi il regista di Lebanon, film presentato in questi giorni al Festival di Venezia e da molti accreditato come uno dei più seri candidati al Leone d’Oro. Potenza di una storia, potenza dell’immagini. Novantadue minuti dentro un carro armato. Il mondo fuori passa solo per il mirino del cannone: ogni zoom è un possibile obiettivo, una probabile futura vittima. Se l’iniziale scopo della missione era guadagnare terreno, ben presto l’unica aspirazione dei quattro protagonisti diventa sopravvivere. Lo spaesamento, la paura, il libero arbitrio, il rapporto tra Israele e il proprio passato: è per parlare di tutto questo che abbiamo incontrato Samuel Maoz .

Il suo film nasce dal senso di colpa? Anche. Solo attraverso questa pellicola sto riuscendo a metabolizzare un evento che mi ha tormentato, e mi tormenta, da 25 anni. Ho scritto la sceneggiatura due anni fa prendendola come una terapia, ma già ci avevo provato dopo 7 anni dalla fine del conflitto. All’epoca però non ero pronto. Recentemente mi è capitato di incontrare, in un viaggio, degli uomini d’affari in un attico di un grattacielo di Tel Aviv. Gente che ha a che fare con milioni di dollari ogni anno, eppure anche loro mi hanno confessato di quanto il ricordo della guerra li perseguiti. Hanno sparato quando non sapevano se c’era gente intorno o se non c’era nessuno, spesso attivati solo dall’ascolto di voci di persone che li chiamavano codardi o killer. Per quanti giorni possono esser trascorsi, il passato non ci sembra mai lontano, è sempre presente con noi.

Anche Valzer con Bashir, il cartone animato presentato lo scorso anno con successo a Cannes, riportava alla memoria la guerra in Libano del 1982. È iniziata una nuova era del cinema israeliano? Penso che almeno un uomo su quattro della mia generazione abbia dei demoni interiori, e tra loro, tutti hanno fatto la guerra. Ari Folman, il regista di Valzer con Bashir, ha la mia stessa età e anche lui ha incentrato il suo film sull’idea del ricordo. La lavorazione dei nostri film è avvenuta in contemporanea, non sapevamo l’uno dell’altro, ma è vero che ci sono punti in comune. In entrambi non c’è un buon giudizio della guerra e l’aspetto peggiore è che per il nostro Paese non c’è ancora una pace. Qualcuno mi ha detto che il mio film è pericoloso perché vedendolo molti genitori impediranno ai propri figli di arruolarsi e questo significa pericolo per la sicurezza nazionale. Per fortuna non per tutti è così. Nel corso degli ultimi20 anni molti israeliani sono cambiati. Quando io partii per la guerra, tutti quelli della mia età che non erano arruolabili per motivi fisici o per altro, tornavano a casa con disonore. Oggi questa cieca fiducia nella militarizzazione come strumento di sicurezza non è più universalmente condivisa. Dopo aver montato il film, abbiamo organizzato con la produzione una serie di proiezioni di prova con vari pubblici selezionati. Una di questa raccoglieva solo persone ideologicamente di destra. Pensavo che mi avrebbero crocifisso e invece a fine proiezione una donna mi è venuta incontro dicendomi: «Ho pensato ai miei figli e al figlio di mia sorella in guerra. Le mie priorità ora stanno cambiando, penso che sia arrivato il momento di cominciare a mettere certe cose sotto il tappeto». Anche agli altri spettatori il film non era dispiaciuto, hanno condiviso e discusso sulla tragicità della guerra accettando il quadro che ne emergeva dal mio film. Il cinema israeliano sta raccontando storie che un tempo non avrebbe potuto affrontare, e questo perché sono cambiati i suoi spettatori.

Qual è la sensazione che più ricorda di quei giorni in Libano? La paura e la claustrofobia. Sono state queste percezioni il punto di partenza della mia regia. Stare chiusi in uno spazio di circa due metri cubi, condividendolo con altre tre persone, è già di per sé una situazione estraniante. E poi la guerra. Uscire significa diventare il centro dei mirini dei cecchini, rimanere dentro significa prendersi la responsabilità di dovere uccidere se ce ne fosse la necessità. Quando ho iniziato a provare assieme agli attori ho capito che per spiegare la claustrofobia ma non lo capivano e allora li ho messi in un certo, mi sono reso conto che nessuno riusciva ad arrivare al giusto stato mentale per trasmettere quelle sensazioni. Ho deciso quindi di rinchiuderli in un container scuro a trentacinque gradi di temperatura. Non ho spiegato, ma ho fatto vivere l’esperienza. Nel suo film l’occhio dei protagonisti verso l’esterno è il cannone stesso. Sparare o non sparare a ciò che si sta guardando sembra un esempio perfetto per indagare sul significato di libero arbitrio... In un carro armato si trovano normalmente persone che non vogliono fare i soldati e che non sanno pilotare un aereo. La situazione è simile a quella di un cecchino: l’unica differenza è che con un mezzo blindato non ci si può nascondere. Non schivi le pallottole, ma lotti sempre per la vita. È vero che si può sempre decidere se sparare o meno, se distruggere un palazzo con un missile o credere, senza alcuna prova, che in quell’edificio non ci sia nessuno appostato per farti saltare in aria, ma quando sei in quelle situazioni, qualsiasi scelta tu prenda ti sembra l’unica. All’epoca io dovetti decidere in un battito di ciglia, ero l’ultimo anello della catena di morte, il boia alla fine del giorno. È stato il mio dito a premere il grilletto e benché non avessi scelta, ugualmente mi sento responsabile. Nel film ho cercato di creare empatia tra protagonista e pubblico: la scelta del protagonista deve essere accettata dallo spettatore, il suo pensiero coincidere e dire: “Anche io mi sarei comportato così”.

Come mai la scelta di girare tutto in un carro armato senza avvalersi di quasi nessuna immagine esterna? Ho pensato che questa fosse la migliore soluzione percorribile per trasmettere sul grande schermo il viaggio emotivo e fisico che i personaggi compiono. Per questa ragione il set è stato per la maggior parte del tempo un luogo chiuso e le riprese sono avvenute utilizzando un grande braccio meccanico che entrava da sopra dentro al carro armato. Non c’è stato un operatore con la macchina da presa, muovevo direttamente io l’obiettivo con una sorta di telecomando. Non potevo raccontare la mia storia con una struttura classica di racconto. Non è una “solita”storia.




Italy – Il Manifesto, Mariuccia Ciotta

«Lebanon», la guerra corretta al rosolio dall'israeliano Maoz

Ieri in concorso quasi un «sequel» di Valzer con Bashir - film d'animazione sul massacro di Sabra e Chatila - Lebanon dell'israeliano Samuel Maoz. Stessa storia: la prima guerra del Libano, 1982. Stesso trauma, anche Maoz come Ari Folman decide 25 anni dopo di rievocare l'incubo del conflitto, quando, ventenne, uccise per la prima volta. Al posto del cartoon, il regista sceglie una visione onirica, claustrofobica, introspettiva. E se Valzer con Bashir pretendeva (purtroppo) la ricostruzione storica, questo elude la questione. La guerra è vista dall'oblò di un carrarmato dove quattro giovani soldati tremanti ubbidiscono malvolentieri agli ordini superiori. «Non c'è tempo per decidere se una guerra è giusta o no quando sei sotto il fuoco nemico» dichiara il regista in conferenza stampa. Ma ne ha avuto di tempo per pensarci. Se le bombe al fosforo sono ribattezzate, visto che sono illegali, «fuoco ardente», se dopo il bombardamento di un villaggio l'esercito è chiamato a «ripulire» il terreno e spara su donne e bambini, se un contadino è fatto a pezzi con i suoi polli... Maoz sposta il mirino nell'abitacolo del carrarmato, sulle facce trasfigurate, sporche di petrolio, rigate di lacrime, soffuse di luce divina. Assolti per aver ubbidito agli ordini. Piace questo film «contro la guerra», estetizzante e melodrammatico, sullo stato infelice dei soldati che conversano su mamme e maestre dalle grandi tette, ma Fuller è lontano. Resta un cocktail sentimentale che sembra corretto dal rosolio della censura israeliana (ma il regista sostiene che «Israele è un paese democratico, i cineasti sono totalmente liberi») dove il «cattivo» è solo un bruto falangista cristiano (come in Valzer con Bashir), che promette a un prigioniero siriano in mano ai soldatini paurosi e innocenti di cavargli l'occhio con un cucchiaio, tagliargli il pene e squartarlo, tanto non capiscono l'arabo. Noi sì perché ci sono i sottotitoli, negati invece al siriano, che invano urla la sua disperazione al mondo. Samuel Maoz dice che sta ancora pensando se aggiungerli oppure no nella versione definitiva. Ci metterà altri 25 anni prima di decidere?




Italy – Cultframe, Maurizio G. De Bonis

Lebanon. Un film di Samuel Maoz.

È possibile descrivere con assoluta precisione l’orrore della guerra? Si può raffigurare in modo sconvolgente la paura? Possono emergere sentimenti, angosce, amarezze, tensioni mettendo insieme quattro attori in uno spazio ristrettissimo? Certamente sì. L’ha dimostrato il film di Samuel Maoz intitolato Lebanon.

Si tratta di un’opera estremamente dolorosa, densa di una devastante inquietudine, come raramente si può vedere nel cinema contemporaneo. Il fatto è che le vicende narrate da Maoz evocano palesemente le disavventure militari vissute dallo stesso regista durante la prima Guerra del Libano nel 1982. Samuel Maoz era un carrista israeliano e a 20 anni si trovò al centro di una battaglia sanguinosa durante la quale gli capitò anche di uccidere. Questo evento ha segnato tutta la sua vita e solo dopo due decenni dai fatti ha trovato la forza di scrivere la sceneggiatura e di girare il film.

Ma a parte le questioni contenutistiche, l’elemento che fornisce grande forza a questo lungometraggio è il concept registico/espressivo che si trova alla base della sua realizzazione. Maoz ha infatti ricostruito in studio l’abitacolo di un carro armato. I quattro interpreti si muovo sempre in questo spazio microscopico, buio e sporco. Olio che cola dalle pareti, acqua per terra, sangue sulle mani e sugli strumenti, rumori fortissimi, vibrazioni terribili, fumo. Questo luogo minuscolo comprime e fa scontrare le psicologie dei personaggi, i quali esplodono in crisi di rabbia, di pianto, di angoscia. L’unico contatto con l’esterno è rappresentato da un “mirino” che permette di rimanere in relazione con la realtà, una realtà fatta di devastazione e morte.

 

Samuel Maoz si concentra soprattutto sull’uso del primo e del primissimo piano e insiste per gran parte del film nell’utilizzazione di una sorta di una “soggettiva” del carro armato, un occhio impazzito e tremebondo che scruta il mondo alla ricerca della salvezza. L’autore elabora, dunque, una struttura visiva claustrofobica, opprimente e tragicamente intollerabile. La macchina da presa isola gli occhi spiritati dei soldati israeliani, i quali non vengono dipinti come mostri cattivi ma come ragazzi giovanissimi impauriti, gettati in maniera irresponsabile nella mischia agghiacciante della guerra.



Lebanon è allo stesso tempo un film catartico, una seduta di psicoanalisi pubblica/privata e un’opera di denuncia. Samuel Maoz si è liberato evidentemente dai suoi personali fantasmi (un po’ come ha fatto Ari Folman con il suo Walzer con Bashir) e ha raccontato al mondo le atrocità della guerra da un punto di vista che pochi erano stati in grado di mostrare in precedenza.

 

Il film non risparmia accuse al sistema militare israeliano, tirando in ballo addirittura l’uso di armi illegali. Se pensiamo al fatto che tra gli enti promotori del film c’è l’Israel Film Fund, ovvero l’istituzione che gestisce i soldi pubblici destinati al sostegno del cinema israeliano, non possiamo che prendere atto della lezione di democrazia che con questo film viene impartita a tutti quei paesi occidentali/europei che spesso pontificano sul conflitto israelo/palestinese senza conoscere nulla né della società israeliana né di quella palestinese.



Anche se a livello critico non dovrebbe essere fatto, almeno per una volta vogliamo andare contro le regole della comunicazione giornalistico/culturale. Descriveremo la scena finale del film. Dopo una battaglia furibonda dentro il carro armato ci sono tre soldati israeliani distrutti dalla fatica e dal terrore, un altro soldato morto e un prigioniero siriano ferito ma vivo. Proprio quest’ultimo chiederà a un carrista israeliano di aiutarlo a urinare. I due militari nemici saranno così uniti inaspettatamente da un gesto privato, intimo, addirittura fisico. E per un attimo, solo per attimo, ogni barriera scomparirà. Un’utopia? Forse, ma è un’utopia cinematografica che almeno ci lascia qualche speranza.


Italy – Mymovies, Marlen Vazzoler




Condividi con i tuoi amici:
  1   2   3   4   5   6   7


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale