Velocemente e senza farmaci per ritrovare la gioia di vivere



Scaricare 7.7 Mb.
Pagina1/17
23.11.2017
Dimensione del file7.7 Mb.
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   17


copertina ebook.jpg

COME USCIRE DALLA DEPRESSIONE

VELOCEMENTE E SENZA FARMACI

PER RITROVARE LA GIOIA DI VIVERE

8 SEMPLICI STRATEGIE

DA APPLICARE SUBITO

Sono Alberto Pedrazzo, Farmacista e Naturopata. Mi sono laureato con una tesi sulle piante officinali, precisamente, un “Atlante di Farmacognosia Microscopica”. Poco dopo mi sono iscritto ad un corso biennale di specializzazione in Omeopatia poi, non pago, ho seguito come uditore anche il terzo anno per medici. Nel corso della mia carriera ho continuato ad approfondire ed applicare le mie conoscenze sulle medicine naturali.

Ho esercitato come farmacista a contatto con il pubblico per 35 anni, e il mio obiettivo è sempre stato di aiutare le persone a conservare la salute, soprattutto mediante l’utilizzo di cure naturali.

Mi sono diplomato in Naturopatia con una tesi sulla nutrizione, intitolata: ”L’uomo è ciò che mangia” perché condivido il principio ippocratico: “Il tuo cibo sia la tua medicina ….” Sono fermamente convinto dell’importanza della prevenzione come primo metodo di cura. A tal proposito mi supporta quanto disse il prof. Berrino, (che è stato direttore del Dipartimento di Medicina Preventiva e Predittiva dell’istituto Naz. Tumori di Milano) nella trasmissione “Le iene” del 26/03/2014 : “Non c’è direttamente … non c’è un interesse economico nei confronti della prevenzione. Che parola si potrebbe usare per definirla? E’ una commistione di ignoranza, di stupidità e di interessi …”



Prefazione

Ti è mai capitato di pensare riguardo ad un problema: “Esisterà un altro modo per raggiungere gli stessi risultati passando per un’altra strada”?

A me è successo tanti anni fa quando, avendo conosciuto gli effetti collaterali dei farmaci, mi sono fatto la stessa domanda ed ho iniziato a studiare e utilizzare i rimedi omeopatici, e più in generale i rimedi naturali.

Ora, il mio obiettivo è di aiutare le persone a evitare la depressione e, per chi invece vi fosse entrato, a utilizzare alcuni rimedi naturali che abbiamo a disposizione per migliorare o uscirne secondo la gravità.

Continua la lettura, e troverai linee guida e consigli che potrai mettere in pratica immediatamente.

Se lo farai potrai sentirti subito meglio, ed evitare a te stesso, o alle persone care che sono in questa condizione, tanti problemi e tante inutili sofferenze.



Questo ebook ha un duplice scopo: d’informazione e di guida. Molti consigli qui riportati, penso che possano essere di aiuto non solo alle persone che intendono fare un cammino di salute, aprendo loro gli occhi su tanti aspetti oscuri riguardanti ad esempio l’alimentazione, ma anche a molti “addetti ai lavori” che forse troveranno un approccio al problema, diverso e più ampio, rispetto a quello farmacologico fornito dalla scienza ufficiale e dall’industria del farmaco.

Nella prassi medica vengono riconosciuti due tipi di depressione in base alla causa: una depressione biologica,  dovuta ad alterazione nei meccanismi neurotrasmissivi e una depressione psicogena, dovuta ad una serie di reazioni e conflitti interiori conseguenti ad un avvenimento positivo o negativo che ha modificato esageratamente l’umore del paziente, ed é proprio sul primo tipo di depressione che mi sono focalizzato.

Nella prima parte vado a ricercare le cause analizzando lo stile di vita, il regime alimentare, le carenze e gli eccessi.

Nella seconda parte, ho dedicato molto spazio agli alimenti che per la loro composizione sono particolarmente efficaci, ma anche agli integratori alimentari, a tecniche e terapie che hanno effetti positivi sul nostro organismo. In particolare: l’aromaterapia, la floriterapia, la musicoterapia, la fototerapia, la respirazione, l’attività fisica. Ho inserito anche alcune ricette, gradevoli e veloci.

I più eminenti medici e scienziati parlano dell’importanza della prevenzione come di un fattore fondamentale nella lotta alle malattie, e quindi anche se normalmente si tende a fornire soluzione ad un problema, ritengo che tu possa usare le linee guida che trovi nelle pagine successive come mezzo di prevenzione della malattia, oltre che di cura. Un altro elemento importante al fine di ottenere risultati è intervenire precocemente, prima che la malattia abbia messo radici.

Buona Salute !! Cap.1-INTRODUZIONE

La depressione è da considerare comune nella popolazione adulta italiana (18 - 69 anni): circa un decimo (9,4%) degli italiani ha dichiarato di soffrire di sintomi di tipo depressivo. L’Agenzia del farmaco segnala che fra il 2000 e il 2009 il consumo di antidepressivi in Italia è aumentato del 76%. 

Questi dati sono in linea con quelli internazionali, e secondo una stima dell’O.M.S. (Organizzazione Mondiale della Sanità) nel 2030 la depressione sarà la malattia più importante e incisiva a livello mondiale.

Come per l'insonnia, le persone con depressione maggiore presentano un incremento di quattro volte della mortalità nei successivi cinque anni e la depressione maggiore può rappresentare la motivazione per il 60% di tutti suicidi.

I fattori ambientali che includono 1) la luce del sole, 2) la dieta, 3) i fattori di stress della famiglia, in questo momento sembrano essere più importanti dei fattori genetici o della predisposizione familiare nella genesi della depressione. (fonte:usdoctor.com)

Le cure anti-depressive risultano efficaci solo per un terzo della popolazione. Molti esperti del campo concordano nel dire che i trattamenti con gli antidepressivi non bastano, e spesso sono necessarie altre forme terapeutiche.


Sintomi della depressione


Senza scendere in dettaglio, desidero riportare alcuni elementi che consentono di comprendere da soli il livello di depressione in cui ci si trova.

Depressione leggera:" 2 sintomi principali e fino a 2 sintomi secondari.

Depressione media:" 2 sintomi principali e 3/4 sintomi secondari.

Depressione grave:" 3 sintomi principali e almeno 4 sintomi secondari.

I sintomi principali sono:

1. Stato d’animo abbattuto e depresso

2. Perdita di interesse, incapacità di provare sensazioni piacevoli

3. Scarsa capacità d’iniziativa, elevata affaticabilità



Sintomi secondari:

  1. Difficoltà di concentrazione, progressivo distacco da ciò che ci circonda.

2. Poca stima di sé e mancanza di fiducia in se stessi

3. Sensi di colpa e inutilità

4. Prospettive future pessimistiche e negative

5. Fantasie auto lesive, tentativi di suicidio

6. Disturbi del sonno e riduzione dell’appetito




Condividi con i tuoi amici:
  1   2   3   4   5   6   7   8   9   ...   17


©astratto.info 2019
invia messaggio

    Pagina principale